Vai al contenuto

ZCaotica

Arduino e pulsante (wired) remoto

Recommended Posts

ZCaotica

Salve a tutti 

E' tipo il 3° messaggio che scrivo su questo forum quindi grazie anche solo se mi leggete :)

 

TLTR:
Quanto lontano posso mettere un pulsante/interruttore da collegare via cavo ad un Arduino direttamente ai pin digitali o ad una qualche scheda aggiuntiva?

 

Versione lunga: 
Premetto che di elettronica conosco ahime molto poco mentre sono cresciuto a pane ed informatica 
Mi voglio avventurare nella realizzazione di un impianto di BA per la casa una delle possibilità è quella di realizzarlo custom con Arduino e/o Rasperry (nella mia idea le due piattaforme si andrebbero a completare a vicenda).
Ho già giocato con Arduino partendo dagli esempio base mi sono sono realizzato il mio demo con bottone che comanda 3 led (on/off/combinazioni/dimmer). 
Ora sto pensando alla progettazione dell'impianto ed uno dei problemi che devo risolvere sono i pulsanti di comando, insomma quelli tradizionali che stanno nelle scatole al muro.
Ho studiato i protocolli disponibili e mi sarebbe piaciuto usare l'i2c ma ho poi scoperto che il limite di distanza è sui 6mt, troppo poco purtroppo. Ne mi è sembrato si possano fare dei ripetitori.
Ho visto SPI ma la necessità della linea dedicata mi sembra troppo limitativa.
Ho cercato altro ma non ho trovato nulla.
Perciò mi chiedevo se mi fossi perso qualche cosa o se nativamente non c'è altro mezzo.

Sempre nell'ambito della BA ho studiato le piattaforme KNX, HomePLC e X10 e ho visto che lì le distanze tra i device arrivano anche a centinia di metri (mi sembrano quasi tutti basati su modbus).
Devo interagire con tali sistemi? nel caso come?

 

Grazie

Roberto


Messaggio editato da ZCaotica

Un paio di ritorni a capo in più

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
patatino59
7 ore fa, ZCaotica scrisse:

Quanto lontano posso mettere un pulsante/interruttore da collegare via cavo ad un Arduino direttamente ai pin digitali

In teoria anche 300 metri, ma il problema è la resistenza ai disturbi indotti, casuali, o accidentali.

I dispositivi in commercio in genere hanno i tasti vicini alla scheda elettronica e portano i comandi su un BUS, concepito spesso per superare le distanze, ma anche per alimentare le schedine remote.

Se curi il collegamento dei pulsanti/interruttori sostituendo tutti i cavi con cavi schermati e con percorso lontano dall'impianto elettrico puoi evitare la maggior parte dei problemi citati, ma se la modifica all'impianto non è così semplice puoi pensare di realizzare i comandi a tensione di rete, e disaccoppiare con un fotoaccoppiatore ogni ingresso della  delicata scheda digitale.

220ttl.gif

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
ZCaotica

Salve

 

Grazie, devo ancora digerire lo schema ma ora mi ci metto di impegno :) 

Eventualmente, che tipo di BUS si usano? 

 

La stessa cosa la posso usare per far dialogare due Arduino ? ( quindi non solo pulsanti)

 

Grazie

Roberto

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, ZCaotica scrisse:

Eventualmente, che tipo di BUS si usano? 

 

IN genere o usano un bus come KNX, le cui specifiche sono pubbliche, oppure usano bus proprietari che sono adatti per essere usati con componentistica specifica.

Se vai nel forum di impiantistica elettrica trovi la sezione domotica e home plc, li trovi parecchie discussioni che trattano l'argomento bus.

 

1 ora fa, ZCaotica scrisse:

La stessa cosa la posso usare per far dialogare due Arduino ?

 

Dipende dalla distanza.

Se la distanza è 1m o meno puoi usare il bus I2C, ci sono già i 2 pins dedicati e trovi librerie pronte.

Se vai per distanzr maggiori la via più semplice e sicura è usare i pins di arduino predisposti Rx e Tx e mettere un'interfaccia Hw per RS485 (half duplex) o RS422 (full duplex).

Se la distanza è limitata a qualche metro puoi anche usare un'interfaccia RS232.

Le interfaccie Hw le trovi belle e pronte a poco prezzo si per la 232, che per la 485 e, forse, anche per la 422. Anche per il Sw trovi parecchie librerie pronte all'uso.

Poi puoi usare WiFi con vari dispositivi Hw già pronti all'uso e le relative librerie. In rete trovi tantissimo materiale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
majinjoko

Ciao,

 

il WiFi è un'opzione?

Nel caso, ti suggerisco di comprarti una Nodemcu con chip Esp8266.

Anche io giochicchio con Arduino da poco più di un anno, queste schedine sono compatibili 100% con l'ide, hanno tutte le librerie che ti servono e costano pochi euro.

 

Ad esempio ne uso una installata in garage da diversi mesi per aprire il cancello del corsello da Home Assistant.

Una seconda invece, funziona a batteria ed è collegata all'impianto di allarme per recuperare alcune informazioni.

 

Se ti servono solo per gestire da remoto un interruttore, potrebbe bastarti questa.

Poi, se ti piacciono, ti consiglio di prenderne una basata su Esp32, che ha molti (ma molti) più pin e ha due core 😁

 

Ciao!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×