Vai al contenuto

MarcoBg70

Alimentatore da banco, destinazione d'uso?

Recommended Posts

MarcoBg70

ciao, premetto che sono un semplice hobbysta, nel mio angolino ho un paio di multimetri, una stazione saldante (consigliata qui sul forum), attrezzi vari.

Mi diletto a riparare qualche guasto semplice su schede elettroniche, qualche riparazione di Pc fissi, portatili, tablet, cellulari, insomma roba del genere per parenti-amici.

Non ho mai avuto un alimentatore da banco e forse non ho mai nemmeno capito se avesse potuto servirmi a risolvere qualche problema.

Visto che i prezzi di alimentatori 30V5A cinesi non è elevato, mi sarebbe piaciuto aggiungerlo al mio angolino di passione.

Premetto che non creo nessun circuito, solo riparazioni (per ora)

Volevo un consiglio da chi ha un alimentatore da banco, secondo voi per il mio uso potrebbe servirmi a qualcosa? I vostri usi con l'alimentatore da banco quali sono?

ringrazio per ogni consiglio in merito

Marco

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Lcucinelli

Un alimentatore da 50 €  fa sempre comodo anche se sei un hobbysta .

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
patatino59

Con un alimentatore da banco, regolabile in tensione e in corrente, ci fai un sacco di cose, tra le quali:

Alimentare un circuito sprovvisto di alimentatore, o con il suo alimentatore guasto.

Alimentare in corrente limitata, faretti Led, celle di Peltier, o circuiti guasti che presentano un assorbimento elevato alla ricerca del componente guasto (piu caldo degli altri).

Provare motori, relè, elettrocalamite e altri apparecchi simili che misurati col solo tester non darebbero la certezza di funzionamento.

Polarizzare parti di circuiti  complessi mancanti di una tensione.

eccetera...

 

Una interessante applicazione consiste nel determinare se un apparecchio va alimentato o no con tensione stabilizzata e di che valore, alimentandolo con un valore approssimativamente esatto, e variando la tensione in più e in meno, osservando l'assorbimento e il comportamento.

Se aumentando la tensione l'assorbimento aumenta ci vuole un alimentazione stabilizzata.

Se aumentando la tensione l'assorbimento diminuisce all'interno è presente uno stabilizzatore Switch mode.

Se diminuendo la tensione l'apparecchio smette di funzionare sapremo il valore minimo da applicare per alimentarlo.

In questo modo si possono recuperare vecchi alimentatori di varie marche buttati in un cassetto in attesa di utilizzo.


Messaggio editato da patatino59

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70

grazie cuccinelli, in effetti sono intenzionato a prenderne uno

grazie patatino, molto interessante la distinazione d'uso di un alimentatore da banco, bel contributo

 

Allora anche se sono un hobbysta, a questo punto vorrei comprare l'alimentatore da banco, cosi magari nel prossimo futuro mi spingo anche leggeremente oltre

a quel poco che faccio adesso.

Essendo totalmente ignorante di alimentatori da banco, vorrei chiedere qui sul forum un consiglio su circa quale prendere, di mio posso dire:

.mi sembra di capire che un 30V5A potrebbe andare bene nella maggior parte dei casi

.una uscita mi basta immagino

.ho visto che alcuni hanno anche vicino alle uscite, una presa con simbolo verde, potrebbe servire? sono forse quelli che chiamano duale?

.guardando sul solito sito e-commerce che va alla maggiore, se metto alimentatori da banco ne escono alcuni sui 50-90 euro (Eventek, dobo ecc..)

 Leggendo alcuni commenti (non so poi quale preparazione ha chi commenta) nascono delle perplessità..

 Secondo voi vale la pena prendere uno di questi alimentatori (immagino di scarsa fattura..), oppure si rischia di avere uno strumento, che comunque anche se lo utilizzerò poco, sarà inaffidabile? (e magari rischiari di alimentare un cellulare, portatile ecc..e fare danni?)

Aggiungo che, calcolando il mio uso, non cerco nulla di costoso, però almeno che rasenti la sufficienza preferirei di si (se poi mi costa 150 invece di 50 pazienza..)

Ringrazio per ogni possibile consiglio/aiuto

Marco

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Lcucinelli

Con la presa verde centrale non significa che sono duali , e la presa di terra .

Io ne ho diversi uno autocostruito e altri due  identici da 30v5 amp che se collegati insieme realizzio il duale .

io li uso per diversi scopi principalmente  per riparazione.Se non vuoi spedere troppo con 100 €  ne acquisti due e fai il duale e li usi per uscite differenti . .E difficile consigliarti dipende da quando finisce hobby e inizia il lavoro.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
sandor626
12 ore fa, MarcoBg70 scrisse:

 

 

 Secondo voi vale la pena prendere uno di questi alimentatori (immagino di scarsa fattura..), oppure si rischia di avere uno strumento, che comunque anche se lo utilizzerò poco, sarà inaffidabile?

 

Marco

 io ho sempre seguito questo criterio :  comprare solo apparecchi che si è grado di poter riparare da soli  !

 

Questo implica alcune sub condizioni ,  essere in possesso dello schema ( o poterlo ricavare  da soli  de visu ) , sapere che non usa componenti elettronici irreperibili ( o super costosi) tali da rendere non conveniente la riparazione, oppure che usa tecniche di costruzione e saldature "impervie" . 

Ma soprattutto essere a conoscenza delle basi del funzionamento dello stesso ,  dettaglio questo che permette, tra l'altro di sapere sempre se il nostro apparecchio sta funzionando nelle sue specifiche o meno .

 

Un alimentare cinese da 30V 5A  è in genere  molto più a buon mercato di uno blasonato ,  ma se non si è in grado di

metterci mano potrebbe diventare un pessimo affare

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
sandor626

negli anni d'oro dell'elettronica  amatoriale  ( che non  sono stati quelli di Nuova Elettronica  , 1975-1985 )  , ovvero negli anni 50  ( epoca di diffusione dei Kit di montaggio , quando tutte le case costruttrici vendevano sia il prodotto finito che la scatola di montaggio ) 

questo criiterio era seguito da tutti gli amatori

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hnjmkl

Si potrebbe pensare anche a qualche modello HP degli anni 70, (il prezzo degli attuali Keysight è assolutamente improponibile), ingegnerizzazione allo stato dell'arte, indistruttibili, la chiarezza e cura della documentazione allegata allo strumento la considero superiore anche a quella Tektronix, nei manuali di servizio di entrambi i costruttori è presente il capitolo "ricerca guasti", alla faccia dei produttori cinesi attuali.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, hnjmkl scrisse:

nei manuali di servizio di entrambi i costruttori è presente il capitolo "ricerca guasti", alla faccia dei produttori cinesi attuali.

 

E questione di costi.

Con quello che costavano i prodotti nuovi di Tek e HP potevano permettersi questo ed altro.

La prima volta che misi mano ad un oscilloscopio Tek (era il mio primo impiego e lavoravo come addetto alla manutenzione degli strumenti di misura della fabbrica) rimasi stupito, sia dei sistemi di montaggio (tutto a tubi) ma soprattutto dei particolari; c'era persino un rotolino di stagno a bassissimo punto di fusione per eventuali saldature di componenti.

La documentazione con la guida alla manutenzione e calibrazione era la costante di tutti gli strumenti professionali.

 

Oggi per tagliare i costi il manuale di uso e manutenzione te lo danno su CD, se va bene, altrimenti te lo devi scaricare da internet. Ed è già una buona cosa se c'è la guida all'uso.

Di manutenzione e calibrazione se ne tratta molto poco, anche perchè oramai con il digitale non c'è poi molto da fare.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hnjmkl

Se nei 70 Livio eri al piano terra Via Jervis, io ero al piano sopra alla 24 CR, siamo in due ad aver messo mano nei Tek a valvole, nuvistor delle plug montati su telaini ammortizzati, con elementi in gomma morbida, 6N045T Amperite per l'alimentazione anodica ritardata, cablaggio in aria su capicorda in ceramica con gole metallizzate argentate, il rotolino di stagno credo lo mettessero in previsione di eventuali riparazioni di fortuna impreviste.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

 

Nel 1966 ero addetto alla manutenzione e calibrazione della strumentazione elettronica della FACE Standard di Milano, è li che ho avuto i miei primi incontri ravvicinati con il ghota della strumentazione elettronica. Ricordo i contatori HP il cui display era costituito da decadi di lampadine che illuminavano i numeri sulle targhette in plexiglas.

 

In Olivetti sono arrivato nel 1971 ed ero assegnato al Laboratorio Ricerche Elettrofisiche.

La manutenzione periodica ai tek la faceva un loro tecnico che assomigliava, barba compresa, a Camillo Benso di Cavour. La presenza di solfuri in atmosfera portava alla formazione di solfuri di argento sui commutatori. Il solfuro di argento è dielettrico, così avevi problemi di contatto; la manutenzione consisteva al 98% nella pulizia dei commutatori.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70
18 ore fa, Lcucinelli scrisse:

Con la presa verde centrale non significa che sono duali , e la presa di terra .

Io ne ho diversi uno autocostruito e altri due  identici da 30v5 amp che se collegati insieme realizzio il duale .

io li uso per diversi scopi principalmente  per riparazione.Se non vuoi spedere troppo con 100 €  ne acquisti due e fai il duale e li usi per uscite differenti . .E difficile consigliarti dipende da quando finisce hobby e inizia il lavoro.

ciao cuccinelli, duale se non ho capito male significa poter uscire anche a tensioni negative e non solo positive, ma non ho idea se la cosa possa servirmi in futuro

La presa di terra (quella verde appunto) a cosa serve in questi alimentatori?

Come scritto sopra, per me è solo hobby, non sarà mai un lavoro, è solo passione e voglia maagri di spingermi pian piano oltre (ovvio che se la strumentazione non l'ho non capiterà mai)

Ribadisco che se qui sul forum mi si dice che questi cinesi da 50,00 non sono affidabili..e magari con 150,00 posso iniziare a prendere uno strumento almeno da voto 6, posso fare la spesa, tanto di alimentatore ne prenderò uno nella vita (ovvio senza porendere una Ferrari, che non mi serve..)

grazie

Marco


Messaggio editato da MarcoBg70

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70
6 ore fa, sandor626 scrisse:

 io ho sempre seguito questo criterio :  comprare solo apparecchi che si è grado di poter riparare da soli  !

 

Questo implica alcune sub condizioni ,  essere in possesso dello schema ( o poterlo ricavare  da soli  de visu ) , sapere che non usa componenti elettronici irreperibili ( o super costosi) tali da rendere non conveniente la riparazione, oppure che usa tecniche di costruzione e saldature "impervie" . 

Ma soprattutto essere a conoscenza delle basi del funzionamento dello stesso ,  dettaglio questo che permette, tra l'altro di sapere sempre se il nostro apparecchio sta funzionando nelle sue specifiche o meno .

 

Un alimentare cinese da 30V 5A  è in genere  molto più a buon mercato di uno blasonato ,  ma se non si è in grado di

metterci mano potrebbe diventare un pessimo affare

ciao sandor, dipende quale guasto potrebbe avere. Se è per cambiare qualche componente sono in grado.

Ma come ho detto non sono espertissimo, diciamo che mi impegno per imparare

Guardando sugli e-commerce ne vedo molti sui 50-80 euro. Deduco che la parte interna di questi alimentatori a buon mercato sia quasi la stessa,

magari vengono addirittura rimarchiati?

Vedo poi alimentatori che hanno un nome, però la spesa sale (guardavo il più economico di Rigol, il DP711), ma il prezzo è 5 volte il cinese..

(e onestamente non so se per un hobbysta son soldi spesi bene o un azzardo)

Non ho ancora capito se vi è una categoria da considerare meglio dei cinesi..senza strafare, tipo sui 150,00..

grazie

Marco

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Lcucinelli
5 hours ago, MarcoBg70 said:

ciao cuccinelli, duale se non ho capito male significa poter uscire anche a tensioni negative e non solo positive, ma non ho idea se la cosa possa servirmi in futuro

La presa di terra (quella verde appunto) a cosa serve in questi alimentatori?

Come scritto sopra, per me è solo hobby, non sarà mai un lavoro, è solo passione e voglia maagri di spingermi pian piano oltre (ovvio che se la strumentazione non l'ho non capiterà mai)

Ribadisco che se qui sul forum mi si dice che questi cinesi da 50,00 non sono affidabili..e magari con 150,00 posso iniziare a prendere uno strumento almeno da voto 6, posso fare la spesa, tanto di alimentatore ne prenderò uno nella vita (ovvio senza porendere una Ferrari, che non mi serve..)

grazie

Marco

Duale significa avere tensione positive e negative riferite a uno zero , ti faccio un esempio +12v 0 -12v , alla tua domanda mi puo servire io non posso risponderti?

Quelli che hai visto con la presa centrale di colore giallo o verde non sono duali , quella  presa e collegata alla carcassa del alimentatore.

L'immagine con lo schema si riferisce al duale , la foto del alimentatore e il modello a uscita singola con la presa di terra , non confonderti .

IMG_0392.PNG

IMG_0393.JPG

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70

grazie cuccinelli, ok capito la differenza tra duale e non duale ;-)

se qualcuno usa un buon alimentatore da banco di buona fattura  a costi non proibitivi (appunto per un hobbysta)

e me lo consiglia, apprezzerei molto

grazie

marco

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
sandor626
10 ore fa, MarcoBg70 scrisse:

 

se qualcuno usa un buon alimentatore da banco di buona fattura  a costi non proibitivi (appunto per un hobbysta)

e me lo consiglia, apprezzerei molto

grazie

marco

ho preso un classico cinese il PS305D , si trova lo schema in rete e montando , come finali  i 2n3055, e come Ic il 741 , è di fatto riparabilissimo  ( con l'esclusione dei display ) .

Sulla baia si trova spedito a 50 euro , versione marchiata techstar , che ha la utile possibilità di tarare i display direttamente dal forntale dell'alimentatore, tramite due fori di accesso ai due trimmer  . Non è un HP  e, restando in ambito orientale , nemmeno un Rigol, ma va più che bene

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70
5 ore fa, sandor626 scrisse:

ho preso un classico cinese il PS305D , si trova lo schema in rete e montando , come finali  i 2n3055, e come Ic il 741 , è di fatto riparabilissimo  ( con l'esclusione dei display ) .

Sulla baia si trova spedito a 50 euro , versione marchiata techstar , che ha la utile possibilità di tarare i display direttamente dal forntale dell'alimentatore, tramite due fori di accesso ai due trimmer  . Non è un HP  e, restando in ambito orientale , nemmeno un Rigol, ma va più che bene

grazie per il consiglio sandor, vedo che si trova anche sul noto e-commerce più famoso a 57,00 (posso dire che visto l'utilizzo non frequente/professionale potrei stare su un prodotto come questo senza scomodare Rigol o altri..)

 

Avrei una curiosità su chi ha gli alimentatori da banco: vedo che li vendono con a seguito due cavetti con piccoli coccodrilli se non sbaglio

Si riesce ad alimentare quasi tutto con questi cavetti a seguito? Oppure ci sono adattatori magari per alimentare un portatile, un cellulare ecc..

o ci si auto costruisce quacosa?

grazie

Marco

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
sandor626
42 minuti fa, MarcoBg70 scrisse:

Avrei una curiosità su chi ha gli alimentatori da banco: vedo che li vendono con a seguito due cavetti con piccoli coccodrilli se non sbaglio

Si riesce ad alimentare quasi tutto con questi cavetti a seguito? Oppure ci sono adattatori magari per alimentare un portatile, un cellulare ecc..

o ci si auto costruisce quacosa?

grazie

Marco

la cavetteria è materia squisitamente da autocostruttore . Ed è materia che si affronta di volta in volta  . Sono troppi i connnettori di alimentazione  che non conviene comprarne alcuni prima che si presenti la necessità di doverli usare .  Anche in questo , da anni è passata l'epoca d'oro , quando  con due spinotti a banana  e due boccole  ci collegavi tutto .

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
MarcoBg70
5 ore fa, sandor626 scrisse:

la cavetteria è materia squisitamente da autocostruttore . Ed è materia che si affronta di volta in volta  . Sono troppi i connnettori di alimentazione  che non conviene comprarne alcuni prima che si presenti la necessità di doverli usare .  Anche in questo , da anni è passata l'epoca d'oro , quando  con due spinotti a banana  e due boccole  ci collegavi tutto .

 

ok grazie, allora non cerco nulla, vedrò man mano

In effetti non ci vuole poi molto, basta sacrificare qualche cavetto usb ecc, per ricavare dei cavi da alimentazione

L'avevo chiesto perchè pensavo che ci fosse magari qualche kit dei cavetti che vanno per la maggiore da acquistare

ciao 🙂

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×