Jump to content
PLC Forum


lapunzina

Riavvio inverter e teleruttore

Recommended Posts

lapunzina

Ciao a tutti. 

Ho la necessità di controllare da remoto l'alimentazione di un inverter solare.

Si tratta di un Aros Sirio Evo 3000 che saltuariamente (1-2 volte l'anno) va in blocco.

Purtroppo non ha la funzione di riavvio remoto e l'unico modo per farlo ripartire  è togliere e ridare alimentazione.

Se capita mentre fuori casa è seccante, quindi vorrei avere la possibilità di effettuare questa operazione da remoto. 

Avrei pensato ad un teleruttore abbinato ad uno di quei relè comandabili tramite wifi (tipo Sonoff per intenderci). 

Vorrei capire se secondo voi è fattibile e che tipo di teleruttore dovrei acquistare considerato che l'impianto fotovoltaico è da quasi 3kw. 

Ho visto che ce ne sono di vari tipi e che viene indicata la corrente nominale in caso di utilizzo AC-7a o AC-7b.

Grazie a chiunque vorrà rispondermi. 

 

Alessandro

Share this post


Link to post
Share on other sites

lapunzina

Nessuno sa suggerirmi qualcosa? 

Forse ho sbagliato la sezione del forum in cui pubblicare la richiesta? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
hfdax
Il 24/11/2019 alle 02:01 , lapunzina ha scritto:

Vorrei capire se secondo voi è fattibile e che tipo di teleruttore dovrei acquistare considerato che l'impianto fotovoltaico è da quasi 3kw. 

Certo che è fattibile. Il contattore dovrà avere i contatti in grado di sopportare la corrente assorbita dall'inverter che rileverai dai dati di targa del medesimo.

Le categorie di portata in corrente sono

AC7 a  carichi leggermente induttivi

AC7 b motori (carichi induttivi)

AC7 c carichi capacitivi (ad es condensatori di rifasamento)

Quanto sopra l' ho tratto dalla guida shneider perché normalmente io sulle specifiche tecniche dii relè e contattori trovo le indicazioni in:

AC1 carichi resistivi

AC3 carichi induttivi

Nel caso di un inverter credo che vada bene la portata in AC1(e di conseguenza anche tutte le altre) perché non credo abbia una componente induttiva rilevante. Caso mai per andare sul sicuro considera la AC3.

comunque qui trovi la tabella delle Categorie d'impiego dei contattori.

Edited by hfdax

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
13 minuti fa, hfdax ha scritto:

Nel caso di un inverter credo che vada bene la portata in AC1

 

Il vero problema è che l'inverter è alimentato in continua dai pannelli FV, quindi è necessario un contattore specifico per corrente continua in gradi commutare la corrente massima assorbita dall'inverter e che sia adatto alla tensione massima fornita dai pannelli FV.

 

Usare i normali contattori in alternata ACx, potrebbe danneggiare rapidamente i contatti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
hfdax
6 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Usare i normali contattori in alternata ACx, potrebbe danneggiare rapidamente i contatti.

Giusto. Non avevo considerato la continua. :wallbash:

Edited by hfdax

Share this post


Link to post
Share on other sites
Microchip1967

Bisognerebbe prima capire perchè va in blocco.

il riavvio lo ottieni semplicemente togliendo la parte AC dell'inverter.Questo non sente piu' la frequenza di rete e di conseguenza si spegne.

per quanto riguarda poi la parte elettronica lato continua, basta aspettare la sera e senza parte AC primaria il tutto si spegne naturalmente

Altrimenti un'altra soluzione è individuare il tasto di reset e collegare in parallelo a quest'ultimo il dispositivo esterno

Ah, ovviamente stiamo parlando di impianti senza lo scambio sul posto e/o incentivo, altrimenti certe modifiche sono inibite onde evitare truffe (se non sbaglio alcune connessioni sono piombate)

Share this post


Link to post
Share on other sites
lapunzina
Il 29/11/2019 alle 18:07 , Microchip1967 ha scritto:

Bisognerebbe prima capire perchè va in blocco.

Purtroppo l'assistenza non mi ha aiutato a capire quale potesse essere il problema del blocco. Addirittura anche il tecnico Aros mi ha suggerito semplicemente di togliere e ridare alimentazione in modo da riavviarlo. 

Fortunatamente non accade spesso. 

 

Il 29/11/2019 alle 18:07 , Microchip1967 ha scritto:

per quanto riguarda poi la parte elettronica lato continua, basta aspettare la sera e senza parte AC primaria il tutto si spegne naturalmente

La sera l'inverter va in standby ma rimane alimentato lato AC. Il display LCD rimane acceso e anche la scheda di rete rimane connessa. Tuttavia non è prevista una funzione di riavvio remoto. 

 

Il 29/11/2019 alle 18:07 , Microchip1967 ha scritto:

Altrimenti un'altra soluzione è individuare il tasto di reset e collegare in parallelo a quest'ultimo il dispositivo esterno

Non c'è neanche un tasto di reset. 

Devo necessariamente agire sul magnetotermico installato accanto l'inverter. 

 

Il 29/11/2019 alle 16:46 , Livio Orsini ha scritto:

Il vero problema è che l'inverter è alimentato in continua dai pannelli FV, quindi è necessario un contattore specifico per corrente continua in gradi commutare la corrente massima assorbita dall'inverter e che sia adatto alla tensione massima fornita dai pannelli FV.

Ma è necessario comunque un contattore/teleruttore  specifico per corrente continua anche se viene connesso lato alternata? Non so se aiuta a capire, ma di giorno, mentre l'impianto è in produzione, se io tolgo alimentazione dal magnetotermico a valle, l'inverter si spegne regolarmente, non continua ad essere alimentato dai pannelli. 

Per questo pensavo ne bastasse uno normale per corrente alternata.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
18 minuti fa, lapunzina ha scritto:

Per questo pensavo ne bastasse uno normale per corrente alternata.

 

Se tagli l'alternata devi usare un contattore che sia in grado commutare in AC3 il valore di corrente massimo previsto per questo inverter.

Chiarisco con un esempio.

Se il tuo inverter eroga 13 A nominali massimi, devi usare un contattore che garantisce la commutazione di una corrente >=13A in classe AC3.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lapunzina
3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

 

Se tagli l'alternata devi usare un contattore che sia in grado commutare in AC3 il valore di corrente massimo previsto per questo inverter.

Chiarisco con un esempio.

Se il tuo inverter eroga 13 A nominali massimi, devi usare un contattore che garantisce la commutazione di una corrente >=13A in classe AC3.

Queste le caratteristiche dell'inverter:

http://www.aros-solar.com/it/inverter/inverter-fotovoltaico-monofase-sirio-evo-3000

 

USCITA

Corrente nominale 13Aca

Corrente massima 15Aca

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Allora usa un contattore >=15A in AC3, li trovi in catalogo Siemens, ABB, eaton, etc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
lapunzina

Ho acquistato un contattore da 16KW AC-1 o 4KW AC-3 e 4 contatti NA. 

Probabilmente però per l'utilizzo che devo farne sarebbe più opportuno avere dei contatti NC anziché NA.

Infatti con questo che ho acquistato, durante il normale utilizzo (Inverter in funzione) la bobina del teleruttore resterebbe sempre eccitata. Non so se questo possa creare dei problemi a lungo termine né quanto possa incidere a livello di consumi...

Cosa ne dite? 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lcucinelli

Utilizzare uno scambio n.c e sicuramente più vantaggioso economico e più duraturo.

Dubbito che trovi un teleruttore con scambi n.c di potenza, devi utilizzare un rele'.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...