Jump to content
PLC Forum


gtsolid

Tensione tra fase e terra

Recommended Posts

gtsolid

Ciao a tutti.

nei miei pensieri la fase, rispetto ad uno 0V, e' sempre stata di 220V in casa, cosi' come il neutro e la terra sono anche essi a 0.

Col tester oggi ho provato per curiosita' e rilevo si 220V tra fase e neutro, ma rilevo 110 tra neutro e terra e anche tra fase e terra.

 

Mi sapete spiegare il motivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

bischero

Salvo cause che potrebbero dipendere dall' inefficienze dell'impianto di terra o guasti strani ed in tal caso rivolgiti ad un elettricista....

 

Nulla di strano se ti arrivano i 220 ma con due fasi, non con fase e neutro, probabilmente la linea da dove arriva la tua fornitura è una "vecchia" trifase a 220V concatenati, in tal caso trovi 110 tra fase e terra e tra neutro( che poi in realtà è una seconda fase) e terra

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
gtsolid

C'e' un modo per esserne sicuri della cosa? ha ricadute sulla sicurezza in generale? penso sia dei primi anni 80 l'impianto generale

Share this post


Link to post
Share on other sites
DavideDaSerra

Sei in una zona con distribuzione 220/127: in casa ti arrivano 2 fasi e nessun neutro, fase-fase hai 220v e fase terra 127.

Può capitare, quando dovrai cambiare la caldaia, parlane con l'installatore perchè ti indirizzi su un modello 'insensibile' oppure che ne "adatti" un'altro.

 

Tutto il resto non ha problemi, solo stai attento quando cambi le lampadine perchè uno dei due poli è sempre sotto tensione (gli interruttori solitamente aprono un polo solo).

Edited by DavideDaSerra

Share this post


Link to post
Share on other sites
bischero

Bella domanda, non avendo la sfera di cristallo quello che puoi fare è contattare il tuo fornitore e chiedere chiarimenti,  se hai 220 con due fasi il fatto di avere 110V tra il neutro e la terra non pregiudica la sicurezza dell'impianto (se fatto bene)

 

Edited by bischero

Share this post


Link to post
Share on other sites
gtsolid

Quindi posso prendere la scossa se tocco una qualsiasi delle 2 fasi?

Edited by gtsolid

Share this post


Link to post
Share on other sites
DavideDaSerra

Certo, ma prenderesti la scossa anche toccando il neutro di un circuito carico.

 

Il "problema" è che gli interruttori dei lampadari spesso interrompono solo la fase, nel tuo caso interrompono UNA fase, lasciando l'altra a 127V, quindi cambiando una lampadina, anzichè avere neutro (0V su circuito scarico) sull' 'anello' e 220V sulla 'punta' [che è interrotta dall'interruttore] hai 127V sull'anello (permanenti) e 127V sulla 'punta' [interrotta].

 

Quindi prestando poca attenzione, se dovessi toccare l'anello avresti 110V

Share this post


Link to post
Share on other sites
gtsolid

Quindi un trifase 220V de facto, con 110V tra fase e terra. 

E' il caso di chiedere l'adeguamento all'ENEL?

 

Ho letto per il web la storia di queste "scelte". A quanto pare risalgono addirittura ad Edison, e quando voleva collegare il mondo a corrente continua.

Share this post


Link to post
Share on other sites
leleviola

Sarà dura avere l'adeguamento solo alla tua fornitura dovrebbero cambiarlo a tutti, se il sistema di distribuzione li in zona è quello la vedo dura a meno che non abbiano già in ponte un adeguamento, comunque tentare non nuoce. Una curiosità, sei in zona Roma? Perchè sapevo che in tali zone c'ea ancora tale tipo di fornitura

Share this post


Link to post
Share on other sites
gtsolid
19 minuti fa, leleviola ha scritto:

Sei in zona Roma?

Cuorgne' (TO)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
BoMax69

La distribuzione bi fase purtroppo è ancora presente in centro storico magari dove il distributore  è  l'azienda servizi municipalizzati. Basta chiedere a qualche vicino o se sei in condominio il contatore trifase è  380/400 o 220/230.

In questo caso anche sul contratto o fattura è indicato .

Share this post


Link to post
Share on other sites
maurizio 83

se hai due fasi   (il condizionale è dobligo)  basta mettere interuttori a protezione dell impianto protetti  su tutti   due poli

per il resto del impianto non devi fare nulla  si chiama impianto con neutro fittizio

Share this post


Link to post
Share on other sites
Valerio5000

Niente di strano , inizialmente anche io quando mi sono trovato a ristrutturare l'appartamento dei miei rimasi un attimo quando trovai sul neutro 125 V scoprendo che quasi tutta Roma centro ha tale distribuzione da parte di Acea.

 

Quello che non ho mai approfondito è; impianti che presentano il classico nero/marrone - blu come colore dei cavi sono in regola avendo sul neutro - blu 125 V o bisognerebbe adottare cordine dello stesso colore marrone-nero ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
leleviola
7 minuti fa, Valerio5000 ha scritto:

Quello che non ho mai approfondito è; impianti che presentano il classico nero/marrone - blu come colore dei cavi sono in regola avendo sul neutro - blu 125 V o bisognerebbe adottare cordine dello stesso colore marrone-nero ?

Sarebbe bello saperlo, vero è che non hai un Neutro vero collegato a terra e perciò non so quanto conti utilizzare il blu per il Neutro, in questi casi forse sarebbe più utile i colori classici di fase, ovviamente di colore diverso. A proposito hai qualcosa di specificato in bolletta riguardo al tipo di fornitura bifase a 230V?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...