Jump to content
PLC Forum


lele1975

Ritardo valvole pneumatiche

Recommended Posts

lele1975

Buongiorno a tutti.

Vi spiego brevemente il mio problema: la macchina formatrice di capsule enologiche è stata creata utilizzando una cpu 224XP SIEMENS S7-200 con diversi moduli di ingressi e uscite digitali, un encoder assoluto da 256 impulsi giro che attraverso un modulo EM223 legge la posizione.

All'interno del programma la posizione dell'encoder è visibile attraverso un byte il VB200 poi hanno realizzato i vari confronti per  creare le camme all'interno del sottoprogramma (blocco) SB24 , ci sono 12 confronti , queste camme (fase) vanno alle uscite digitali anch'esse su modulo EM223 e comandano valvole pneumatiche.

Ora vi chiedo: alcune  valvole non rispettano la fase, possono ritardare o anticipare e l'operatore per poter ottenere un buon lavoro cambia le variabili "inizio" o "fine" della fase della valvola , le valvole erano comandate direttamente dall'uscita del plc  , io ho inserito dei relè adatti per le valvole ma non è cambiato nulla!

Avete qualche idea di come potrei risolvere il problema? secondo voi è il programma?

La macchina normalmente ha una produzione di 100 pezzi minuto non è velocissima.

Grazie mille a tutti.

Emanuele

Share this post


Link to post
Share on other sites

marco1278

Normalmente nei sistemi a camme viene inserito un tempo di anticipo all'attivazione e un tempo di anticipo alla disinserzione per seguire le variaziono di velocità. 

 

Il tuo problema si verifica sempre o solo quando la macchina varia la sua velocità? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
pigroplc

La prima cosa da verificare è il tempo ciclo del PLC, cosa oramai desueta nelle giovani leve perché si da per scontato che il PLC sia veloce. Seconda cosa, anch'essa di rilievo, è la quantità di aria a disposizione. Prova ad installare un polmoncino da 3-5 litri a monte delle valvole e vedrai la differenza eventuale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
1 ora fa, lele1975 ha scritto:

Avete qualche idea di come potrei risolvere il problema?

 

Sono 20 anni almeno che non uso il 200, ma dai miei ricordi si possono fare cose egrege con queste CPU, però bisogna usarlo bene e non far uso di librerie della casa madre.;)

Per prima cosa comandare le uscite scrivendo direttamente nella periferia, invece di usare la solita istruzione che scrive nel registro immagine.

Anche il confronto con il contatore che l'egge l'encoder è bene legarlo ad un interrupt, in modo da evitare il ritardo eventuale dovuto al polling.

Ora non ho presente i particolari ma ricordo che è possibile presettare lo HSC con un valore e quando il confronto tra registro e contatore da eguaglianza scatta un inerrupt.

Nella funzione di servizio basta ricaricare il rigistro con il prossimo tragurado atteso, oltre a scrivere il comando diretto all'uscita che pilota l'EV.

Poi c'è da tenere presente che le uscite digitali, se sono del tipo a relè, hanno comunque un ritardo; se poi hai aggiunto un relè esterno hai aggiunto un ulteriore ritardo

Meglio usare uscite a stato solido e, nel caso l'assorbimento delle EV fosse maggiore del massimo consentito da questo tipo di pilotaggio, usare relè allo stato solido in continua.

Share this post


Link to post
Share on other sites
max.bocca

Livio corretto, hsc di 200 scrivi preset e valore corrente ogni volta che raggiunge un interrupt.

Se sono capsule termoretraibili in PVC o in polilaminato bisogna tenere presente anche la temperatura di utilizzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...