Jump to content
PLC Forum


ciccioilgrande

Malfunzionamento tester ICE 680R

Recommended Posts

ciccioilgrande

Stamane dopo molto tempo che non lo adoperavo, volevo fare una misura di una resistenza col mio tester ICE 680R,ma regolando il potenziometro per portare a zero ohm l'indice, nonostante la batteria è buona,1,6 V di tensione, l'indice non va a zero,ed inoltre quando ho staccato i puntali, l'indice è rimasto in quella posizione per qualche secondo ,poi pian piano è andato nella posizione di riposo,cosa può essere successo?ha sempre funzionato bene

 

680R.png

Edited by ciccioilgrande

Share this post


Link to post
Share on other sites

patatino59
5 minuti fa, ciccioilgrande ha scritto:

l'indice è rimasto in quella posizione

Se non è un problema di blocco meccanico del galvanometro potrebbe essere una carica elettrostatica del pannello in plexiglas.

Smontando delicatamente il pannello e sollevando il cartoncino con le scritte dei puntali puoi verificare l'una e l'altra ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Riccardo Ottaviucci

speriamo non sia un problema meccanico dell'equipaggiamento della bobina mobile. Ha subito cadute o urti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciccioilgrande

non è un problema meccanico dell'indice perchè quando misuro le tensioni(ho misurato quello della batteria in dotazione) l'indice dà la misura e torna a zero regolarmente,proverò a fare come consigliato da Patatino,poi vi faro sapere

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

Se la pila è da 1,5 allora è un 6° serie, l'unica serie con un condensatore elettrolitico da 10 µF nel circuito ohmetrico

Edited by Lorenzo-53

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciccioilgrande

allora ho fatto cosi,prima di mettere le mani sul quadrante dello strumento,operazione non esente da rischi,ho pulito i poli della batteria e le piste del C.S. che mi sembravano un po sporche,ho pulito con alcool e asciugato delicatamente con un panno pulito,adesso funziona tutto,lo strumento si azzera e la misura delle resistenze è precisa come sempre è stato,quindi problema risolto,spero che questa esperienza possa essere utile a qualcun altro,ringrazio tutti gli intervenuti

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z

Hai fatto bene, dovevi avere anche saputo che pur relativamente frequente il "blocco" elettrostatico, se ci fosse, doveva manifestarsi anche sulle altre "scale", come tensioni che dicevi, erano prive di questo problema. 

Edited by gabri-z

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lorenzo-53

Non devi usarlo quando indossi i collant

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z
27 minuti fa, Lorenzo-53 ha scritto:

Non devi usarlo quando indossi i collant

:thumb_yello: Ma appena tolti e senza lavarsi le mani ,

Edited by gabri-z

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Passare una pelle di daino (vera pelle non sintetica) sul vetro del quadrante toglie l'elettricità statica che blocca l'indice.

Era una vecchia pratica che si usava nei laboratori metrologici.

Share this post


Link to post
Share on other sites
sandor626

ovviamente la pelle di daino deve essere bagnata e strizzata  ...  l'acqua toglie la carica statica

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z

E perché pensi che abbia detto "" e senza lavarsi le mani  ""? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
sandor626
1 ora fa, gabri-z ha scritto:

E perché pensi che abbia detto "" e senza lavarsi le mani  ""? 

infatti, era una battuta la tua:  acrilico e asciutto  hai il massimo delle cariche  elettrostatiche .  Del resto il "cristal" della ICE per il suo 680r (  si  salvano solo gli ultimi della VII serie ) ha una predilizione per caricarsi elettrostaticamente .   Si può provare  con le pistole piezoelettriche ( tipo zerostat ) ,con  i phon a diffusione di ioni negativ, con i liquidi antistatici ,  ma i risultati sono scadenti e temporanei .   Resta il vecchio metodo della pelle di daino , oppure lasciare che le cariche si disperdano per l'umidità ambientale  ( dopo giorni )

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z

Purtroppo , questa combinazione , è stata all'origine di tanti incidenti (incendi , esplosioni )prima che fosse messa nel elenco delle misure preventive .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...