Jump to content
PLC Forum

maxtax00

Estrarre il calore da una canna fumaria

Recommended Posts

maxtax00

Salve, da una canna fumaria che è inserita in una contro cappa di carton gesso volevo estrarre il calore per farlo andare in una stanza. Pensavo a un ventilatore di ariazione. Ma quelli in commercio sono di plastica. Ho paura che si rovina. Cosa mi consigliate di metterci? Grazie 

Link to post
Share on other sites

patatino59

Se parli dei fumi caldi provenienti dalla canna fumaria è MORTALE utilizzarli per riscaldare una stanza, a causa della presenza di CO2.

Ci vuole prima uno scambiatore di calore "immerso" nei fumi caldi, e PERFETTAMENTE ISOLATO da questi, a cui collegare un sistema di ricircolo dell'aria, proveniente dalla stessa stanza o da una sorgente di aria pulita.

Basta un solo forellino da cui passa la CO2 per UCCIDERE gli occupanti della stanza !

 

Edited by patatino59
Link to post
Share on other sites
maxtax00

Non ci avevo pensato. Eventualmente nella stanza potrei mettere un rivelatore co2. Per quanto riguarda la ventola estrattore pensavo  a una ventola per estrazione calore per quadri elettrici. Con tanto di filtro. Pensi che non sia sufficiente? Grazie del tuo interessamento 

Link to post
Share on other sites
Darlington
21 ore fa, patatino59 ha scritto:

Basta un solo forellino da cui passa la CO2 per UCCIDERE gli occupanti della stanza !

 

per non parlare della puzza, quando da mia madre la guarnizione del tee della stufa ha sviluppato una perdita, la prima spia di allarme è stata l'incessante puzza di bruciato.. 

Link to post
Share on other sites
patatino59

Forse la puzza quando sei morto non la senti...

 

Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Max ma stai scherzando?

 

Link to post
Share on other sites
ivano65

fare un'assurdita' del genere equivale a suicidarsi.PER NESSUN MOTIVO  i fumi devono poter uscire dalla canna fumaria.

Link to post
Share on other sites
vincenzo barberio

Forse maxtax intende recuperare il calore dall'intercapedine, essendo (penso) la canna fumaria ermetica. Spesso nelle abitazioni tratti di canne fumarie delle stufe a pellet o a legna e a volte anche di caldaie a gas  sempre se ermetiche, sono a "vista".

Edited by vincenzo barberio
Link to post
Share on other sites
maxtax00

Infatti. La stufa è al pianterreno. La canna fumaria attraversa il primo piano e poi va sul tetto. Poiché la canna fumaria è a vista, e a me non piace, ho realizzato una controcappa di cartongesso per nasconderla. A dx ci ho realizzato una grata da dove esce il calore, solo il calore procurato dal il ferro della canna e non il fumo. Ora in cima ci volevo fare un altra grata e metterci una ventola per estrarre il calore, solo il calore, e immetterlo nella stanza adiacente. La mia domanda era se esisteva una ventola resistente al calore per fare tale lavoro. Grazie

Link to post
Share on other sites
click0

Le canne fumarie meglio che restino alla temperatura più alta possibile

Meno creosto se a legna o pellet, meno condensa se a metano 

Link to post
Share on other sites
Darlington
5 ore fa, patatino59 ha scritto:

Forse la puzza quando sei morto non la senti...

 

 

Nel senso che ti salvi perché nella stessa stanza (ma anche in quella attigua) con quell'odore non ci riesci a stare...

 

Noi ci siamo accorti della perdita proprio cercando l'origine della puzza e dell'odore acre.. e dopo alcune indagini si è visto il filino di fumo ed il mucchietto di fuliggine dietro al tee

Link to post
Share on other sites
vincenzo barberio

Io installerei una piccola ventola tangenziale, tipo quella dei ventilconvettori in prossimità del pavimento. ovviamente sempre in basso ed in prossimità della ventola va installata una grata magari con filtro per la ripresa. In alto puoi anche canalizzare (senza esagerare). 

Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Il problema è la superficie di scambio, in questo modo tu hai solo l’area della circonferenza, anzi metà, solo quella investita dalla ventolina, ne recuperi poco se non aumenti la superficie di scambio.

Facendo così però hai il problema detto da Click.

Link to post
Share on other sites
vincenzo barberio

Le temperature dei fumi di una stufa a pellet o a legna sono molto alte, all'interno e con l'effetto di una piccola ventola, penso che problemi di condensa o altro non dovrebbero verificarsi in special modo se la legna o i pellet non contengono molta umidità.

Link to post
Share on other sites
Darlington
12 minuti fa, vincenzo barberio ha scritto:

Le temperature dei fumi di una stufa a pellet o a legna sono molto alte

 

distinguiamo: a legna (specie a tiraggio naturale) hanno una temperatura molto alta e parecchio calore latente recuperabile, in una stufa a pellet a tiraggio forzato hanno una temperatura più bassa, in quella di mia madre che ha uno scambiatore scarso stanno attorno ai 180º (molto più alti di una stufa a gas, ma molto più bassi di una a legna), con stufe dotate di scambiatori a fascio tubiero stai anche più basso, sui 140-150º

 

Il calore recuperabile nel caso del pellet è meno ma soprattutto il problema della condensa acida non è da sottovalutare, frequentavo un forum sul riscaldamento a pellet e tutti quelli che avevano provato a farsi recuperatori di calore si sono scontrati con quel problema 

Link to post
Share on other sites
Alessio Menditto

Max ma tu leggi quello che scriviamo ?

Non mi sembri molto interessato alle nostre osservazioni.

Link to post
Share on other sites
drn5

Max tira dritto sulla ventola, nonostante le nostre preoccupazioni e gli svantaggi elencati.

L'unica cosa che però ancora non sappiamo è di cosa/come è fatta questa benedetta canna fumaria inscatolata nel cartongesso?

Ce lo dici Max?

Link to post
Share on other sites
Semplice 1

Ciaomaxtax00 

 

Se spieghi la tua situazione come nell'apertura della Discussione è difficile capre chiaramente la situazione che rappresenti e anche ciò che vorresti fare. Ne scaturisce una serie di equivoci e commenti non pertinenti.

 

Successivamente e molto più chiaramente hai detto :

19 ore fa, maxtax00 ha scritto:

Infatti. La stufa è al pianterreno. La canna fumaria attraversa il primo piano e poi va sul tetto. Poiché la canna fumaria è a vista, e a me non piace, ho realizzato una controcappa di cartongesso per nasconderla. A dx ci ho realizzato una grata da dove esce il calore, solo il calore procurato dal il ferro della canna e non il fumo. Ora in cima ci volevo fare un altra grata e metterci una ventola per estrarre il calore, solo il calore, e immetterlo nella stanza adiacente. La mia domanda era se esisteva una ventola resistente al calore per fare tale lavoro. Grazie

 

Non si capisce ancora come hai sistemato attualmente le tue grata ma non importa dato che vorresti modificare la situazione....

 

In linea di principio eventuali perdite di fumo tra Canna e Ambiente stanza sono sempre possibili indipendentemente dalla presenza della "mascheratura/foderatura esterna con intercapedine" che tu hai realizzata in cartongesso.

 

La mascheratura, naturalmente, ha privato la stanza quasi totalmente del sicuro apporto calorico che si otteneva prima della detta modifica.

Inoltre, se la mascheratura ha carattere fisso, diventa impossibile avere il controllo visivo dello stato di buona conservazione della canna fumaria, che si immagina costituita da tubi di lamiera d'acciaio smaltati e con più di un giunto, ma potrebbe essere anche altro e dovrebbe essere precisato.

 

Comunque stiano le cose : il rischio di asfissia che avevi prima di eseguire la "foderatura" lo hai pure ora, ma la differenza è che non riesci più a vedere lo stato di conservazione della canna e quindi hai persa anche la possibilità di eseguire un controllo visivo ed intervenire tempestivamente al primo accenno premonitore di bucatura della canna (solitamente bolle o screpolature nello smalto esterno del tubo).

 

In tempi passati si preferiva avere le canne smaltate di bianco in modo da far risaltare quasi immediatamente eventuali perdite di tenuta che erano evidenziate dall'annerimento di fuliggine nella zona della perdita.

-----------------------------------------------------

 

Per il problema che ti poni per la Ventola e superando la problematica esposta più sopra :

 

Ci sono in commercio Ventole di svariati tipi per cappe da cucina che sicuramente possono funzionare facendo passare aria relativamente calda (intendo dire anche calda intorno ai 40 °C) però fai attenzione al grado di rumore che creano e che di notte potrebbe dare fastidio (hanno anche un certo costo dato che vengono solitamente vendute come ricambi).

 

Comunque, nel tuo caso, non è necessario che la Ventola aspiri l'aria calda dato che basta montarla in modo che comprima aria fredda nell'intercapedine tubo/mascheratura e che poi la detta aria venga convogliata nella stanza adiacente per mezzo di un tubo che esce dalla parte superiore mascheratura (in pratica un tubo, o comunque un condotto magari anche lui in cartongesso sistemato nell'angolo tra parete e soffitto).

 

Dunque la Ventola andrà montata sulla tua attuale Mascheratura in posizione più bassa possibile in modo da sfruttare tutta la lunghezza del tubo per lo scambio termico aspirando l'aria più fredda che si trova al livello del pavimento.

 

Sarebbe anche molto consigliato poter disporre di una ventola a due o tre velocità in modo da poter poi stabilire un regime di funzionamento che non faccia circolare inutilmente troppa aria facendo anche troppo rumore.

--------------------------------------------------------------

 

NOTA :

Vedo ora, al momento della pubblicazione, che il discorso è andato avanti...

 

Per la tua Ventola già acquistata non so che dire dato che non ho avuto modo di vedere di che si tratta.

Ho comunque il dubbio che, andando a vedere, non se ne potrà sapere qualcosa di preciso dato che per gli oggetti che vengono venduti su internet di solito i "dati" sono praticamente inesistenti.

 

Comunque vedrò ...

 

 

 

 

 

 

Edited by Semplice 1
Aggiunta NOTA
Link to post
Share on other sites
Semplice 1

Ciao maxtax00 

 

Ho presa visione, e sono felice di ricredermi, poiché la Documentazione disponibile è molto completa.

 

Si tratta di un Ventilatore per  circolazione aria di raffrescamento per Quadri Elettrici Industriali.

 

Presentazione generale e download disponibili :

https://www.pfannenberg.com/it/gestione-termica/ventilatori-con-filtro/ventilatori-con-filtro/pf-43000/

 

Caratteristiche dettagliate e diagrammi Portata/Pressione:

https://www.pfannenberg.com/fileadmin/Redakteur/Products/Downloads/Product_Sheets/Pfannenberg_Product_Sheet_PF_43000_PFA_40000_it.pdf

 

Questi tipi di Ventilatori spostano moltissima aria ma possono generare solo una pressione estremamente bassa e vanno sicuramente molto bene per i Quadri Elettrici dove il passaggio per l'aria, all'interno del quadro, è molto ampio e il percorso dell'aria tra entrata e uscita dal Quadro non supera generalmente i 3 metri.

 

Il tuo Ventilatore fornisce la Pressione Massima (quando l'uscita aria risulta totalmente chiusa) di circa 100 Pa (Pascal) che, tradotti per noi che parliamo come mangiamo, fanno la pressione di 10 mm di colonna d'acqua su 1 cm2 di superficie e questo corrisponde alla forza di 1 grammo esercitata su 1 cm2.

 

In queste condizioni di lavoro (nei Quadri e con filtro/i nuovi e puliti) viene circolata una notevole quantità d'aria che può sicuramente essere dell'ordine dei 230 m3/ora però in condizione senza filtri e con resistenza in mandata pari a zero (loro dicono "a bocca libera").

 

Nel tuo caso però la circolazione dell'aria, nella intercapedine tubo stufa/mascheratura cartongesso, sarà sicuramente molto meno libera e poi l'aria dovrà anche proseguire verso la stanza attigua che vuoi riscaldare e che non si sa quanto sia distante.

 

Si può pensare che la resistenza che incontrerà l'aria nel suo percorso obbligato  farà calare drasticamente il volume effettivamente movimentato che potrebbe ridursi a 40-60 m3/ora (11-17 litri al secondo), o anche meno, e dunque non dovresti avere bisogno di regolare la velocità del Ventilatore.

Comunque ti resta sempre anche la possibilità di mascherare parzialmente con un cartoncino (disposto accoppiato all'elemento filtro) la bocca di aspirazione del Ventilatore.

 

Poi, se proprio vuoi, ci sono in vendita su Internet dei regolatori (dimmer), che servono tanto per variare la luminosità delle vecchie lampadine a filo come per variare la velocità dei piccoli motori monofase dei ventilatori, che fanno sicuramente al caso tuo.

Dai dati del Costruttore il tuo Ventilatore assorbe al massimo 45 Watt e dunque ti basta un "dimmer" piccolissimo, tanto piccolo che probabilmente non troverai nemmeno in vendita e dovrai adottarne uno costruito per una potenza molto maggiore.

 

Per finire : il motore del ventilatore è montato su Cuscinetti a sfera e dicono che il rumore è di 42 decibel (abbastanza rumoroso, di notte specialmente).

Link to post
Share on other sites
drn5
1 ora fa, maxtax00 ha scritto:

ho fatto questo video

Max sei un GRANDE ! Video bellissimo..

Io chiuderei quella grata, metterei una gratina (200mm di diametro) in alto e una ventola in basso più o meno simile (200mm)

Link to post
Share on other sites
maxtax00

 

Grazie per i complimenti Drn5, a questo punto che ventolina metteresti? Quella che ho pubblicato? È possibile mettere un riduttore di giri, perché mi sembra che sposti tanta aria. Tipo un variatore come quello delle luci alogene. Sennò quale altro prodotto mi suggerisci. In piu volevo metterci un trasduttore di temperatura. Così mi si accendeva solo arrivato ad un dato calore, grazie 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...