Jump to content
PLC Forum


DICO quadro elettrico macchina


marcocarnevale
 Share

Recommended Posts

marcocarnevale

Buongiorno,

 

per un progetto che sto seguendo, inerente il monitoraggio di macchine industriali, su alcune di queste macchina la strategia di progetto sarà quella di andare sul quadro elettrico macchina e replicare i segnali di allarme presenti in morsettiera ( verificati da schema elettrico) e portarli sul un mio quadro di Automazione. 

Ripeto che "Spillerò" i segnali (classi Scatto termico, sicurezze....ecc) senza alterare il quadro, senza sostituire o modificare elementi.

Ora mi chiedono di ricertificare il quadro (dichiarazione confrormità e DICO 37/08), ma a mio avviso non è necessario.

qualcuno può darmi qualche suggeriemnto?

grazie

Link to comment
Share on other sites


Se il quadro è parte dell'impianto eletttrico ricade nelle norme di quest'ultimo per cui serve la dico. Se invece il quadro è un "estensione" dell'impianto macchina non fa parte dell'impianto elettrico dell'immobile e la dico non serve.

Link to comment
Share on other sites

marcocarnevale

Ciao "hfdax" grazie per la veloce replica, ma ti chiedo un chiarimento.

il quadro macchina è dedicato alla macchina, dentro ha le cpomponenti di automazione (plc, Alimentatore AC/DC, morsettiera, Gruppo ventole....ecc), ma ovviamente preleva alimentazione dall'impianto elettrico di stabilimneto. Immagino che posso definirlo un "estensione"?

Io andrò appunto su questo quadro macchina estensione a prendere i segnali I/O.

 

grazie

Link to comment
Share on other sites

42 minuti fa, marcocarnevale scrisse:

Immagino che posso definirlo un "estensione"?

No. L'impianto elettrico dell'edificio, che è quello soggetto al DM 37-08 e per il quale l'installatore deve rilasciare la dichiarazione di conformità, è quello compreso tra il puntp di prelievo (contatore, allacciamento alla cabina Enel ecc) e il punto di collegamento della macchina (presa a spina, blindosbarra, o li morsetti di derivazione da cui partono i conduttori che alimentano direttamente la macchina) A valle del punto di collegamento non fa parte dell'impianto dell'edificio ma dell'impianto macchina e quindi non è soggetto alla dico.

Se le macchine installate in un edificio fossero considerate parte dell'impianto elettrico, ogni qualvolta si tolga o sostituisca o si aggiunga una macchina si dovrebbe anche modificare il progetto dell'impianto elettrico e rilasciare una nuova dico. Tieni conto che il DM 37-08 si riferisce a tutti gli impianti degli edifici: Industriali, terziario, uffici, domestici senza distinguere gli uni dagli altri se non in merito alla dimensione e alla potenza ai fini del progetto. Te lo immagini se in un ufficio dovessero rivedere il progetto e la Dico ogni volta che sostituiscono una fotocopiatrice o climatizzatore con un modello di marca e potenza diversi?

Gli impianti a bordo macchina sono soggetti ad altre leggi, direttive e norme (ad esempio la famosa direttiva macchine) sulle quali non sono esperto. Non so se vi sia una dichiarazione di conformità o documento analogo previsto per gli impianti a bordo macchina ma se c'è non è quella istituita dal DM 37-08.

La mia opinione è che tutta la documentazione normativa relativa alla macchina la debba rilasciare il costruttore (o i costruttori) della stessa e in caso di eventuali modifiche chi le esegue debba consultarsi con il costruttore stesso e ricevere da lui le opportune disposizioni. Ma è solo la mia opinione.

Edited by hfdax
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...