Jump to content
PLC Forum


Ripristino scheda amplificatore


beonardo
 Share

Recommended Posts

Buon giorno atutti voi del Forum

Ho ricuperato questa scheda con i due MJ bruciati, desidererando conoscere sl'integrità o meno dei restanti componenti che resistori e altro non presentassero bruciature ho tolto i restanti transistori ne ho constatato l'efficienza e li ho ricollocati al loro posto. Da inesperto per cercar di capire lo schema, seguendo le tracce ho disegnato i vari percorsi sino ai finali, la parte inerente il collegamenti all'altoparlanteho li disegnati di mia iniziativa .A voi amici del forum chiedo gentilmente una spiegazione di questo collegamento e la funzione dei punti 3 / 2 / 1 che immagino possano essere ingressi di segnale. Inoltre non potendo metterci la mano sul fuoco sull'esattezza del mio disegno vi chiedo quali eventuali errori vi balzino agli occhi.

Foto scheda : https://imgur.com/a/lCUsZAs

Foto schema : https://imgur.com/a/NETjuDt

Sperando in un vosrto contributo Ringrazio.

Beonardo


 

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 117
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • beonardo

    43

  • gabri-z

    33

  • maxmix69

    18

  • Ctec

    11

Top Posters In This Topic

Posted Images

Senza vedere le piste, è impossibile ricostruire il circuito. Ma a occhio lo schema non torna per diversi motivi. il primo dei quali è il collettore del MJ900 al positivo.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per avermi segnalato il primo errore che ho come sotto riporto ho modificato. e posto la parte traccie .nella speranza che lei continui a sostenermi  .

foto modifica collegamento collettore MJ900             https://imgur.com/a/nFgWRou 

Retro scheda parte piste.     https://imgur.com/a/qBCGqJJ

Grazie anche per gli aiuti del passato.

Beonardo

Link to comment
Share on other sites

La foto lato componenti è un po' di traverso e incompleta. Ce la fai a postarne una fatta più dall'alto e dove si vedano meglio le resistenze (alcune sono in ombra)?

Link to comment
Share on other sites

Con quello che avevo ho ricostruito questo schema:

 

image.thumb.png.a7274c09237fd200d3ff4a8a7686aa69.png

I valori con ? sono non visibili bene nella foto. I 4 terminali numerati 6-7-8-9 non è chiaro cosa facciano, c'è sicuramente collegato qualcosa di esterno, forse anche tra il 2 e il 3.

Non mi pare un gran bel circuito.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la sollecita risposta che è arrivata qualche minuto prima del mio lavoro alla tua prima domanda. Ho fatto due scatti nella speranza che tu possa utilizzarli nel miglior modo. Dal punto 2 parte una resistenza di 4700 ohm che va al punto tre, in serie c'è una seconada resistenza di idem valore che va sul punto 0 ,cioè a massa o quella che io suppongo sia. "Va sul  collettore del MJ 900. "

Verificherò con il tuo schema il percorso e ti farò sapere la eventuale corrispondenza o meno. Tra l'altro ha cosa serviranno la porzione appunto delle due resistenze appena menzionate? Il tracciato da mè ricontrollato  cosi si esprime: sul punto 3  ove si congiungono sono collegate sul negativo di un piccolo elettrolitico che inserisce il suo positivo sull'emittore del primo BC107. che è posto a massa da una resistenza da 10k.

https://imgur.com/a/899pv3E

https://imgur.com/a/YYd73qf

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Attenzione , il circuito non può funzionare con i '' punti '' 6-9 scollegati  , friggeresti i MJ .

Se non sai cosa c'era collegato , puoi fare un corto tra 6 e 9 , porti il cursore del pot. 1 k tutto verso il catodo del diodo (pin 9 ) .

Il suono (se funziona ) sarà distorto , vediamo di risolvere dopo ;

Una volta alimentato , con il pot. da 500 k regoli la tensione tra la massa ed il punto comune delle due resistenze da 0,22 Ohm a 1/2  +V

Edited by gabri-z
Link to comment
Share on other sites

Grazie anche a te Gabr-z e ben risentito dopo parecchio tempo. Come dicevo sopra prenderò in esame lo schema tracciato dall'amico Ctecv confrontandolo con quello grossolanamente da mè tracciato e prendendo in visione ulteriormente la scheda dal lato tracce, ciò anche per un ulteriore verifica dell'esattezza dello schema da mè postato.

Vi farò sapere ll'eventuale corrispondenza o meno con lo schema dell'amico Ctec e se ne troviamo la discuteremo. Per mè diventa fonte di apprendimento.            A seguire prenderò in esame il tuo suggerimento e nel frattempo cosi fra voi due avrete modo di discuterne. Inoltre al momento all'amico Ctec avevo chiesto consiglio riguardo la resistenza da 4700 ohm che dal punto 2  va al punto tre, in serie a questa c'è una seconada resistenza di idem valore che va sul punto 0 ,cioè a massa o quella che io suppongo sia. "Va sul  collettore del MJ 900. " Faccio notare scusandomi che a riguardo nel mio schema c'è un errore, il punto trè è collegato sulla giunzione di serie delle due resistenze. Ulteriore mia domanda : il punto 2 è un secondo ingresso, se lo è : resta esculso il primo BC107?

Scusandomi per essere prolisso nelle esposizioni, vi ringrazio "a presto risentirci"

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

I punti 2 e 3 hanno poca importanza nel funzionamento base del amplificatore , sono i 6--9 che contano e la tensione centrale , come ti avevo detto . Una volta stabilita questa tensione , con il pot da 1k si regola la corrente di riposo nei finali , ma per prima devi farlo andare .Di solito , tra i pin 6-9 si collega un termistore o transistor in contatto termico diretto con i finali .

Link to comment
Share on other sites

Secondo me, tra i punti 2 e 3 ci doveva essere un interruttore che attivava o meno una sorta di filtro, magari con una resistenza che variava il valore totale di quella 4k7 in serie all'elettrolitico prima del secondo BC107.

Quella che va al collettore del MJ900 è effettivamente la massa. L'amplificatore aveva singola alimentazione.

Ma te hai solo quella scheda? Non c'era collegato nulla ai vari punti? Credo che nella serie 6-7-8-9 c'era almeno un componente sensibile alla temperatura del dissipatore, altrimenti la compensazione termica chi la faceva?

Link to comment
Share on other sites

52 minuti fa, Ctec ha scritto:

Secondo me, tra i punti 2 e 3 ci doveva essere un interruttore che attivava o meno una sorta di filtro

👍

 

3 ore fa, gabri-z ha scritto:

.Di solito , tra i pin 6-9 si collega un termistore o transistor in contatto termico diretto con i finali .

 

Link to comment
Share on other sites

Nel post precedente dicevo: Vi farò sapere ll'eventuale corrispondenza o meno con lo schema dell'amico Ctec e se ne troviamo la discuteremo. Per mè diventa fonte di apprendimento.   

Confrontato schema tradotto dell'amico Ctec con la scheda e ne trascrivo la conferma di alcuni valori di R e una piccola modifica in A/B

Altra mia domanda : Gli ingressi del segnale sono da considerarsi 2 ? uno in IN attraverso lo 0.22mf ed un secondo nel punto 3?

https://imgur.com/a/9VFjfwJ

In attesa che  acquistati i finali, ringrazio e saluto tutti

Beonardo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Il collettore del transistor non può essere in quel punto , per il segnale è a massa .

Anche il 4,7nF pare alto , ma l'amplificatore serviva forse per la parte bassa del audio , tipo voce...

Link to comment
Share on other sites

Il 25/10/2021 alle 09:32 , Ctec ha scritto:

Secondo me, tra i punti 2 e 3 ci doveva essere un interruttore che attivava o meno una sorta di filtro, magari con una resistenza che variava il valore totale di quella 4k7 in serie all'elettrolitico prima del secondo BC107.

Quella che va al collettore del MJ900 è effettivamente la massa. L'amplificatore aveva singola alimentazione.

Ma te hai solo quella scheda? Non c'era collegato nulla ai vari punti? Credo che nella serie 6-7-8-9 c'era almeno un componente sensibile alla temperatura del dissipatore, altrimenti la compensazione termica chi la faceva?

Da quanto dici allora devo ritenere che i punti 2/3 potrebbero aver avuto  un deviatore come se fossero due ingressi segnale.

Il collettore del MJ900 va a massa, ok.

Purtroppo ho una seconda scheda uguale con bruciati i due Mj le due resistenze da 0.22, ilBC141, i due diodi e pi forse altro.

Nel frattempio andrò a vedere nel contenitore dove ho ricuperato le schede se c'è altro li vicino,

PS: non è che debba farne un aplificatore da usare . MI iteressa per far pratica utilizzando i vostri consigli.

Grazie "sono sempre in attesa degli MJ"

16 ore fa, gabri-z ha scritto:

Il collettore del transistor non può essere in quel punto , per il segnale è a massa .

Anche il 4,7nF pare alto , ma l'amplificatore serviva forse per la parte bassa del audio , tipo voce...

Prego spiegarmi meglio "non puo essere in quel punto e per il segnale a massa" dove dovrebbe essere?

Il transistor a cui ti riferisci penso sia il terzo al quale è collegato il 4.7nf per il cui valore errato  hai ragione leggo (470PF)

Ringrazio "sono sempre in attesa degli MJ"

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, beonardo ha scritto:

Il transistor a cui ti riferisci penso sia il terzo

Si . Il suo collettore non può essere collegato come nell'ultima immagine che hai mandato , deve avere un resistore nel collettore , come nello schema che ti ha tirato fuori ctec (quanto avrà lavorato ? ) .

 

P.S. Se il circuito non corrisponde allo schema di ctec , modifica il circuito  , funzionerà di sicuro seguendo lo schema che ti ha fatto e quel che ti ho detto dopo .

Link to comment
Share on other sites

52 minuti fa, gabri-z ha scritto:

(quanto avrà lavorato ? )

Eheheh... Mi diverto un sacco a fare reverse engineering. Lo sto facendo su diverse schede arcade anni '80, soprattutto bootleg dove venivano aggirati integrati fatti apposta (vedi i Konami) con componenti discreti. Alla faccia delle FPGA. Massimo si usavano un paio di PAL...

Per fare quello dell'ampli, singola faccia, basta fare una foto del lato rame, specchiarlo (per vederlo come da sopra), disegnare in colore i componenti e ricavare lo schema. In questo caso è semplice, l'ho fatto a matita poi riportato a bella con Fritzing. Se più complicato (doppia faccia, un sacco di piste) lo faccio direttamente con un software gratuito, poi sistemo il tutto in bella con Kicad.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Ctec ha scritto:

poi sistemo il tutto in bella con Kicad.

 

Anni fa ad una fiera di elettronica c'era uno stand di Kicad, il rappresentante per l'Italia, che mostrava la possibilità di retro ingegnerizzazione partendo dal circuito stampato. La tua versione di Kicad non ha questo ficilità?

Link to comment
Share on other sites

No, ho l'ultima versione e non si può fare un disegno in pcb (non ti fa connettere i pad se non c'è una net definita che li collega) e poi trasformarlo in schematico.

Effettivamente mi pareva che parecchi anni fa si potesse fare, ma ora no. O almeno, non ci sono riuscito (se qualcuno sa come fare, si faccia avanti).

Di solito uso il Fritzing, con un po' di artifici per aggirarne alcune limitazioni. Ma anche l'ultima scheda con 105 integrati è sbrogliata, la sto rimettendo a bella.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...