Jump to content
PLC Forum


problema accensione caldaia vaillant vcw180h


geccobianco
 Share

Recommended Posts

geccobianco

buongiorno possiedo una caldaia vaillant vcw 180 funzionante dal 1991. ultimamente pero' mi presenta diversi difetti di funzionamento.prima mi perdeva il condensatore secondario (ancora originale in plastica nera) e non funzionava in modalita' riscaldamento.ho provveduto quindi a sostituire il secondario,nuovo a piastre con tutti i tubi in rame inclusi per la modifica. per quanto riguarda la funzione riscaldamento ho notato che la valvola a 3 vie si sposta correttamente verso sinistra e attiva i 2 microswich correttamente ma ci vuole molto tempo prima che questa condizione avvega.ho provveduto a sostituire la membrana in gomma alla valvola a 3 vie ma non ho ottenuto miglioramento. quando richiesta la funzione di riscaldamento sento partire la pompa la valvola a 3 vie ha il micro inferiore premuto e incomincia a muoveri verso sinistra ma per premere il micro superiore ci vogliono diversi minuti.quando finalmente riesce a premere anche il micro superiore parte la produzione di aqua calda in riscaldamento.quando finalmente parte il pizzoelettrico prodoce scintille il bruciatore produce una fiamma bassa il pizzoelettrico smette di produrre scintille la fiamma diventa alta ma dopo pochi secondi interviene ancora il pizzoelettrico a produrre scintille poi la caldaia va in blocco e scatta il pulsante nero.quindi riarmo il pulsate nero riattendo che la 3vie riprema il micro superiore riprende la produzione di scintille dal pizzoelettrico si riaccende la fiamma smette di riprosurre scintille si rialza la fiamma e finalmente funziona regolarmente. a tal proposito ho provveduto a sostiture il rilevatore di fiamma posto sul bruciatore di destra ma non ho risolto il problema .La caldaia produce ancora scintille quando e' presente la fiamma. ho quindi pensato di cambiare la scheda di accensione. ordinata una nuova original montata ma il difetto si ripresenta in ugual misura. ora mi trovo con il secondario in ordine in quanto non ha perdite (anche se il suo originale non e' che perdesse poi molto,ma mi piace tenere tutto in ordine e vista l'eta' della caldaia ho preferito sostituirlo).mi rimangono i due problemi che purtroppo non riesco ad eliminare, nonostante aver cambiato la scheda di accensione il rilevatore di fiamma la caldaia a volte va ancora in blocco. per quanto riguarda la produzione di acqua calda in riscaldamento che verifiche posso fare? 

Link to comment
Share on other sites


adrobe

Credo che la tua caldaia stia piuttosto malmessa.

Per il primo problema credo siano da controllare i tubicini di rame e/o la prevalenza della pompa, per il secondo verificherei la bontà dell'operatore gas.

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Ti ringrazio adrobe per i consigli

Nel frattempo non sapendo come intervenire,ho cercato le risposte che hai dato ad altri utenti che  avevano una caldaia simile alla mia con gli stessi sintomi.

Per il problema dell'acqua calda in riscaldamento ho smontato e pulito tutti i tubicini in rame, e dopo aver verificato che fossero liberi  li ho rimontati sulla caldaia.

Alla prova  sembrava funzionare correttamente,in fase di richiesta riscaldamento,dopo alcuni secondi partiva la pompa e poi il bruciatore con  la fiamma al  minimo, quando poi la fiamma si alzava interveniva ancora il pizzoelettrico e la caldaia andava ancora in protezione con la spia rossa accesa.

Riarmando il pulsante nero, tutto ripartiva correttamente, e la caldaia funzionava rimanendo accesa eseguendo i cicli di fermo e riaccensione per tutta la giornata

Il giorno seguente riprovando in riscaldamento, a caldaia fredda, la prima accensione non andava a buon fine, perché interveniva ancora il pizzoelettrico, riarmando e ripartendo funzionava correttamente per tutto il giorno.

Nei giorni successivi notavo che alla richiesta di riscaldamento la pompa partiva ma per premere il micro superiore impiegava ancora troppo temo.

Ho  quindi rimosso ancora i tubetti, i due depressori (credo si chiamano cosi') posti sull'operatore  gas e la valvola deviatrice.

Quest'ultima una volta aperta risultava piena di morchia marrone, come pure i due depressori.

Ho pulito la valvola deviatrice liberandola dalle impurita' manualmente, poi l'ho immersa in una lavatrice a ultrasuoni fino a che non e' diventata più' pulita.

Puliti anche i due depressori ho sostituito  le membrane e i premistoppa,ma non i piattelli neri in quanto non sono riuscito a trovarli

HO rismontato anche la valvola a tre vie avendo paura che delle impurità potessero averla raggiunta nuovamente,ho sostituito il piattello più grande in acciaio e lubrificato tutto. 

Non ho cambiato il piattello nero in quanto non non l'ho trovato.

Rimontato tutto la caldaia non presenta difetti, funziona bene da diversi giorni,alla richiesta di riscaldamento dopo poco lei parte

Ti ringrazio ancora per i suggerimenti che hai dato a altri utenti perché senza quelli ero ancora in difficoltà e non avrei sicuramente risolto i miei problemi.

Rimane solo il problema del pizzoelettrico che interviene anche quando non dovrebbe.

Ho letto oltre 100 pagine sul forum ma di questo incoveniente non ho trovato informazioni.

Vorrei aggiungere che tale problema si manifesta anche in richiesta di acqua calda sanitaria, dopo due o tre blocchi e riarmi consecutivi la caldaia funziona regolarmente.

Funziona regolarmente anche se richiedo acqua calda sanitaria dopo poche ore dall'ultima richiesta.

Il difetto si manifesta principalmente quando la caldaia é fredda o non si usa per parecchie ore.

Per verificare il funzionamento dell'operatore gas che prove devo fare?

Per il momento grazie e buona giornata

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Se i piattelli sono integri (soprattutto se lo stelo è diritto) non è necessario sostituirli.

In genere il piezo interviene ripetutamente quando la scheda di accensione è difettosa, ma visto che l'hai già cambiata verifichiamo prima altre cose.

In fase di funzionamento verifica la tensione ai due terminali dell'operatore gas (si trovano di fianco ad esso)...allontani un pò le protezioni di gomma senza staccare i collegamenti e vedi se misuri circa 20V . Sarebbe utile farlo soprattutto quando interviene ripetutamente il piezo.

Altra prova sull'operatore gas è verificare la resistenza (in ohm) sempre sui due terminali di esso, ma a caldaia spenta e con i contatti con il resto della caldaia staccati. Per essere OK deve essere intorno a 200 ohm.

Ci risentiamo dopo queste verifiche.

 

P.S. avevo scritto che la tua caldaia era malmessa perchè immaginavo fosse piena di sporcizie.

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Buonasera  adrobe,

i valori che mi hai chiesto di rilevare sono:

in fase di funzionamento 20,4 volt ac

con Piero che interviene quando non deve 20,4 ac

resistenza co con connettori staccati 214 ohm

grazie

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Dalla diagnosi sembra che non ci sia un problema elettrico bensì un problema di difficoltà di arrivo del gas; comunque l'operatore gas è a posto.

Bisogna investigare meglio sui due depressori, che dovrebbero dare il consenso all'apertura della valvola gas.

In particolare quello inferiore puoi provare a staccarlo e vedere se si riesce a premere facilmente il pistoncino della valvola gas.

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

I due depressori li ho controllati e sembrano funzionare bene .  ho anche sostituito la membrana  e il premistoppa ad entrambi. Quando si verifica il difetto del Piexo la fiamma è presente  però poi va in blocco la caldaia. In secuenza alla richiesta di acqua o riscaldamento,parte il Piexo arriva la fiamma bassa,smette il Piexo , dopo  poco la fiamma diventa più grossa ed è qui che interviene ancora il piezo .

 

 

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Se parte il piezo con la fiamma già accesa (non l'avevo capito prima)  il problema sta nella fase di accensione. In genere, come già detto, è colpa della scheda di accensione. Se siamo sicuri che quella che hai ora è OK si può pensare ad un difetto di uno dei micro, o difettoso o non sempre completamente eccitato o diseccitato. Più improbabile che sia la scheda pannello comandi, che dà un errato consenso all'accensione

Edited by adrobe
Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Grazie delle risposte.dato che quando la fiamma è bassa il funzionamento  è regolare volevo chiederti se quando diventa più alta interviene la pompa dell'aria?.se così fosse non si può provare ad escluderla per capire se il piezo interviene ancora?

 

 

Link to comment
Share on other sites

adrobe
Quote

quando diventa più alta interviene la pompa dell'aria?

.

si

 

Quote

se così fosse non si può provare ad escluderla per capire se il piezo interviene ancora?

 

non serve a niente, comunque puoi provare staccando i due tubicini di gomma sul retro della scatola comandi

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Buonasera adrobe.

Ho provato a staccare i due tubicini dal retro della scatola comandi poi ho aperto l’acqua calda.La caldaia è partita subito con fiamma bassa e il piezo ha smesso pochi istanti dopo l’accensione e non è più intervenuto. Mentre andava (dopo circa un minuto) ho ricollegato i due tubetti, la fiamma si è alzata e ha funzionato regolarmente

Link to comment
Share on other sites

adrobe

La pompa dell'aria non ha alcuna influenza sull'accensione o meno del piezo. La ha invece il rilevatore di fiamma; forse quando si alza la fiamma non la rileva a dovere, e quindi comanda al piezo (attraverso la scheda elettronica) di intervenire

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Buonasera adrobe

Il rivelatore di fiamma l’ho sostituito, ho sostituito anche la scheda elettronica di controllo, ma non ho risolto il problema. Credo anche io che quando la fiamma aumenta il rilevatore non la considera, mentre quando è ancora bassa si. Eppure credo di averla montata correttamente, anche perché la sua sede è obbligatoria. Ti ho chiesto informazioni sul funzionamento della pompa dell’aria perché il difetto si manifesta quando lei interviene. A tal proposito volevo chiederti se può capitare che quando lei funziona può fornire aria in maniera diversa (insufficiente).Quando la fiamma si alza aumenta anche la portata del gas?.Può capitare che no si eroga la corretta quantità di aria o gas e la fiamma non investe bene il rilevatore di fiamma?
Scusami ma non so cosa fare.Ti ringrazio ancora per il tempo  che mi stai dedicando.

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Ti spiego il principio di funzionamento aria/gas.

Al consenso all'accensione viene alimentata la bobina dell'operatore gas, che apre la portata di gas alla potenza minima (35 %), la pompa aria non parte per qualche secondo (circa 3 secondi), trascorsi i 3 secondi viene attivata anche la pompa dell'aria, ed  alla massima potenza (6 Volt --> 100%). La pompa spinge aria (attraverso il tubicino + e aspira dall'altro tubicino -) all'interno dell'operatore gas, dove viene spostata una membrana che lascia passare più gas.

 Tutte le potenze intermedie da 35% al 100% vengono determinate dalla portata della pompa aria regolata dall'elettronica che attraverso la sonda NTC (fissata sul tubo uscita scambiatore primario) misura la temperatura dell'acqua.

Orbene, siccome vedi aumentare la fiamma deduco che sia la pompa dell'aria che l'operatore gas funzionino correttamente, e che se si accende il piezo a sproposito ci sia un errato segnale a riguardo da parte di uno dei componenti elettronici (rilevatore? sonda NTC? scheda di accensione? scheda di regolazione?). Mi risulta difficile capirlo a distanza, anche perchè mi sembra che il fenomeno non si manifesti sempre, bisognerebbe andare per tentativi provando a sostituire uno alla volta questi componenti (che non è guasto, ma malfunzionante).

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Prova a montare l'elettrodo di rilevazione fiamma al centro della rampa bruciatore anzichè all'estremità destra, a volte si risolve così

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Grazie adrobe, bella e accurata spiegazione. Ho provato a mettere il rilevatore al centro della rampa dei bruciatori ma anche questo tentativo non ha risolto.

6 ore fa, adrobe ha scritto:

Al consenso all'accensione viene alimentata la bobina dell'operatore gas, che apre la portata di gas alla potenza minima (35 %), la pompa aria non parte per qualche secondo (circa 3 secondi), trascorsi i 3 secondi viene attivata anche la pompa dell'aria, ed  alla massima potenza (6 Volt --> 100%)

Quindi alla massima potenza della pompa aria l’operatore fa passare  il gas in base all’ aria che riceve (se al 100% la pompa fornisce poca aria, perché non efficiente,l’operatore lascia passare meno gas e non il massimo)

 

7 ore fa, adrobe ha scritto:

Mi risulta difficile capirlo a distanza, anche perchè mi sembra che il fenomeno non si manifesti sempre, bisognerebbe andare per tentativi provando a sostituire uno alla volta questi componenti (che non è guasto, ma malfunzionante).

La scheda di accensione e il rilevatore sono nuove,  ho anche pulito gli ugelli e le due rampe dei bruciatori, quindi per fare altre prove dovrei sostituire la sonda nct o la scheda di controllo 

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Da controllare col tester anche i vari micro, verificando anche che si posizionino correttamente nelle varie modalità di funzionamento. Una volta sono impazzito col micro del commutatore, che apriva e chiudeva il contatto elettrico a suo piacimento 

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Buonasera adrobe. Ho controllato con il tester i vari micro (due sulla valvola deviatrice e uno dietro al commutatore) e sembra che funzionino bene. Anche i movimenti nelle varie modalita' sono corretti. Ieri mi hai detto che a distanza ti risulta difficile capire quale componente puo' causare il difetto,anche perche' non si verifica sempre. Allora ho cercato di osservare con piu' attenzione per poterti fornire altri indizi. Sembra tutto regolare fino a quando la fiamma e' bassa, quando poi si alza no. Nel senso che quando abbiamo la fiamma bassa, e' bella uniforme e dritta di colore blu intenso, quando poi si alza no. E',non so come spiegarmi, come se ondeggiasse e di colore arancione. Poco dopo la caldaia va in blocco. La faccio ripartire e: se e' in fase di richiesta di riscaldamento funziona correttamente (dopo un blocco riparte) se in richiesta di acqua calda sanitaria invece riparte dopo due blocchi. Funziona ma la fiamma alta non e' bella e stabile. Il fatto che ondeggi non credo sia normale. Cosa ne pensi?. Granzie ancora per il supporto che mi stai fornendo

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Mi correggo. I micro che ho controllato sono due sulla valvola a 3 vie e uno dietro la valvola deviatrice.

Link to comment
Share on other sites

adrobe

Allora lasciamo stare i micro che sembra vadano bene. Invece pare ci sia un problema sulla fase di alimentazione/modulazione/regolazione del gas. Comunque:

- il blocco avviene sistematicamente circa 10 secondi dopo la fase di accensione? se è così , è colpa del rilevatore di fiamma.

Altrimenti:

- da quanto tempo non fai eseguire la regolazione del gas in contemporanea  all'analisi della combustione? può darsi che l'alimentazione del gas sia notevolmente starata, se la fiamma assume quel colore. Come pure può darsi che l'operatore o la valvola del gas non aprano bene alla maggior richiesta da parte della scatola comandi

Prima prova da eseguire:

- quando sta in riscaldamento in condizioni operative "normali" di riscaldamento prova a portare repentinamente  la manopola del termostato in posizione 1 alla temperatura di 50°C (in fase di salita)  ed osserva se la fiamma si abbassa repentinamente. Se hai un termostato esterno, escludilo mettendo un ponte tra i terminali 3 e4 della morsettiera per fare questa prova.

Seconda prova:

- In fase di avvio caldaia (quando riscontri il problema) stacca la sonda NTC (scollega il relativo faston)  e vedi se il problema si riscontra ancora. Però non far lavorare la caldaia per più di 1 minuto in questa condizione

Dopo queste verifiche scrivi nuovamente

Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Buonasera adrobe. ti riporto i dati delle prove che mi hai chiesto:

-  10/12/2020 data dell'ultima analisi della combustione con i seguenti valori: TEMPERATURA FUMI= 87.5    TEMP. ARIA COMBINATE= 42.7

    O2= 12.8%   CO2= 4.57%   CO FUMI SECCHI= 2ppm   CO CORRETTO= 5ppm   RENDIMENTO DI COMBUSTIONE= 96%    

 

Il 17/5/2022 alle 06:08 , adrobe ha scritto:

- In fase di avvio caldaia (quando riscontri il problema) stacca la sonda NTC (scollega il relativo faston)  e vedi se il problema si riscontra ancor

-Si il problema si riscontra ancora.

Il 17/5/2022 alle 06:08 , adrobe ha scritto:

 

- quando sta in riscaldamento in condizioni operative "normali" di riscaldamento prova a portare repentinamente  la manopola del termostato in posizione 1 alla temperatura di 50°C (in fase di salita)  ed osserva se la fiamma si abbassa repentinamente

- Si la fiamma si abbassa subito  

Il 17/5/2022 alle 06:08 , adrobe ha scritto:

il blocco avviene sistematicamente circa 10 secondi dopo la fase di accensione?

- Si 

Grazie

Link to comment
Share on other sites

adrobe

il difetto sta nel rilevatore di fiamma (o il suo collegamento elettrico), oppure gas sporco, oppure condotto di scarico fumi ostruito

Edited by adrobe
Link to comment
Share on other sites

geccobianco

Grazie adrobe.Per quanto riguarda il rilevatore di fiamma posso provare a cambiare il cavo con i suoi connettori utilizzandone uno per termocoppie?  il condotto di scarico  posso ispezionarlo facilmente in quanto sono all'ultimo piano e la canna fumaria passando dal mio solaio poi esce dal tetto. Se ritieni posso anche smontare il primario per verificare se le alette sono libere. Cosa ne pensi?  Ciao e grazie ancora

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...