Jump to content
PLC Forum


Trifase 380 12 kW


GiorgioAnastasi
 Share

Recommended Posts

GiorgioAnastasi

Buonasera a tutti,

per ampliamento del fotovoltaico e acquisto caldaia a pompa di calore, dovrei cambiare il contatore ed aumentare la potenza. Come da oggetto ho richiesto prima il cambio contatore per avere una trifase 380 e successivamente chiederò l'aumento da 3 a 12kW.

Sto attendendo ovviamente che inizino i lavori del 110% (quasi un anno di attesa), l'acea era già venuta per sostituirmi il contatore, ma quando il tecnico è venuto a casa, mi ha sconsigliato di farlo prima di suddividere le tre fasi all'interno dell'impianto di casa, affermando che avendo ancora il vecchio cavo monofase dal contatore esterno all'abitazione, su quel cavo ci sarebbe stato al massimo 1 kW (gli attuali 3kW /3 ). Quindi con questa teoria, una volta cambiato il contatore e richiesti i 12kW, avrei su una singola fase max 4 kW, può essere ?? Se fosse così, in casi particolari di alto assorbimento su una fase (e magari assorbimento 0 sulle altre due) potrebbe comunque saltarmi la corrente ?

 

Grazie per i chiarimenti.

Link to comment
Share on other sites


pedersen

I contatori acea sono diversi da quelli dell'enel.. si dovrebbe provare dal vivo

E' possibile che si verifichi quanto dubiti

Io non farei la prova con solo 3kw trifase a meno di non avere un vicino che in caso di bisogno ti faccia collegare 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, GiorgioAnastasi ha scritto:

su quel cavo ci sarebbe stato al massimo 1 kW (gli attuali 3kW /3 )

L'omino del contatore sarebbe meglio che continuasse a montare i contatori dispensando meno consigli
 

 

1 ora fa, GiorgioAnastasi ha scritto:

na volta cambiato il contatore e richiesti i 12kW, avrei su una singola fase max 4 kW, può essere ??

Il limite di squilibrio permanente è di 6 kW (CEI 0-21 8.3)
E' ammesso uno squlibrio transitorio fra 6 e 10 kW fino ad un massimo di 30 minuti (CEI 0-21 8.3.1.2)
 

Edited by elab69
Link to comment
Share on other sites

ilsolitario

Ogni giorno rimango sempre più allibito.   Se chiedi 12kw ti serve un progetto redatto da professionista abilitato 

Link to comment
Share on other sites

Microchip1967
1 ora fa, ilsolitario ha scritto:

Ogni giorno rimango sempre più allibito.   Se chiedi 12kw ti serve un progetto redatto da professionista abilitato 

 

piu' che altro al momento della richiesta dell'aumento di potenza dovresti consegnare copia della DDS all'ente erogatore.

Comunque sia il progetto serve sempre.cambia solo chi lo firma.

Link to comment
Share on other sites

pedersen

Io so che il progetto serve per l'impianto non per la richiesta di allacciamento. 

Puoi anche richiedere 500kW e avere un impianto per 3kW. In questo caso non dovrebbe servire il progetto. 

Poi quando decidi di fare un impianto grosso ovviamente fai il progetto. 

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, pedersen ha scritto:

Io so che il progetto serve per l'impianto non per la richiesta di allacciamento. 

Puoi anche richiedere 500kW e avere un impianto per 3kW. In questo caso non dovrebbe servire il progetto. 

Poi quando decidi di fare un impianto grosso ovviamente fai il progetto. 

Come da DM37/08 art. 8, serve la dichiarazione di conformità, che deve essere consegnata al fornitore entro 30 giorni dall'allacciamento. Se chiedi 500kW di fornitura, devi presentare una dico che fa riferimento ad un progetto di impianto da 500kW

Edited by elab69
Link to comment
Share on other sites

pedersen

Allaccio di 100kW, nessuno ha richiesto niente (venditore e distributore) e nessuno ha inviato niente

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, pedersen ha scritto:

nessuno ha richiesto niente (venditore e distributore) e nessuno ha inviato niente

E erto, questo è il sistema Italia.
1000 leggi
ma al fornitore non importa nulla; lui deve mantenere il cliente, non rischiare di perderlo
Il cliente che allaccia, fa l'impianto abusivo e non ha interesse a mandare un documento che non può avere in modo legale.

Comunque, dalle mie parti, il fornitore sta imparando a diventare più virtuoso e diversi miei clienti mi confermano che se non danno la DiCo non gli allacciano il contatore

 

Link to comment
Share on other sites

GiorgioAnastasi

Signori,

ringrazio a tutti per i tanti post scritti, molti hanno inviato informazioni circa la necessità o meno di presentare il progetto, conformità o quanto altro.

Grazie, a questo penserà se necessario l'azienda a cui ho commissionato i lavori.

La mia domanda era diversa, ovvero, se richiedo una trifase 380v da 12kW, su ogni fase ho max 4kW o posso anche utilizzarne tutti e 12 su una fase sola ? (ho fatto un esempio estremo) Qualcuno ha scritto che è accettato uno scompenso tra 6 e 10 kW per massimo 30 minuti.

 

Grazie ancora

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, GiorgioAnastasi ha scritto:

Qualcuno ha scritto che è accettato uno scompenso tra 6 e 10 kW per massimo 30 minuti.


e puoi mantenere uno squilibrio permanente fino a 6 kW.

ma è tutto scritto nella CEI 0-21 che è la regola tecnica di connessione per gli utenti attivi e passivi. Questa è una di quelle norme che ha forza di legge e deve essere rispettata dal fornitore quanto dall'utente.
La CEI 0-21 è così importante che è disponibile gratuitamente senza alcun costo. L'ultima edizione è quella del 2022-03

Link to comment
Share on other sites

pedersen

Nei contratti di fornitura c'e' sempre scritto che la potenza va ripartita tra le tre fasi. 

 

Se hai bisogno di 4 kw su una fase devi richiedere 12 kw, se vuoi 12kw su una fase devi richiedere 36 kw, se ne vuoi 30 per fase ne devi chiedere 90. 

E' semplice. 

 

Se non lo fai vai incontro a problemi sia tecnici che legali. 

Tecnici perche' quando ti allacciano ti dimensionano i cavi per una corrente di pochi ampere (calcolati in base ai 4kW). Se triplichi l'assorbimento aumenta la caduta di tensione e magari ti trovi con 180 Volt al posto di 230Volt. In questo caso non puoi reclamare che la linea non e' buona perché devi chiedere il triplo della potenza e far potenziare la linea. 

Legali perché se crei problemi a tutti gli altri utenti della zona per tensione bassa, cavi bruciati ecc  ti chiameranno in causa per farti risarcire i danni

Perrsonalmente io preferisco pagare i kW in più prima piuttosto che fare una causa dopo.. 

 

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, pedersen ha scritto:

Nei contratti di fornitura c'e' sempre scritto che la potenza va ripartita tra le tre fasi. 

 

Se hai bisogno di 4 kw su una fase devi richiedere 12 kw, se vuoi 12kw su una fase devi richiedere 36 kw, se ne vuoi 30 per fase ne devi chiedere 90. 

E' semplice. 

 

Se non lo fai vai incontro a problemi sia tecnici che legali. 

Tecnici perche' quando ti allacciano ti dimensionano i cavi per una corrente di pochi ampere (calcolati in base ai 4kW). Se triplichi l'assorbimento aumenta la caduta di tensione e magari ti trovi con 180 Volt al posto di 230Volt. In questo caso non puoi reclamare che la linea non e' buona perché devi chiedere il triplo della potenza e far potenziare la linea. 

Legali perché se crei problemi a tutti gli altri utenti della zona per tensione bassa, cavi bruciati ecc  ti chiameranno in causa per farti risarcire i danni

Perrsonalmente io preferisco pagare i kW in più prima piuttosto che fare una causa dopo.. 

 

Ma dove hai letto queste cose?? 

Ma dai, c'è la CEI 0-21 che stabilisce le regole di connessione. Il resto è fantasia e leggende. 

Lo squilibrio fino a 6kW è consentito in modo permanente, e non perché lo dico io o l'ho letto su Topolino, ma perché è scritto sulla CEI 0-21.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...