Jump to content
PLC Forum


Problema pressione Ariston VLS EVO 50 EU


carteto
 Share

Recommended Posts

carteto

Buongiorno,ho un problema con lo scaldabagno in oggetto.Nonostante tutti gli accorgimenti, in funzione di una elevata pressione in ingresso, quindi riduttore di pressione e valvola, lo scaldabagno, solo quando acceso, gocciola proprio dalla valvola.Lo scaldabagno e' stato montato in orizzontale, scelto proprio per questo.La casa consiglia un vaso di espansione che gli idraulici contattati(ben 3)ritiengono eccessiva per un 80 lt.Intanto il problema non si risolve ed ho pagato più' di idraulici che per lo scaldabagno, nel frattempo.

Grazie a chi potra' darmi suggerimenti 

Link to comment
Share on other sites


Stefano Dalmo

Si , ma di che pressione stiamo parlando ?

la valvola a corredo a 3 bar  e un po prima già inizia a gocciolare . 
il regolatore ha un manometro per vedere a quanto è tarato e se mantiene la pressione di taratura ?

Link to comment
Share on other sites

Stefano Dalmo

 a parte che 8 bar  è una esagerazione averli anche nelle condotte di casa , quindi  propenderei per mettere un regolatore di pressione  a monte dell'impianto di casa , in modo da salvaguardare tutto ,  Se non si porta la pressione nello scaldabagno a 2 bar  , la valvola gocciolerà sempre.

Link to comment
Share on other sites

robertice

Occorre mettere sotto lo scaldabagno un gruppo idraulico di sicurezza tipo Caleffi 5261 e un vaso ad espansione, se hai 8 bar in entrata occorre anche un riduttore di pressione da mettere dopo il contatore così salva tutto l'impianto 

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti

 

14 ore fa, carteto ha scritto:

Buongiorno,ho un problema con lo scaldabagno in oggetto. Nonostante tutti gli accorgimenti, in funzione di una elevata pressione in ingresso, quindi riduttore di pressione e valvola, lo scaldabagno, solo quando acceso, gocciola proprio dalla valvola.

 

Non so se interpreto correttamente quanto è stato scritto in premessa ma sembrerebbe che un Riduttore di Pressione ci sia.

Poi non si capisce (non viene detto) se serve per tutto l'Impianto di Casa o solamente per lo Scaldabagno e a quale pressione è stato tarato.

Comunque anche se il Riduttore fosse tarato a 2 - 2,5  bar, secondo me, la perdita continuerebbe.

 

Per quanto ne ho capito io, sono già parecchi anni (circa 30) che tutti i Costruttori (non so perché) hanno ridotto drasticamente il volume geometrico interno degli Scaldabagni.

Il volume lasciato a disposizione della "bolla d'aria" che permetteva il normale aumento di volume dell'acqua calda è diventato ridottissimo.

 

Risultato : Quasi tutti gli Scaldabagni, quando arrivano sui 50 °C cominciano ad andare in sovrapressione e gocciolano dalla Valvola di Sicurezza .

 

Per come poter rimettere in servizio, forse per un mese, gli Scaldabagni che gocciolano dalla Valvola di Sicurezza, senza fare lavori di modifica e purché la Pressione Acqua non superi i 3 bar : Si può fare/tentare ! ma sarebbe un po' lungo da spiegare.

 

Ci sarebbe anche un modo duraturo di risistemare la situazione (probabilità di successo al 80-90 %) : micromodifica della Valvola Bifunzionale di Ritegno & Sicurezza in entrata acqua fredda nello Scaldabagno.

 

Non si tratta di manomettere la parte funzionale "Valvola di Sicurezza" (che manterrà inalterata la sua funzione originale) ma solo di creare una "microperdita" nella Valvola di Ritegno.

I dettagli di come eseguire il lavoro per generare la microperdita sulla Valvola di Ritegno possono essere diversi a seconda del tipo di Otturatore della Valvola stessa.

------------------------------------------------------------

 

Comunque, a parte quanto da me risaputo da molto tempo, ho cercato qualcosa di utile  nel Web (difficilissimo da trovare qualcosa di realmente chiaro e utile) e ho trovato quello che potrà convalidare quanto già detto da me visto che ho detto :

 

--- " Per quanto ne ho capito io, sono già parecchi anni (circa 30) che tutti i Costruttori (non so perché) hanno ridotto drasticamente il volume geometrico interno degli Scaldabagni.

Il volume lasciato a disposizione della "bolla d'aria" che permetteva il normale aumento di volume dell'acqua calda è diventato ridottissimo. " ---

 

Vedere :

https://forum.aggiustatutto.it/idraulica-e-termica/34093-problema-scaldabagno-perdita-valvola-di-sicurezza.html

 

La prima risposta di apos35   è quella utile e la copio-incollo :

 

Ciao, il fatto che hai installato lo scaldabagno da poco rende difficile l'idea che la valvola di sicurezza possa essere difettosa però dobbiamo riflettere su dati certi, quindi è necessario sapere qual è la pressione del tuo impianto.
questo puoi farlo con l'aiuto di un manometro se è già installato nell'impianto oppure puoi installarlo tu, non è complicato.
Se la pressione del tuo impianto supera i 5 bar dovresti installare un riduttore di pressione in un tratto della tubazione che si trovi prima delle utenze domestiche.
Per capire come e dove bisogna conoscere un po' meglio il tuo impianto ,se utilizzi l'acqua diretta dal contatore oppure hai un sistema di pressurizzazione con autoclave o pompa + presscontrol.
Se invece la pressione supera i 3 bar ma riesce a stare sotto i 5 il riduttore di pressione lo puoi installare prima dello scaldabagno a monte della valvola di sicurezza e qui l'intervento sarebbe molto più semplice.
A volte ,però, nonostante ciò si può non risolvere il problema
in quanto gli scaldabagni nuovi a differenza di quelli vecchi non hanno più la sacca d'aria e necessitano quindi di un vaso di espansione montato tra lo scaldabagno e la valvola di sicurezza, quest'ultimo intervento dovrebbe essere risolutivo.

Link to comment
Share on other sites

Xxxxbazookaxxxx
Il 3/8/2022 alle 09:17 , carteto ha scritto:

vaso di espansione che gli idraulici contattati(ben 3)ritiengono eccessiva per un 80 lt

Ci va un vaso da 5 litri 

Link to comment
Share on other sites

Ciao a tutti

 

Sono andato a vedere che fine ha fatta carteto che pareva abbastanza interessato a risolvere la perdita del suo Scaldabagno (08/003/22 - ore 09:17).

Direi che il suo interesse a risolvere il problema è veramente minimo dato che la sua ultima "visita" risulta attualmente dello stesso giorno : 08/003/22 - ore 12:42 .

 

Magari non sarà stato scritto nulla di utile ... ma sicuramente Lui non ha ancora letto nulla.

 

Boh! Forse sarà andato in vacanza e ci si risentirà al suo felice rientro, forse gli sono esplosi tutti i suoi Dispositivi Telematici, chissà ...

 

Gli ho servita una ottima "dritta" per giustificarsi semmai dovesse "rientrare" !

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...