Jump to content
PLC Forum


I telefoni vanno collegati in serie all' adattatore voip oppure in parallelo?


Cibachrome
 Share

Recommended Posts

Buongiorno :)

 

Con 1 linea internet in FTTC/FTTH con la fonia in Voip i telefoni analogici, oppure quelle prese rj11 dedicate esclusivamenti ai telefoni, vanno collegati/e in serie oppure in parallelo ad una solo presa rj11 FXS, di un adattatore voip?

 

Su internet ho letto pareri discordanti sul collegamento in parallelo oppure in serie per i telefoni analogici/prese rj11( dedicate aii telefoni) all' adattore voio (esterono oppure integrato nel modem router) per chi ha la fonia in Voip. C'è chi sconsiglia proprio il collegamento in parallelo per problemi, se non ricordo male d' impedenza.

Link to comment
Share on other sites


Naturalmente parliamo di "Serie" quando la presa "vede" un telefono per volta, e gli altri sono esclusi dal contatto di scambio interno. (Presa Sip a 3 o 4 fili)

Dipende ovviamente dal tipo e numero di telefoni da collegare.

Fino a 4 telefoni moderni con suoneria elettronica non ci sono problemi a metterli in parallelo.

 

Link to comment
Share on other sites

In genere sempre in parallelo. La quantità dipende però dal tipo di adattatore VoIP; su alcuni c'è proprio un parametro (mi sfugge il termine) che serve  per calibrare la corrente sulle porte FXS in modo da gestire più telefoni in parallelo.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, patatino59 ha scritto:

Naturalmente parliamo di "Serie" quando la presa "vede" un telefono per volta, e gli altri sono esclusi dal contatto di scambio interno. (Presa Sip a 3 o 4 fili)

Ho trovato anche come si collegano in serie le prese rj11 però ci vogliono 3 fili anzichè solo 2.

 

2 ore fa, patatino59 ha scritto:

Dipende ovviamente dal tipo e numero di telefoni da collegare.

Fino a 4 telefoni moderni con suoneria elettronica non ci sono problemi a metterli in parallelo.


Un telefono cordless analogico, che non supporta il dect e non ha il vivavoce.

Poi ci sono due telefoni cordless analogici che non supportano il dect, non hanno il vivavoce però il secondo e la sua base non hanno una presa rj11 e comunicano tramite onde radio (forse in analogico) con la prima base ed il primo telefono. Però il primo telefono non so perchè ha problemi a ricaricarsi e quindi è stato tolto o buttato ed è rimasta solo la base.

Dove sta la seconda base c'è una presa telefonica che con il doppino che vorrei riutilizzare collegando a monte il doppino appena sarà possibile. Verrà collegato uno dei cordless analogici o forse uno nuovo.

 

Posso fornire la marca ed il modello se serve :)

 

Poi stiamo valutando a casa forse di mettere un telefono analogico però tramite onde radio. Anche se poche ore fa mi sono ricordato che è possibie utilizzare lo smartphone come cordless grazie all' app TIM.

 

Non so se i cordless richiedono più energia tramite doppino per la trasmissione e ricezione rispetto ai telefoni analogici con i tasti e che non hanno l' alimentazione.
Non so se i telefoni cordless analogici duo, che hanno le basi che comunicano tra loro tramite onde radio, fa si che la prima base richieda più energia tramite doppino rispetto ala base di un cordless analogico che però non trasmettere e ricevere onde radio agli altri cordless.

 

3 ore fa, Andrea Annoni ha scritto:

In genere sempre in parallelo. La quantità dipende però dal tipo di adattatore VoIP; su alcuni c'è proprio un parametro (mi sfugge il termine) che serve  per calibrare la corrente sulle porte FXS in modo da gestire più telefoni in parallelo.

Credo che sia REN, se non vado errato. Ho letto con determinati telefoni analogici con la cornetta, forse solo quelli a disco che richiedono più energia dal doppino, necessitano una tensione di 90v DC tramite il doppino.

 

Ad es. vedendo quelli della Grandstream e nello specifico:

1) HT 801 ha 1 porta FXS, 5 REN:" fino a 1km con un cavo awg 24" . L' alimentatore fornisce in uscita 5V 1A.
2) HT 802 ha 2 porte FXS con 2 profili SIP, 2 REN: "stessa cosa di sopra". L' alimentatore è lo stesso.

Qui ci sono le specifiche tecniche dei 2 modelli:

https://documentation.grandstream.com/knowledge-base/ht80x-user-guide/

3) HT 814 con 4 porte FXS con 2 profili SIP , ha 2 REN:""fino a 1 km con un cavo awg 24". L' output dell' alimentatore è: 12v 1A.

Qui le specifiche tecniche dove c'è pure questo modello:

https://documentation.grandstream.com/knowledge-base/ht80x-user-guide/

 

Con l' HT 802 la TIM avendo una sola linea ed solo numero non permette di usarne tutte e due. Con l' HT 814 non lo so se è possibile usare con un solo profilo SIP die porte.

 

 

Invece l' HT 813 ha pure 1 porta FXO. Ho cercato velocemente cosa fosse però probalbimente non mi serve a nulla nel mio caso, giusto?

 

Link to comment
Share on other sites

33 minuti fa, Cibachrome ha scritto:

Non so se i cordless richiedono più energia tramite doppino per la trasmissione e ricezione rispetto ai telefoni analogici con i tasti e che non hanno l' alimentazione.
Non so se i telefoni cordless analogici duo, che hanno le basi che comunicano tra loro tramite onde radio, fa si che la prima base richieda più energia tramite doppino rispetto ala base di un cordless analogico che però non trasmettere e ricevere onde radio agli altri cordless.

Solitamente i cordless "duo" possono intercomunicare tra di loro. Ma può variare da modello a modello.

Il cosumo di energia di una base cordless è infinitamente più basso rispetto a qualsiasi telefono Desk.

 

 

Ogni modello ha proprio termine; ma confermo che per grandstream sia il REN.

Non è un brand che amo, anche se ammetto di averne usato qualcuno per dei vecchi telefoni a gettoni.

 

Non mi risutla che le due porte FXS possano essere usate in parallelo; ogni porta ha un suo account VoIP (e un account non può avere multiregistrazione in SIP)

 

La porta FXO in parole povere serve per acquisire in VoIP una linea analogica.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Andrea Annoni ha scritto:

Ogni modello ha proprio termine; ma confermo che per grandstream sia il REN.

Ti ringrazio per la correzione perchè pensavo che fosse un termine standard :)
 

l' HT 801 è migliore visto che ha un REN più alto?

 

3 ore fa, Andrea Annoni ha scritto:

Non è un brand che amo, anche se ammetto di averne usato qualcuno per dei vecchi telefoni a gettoni.

Per caso se cosa mi consigli?

 

3 ore fa, Andrea Annoni ha scritto:

Non mi risutla che le due porte FXS possano essere usate in parallelo; ogni porta ha un suo account VoIP (e un account non può avere multiregistrazione in SIP)

 

Invece per l' HT 814 posso usare due porte con lo stesso account voip e quindi lo stesso numero?

Link to comment
Share on other sites

Il 10/9/2022 alle 19:37 , Dumah Brazorf ha scritto:

Il REN oramai conta solo se hai dei telefoni elettromeccanici. I telefoni digitali consumano molto poco, decimi di REN.

Ho capito.

Invece per quanto riguarda il collegamento dei telefoni o/e delle prese rj11 tra di loro: in serie oppure in parallelo? Non vorrei che ci siano problemi (impenda, ROS, danneggiare un cordless o/e l' ata voip) se faccio un collegamento in parallelo.

Link to comment
Share on other sites

Il 10/9/2022 alle 18:32 , Cibachrome ha scritto:

Invece per l' HT 814 posso usare due porte con lo stesso account voip e quindi lo stesso numero?

No. Il parallelo delle porte FXS su singolo account VoIP è possibile solo su gateway di fascia più alta: di sicuro su Patton e Beronet. Ho dei ricordi anche su Audiocodes.

Link to comment
Share on other sites

Il 12/9/2022 alle 09:52 , Dumah Brazorf ha scritto:

Parallelo, il "serie" è tecnologia da museo e non penso neanche sia supportato dai telefoni degli ultimi 20anni...

Il mio dubbio sul tipo di collegamento nasce dal fatto che:

 

1) su un forum una persona un minimo esperta scrisse: "Adattatori su adattatori non fanno per nulla bene all'impianto.
Per cominciare, smonta quelle tripolari d'antan e monta delle più moderne ed efficienti RJ11.Gli impianti è sempre opportuno metterli in serie, anziché nel vetusto parallelo (con la VDSL2 si è obbligati ad usare questa modalità per non incorrere in sovraccarichi della presa principale, visto che la fonia è in VoIP)".

 

2) In un altro forum un utente ha scritto questo: "Con i Router VoIp sconsiglio i collegamento in Parallelo di + Telefoni per non avere problemi visto il limitato numero REN dei Router o Moduli ATA"

 

Il 12/9/2022 alle 12:35 , Andrea Annoni ha scritto:

No. Il parallelo delle porte FXS su singolo account VoIP è possibile solo su gateway di fascia più alta: di sicuro su Patton e Beronet. Ho dei ricordi anche su Audiocodes.

 

Ho capito. Allora escludo l' HT 814.
Per curiosità vado a vedere i prezzi dei gateway che hai menzionato.

Link to comment
Share on other sites

57 minuti fa, Cibachrome ha scritto:

Per curiosità vado a vedere i prezzi dei gateway che hai menzionato.

Guarda che se non hai esperienza rischi di buttare soldi (e non sono pochi dato che rispetto ai grandstream costano almeno dal triplo in su). Patton poi lo si configura praticamente da terminale. Io stesso da interfaccia WEB avrei problemi.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

Dunque,

Il 1) secondo me si è confuso e ha scambiato i termini. Con l'ADSL era/è imperativo avere le prese telefoniche in parallelo altrimenti come uno alza la cornetta butta fuori il modem collegato ad un'altra.

Il 2) in verità non ce l'aveva con il serie/parallelo. Mi spiego. Il REN sta per Ringer Equivalence Number ed è un'unità di misura che rappresenta il carico elettrico imposto da un vecchio telefono elettromeccanico che squilla su una linea telefonica. Normalmente una linea telefonica poteva sostenere 4-5 REN cioè era in grado di far suonare 4-5 telefoni elettromeccanici. I telefoni digitali dotati di cicalino piezo invece della campanella col solenoide consumano meno e quelli alimentati esternamente praticamente niente. Il punto della questione è: non importa se hai collegato i telefoni in serie o in parallelo, quando ricevi una chiamata suonano tutti! Il tizio sostiene che l'uscita POTS di un router o adattatore VoIP ha pochi REN (facciamo 1 o 2?) per cui semplicemente sconsigliava di collegare più telefoni per timore di caricarne troppo l'uscita. Va da se che un telefono moderno digitale e magari alimentato esternamente consuma molto poco per cui anche questo 1-2REN ipotetici permettono il collegamento di più telefoni senza problemi. Se cerchi bene nel manuale alle specifiche tecniche del router/adattatore secondo me trovi ancora il dato del REN.

Edited by Dumah Brazorf
Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio
20 ore fa, Dumah Brazorf ha scritto:

1) secondo me si è confuso e ha scambiato i termini. Con l'ADSL era/è imperativo avere le prese telefoniche in parallelo altrimenti come uno alza la cornetta butta fuori il modem collegato ad un'altra.

Il 2) in verità non ce l'aveva con il serie/parallelo. Mi spiego. Il REN sta per Ringer Equivalence Number ed è un'unità di misura che rappresenta il carico elettrico imposto da un vecchio telefono elettromeccanico che squilla su una linea telefonica. Normalmente una linea telefonica poteva sostenere 4-5 REN cioè era in grado di far suonare 4-5 telefoni elettromeccanici. I telefoni digitali dotati di cicalino piezo invece della campanella col solenoide consumano meno e quelli alimentati esternamente praticamente niente. Il punto della questione è: non importa se hai collegato i telefoni in serie o in parallelo, quando ricevi una chiamata suonano tutti! Il tizio sostiene che l'uscita POTS di un router o adattatore VoIP ha pochi REN (facciamo 1 o 2?) per cui semplicemente sconsigliava di collegare più telefoni per timore di caricarne troppo l'uscita. Va da se che un telefono moderno digitale e magari alimentato esternamente consuma molto poco per cui anche questo 1-2REN ipotetici permettono il collegamento di più telefoni senza problemi. Se cerchi bene nel manuale alle specifiche tecniche del router/adattatore secondo me trovi ancora il dato del REN.

👍

Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, Andrea Annoni ha scritto:

Guarda che se non hai esperienza rischi di buttare soldi (e non sono pochi dato che rispetto ai grandstream costano almeno dal triplo in su). Patton poi lo si configura praticamente da terminale. Io stesso da interfaccia WEB avrei problemi.

 

 

 

Non ho esperienza, non voglio buttare i soldi e poi se costano almeno il triplo sono molto fuori budget.

Pensavo di prendere l' HT 801 o forse l' HT 802. Quest' ultimo nel caso in cui si userà in futuro un secondo numero.
 

 

22 ore fa, Dumah Brazorf ha scritto:

Dunque,

Il 1) secondo me si è confuso e ha scambiato i termini. Con l'ADSL era/è imperativo avere le prese telefoniche in parallelo altrimenti come uno alza la cornetta butta fuori il modem collegato ad un'altra.

Il 2) in verità non ce l'aveva con il serie/parallelo. Mi spiego. Il REN sta per Ringer Equivalence Number ed è un'unità di misura che rappresenta il carico elettrico imposto da un vecchio telefono elettromeccanico che squilla su una linea telefonica. Normalmente una linea telefonica poteva sostenere 4-5 REN cioè era in grado di far suonare 4-5 telefoni elettromeccanici. I telefoni digitali dotati di cicalino piezo invece della campanella col solenoide consumano meno e quelli alimentati esternamente praticamente niente. Il punto della questione è: non importa se hai collegato i telefoni in serie o in parallelo, quando ricevi una chiamata suonano tutti! Il tizio sostiene che l'uscita POTS di un router o adattatore VoIP ha pochi REN (facciamo 1 o 2?) per cui semplicemente sconsigliava di collegare più telefoni per timore di caricarne troppo l'uscita. Va da se che un telefono moderno digitale e magari alimentato esternamente consuma molto poco per cui anche questo 1-2REN ipotetici permettono il collegamento di più telefoni senza problemi. Se cerchi bene nel manuale alle specifiche tecniche del router/adattatore secondo me trovi ancora il dato del REN.


Ti ringrazio per la spiegazione :)

Sopra in una delle mie risposte ho scritto  i vari modelli che stavo considerando con il rispettivo Ren:

"
1) HT 801 ha 1 porta FXS, 5 REN:" fino a 1km con un cavo awg 24" . L' alimentatore fornisce in uscita 5V 1A.
2) HT 802 ha 2 porte FXS con 2 profili SIP, 2 REN: "stessa cosa di sopra". L' alimentatore è lo stesso.

Qui ci sono le specifiche tecniche dei 2 modelli:

https://documentation.grandstream.com/knowledge-base/ht80x-user-guide/

3) HT 814 con 4 porte FXS con 2 profili SIP , ha 2 REN:""fino a 1 km con un cavo awg 24". L' output dell' alimentatore è: 12v 1A.

Qui le specifiche tecniche dove c'è pure questo modello:

https://documentation.grandstream.com/knowledge-base/ht80x-user-guide/

 

"


L' HT 814 lo escludo.

L' HT 802 ha 2 Ren per ciascuna porta?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...