Jump to content
PLC Forum


Messa a terra fotovoltaico


richi07
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti ragazzi, hanno da poco installato a casa mia un fotovoltaico di 20kw con accumulo nel locale impianti e notavo che dai nuovi quadri che hanno creato, esce un cavo di messa a terra da 6mmq che poi va a collegarsi ad una vicina scatola di derivazione dove però arriva la terra da 2,5mmq. può andar bene questo tipo di collegamento? per non aprire un altra discussione hanno installato una pompa di calore con relativo mtd 32a,alimentata con cavi da 6mmq che prende fase e neutro dal nuovo quadro che hanno creato, ma la messa a terra l’hanno collegata ad un quadro già esistente nel locale impianti dove però arriva la terra da 4mmq, sarebbe quella principale che parte dal quadro generale di casa. il fatto che cavi più grossi siano collegati a cavi più piccoli va bene? onestamente pensavo di far sostituire il cavo di terra che arriva al quadro del locale impianti con uno da 6mm, e li fare attaccare anche la terra del fotovoltaico. Non so se può incidere nella stessa derivazione della terra de locale impianti ci sono anche lavatrice ed asciugatrice. Grazie a tutti 

Edited by richi07
Link to comment
Share on other sites


ma chi ha fatto l'impianto non ti ha detto di adeguare l'impianto di terra? con quelle potenze immagino ci sia un progetto..

 

io sapevo che il conduttore di terra non può essere inferiore a quelli della linea e che la terra deve essere unica quindi ti puoi allacciare al primo gialloverde che trovi.. ma le sezioni devono essere adeguate

Link to comment
Share on other sites

no, quando gli ho posto questa domanda la

risposta è stata: no va bene così. Ovviamente  l’impianto di terra è unico per tutta la casa, però allora perché non facevano partire un cavo da 2,5? avrebbero risparmiato.. Anche io informandomi avevo letto la stessa cosa, terra e linea stesso diametro del cavo, sai se ci sono normative riguardo questa cosa? ancora comuqnue non ha presentato nessun progetto, penso che a fine lavori vada firmata là conformità giusto? o quella è solo per l’impianto elettrico 

Link to comment
Share on other sites

Fino a 16mmq di fase la sezione del PE deve essere uguale a quella del conduttore di fase, tra 16-35mmq si utilizza il 16mmq mentre oltre il 35mmq la sezione del PE deve essere la metà di quello di fase.. Tornando a noi non capisco, dai dispersori deve arrivare il conduttore di terra fino al collettore con un 16mmq se in cavo altrimenti in rame nudo un 35mmq...  

Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, ilsolitario ha scritto:

Fino a 16mmq di fase la sezione del PE deve essere uguale a quella del conduttore di fase, tra 16-35mmq si utilizza il 16mmq mentre oltre il 35mmq la sezione del PE deve essere la metà di quello di fase.. Tornando a noi non capisco, dai dispersori deve arrivare il conduttore di terra fino al collettore con un 16mmq se in cavo altrimenti in rame nudo un 35mmq...  

si l’impianto di terra a casa c’è, semplicemente è dall’altra parte della casa, cavo da 16mm che poi arriva al quadro generale dove c’è la morsettiera per dividersi in tutta casa. volevo sapere se questa cosa la può fare per “accorciare i tempi” o oppure no e a quanto pare no, deve quindi far arrivare un cavo almeno da 6 mmq al quadro del locale impianti dove poi potranno essere attaccata il cavo della pompa di calore e de fotovoltaico? la lunghezza può essere un problema? poiché saranno circa 15/18metri

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Buon pomeriggio a tutti, ho delle news riguardo la questione. Dopo un po’ di chiacchiere l’installatore ha deciso di installare un nuovo dispersore di terra, quindi scasso, puntatazza pozzetto ecc che poi va collegato al fotovoltaico, batterie e pompa di calore . Ora mi sorgono dei dubbi: nella stessa abitazione possono stare 2 impianti di messa a terra? nel caso sia si, il cavo, penso un 16mmq che arriva al quadro del nuovo impianto deve essere dedicata o può passare dentro corrugato con altri cavi di corrente 220v? altra domanda: così facendo, più i meno saranno distanti circa 25m in linea d’aria i pozzetti, la secondo puntazza andrebbe collegata a quella esistente? anche perché nel locale tecnico,  oltre al fotovoltaico, ci sono collegate lavatrice asciugatrice caldaia ed altri elettrodomestici che sono collegati al pozzetto di terra già esistente in casa. Grazie sempre a tutti per le risposte :)

Link to comment
Share on other sites

L'impianto di terra deve essere unico... non capisco il perchè di questa cavolata.  Chiama un professionista e fatti sistemare il tutto.  

Link to comment
Share on other sites

grazie a entrambi, allora la mia teoria era corretta, riferirò; altra cosa, vi allego lo schema che mi ha rilasciato, ho oscurato i dati sensibili, ma mi sorgono delle domande: tralasciando la discussione messa a terra, che ora come ora sono allacciati a un cavo da 4mmq che arriva dal centralino generale di casa, vi vorrei chiedere: come mai inserisci cavi di sezione di 16mm per la terra e di 10mm sempre per la terra quando poi effettivamente sono da 6? come dovrei comportarmi? la possibilità di cambiare installatore non mi è possibile. 

se dovesse fare la seconda puntazza, cosa più probabile poiché non può mai arrivare un cavo da 16 da dentro casa, deve essere collegata alla puntazza esistente anche se dista circa 50/60 m?

EBD27BB0-457E-4480-A700-E2CBF289919C.jpeg

Link to comment
Share on other sites

scusate, vedo che non si capisce bene la foto, i 10mm cavo terra sono per i quadri di campo dc, 16mm quadro elettrico ac, altra cosa non so se può influire, io in casa ho ancora il generale monofase, mentre li indica che è trifase, devo far modificare qualcos’altro ? scusate ma non sono riuscito a modificare il messaggio precedente 

Link to comment
Share on other sites

  • 7 months later...

Ragazzi buongiorno, riscrivo qui per non aprire una nuova discussione poichè ci sono delle novità e continuo ad avere problemi. Avendo spostato il generale nel locale impianti dove vi è il quadro del fotovoltaico e fare li stesso la distribuzioni delle fasi per tutta la casa, ho sempre lo stesso problema: da una parte della casa dove c'è il quadro generale( che diventerà un sottoquadro) arriva un cavo  di terra da 16mm con morsettiera collegata al relativo dispersore di terra e nel nuovo quadro nel locale impianti, che sarà il generale, è collegato con la morsettiera di terra attuale con un cavo da 4mm; facendo nuovamente presente questa cosa sia all'installatore che al direttore del lavori, sono lavori con il 110 ma da me pagati e portati in detrazione, la risposta dell'ingegnere direttore dei lavori è la seguente: se l'installatore mi dice che cosi com'è è installato, nonostante la normativa prevede altro e infatti nel progetto che l'installatore ha redatto è presente altro, va bene. Ora siccome non vorrei trovarmi in situazioni complicate, mi potete gentilmente spiegare cosa potrebbe causare la non adeguata sezione del dispersore di terra? magari cosi facendo riesco a convincere anche il direttore dei lavori, che a mio parere dovrebbe essere il primo a far modificare questa cosa, ma essendo in buoni rapporti con l'installatore, per farlo ovviamente risparmiare non dice nulla. Vi ringrazio tanto e scusate se insisto ma veramente non ne posso più di andare a controllare ogni singola cosa che fanno poichè la fanno veramente male, spero finisca tutto presto. Grazie ancora a tutti e scusatemi

Link to comment
Share on other sites

anche se quello diventerà il nuovo QG non è necessario che il PE sia li, l'importante è che la terra sia unica e che conta è la sezione con cui viene collegato quel quadro al PE.

non so dirti se il 4mmq sia adeguato, se lo ritengono adeguato l'importante è che sia nero su bianco!

il progetto deve essere fedele allo stato di fatto, se ci sono discrepanze il progettista può decidere se modificare il progetto o se far modificare l'impianto.

 

questo in linea generale, per capire meglio nello specifico sarebbe meglio uno schema anche tuo..

Link to comment
Share on other sites

in pratica la terra nel nuovo quadro generale per cosa serve?

fotovoltaico e altri impianti, ce n'è qualcuno che ha un conduttore gialloverde maggiore di 4mmq?

 

in questo caso logica direbbe che poi il 4mmq che porta al PE non è adeguato..

 

se per loro è adeguato perchè il 6mmq (ipotizzo) che arriva fal FV è abbondante, allora devono correggere il progetto.

 

se non ti danno retta parla direttamente con chi ha firmato il progetto.

Edited by reka
Link to comment
Share on other sites

Tutto è nato dal fatto che il progetto datomi (anzi mi è stata data solo la conformità, il progetto per puro caso l'ho trovato inserito nel portale di e-distribuzione) per l'impianto fotovoltaico e inserito anche nel portale di e-distribuzione riporta un cavo di messa a terra di 16mm, penso adeguato all'impianto fotovoltaico. Non è tanto la terra nel nuovo quadro generale, poichè già ogni sotto quadro è collegato al dispersore con cavi da 4mm( il nuovo quadro generale era prima un sottoquadro)  e le varie linee sono da 4mm, il dubbio mi viene quando il quadro del fotovoltaico da progetto richiede un cavo di 16mm, ma di fatto è un cavo da 4mm, poichè si dal quadro del fotovoltaico esce un cavo da 6mm ma sempre è collegato ad un cavo da 4mm che poi arriva alla barra presente nel vecchio quadro. Ho fatto, sotto consiglio ma ero obbligato, il nuovo quadro dove c'è anche il fotovoltaico poichè c'è un aggeggio chiamato meter dove tutta la corrente passa da li, cosi posso sfruttare le batterie in assenza di sole e la sera per il resto della casa. 

La mia domanda di base è: ( posta sia al direttore lavori sia a chi ha firmato il progetto) perchè ce un cavo di terra da 16mm? 

Edited by richi07
Link to comment
Share on other sites

il mio meter è al contatore a circa 30 metri da quadro generale.. tra tirare un cavetto per il meter e spostare tutto un quadro generale io non avrei dubbi

... mah 

 

comunque probabilmente il 4 va davvero bene ma io pretenderei la modifica del progetto ..

Link to comment
Share on other sites

anche io avrei preferito mettere il meter appena dopo il contatore dove c'è il generale, non ci voleva nulla a passare un cavo di rete, ma dato che questo installatore è riuscito a dirmelo solo a lavoro finito ormai non posso fare altrimenti, per farti capire, chiamando il servizio assistenza sono stato quasi 2 ore poichè gli inverter non erano aggiornati, il paese inserito non era corretto, il cablaggio stesso non è corretto infatti nell'app dedicata non leggo i giusti valori e tante altre cose, diciamo che ecco più che un installatore di impianti questa ditta dovrebbe al massimo passare dei cavi. 

Un 4mm anche io pensavo andasse bene, però avendo messo li un quadro con la trifase, quantomeno non deve essere da 6mm? dato che arriva un 4g6

Cioè perchè quando fecero l'impianto di casa anni fa con fornitura da 6kw misero una cavo di terra da 16?

Scusami se ho dei toni un po cosi ma veramente non ne posso più di questi lavori. Grazie ancora

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Perfetto Alessio, grazie per l’ok.

Allora procedo: dopo aver rifatto la distribuzione delle 3 fasi e ridisegnato un po’ l’impianto per essere adattato al trifase( per fortuna non troppo gravosa come operazione) il quadro generale della casa si trova adesso nel locale impianti dove vi è anche il quadro del fotovoltaico. Rimane però sempre lo stesso problema della terra, che ad oggi è stato fatto passare un cavo da 6mm che arriva prima nel nuovo generale di casa(locale impianti)  in una morsettiera e poi con un altro 6mm al quadro fotovoltaico( il cavo parte dal vecchio generale di casa all’ingresso dove arriva il cavo da 16mm del dispersore). Il mio installatore di fiducia dopo lo aver fatto i lavori, mi ha comunque consigliato di mettere un nuovo dispersore di terra, appena fuori il locale impianti( come prevedeva il

progetto, ma questo ormai lasciamolo stare…) poiché sono presenti 4 spd lato fotovoltaico, 1 per ogni stringa. Avendo portato un cavo da 6mm dal vecchio quadro generale a quello nuovo, a detta sua basta per aver collegato l’eventuale secondo dispersore di terra con il primo. Ora le mie domande sono queste: un cavo di 6mm basta a collegare insieme i due dispersori( più grande non penso passi dentro casa, potrei al massimo provare a passare un secondo 6mm in in altra tubazione); se si mette il secondo dispersore, entrando in casa con un cavo da 16mm, potrei poi appena dentro in una scatola di derivazione mettere una morsettiera e ripartire con 2 cavi da 16, uno che va nel nuovo quadro generale è uno nel fotovoltaico? oppure dovrei arrivare con un singolo cavo e dare priorità ad uno dei due quadri? vorrei portare il cavo da 16 nel quadro generale poiché vorrei installare degli spd per le nuove apparecchiature installate, pdc, asciugatrice, lavatrice, ecc . Grazie a tutti 

Link to comment
Share on other sites

Non vedo quale sia il problema, puoi mettere pure dieci puntazze (dispersori di terra), anzi più sono e meglio è.. l'importante è che l'impianto di terra sia unico, cioè che i dispersori siano connessi tra di loro. Per il dimensionamento del conduttore di terra, è spiegato nel post precedente. Comunque puoi benissimo portare la terra con il 16mmq ad una nuova scatola di derivazione e da li partire con altri 16mmq per tratta, o con 6mmq a seconda delle esigenze, ma a valle il dimensionamento deve essere identico.
Ad esempio hai due paletti di terra, serviti da cavi da 16mmq, questi due paletti devono congiungersi tra di loro con cavi da 16mmq, poi dopo possono partire le derivazioni verso gli SPD e gli utilizzatori che necessitano della terra, anche con cavi da 6mmq. Viceversa se le due puntazze finiscono in due derivazioni differenti con cavi da 16mmq, queste due derivazioni non possono collegarsi tra di loro da un cavo da 6mmq.

Link to comment
Share on other sites

grazie della delucidazione arctic, ora mi sono fatto convinto. Il collegare i due dispersori non con un cavo da 16 ma da 6, che problemi potrebbe creare ? il 16 non saprei proprio dove farlo passare, potrei eventualmente fare un giro tutto intorno alla casa 

Link to comment
Share on other sites

probabilmente ti conviene a sto punto collegare col 16mmq la puntazza nuova e scollegare la vecchia... sempre che la necessità sia quella di avere il dispersore vicino agli spd del fotovoltaico.

 

ma i dispersori risulterebbero molto lontani? puoi fare anche uno scavo e interrare una corda tra i due

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, richi07 ha scritto:

grazie della delucidazione arctic, ora mi sono fatto convinto. Il collegare i due dispersori non con un cavo da 16 ma da 6, che problemi potrebbe creare ? il 16 non saprei proprio dove farlo passare, potrei eventualmente fare un giro tutto intorno alla casa 

 

Perché la regola impone che vi sia equipotenzialità, anzi se volessi fare le cose a norma, tutti le paline di terra (e relativi cavi da 16mmq) dovrebbero finire nel collettore di terra, e solo da quel punto diramarsi verso l'impianto; oppure dovrebbero essere collegate tra di loro in una canalina separata e l'impianto di terra dovrebbe partire solo da una di queste.
La ragione pratica è che in caso di scarica a terra, la corrente deve trovare il percorso più breve e univoco fino alla terra, non deve (dovrebbe) circolare (risalire) per il resto dell'impianto.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...