Jump to content
PLC Forum


Unificare impianti caldaie


eSky
 Share

Recommended Posts

Salve,

il mio appartamento è costituito dall'unione di due appartamenti contigui, unificati dal vecchio proprietario e regolarizzato al catasto con un unico subalterno nuovo. I lavori che sono stati fatti hanno solo creato un varco mettendo una porta scorrevole, lasciando gli impianti separati (quindi due caldaie separate).

Visto che le caldaie hanno quasi vent'anni, stavo pensando di sostituirle (con nuove a condensazione) e ho sentito quattro idraulici per avere un pò di preventivi e pareri diversi.

Due idraulici mi consigliano di sostituire entrambe le caldaie e lasciare di fatto gli impianti così come sono per evitare di spaccare pavimenti\muri per eventualmente collegare gli impianti ed avere una sola caldaia.

Altri due idraulici mi consigliano di unificare gli impianti facendo passare i tubi del riscaldamento\acqua calda dal soffitto nascondendo i tubi con del cartongesso.

Sicuramente avere una sola caldaia sarebbe meglio, ma per collegare i due impianti si dovrebbe attraversare quasi tutta la casa (più o meno 15-20m di distanza da una caldaia all'altra) e, oltre all'eventuale impatto estetico, i miei dubbi sono:

- ci potrebbero essere problemi di aria nei tubi del riscaldamento?

- il bagno più lontano soffrirebbe molto la distanza per l'acqua calda?

- il calore all'interno dei tubi può creare problemi alle pareti\cartongesso?

- modificando di fatto gli impianti, dovrei chiedere una nuova agibilità?

 

Al di là delle mie perplessità, cosa consigliate in generale in questi casi?

 

Grazie a chi darà il suo contributo.

Link to comment
Share on other sites


Ciao

la domanda che mi farei io (e che dovresti farti anche tu) è un'altra...ha ancora senso nel 2024 utilizzare il vecchio sistema di riscaldamento con caldaia e termosifoni?

 

Link to comment
Share on other sites

mrgianfranco
58 minuti fa, Mariuz ha scritto:

ha ancora senso nel 2024 utilizzare il vecchio sistema di riscaldamento con caldaia e termosifoni?

Perché no..l impianto è già fatto ..solo che tenere due caldaie diventa abbastanza dispendiosodal punto di vista manutentivo...20 metri di distanza per riscaldamento tanto quanto, ma aspettare che arrivi l acqua calda sanitaria..

Link to comment
Share on other sites

Due caldaie e due contatori del gas? 20 mt di tubo chiaramente prenderanno tempo per darti l'acqua calda... È anche vero che due caldaie sono due manutenzioni annuali.. in termini di consumo non vedo differenze.... Se controsoffittare non è un grosso lavoro e il costo dell'operazione è simile al costo di una caldaia io personalmente ne metterei solo una... Se invece pensi magari in un prossimo futuro di dividere gli appartamenti per rivenderli forse ti conviene lasciarne due... Il collegamento dei due impianti, fatto bene, non è un problema.

Link to comment
Share on other sites

Posted (edited)
4 ore fa, Mariuz ha scritto:

ha ancora senso nel 2024 utilizzare il vecchio sistema di riscaldamento con caldaia e termosifoni?

 

la domanda me la sono fatta e, da profano, mi è sembrato più semplice\conveniente optare per una semplice sostituzione

 

3 ore fa, mrgianfranco ha scritto:

20 metri di distanza per riscaldamento tanto quanto, ma aspettare che arrivi l acqua calda sanitaria..

uno dei dubbi è proprio per il tragitto dell'acqua calda... uno dei due idraulici che propende per la caldaia unica parlava di 30secondi per far arrivare l'acqua calda al bagno più lontano ma lo vedo abbastanza ottimistico... consigliava di mettere una sola caldaia da 28kw (invece dei classici 24kw) così da avere meno problemi in caso di apertura di rubinetti diversi di acqua calda. onestamente non saprei visto che comunque i due appartamenti uniti sono circa 100mq con due bagni, una cucina e 8 termosifoni, non parliamo di una villa o di metrature importanti.

 

1 ora fa, drn5 ha scritto:

Due caldaie e due contatori del gas?

il punto dei contatori è anche poco chiaro perchè il vecchio proprietario ha staccato uno dei due contatori, lasciandone solo uno con un tubo che collega l'uscita del contatore attivo (classico g4 tra l'altro) con l'impianto del secondo appartamento (i contatori sono molto vicini). in questo modo c'è una sola utenza ma uno dei 4 idraulici mi diceva che con due caldaie ed un piano cottura si superano i 50kw e quindi lui nella dichiarazione di conformità doveva scrivere che consigliava di sostituire i fornelli con una piano cottura ad induzione per stare sotto i 50kw... gli altri hanno abbastanza minimizzato il problema anche perchè è vero che il contatore è un g4 ma i due impianti del gas sono totalmente separati tranne per il primo pezzettino di tubo che esce dal contatore che sarebbe in "comune". se volessi stare più tranquillo per questo punto, con una sola caldaia questo sicuramente non sarebbe più un problema anche mettendo una caldaia da 28kw ma non mi è sembrato così prioritario rispetto al resto.

 

1 ora fa, drn5 ha scritto:

Se controsoffittare non è un grosso lavoro e il costo dell'operazione è simile al costo di una caldaia io personalmente ne metterei solo una... Se invece pensi magari in un prossimo futuro di dividere gli appartamenti per rivenderli forse ti conviene lasciarne due...

sto ancora aspettando i preventivi ma più o meno mi hanno fatto capire che come costo del lavoro siamo più o meno come sostituire la seconda caldaia.

siamo entrati da poco e visto il casino tra trasloco e sistemazioni varie spero proprio di non ridividerli e venderli :)

Edited by eSky
aggiunto un pezzo
Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini

Per 100mq va bene anche la 25kW, per l'acqua sanitaria potresti avere problemi sono le usi 2 docce contemporaneamente, ma difficile che succeda. Ovviamente devi calcolare il tempo per "svuotare" la linea dall'acqua ferma prima che arrivi acqua calda, ma in 100mq non credo che il tragitto sia elevato.

Link to comment
Share on other sites

marco1278

Io sono nella tua stessa situazione.

Alla fine ho optato per una soluzione ibrida: una sola caldaia che fa riscaldamento di entrambi gli appartamenti e acqua calda sanitaria di uno solo + scaldacqua istantaneo a gas per la sola acqua calda sanitaria del secondo appartamento. 

 

Facendo così ho trovato la quadra costo/beneficio

 

Ciao

Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, Simone Baldini ha scritto:

Per 100mq va bene anche la 25kW, per l'acqua sanitaria potresti avere problemi sono le usi 2 docce contemporaneamente, ma difficile che succeda. Ovviamente devi calcolare il tempo per "svuotare" la linea dall'acqua ferma prima che arrivi acqua calda, ma in 100mq non credo che il tragitto sia elevato.

come tragitto siamo sui 15mt da caldaia a caldaia (in modo da intercettare i tubi ed "entrare" nell'impianto del secondo appartamento) da sommare ai tubi già esistenti che arrivano alla doccia (che non dovrebbero essere tanti perchè le caldaia sono proprio dietro i bagni, in una nicchia esterna) .

 

12 ore fa, marco1278 ha scritto:

Io sono nella tua stessa situazione.

Alla fine ho optato per una soluzione ibrida: una sola caldaia che fa riscaldamento di entrambi gli appartamenti e acqua calda sanitaria di uno solo + scaldacqua istantaneo a gas per la sola acqua calda sanitaria del secondo appartamento. 

 

Facendo così ho trovato la quadra costo/beneficio

 

Ciao

lo stavo valutando anch'io ma gli idraulici che propendono per l'unificazione dicevano che alla fine comunque ci sarebbe stata un'altra caldaia da mantenere e quindi alla fine sarebbe convenuto meno.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...