Jump to content
PLC Forum


Ampliamento batterie accumulo


sormike
 Share

Recommended Posts

sormike

Ciao a tutti,

proprio un anno fa, ho installato il mio impianto FV da 6Kwp con 5 Kw di accumulo.

Immediatamente, mi sono reso conto che essendo in estate, i 5kw di accumulo reggevano sino ad una certa ora della notte, per poi prelevare dalla rete.

Qualche mese dopo, esattamente a settembre, ho raddoppiato l'accumulo con un altra batteria e fino ad oggi, sembra che abbia passato abbastanza bene l'inverno.

Il fatto però, che in alcuni periodi, 10 kw di accumulo (che poi sono solo 6) non sono sufficienti ad arrivare al giorno dopo ed oggi, vorrei aggiungerne altri 5.

 

Il problema nasce dal fatto che: sembra che aggiungere una batteria nuova ad altre già in esercizio, non sia proprio la cosa migliore perchè, mi dicono, che poi il sistema risenta della differenza di "perfomance" e possa andare in tilt.

Per meglio dire, sembra che una batteria nuova aggiunta a delle altre già esistenti, crei dei problemi di gestione da parte dell'inverter.

 

E' così, qualcuno conosce l'argomento o ha esperienza in merito?

 

Grazie, saluti.

Link to comment
Share on other sites


gio.funny

Ciao,  che batterie e inverter hai montato? (marca e modello) 

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini

10 kWh saranno 8kWh se le scarichi al 20% come solitamente viene consigliato

Comunque se aggiungi una batteria il sistema gestisce la carica e non hai problemi se una è nuova e le altre vecchie, anche perchè dire vecchie batterie che hanno 1 anno di vita è esagerato.

Link to comment
Share on other sites

sormike
Posted (edited)
9 ore fa, gio.funny ha scritto:

Ciao,  che batterie e inverter hai montato? (marca e modello) 

Inverter ZCS Azzurro da 6kw ibrido e batterie stessa serie Weko 4KPro, 2x5Kw

Edited by sormike
Link to comment
Share on other sites

sormike
Posted (edited)
6 ore fa, Simone Baldini ha scritto:

10 kWh saranno 8kWh se le scarichi al 20% come solitamente viene consigliato

Comunque se aggiungi una batteria il sistema gestisce la carica e non hai problemi se una è nuova e le altre vecchie, anche perchè dire vecchie batterie che hanno 1 anno di vita è esagerato.

Magari fosse come dici tu,

purtroppo la ZCS garantisce le batterie per 10 anni ma non devono andare oltre l'80% in carica e non oltre il 20% in scarica.

Ergo, una batterie da 5Kw ne restituisce solo 3; due, solo 6 e cosi via ... 🥲

Edited by sormike
Link to comment
Share on other sites

mgaproduction

Cioè il 40% è buttato via?

Mi pare un'esagerazione.

 

Al di là di questo aspetto, ogni batteria è dotata di un BMS (Battery Management System) che è delegato lui stesso a dialogare con l'inverter e a decidere quanta carica far arrivare, quanta carica far uscire, tempi di carica e scarica, amperaggi ecc ecc .

Insomma, è il vero cervello della singola batteria.

Per cui gli inverter non dialogano direttamente con le batterie, ma con i BMS che conoscono il reale stato di salute di ogni batteria (tenendola sott'occhio sempre) e "parificano" le prestazioni di ognuna garantendo un lavoro delle batterie il più omogeneo possibile.

Non vedo alcun tipo di controindicazione nell'usare batterie con anni di vita diversi. Oltremodo, qui si parla di 1 anno di differenza, mica 10...

 

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini
16 ore fa, sormike ha scritto:

Magari fosse come dici tu,

purtroppo la ZCS garantisce le batterie per 10 anni ma non devono andare oltre l'80% in carica e non oltre il 20% in scarica.

Ergo, una batterie da 5Kw ne restituisce solo 3; due, solo 6 e cosi via ... 🥲

Zucchetti WECO da come condizioni operative standar una profondità di scarica dell'80%. Quella massima 90%. Ma vale un po' per tutte le batterie. Poi se la fai lavorare come dici tu sicuramente viene meno stressata e magari dura di piu', ma non è che perdi la garanzia. In ogni caso dopo 10 anni sicuramente saranno da buttare.

Link to comment
Share on other sites

click0

da ignorante, mi pare di ricordare di aver letto da qualche parte, che, sotto un certo livello di carica, le batterie poi sfruttano la rete per una ricarica "parziale"

(forse qualche modello in specifico)

 

aumentando, "molto" la capacita del pacco, poi non si rischia che in inverno usi molto la rete ??!!

Link to comment
Share on other sites

sormike
Posted (edited)
1 ora fa, Simone Baldini ha scritto:

... ma non è che perdi la garanzia. In ogni caso dopo 10 anni sicuramente saranno da buttare.

Non sono sicuro, ma l'installatore mi ha detto di non variare assolutamente quei valori proprio per quel motivo. Sinceramente non ho approfondito, ma voglio contattarlo per chiarire questo punto.

 

P.S. spero vivamente che ci arrivino a 10 anni ...

Edited by sormike
Link to comment
Share on other sites

mgaproduction
1 ora fa, click0 ha scritto:

da ignorante, mi pare di ricordare di aver letto da qualche parte, che, sotto un certo livello di carica, le batterie poi sfruttano la rete per una ricarica "parziale"

(forse qualche modello in specifico)

 

aumentando, "molto" la capacita del pacco, poi non si rischia che in inverno usi molto la rete ??!!

 

Tutto corretto. Anche il mio inverter di accumulo (atonstorage) ha quella funzione.

Non solo, esegue anche, avevo letto da qualche parte in giro per i vari manualetti che mi hanno lasciato, una ricarica completa tipo una volta al mese o qualcosa di simile. Il tutto per garantire la longevità delle batterie, facendole stare dentro i parametri del fabbricante.

Link to comment
Share on other sites

ma vale la pena economicamente? sono scesi i prezzi delle batterie?

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini
12 minuti fa, reka ha scritto:

ma vale la pena economicamente? sono scesi i prezzi delle batterie?

No non ne vale assolutamente la pena, oggi i prezzi energetici sono tornati a valori antieconomici per le batterie. Calcolando incentivi ecc.. a fine vita se ti va bene ti sei ripagato il costo e parliamo appunto di 10 anni, ma non deve succedere nulla per 10 anni.

I prezzi stanno scendendo, dall'anno scorso ho notato un 10% in meno ma secondo me c'è ancora molto margine dietro.

Ho visto anche che i moduli fotovoltaici hanno avuto una bella sforbiciata in un anno.

Link to comment
Share on other sites

mgaproduction
4 ore fa, reka ha scritto:

ma vale la pena economicamente? sono scesi i prezzi delle batterie?

 

Per me, un impianto FV casalingo senza accumulo, non è nemmeno concepibile.

Dove l'ho preso io (enelx), ho pagato nel 2019 11500€ un impianto da 3 Kwp con ottimizzatori di potenza sui pannelli inverter solaredge + inverter atonstorage con sistema di accumulo da 4.8 Kwh chiavi in mano.

Ciò significa che in realtà, l'impianto lo pago 5750€ grazie agli incentivi fiscali (tutt'ora presenti), per cui non venitemi a dire che un sistema di accumulo non conviene.

Ora mi sto facendo fare preventivi per sistema di climatizzazione di tutta casa, perchè così GRAZIE ALL'ACCUMULO (che nel frattempo ho portato da 4,8 a 7,2 Kwh), posso sfruttare uin bel pò di corrente aggratis per risparmiare sul gas ad inizio e fine stagione di riscaldamento (e qui in Piemonte si inizia presto e si finisce tardi, mediamente da metà/fine settembre fino a tutto aprile) e mi rinfresco totalmente gratis nei mesi più caldi.

Se non avessi l'accumulo, non so dove andrei a parare con i consumi energetici.

 

 

Link to comment
Share on other sites

click0

boh...

a casa mia non conviene

l'ultima bolletta elettrica arrivata,  95 euro di 2 mesi

quindi sarebbero 570 euro/anno. Fatalità...

10 anni giusti per eguagliare la spesa...

 

se poi uno mi dice, io uso il clima h24 in estate da maggio a settembre...

io gli rispondo - io...No -

Link to comment
Share on other sites

ah ok, quindi per consumatori normali non convengono ancora, io sono da 100 euro a bimestre di bolletta.

però le tengo monitorate perchè fra tre anni mi scade il conto energia e potrei inserirle 

Link to comment
Share on other sites

mgaproduction

Il fatto è che io i prezzi bassi delle batterie li vedo solo su aliexepress...e onestamente non mi fiderei a comprarle li per nulla al mondo...

In Italia, le mie Pylontech US2000B non le vedo a meno di 1000€ a cui devi aggiungere ancora le spese di spedizione e magari anche l'IVA e sono solo da 2,4 KwH

 

 

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini
18 ore fa, mgaproduction ha scritto:

 

Per me, un impianto FV casalingo senza accumulo, non è nemmeno concepibile.

Dove l'ho preso io (enelx), ho pagato nel 2019 11500€ un impianto da 3 Kwp con ottimizzatori di potenza sui pannelli inverter solaredge + inverter atonstorage con sistema di accumulo da 4.8 Kwh chiavi in mano.

Ciò significa che in realtà, l'impianto lo pago 5750€ grazie agli incentivi fiscali (tutt'ora presenti), per cui non venitemi a dire che un sistema di accumulo non conviene.

Ora mi sto facendo fare preventivi per sistema di climatizzazione di tutta casa, perchè così GRAZIE ALL'ACCUMULO (che nel frattempo ho portato da 4,8 a 7,2 Kwh), posso sfruttare uin bel pò di corrente aggratis per risparmiare sul gas ad inizio e fine stagione di riscaldamento (e qui in Piemonte si inizia presto e si finisce tardi, mediamente da metà/fine settembre fino a tutto aprile) e mi rinfresco totalmente gratis nei mesi più caldi.

Se non avessi l'accumulo, non so dove andrei a parare con i consumi energetici.

 

E' concepibile eccome, fino a qualche anno fa' le batterie manco si sapevano cosa fossero eppire lo sviluppo del FV è avvenuto senza di esse. Il tutto è nato che la rete era il tuo accumulo e per quello è nato lo SSP. Oggi lo SSP va rivisto perchè siamo a saturazione per le ore diurne, ma rimane sempre il miglior concetto possibile.

I calcoli si fanno numeri alla mano e non a sentimento se cerchi nel forum ci sono topic con calcoli precisi. A gratis non hai nulla, l'impianto lo hai pagato quindi l'energia che tu definisci gratis l'hai pagata tutta in anticipo. Se vogliamo fare i sofisticati dovresti anche rivalutare economicamente l'investimento fatto almeno al costo dell'inflazione annua o al rendimento di un classico BTP. In ogni caso se ti fai i conti fatti bene risulterà che 10 anni è l'ammortamento delle batterie senza rivalutare l'investimento, come già detto senza calcolare guasi che possono sopraggiungere o assicurazioni da attivare.

Poi anche io ho le batterie ma ben consapevole che non è stato un risparmio economico.

Link to comment
Share on other sites

mgaproduction
2 ore fa, reka ha scritto:

ma con le batterie che autoconsumo riuscite ad ottenere?

 

 

2021 :

 

immagine.thumb.png.59eb41106022ec19beeefdade173ecbe.png

 

 

2022 :

 

immagine.thumb.png.89c7800cb3de1350ec08005d8aa7753c.png

 

2023 :

 

immagine.thumb.png.bb45b26ca8f3cafac349afa53708b672.png

 

 

A me di fare tutti i calcoli compreso il mancato interesse sul capitale iniziale e ammenniccoli vari, serve solo a farsi una intensa attività di falegnameria mentale.

L'impianto, CON accumulo, l'ho pagato 5750€ (per carità, solo un 3 Kw di picco, ma ottimo per casa mia) e tra i risparmi in bolletta dovuti al minor consumo (70%!!!! e contiamo i costi spaventosi che ci sono stati di certe bollette post covid!!!!) e gli introiti derivanti dal GSE  (300€ all'anno mediamente), venitemi a dire che non conviene un sistema di accumulo....

 

 

Edited by mgaproduction
Link to comment
Share on other sites

mgaproduction

INOLTRE reimmetto sempre meno corrente, come potete notare, perchè mi godo molti altri servizi/commodity in casa.

Per esempio prima, l'asciugatrice da maggio fin verso ottobre la usavo davvero pochissimo. Ora invece non esiste bucato che non la uso. 4 persone in casa, palestre per 4 ecc ecc avete idea del tempo che ci và per stendere e ritirare tutto il bucato ???? Ma W l'asciugatrice.

Ora sto per montare climatizzatori in tutta casa, di modo da godermi caldo e fresco AGGRATIS.

Insomma, non si può ricondurre una simile spesa ad un mero rendicoto economico come dice, con tutto il rispetto per l'idea, @Simone Baldini

Ma questa è una mia pura interpretazione dell'investimento che ho fatto

Link to comment
Share on other sites

Simone Baldini

Ma non puoi fare tutto un fascio, distingui l'impianto fotovoltaico con SSP e l'accumulo e vedrai che il costo delle batterie non sono stato un buon investimento.

I tuoi grafici non riportano quanto la batteria ha accumulato, che è quello che interessa per valutare le batterie. Hai un autoconsumo del 70% circa che è nella media. Io senza batterie arrivavo al 50% di autoconsumo, fai che tu arrivi al 40% stando pessimisti, avresti un 30% dato dalla batteria quindi 3545 x 30% = 1063 kWh recuperati grazie la batteria. Se lo moltiplichi per il delta tra rimborso SSP e costo energetico di oggi hai 1063 x 0,15 = 160 euro annui di risparmio. A me non sembra un grande risparmio e di certo non ri ripaga le batterie in 10 anni.

Poi, ti ripeto, anche io le ho e per ora sono contento, ma come ti ho detto non le ho per un risparmio economico ma piu' per un mio sfizio e un'ideologia.

 

E' come avere una cisterna di gasolio da 30.000 litri riempirla di gasolio (pagandolo in anticipo) e poi dire che il pieno alla macchina lo faccio gratis per 10 anni!

Edited by Simone Baldini
Link to comment
Share on other sites

esatto, io devo fare il calcolo per le sole batterie.

 

ad oggi spendo 600 euro/anno in bollette e ho un autoconsumo che va dal 30 in inverno al 50 in estate.

 

io, salvo occasionissima sulle batterie non me le ripagherei mai.

Link to comment
Share on other sites

click0

(

ma, non hai specificato quando hai "espanso" il bacco batteria

ne il costo del solo modulo aggiunto

)

Link to comment
Share on other sites

mgaproduction
7 ore fa, Simone Baldini ha scritto:

Ma non puoi fare tutto un fascio, distingui l'impianto fotovoltaico con SSP e l'accumulo e vedrai che il costo delle batterie non sono stato un buon investimento.

I tuoi grafici non riportano quanto la batteria ha accumulato, che è quello che interessa per valutare le batterie. Hai un autoconsumo del 70% circa che è nella media. Io senza batterie arrivavo al 50% di autoconsumo, fai che tu arrivi al 40% stando pessimisti, avresti un 30% dato dalla batteria quindi 3545 x 30% = 1063 kWh recuperati grazie la batteria. Se lo moltiplichi per il delta tra rimborso SSP e costo energetico di oggi hai 1063 x 0,15 = 160 euro annui di risparmio. A me non sembra un grande risparmio e di certo non ri ripaga le batterie in 10 anni.

Poi, ti ripeto, anche io le ho e per ora sono contento, ma come ti ho detto non le ho per un risparmio economico ma piu' per un mio sfizio e un'ideologia.

 

E' come avere una cisterna di gasolio da 30.000 litri riempirla di gasolio (pagandolo in anticipo) e poi dire che il pieno alla macchina lo faccio gratis per 10 anni!

 

Vedi che vieni dalla mia? Hai messo le batterie più per sfizio e ideologia...Esattamente il mio pensiero. Ne più, ne meno ! 😉

 

Poi non è per nulla logico il paragone che fai con la cisterna, per il semplice motivo che nessuno OGGI può sapere se un domani ci saranno di nuovo altri mega aumenti del costo energetico che  porterebbero quindi inevitabilmente a riconsiderare tutti calcoli che fai sull'accumulo.

 

Inoltre, come già scritto prima, il sistema di accumulo mi permette di fare cose che magari prima non facevo, vedi asciugatrice da tempo e a breve i condizionatori. Su questo aspetto non ci vogliamo soffermare, visto che si è deciso di fare l'acquisto dell'accumulo "per ideologia" ?

Ovviamente il mio è un semplice confronto senza voler imporre nulla a nessuno, ma spiegare come vedo io un accumulo che ho pagato ben poco all'epoca dei fatti.

Vado a memoria, ma il sistema di accumulo (al netto come sempre del 50% degli incentivi) mi è costato qualcosa come 2000€.

Quindi come vedi, già i tuoi calcoli sono molto probabilmente da rifare in virtù di quanto pago realmente il sistema.

 

Poi, come scrivo spesso quando si trattano questi argomenti, tutti dite che le batterie durano 10 anni e poi sono da cambiare...ma dove lo vedete scritto ? DOVE c'è scritto che durano 10 anni? Semmai si parla di cicli e non di anni, per prima cosa. Il che cambia notevolmente la questione.

In secondo luogo, QUANDO saremo arrivati al numero di cicli dichiarati dai costruttori, anche qui sarà da vedere per QUANTI CICLI ANCORA funzioneranno. Sicuramente non c'è un countdown che raggiunti quei cicli, le spegne. Ci sarà un degrado delle stesse, che è difficilmente ipotizzabile ORA.

 

Poi ognuno rimanga delle proprie convinzioni, ci mancherebbe. Ma le variabili in gioco per aver certezza dei numeri, NON ci sono. La storia recentissima lo dimostra : PUN a 38 centesimi a giungo 2022. Tu hai la sfera magica per poter sostenere che in futuro non ci saranno altri picchi come questo, soprattutto alla luce di quanto sta succedendo in medio oriente? Che è poi il motivo per il quale ci fu quel picco, dal quale ci vollero 2 lunghi anni per ritornare a livelli "normali"...

La domanda è abbastanza "retorica"...

 

Link to comment
Share on other sites

mgaproduction
5 ore fa, click0 ha scritto:

(

ma, non hai specificato quando hai "espanso" il bacco batteria

ne il costo del solo modulo aggiunto

)

 

Scusa, hai ragione. L'ampliamento l'ho fatto quasi subito, a novembre 2021, dopo pochi mesi di attività dell'impianto (start UFFICIALE a gennaio 2021, ma era in funzione già da diversi mesi prima).

Ed il costo, sempre al netto delle detrazioni, è stato di 700€. Ma qui, in realtà, c'è una "magia" in quanto mi hanno rimborsato 1 anno e mezzo di ritardo di attivazione dell'impianto, per cui mi è costata davvero 2 spiccioli.

Lo avrei fatto comunque e facciamo finta che il costo finale sia quello dei 700€...il fatto che mi sia costato 2 spiccioli non rientra di sicuro in un paramentro "ufficiale" di valutazione dei costi.

 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...