Jump to content
PLC Forum


Voith Turbo Epai Pompa Oleodinamica Interna Al Motore - Qualcuno l'ha mai provata?


alessio.ciccarelli
 Share

Recommended Posts

alessio.ciccarelli

Salve a tutti,

girando un po' su internet ho trovato questo sistema oleodinamico costituito da una pompa ad ingranaggi interni inserita all'interno di un motore elettrico. Il sistema molto compatto sembrerebbe altrettanto interessante.

Qualcuno l'ha mai provato?

Allego un link per capire di cosa si tratta http://www.hydronaut.it/catalogueProductsList-it-16.html

Saluti

Link to comment
Share on other sites


molto interessanto , anche perche vioith e' una buona marca

naturalmente questo tipo di applicazione costosissima credo sia piu per impianti dove lo spazio e' mportante e poi sinceramente parliamo di pompe che gia costano molto e se solo si dovesse danneggiare qualche parte il ricambio immediato sara' impossibile ammenoche uno non abbia fatto una dovuta scorta

ma visdto il costo nessuno lo fara' mai

comunque ottimo applicazione

pe rla parte silenziosa si sono sempre opatate pr due soluzioni piu economiche

motori elettrici ad immersione in olio o pompe a vite della seim che sono sempre mootlo buone a prezzi accettabili

ma l'importante quando si fanno impinati importati e' sempre la disponibilita' del ricambio in poche ore

impinti fermi costano mila euro l'ora e non sono poche ma sei poi gli dici di tenere un ricambio in casa gli prende un colpo

ciao ho detto la mia impressione

Link to comment
Share on other sites

alessio.ciccarelli

Il costo penso anche io che sia alto, per le applicazioni credo che non sia conveniente inserirlo su impianti singoli, lo vedo più per macchine costruite in serie tutte con lo stesso identico sistema, così il costruttore può benissimo tenere un ricambio per soddisfare eventuali danni.

Pilotando il sistema con un buon inverter credo che si possa avere un ottimo sistema a portata variabile.

Mi ha incuriosito molto anche perchè sono alla ricerca di un sistema alternativo da inserire nelle macchine di nostra progettazione che possa essere compatto e silenzioso. Una via di mezzo tra un sistema tradizionale e un sistema servomotore-pompa (ottimo a livello prestazioni ma molto costoso).

Prossimi giorni mi informerò di più.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

vedi le pompa a vite che sono buone e silenziose

occhio ai servomotori con pompe ad ingranaggi , hanno un minimo di giri consentiti

ciaoo

Link to comment
Share on other sites

alessio.ciccarelli

Si le pompe a viti sono silenziose ma sono anche un po' più lunghe (devo cercare di diminuire gli spazi) e le pressioni di lavoro sono un po' basse.

Per i servomotori ho visto alcune applicazioni senza neanche la campana e il giunto, non so come abbiano fatto anche perchè li ho visti solo in foto Foto esempio

Per la velocità minima credo non sia un problema visto che con un servomotore si può tranquillamente andare a bassi giri.

Bisognerebbe fare delle prove per vedere se può essere un valido sistema, ma comprare un servoazionamento più servomotore di una certa taglia per fare prove e rischiare di non poterlo applicare c'è il rischio di "buttare" parecchi soldi e basta.

Grazie per le risposte.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Manda più dati, portata pressione magari abbiamo già adottato soluzioni simili e possiamo esserti di aiuto.

Per esempio ho utilizzato una minipompa da 0,5 cc a giro con motore accoppiato : lunghezza totale 100 mm!

Link to comment
Share on other sites

alessio.ciccarelli

Spero di non andare fuori dal tema.

Portata circa 30-40 l/min pressione massima di esercizio circa 130 bar ma solo per pochi decimi di secondo ogni ciclo mentre per il resto del ciclo che dura tra un minimo di 30 secondi e 60 secondi massimo, un 25% del tempo l'impianto è a folle (pressione 0 bar), per un altro 35% ci sono movimenti che non superano i 30-50 bar di pressione e portate fino a massimo 20 l/min, un 25% con portata massima circa 30 l/min con pressione massima 100 bar (mediamente 60-70 bar ma la massima taratura è 100), ed un 15% con pressioni comprese tra 30 e 70 bar ma con una portata che può essere quasi nulla (è solo un mantenimento in pressione di un pistone.

Grazie per l'interessamento e per i futuri consigli

Ciao

Link to comment
Share on other sites

altra soluzione pompe ad ingranaggi interni ....poco piu rumorose ma affidabili

poi pensa anche ad una soluzione con accumulatore se ti serve portata per pochi decimi ....

impianto piccolo ma energia immediata

ingranaggi interni ed accumulatori si usano anche nei controllo numerci portata e pressione quanto basta in poco tempo

ciaoo

Link to comment
Share on other sites

FabrizioVA

Le Voith sono ad ingranaggi interni e vanno trattate coi guanti se si vogliono evitare guai.

Assolutamente da evitare sono : olio viscoso a causa di basse temperature, filtri in aspirazione e pompa soprabattente, insomma ogni cosa possa creare cavitazione in aspirazione e' un potenziale pericolo.

Nelle presse ad iniezione sono pero' state le prime ad essere utilizzate nei sistemi idraulici per variare la portata variando il numero di giri della pompa stessa, al posto delle pompe a portata variabile.

I migliori risultati va da se' che li possano dare accoppiate a motori a bassa inerzia/servomotori.

A catalogo le danno per un numero di giri minimo utile sui 3/400

Gli amici di una ditta bresciana costruttrice di presse da oltre 10 anni utilizzano invece normali motori asincroni trifasi comandati da inverter (con resistenze di frenatura) accoppiati a delle buone pompe a palette che sono in assoluto quelle col migliore rapporto prezzo-prestazioni anche oltre i 150 bar da diversi anni e non hanno particolari problemi con la cavitazione che prima o poi si presenta. Quando la precisione richiesta sia buona serve pero' aggiungere servovalvole (almeno una) in circuito per regolare la portata in modo fine, la pompa dovra' dare quindi un lieve eccesso di portata.

Molto dipende dalla precisione e dalla dinamica del sistema che si vuol creare, non sono un progettista ma starei su un sistema pompa + servomotore, eventualmente montando una pompa "piccola" da far girare oltre i classici 1450 RPM quando servissero le alte portate di modo da avere migliore risposta con le basse.

Hydronaut ha comunque un agente (precedentemente Voith) che e' un portento e conosce i problemi dei costruttori molto bene visto che ci lavora da decenni.

Voith costa, e' vero ma anche altre pompe equiparabili per alte pressioni (Bucker) non le regalano: ho provato di persona che nel caso siano multiple Voith fornisce i ricambi e i singoli stadi, altri no quindi forzano l'utente finale a sostituire magari una pompa multipla intera per il solo guasto della piu' piccola (successo a me su una 63 + 125 + 250 cc/giro !!)

Link to comment
Share on other sites

alessio.ciccarelli

Anche io nelle prime macchine ed in due modelli (ho usato e continuo ad usare) pompe a palette (Vickers) con motori asincroni trifase pilotati da inverter. Rumore contenuto, l'unico inconveniente che mi danno è che ai bassi giri hanno una risposta in pressione un po' più lenta e flusso meno uniforme che in un paio di modelli di macchine mi davano problemi durante il rallentamento salvastampo.

In questi modelli le ho sostituite con pompe ad ingranaggi esterni (Casappa) con risposta molto più veloce e maggiore uniformità di flusso ai bassi giri. Le macchine sono precise ed il sistema è ottimo l'unico inconveniente è la rumorosità che è aumentata un po' rispetto alla pompa a palette.

L'ideale sarebbe un bel sistema con servomotore, ma i costi sono alti e non avendo una linea di macchine standard da poter utilizzare sempre l'identico sistema, non si riescono ad ottenere sconti significativi.

Un altro problema è il fatto di costruire macchine ad iniezione non standard (le standard le fanno i cinesi) e quando costruisci una macchina "su misura" ti ritrovi ad avere sistemi da 10, 30, 50, 80 l/min, e non puoi certo standardizzare.

Adesso il problema è nato per via di una macchina verticale che stiamo progettando, dove ho un paio di requisiti fondamentali: basse velocità con alte pressioni (il motore ai bassi giri con alte pressioni con inverter comincia a soffrire) e poi per riuscire ad utillizzare lo stesso bancale e serbatoio di un altro modello di macchina ma con portata fluidica maggiore non riusciamo a stare con gli ingombri. Da qui la ricerca di questo sistema EPAI della Voith che potrebbe fare al caso mio da inserire in 4-5 modelli di macchine senza cambiare nulla.

Un importante costruttore di presse bresciano utilizza le pompe Voith ad ingranaggi, e clienti non si sono mai lamentati, però un conto è la sola pompa un conto il sistema EPAI che mi sembra un po' più complesso.

Se qualcuno ha fatto qualcosa con servomotori i consigli e le esperienze pratiche sono sempre ben accette.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

a mio avviso va studiato un sistema ad hoc e non so se il gioco vale la candela. Quando in qualche post precedente ho parlato della mia esperienza è perchè venivo fuori da uno studio fatto su misura per una applicazione, ma si parlava di motori e pompe di dimensioni ridotte che comunque hanno richiesto uno sforzo economico non indifferente.

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...
alessio.ciccarelli

Si avevo visto anche questa soluzione Daikin, ma per problemi di tempi di consegna abbiamo optato, per ora, di non cambiare niente rispetto alle soluzioni adottate fino ad ora. Abbiamo spostato un po' di componenti e ci siamo creati lo spazio necessario. E' comunque una soluzione che stiamo ancora valutando per il futuro.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...