Jump to content
PLC Forum


Riscaldamento Domestico A Olio Combustibile - E' conveniente?


gommapiuma
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti,

i miei genitori vivono in una casa in campagna molto grande ed estesa soltanto su un piano. Era stata pensata come abitazione estiva, quindi secondo me l'impianto di riscaldamento è stato progettato in modo un po' troppo ottimistico. In origine c'era una caldaia+bruciatore ad olio combustibile (scusate la descrizione grossolana ma non conosco i termini tecnici: ha una forma di un cilindro posizionato orizzontalmente di circa 1,5 m di diametro e circa 3 m di lunghezza) , sostituiti una ventina d'anni orsono da una caldaia + bruciatore a gasolio di forma convenzionale (un parallelepipedo poggiato su un basamento, di circa 1x1,20x0,8 di larghezza/altezza/profondità). Non era fisicamente possibile rimuovere la vecchia caldaia viste le sue dimensioni (e immagino anche il peso), quindi è stata soltanto spostata per far posto alla nuova che, presumo, sia stata scelta della dimensione massima installabile senza dover demolire mezza casa, considerato che il vano si trova al piano seminterrato. Il serbatoio di combustibile è rimasto lo stesso, ma in esso è stato disattivato un impianto che mio padre dice servisse per il riscaldamento elettrico dell'olio prima della bruciatura. Ora, visto che il prezzo del gasolio aumenta vertiginosamente, mi chiedevo se per caso non fosse economicamente conveniente ripristinare il vecchio. Voi che dite?

Grazie per l'attenzione e per le risposte

Link to comment
Share on other sites


Prima di addentrarci in ipotesi varie,

Chiarisci se l'ipotesi intende ripristinare il vecchio impianto in toto, oppure modificare l'esistente a olio combustibile?

Link to comment
Share on other sites

veramente non ne ho idea, perchè la mia ignoranza in tema è grande:

la tipologia di caldaia è intimamente dipendente dal combustibile utilizzato? se così non fosse sarebbe sufficiente sostituire alla caldaia attualmente utilizzata il bruciatore di gasolio con quello di olio? è pensabile poter ripristinare quello vecchio (anni 60) o è meglio acquistarne uno nuovo? è necessario ripristinare l'impianto di riscaldamento elettrico di olio? la resa termica dell'olio è migliore o peggiore di quella del gasolio?

grazie ancora e scusate la banalità delle domande

Link to comment
Share on other sites

Il rendimento sia termico che in termini di inquinamento ambientale, e cautele nei confronti di fenomeni di corrosione e tiraggio

sono strettamente vincolati alla progettazione alla costruzione specifica della caldaia. Per la caldaia vecchia, gli anni di fuori servizio probabilmente l'hanno resa un rottame per corrosione e incrostazioni varie.

Per la caldaia nuova, la trasformazione può decidere solo il costruttore se è possibile in quanto è soggetta a certificazione. In quanto al preriscaldatore

dell'olio combustibile potrebbe essere sicuramente necessario ripristinarlo in quanto è connesso al fatto che l'olio è molto denso e non viene atomizzato correttamente con l'aria se usato a temperatura ambiente.

Inoltre penso che dovresti dichiarare il cambio di combustibile al comune di appartenenza che probabilmente ti negherà il consenso. Attualmente i controlli antinquinamento sono molto severi. L'olio combustibile è in via di estinzione nelle caldaie, (per quanto possibile) in quanto è altamente inquinante. Dovresti inoltre rivedere, (forse sostituire) le tubazioni e le pompe dal serbatoio alla caldaia.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...