Jump to content
PLC Forum


Utilizzo Btz Nelle Centrali Termiche - Danni ambientali


alex2patrick
 Share

Recommended Posts

alex2patrick

Mi stavo documentando su i tipi di combustibili più utilizzati nelle centrali termiche quando il BTZ (Basso Tenore Zolfo) mi ha incuriosito. Volevo sapere se senza abbattitore di fumi si può far funzionare una caldaia da 30 ton/ora ed eventualmente quali danni si fanno nell'ambiente circostante.

GRAZIE

Link to comment
Share on other sites


Adelino Rossi
se senza abbattitore di fumi si può far funzionare una caldaia da 30 ton/ora ed eventualmente quali danni si fanno nell'ambiente circostante.

non è chiaro cosa si intende per abbattitore di fumi

hai il modello della caldaia?

attualmente cosa brucia?

Link to comment
Share on other sites

alex2patrick

Ciao adelino, per quanto riguarda la caldaia deco dirti che fa parte della centrale termica di una cartiera e "dovrebbe" funzionare tramite metano proveniente dal fornitore. Succede che, per ovvi motivi commerciali, qualche volta venga fatta funzionare alimentandola con BTZ o in maniera mista. Non essendo un caldaista volevo saperne di più perchè, da quello che i colleghi dicono , per legge non si potrebbe usare il BTZ se non vengono bloccate le forniture di metano. Non sono considerazioni ma queste te le pongo come domande. :o .

Per quanto concerne l'abbattitore di fumi posso solo dirti che lo scarico della caldaia esce in ambiente libero senza essere filtrato e il sistema per l'abbassamento della temperatura di uscita è l'unico elemento esistente.

Edited by alex2patrick
Link to comment
Share on other sites

Adelino Rossi

e' allora una caldaia a combustione mista, metano btz.

fondamentale.

l'autorizzazione all'esercizio rilasciata dagli enti autorizzativi, arpa, provincia e o comune riporta in modo preciso

il tipo di combustione ammessa e i limiti delle emissioni con le varie modalità di funzionamento.

tra l'altro la caldaia ha tipicamente una verifica funzionale all'anno della ASL.

la combustione mista può essere ammessa.

i fumi di queste caldaie in genere non hanno sistemi di filtri sui fumi anche perchè nel caso del metano non servono,

attualmente con la combustione di grandi quantità di metano con le centrali turbogas si stanno prendendo in

considerazione il controllo delle micropolveri PM10.

in uscita è presente uno scambiatore di calore detto economizzatore e serve a preriscaldare l'acqua alimento

al limite nelle caldaie più grandi è presente uno scambiatore ljungstrom per il preriscaldo dell'aria comburente.

in caso di combustione a btz è necessario che la temperatura in uscita dei fumi al camino sia di circa 140 - 170 °C

per evitare condense acide, per il metano invece la temperatura al camino può essere appena al di sopra dei 100°C.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...