Jump to content
PLC Forum


Premendo + Volte Un Pulsante Si Eccità Un Relè - componenti?


frankie1963
 Share

Recommended Posts

CIao, sto cercando un circuito elettronico,da fare, che mi permetta di eccitare un relè premendo un pulsante ma che abbia una sequenza prestabilita

per esempio 5 pigiate rapide ed una o due di più secondi

e possibile realizzarlo?

grazie

Link to comment
Share on other sites


Uhm , richiesta insolita . Mi sa che il metodo più veloce e sicuro sarebbe un PIC ma occorre essere in grado di programmarli o trovare qualcuno disposto a farlo .

Però magari Mirko ha qualche schema a proposito! wink.gif

Link to comment
Share on other sites

grazie per aver risposto, comunque approfondisco la richiesta e cerco di spiegare meglio perchè mi serve.

Praticamente, scala in comune ,la mia con uno studio di avvocato, io e la moglie usciamo la mattina per andare al lavoro, torniamo nel tardo pomeriggio

all'ingresso dela scala cè il pulsante della mia lampada e quello dello studio,i mio è a portata di dito,difatti tutti i clienti pigiano sul mio,certo non rendendonese conto, ma sta di fatto che consumano la luce del mio contatore, quindi ho dovuto staccare il filo della stessa con conseguenza che quando torniamo dobbiamo accedere all'appartamento salendo le scale,una rampa, al buio,la luce dello studio la sera non funge, per tale motivo ho fatto tale richiesta,vorrei sfruttare il mio pulsante, affingùchè comandi una sorta di circuito che una volta pigiato,non una sola volta ovvio,l'accenderebbero tutit e non avrei risolto,una specie di codice una sequenza di pigiate magari 3 corto e due + lunghe,che facciano eccitare un relè connesso al pulsante della luce scala ed accenderla, tutto qui, potrei mettere un interruttore a chiave ma al buio dovremoutilizzare sempre una lampadina tascabile

grazie

Link to comment
Share on other sites

Ma non fai prima a mettere un bell'interrutore a chiave?

Sul tipo, per esempio, di quelli per aprire i cancelli .

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini+26/01/2011, 14:42--> (Livio Orsini @ 26/01/2011, 14:42)

scusa ma hai letto quello che ho scritto? l'ho anche menzionato il perchè,dovrei cercare di infilare la chiave al buoi o con l'ausilio di una lampadina tascabile o cellulare,insomma sempre scomodo è, e poi vuoi mettere la faccia di mia moglie tipo scena "maira buttta la chiave" la vita è bella, insomma qualcosa di magico biggrin.gifbiggrin.gif

Link to comment
Share on other sites

Certo che l'ho letto e proprio per questo ti ho dato quella risposta. Poi per quello che mi riguarda per accendere la luce puoi anche usare un rilevatore di immmagini retiniche. biggrin.gif

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini+26/01/2011, 15:09--> (Livio Orsini @ 26/01/2011, 15:09)

bene ,mi passi lo schema? biggrin.gif

ps: hai letto male ,.ho scritto buio,quindi come la infili la chiave?

Edited by frankie1963
Link to comment
Share on other sites

Mai infilato una chiave nella toppa servendosi solo del tatto?

Comunque ci sono i portachaive con lampadino incorporato, ne abbiamo anche regalati come gadget di PLCForum.

Battute a parte, la soluzione ch hai in mente, oltre che complicata da realizzare è foriera di accidenti, bestemmie e maledizioni varie a che e qaundo ha avuto la sciagurata idea.

Link to comment
Share on other sites

Dato che insisti, eccoti un esempio di come potresti fare:

user posted image

Se premi meno di 3 sec. la luce si spegnerà dopo lo stesso tempo, invece tenendo premuto per più di 3 sec. potrai avere luce in base alla regolazione del trimmer...

Almeno così chi non lo sà, non potrà avere che 3 sec. al massimo di illuminazione...

Puoi sempre migliorare il circuito aggiungendoci un contatore in avanti di tot volte prima di alimentare questo...

es. Pigio 3 volte e attivo il circuito, alla 4 devo tenere premuto il pulsante più di 3 sec.

P.S. Comunque mi pare un sistema troppo soggetto alla casualità, qualcuno potrebbe trovare facilmente la combinazione...

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

E come no ?

Ricordo che circa 15 anni fa, quando ancora abitavo coi miei, io e mio padre automatizzammo la bascula del garage.

Lui che è l'ingegnere meccanico di casa, disegnò e costruì tutta la meccanica di movimentazione della bascula, io che sono l'ingegnere elettronico di casa biggrin.gif , feci tutta la parte elettrica di gestione.

Volevamo usare il telecomando che già si utilizzava per aprire il cancello automatico, tranquilli del fatto che essendo poi il garage molto distante dal cancello, e con muri del condominio infrapposti, non si sarebbe attivato anche il cancello quando comandavamo la bascula.

Problema : Se facciamo in modo che il garage si apra con il telecomando del cancello, anche gli altri 22 condòmini se passano nei paraggi e schiacciano il telecomando, ci aprono il garage.

Come risolsi ?

Facendo in modo che occorressero 3 pigiate consecutive ed a una certa velocità (frequenza) del telecomando, ed allora di apriva la bascula, una pigiata sola invece apriva solamente il cancello.

Ora da qualche parte lo schema l'ho ancora, se a frankie1963 può interessare un metodo siffatto da applicare al suo pulsante, allora indago senz'altro nei miei schemari hobbistici.

Saluti

Mirko

Edited by Mirko Ceronti
Link to comment
Share on other sites

anche questo potrebbe essere interessante, di seguito le note dell'autore:

user posted image

Per rendere meno facile l'apertura si é pensato a due pigiate, una corta e una lunga così solo chi é a conoscenza del sistema può aprire il portone.

Alla prima pigiata C4 e C1 (attraverso D6) si caricano a Vp. Q1 non può saturare perché la base é più positiva dell'emitter. Pertanto C3 rimane scarico, Q4 interdetto, C2 scarico e Q3-Q2 interdetti e relè diseccitato; questo anche se tengo premuto il pulsante del campanello all'infinito.

Appena mollo il pulsante del campanello C4 inizia a scaricarsi attraverso R4 da 1K, sotto i 5V1 Q1 conduce e carica C3 a 4/5V con la scarica di C1. La pausa non deve durare troppo altrimenti anche C3 e C1 si scaricano attraverso D3 e R4. Se dopo la breve pausa (frazioni di secondo) torna tensione per via della seconda pigiata, C4 e C1 tornano a Vp mentre Q1 ritorna interdetto.
C3 però ha ancora 3/4 V di carica sufficienti a tenere Q4 in conduzione permettendo così a C2 di caricarsi attraverso R1. Quando l'anodo di D4 scende sotto 4V circa [12-(6,8+1,2) V] Q3 e Q4 saturano eccitando il relè che da il consenso ad aprire la porta. Con C2 da 220uF e R1 da 68K si ha un ritardo di circa 10 secondi. Appena rilascio il pulsante il relè si diseccita e tutte le capacità si scaricano e il circuito é pronto per un altro evento.

il contatto del rele lo dovresti mettere al posto del pulsante originale, se ho ben capito hai già un timer luce scala

_____________________________________________________

Trovato anche un altro schema, ma non ci sono note esplicative

user posted image

Edited by sx3me
Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Et Voilà...l'ho trovato.

Premendo velocemente per 3 volte il pulsante, si attiva il relè in modalità monostabile.

Il suo contatto pulito a sua volta, potrà essere usato per azionare qualunque cosa.

Se non si è abbastanza veloci a premere per 3 volte di seguito, il circuito si autoresetta e non si ottiene nulla.

Se anche si preme solo 2 volte, stesso risultato.

La velocità di cadenza delle premute è stabilita dal condensatore da 22-:-47 microfarad, e la massima frequenza possibile di quest'ultime, è sancita dalla capacità del condensatore di antirimbalzo scelto su questo schema di valore pari ad 1 microfarad.

Facendo uso di AND cablati a diodi 1n4148, si può espandere il numero della sequenza di premute a piacere.

user posted image

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti+29/01/2011, 13:14--> (Mirko Ceronti @ 29/01/2011, 13:14)

Ciao mirko certo che mi interessa, scusa il ritardo a risponderti/vi ero indaffarato con la moglie a cercare una lampadina tascabile hehehehe biggrin.gif ok adesso mi studio bene lo schema se dovessi avere delle difficoltà (questo è sicuro) ti scrivo

a presto ed ancora grazie

ps: una domanda veloce? hai per caso lo stampato,vabbuò uso un 1000 fori ma il relè a tal punto dovrebbe essere 12v ma i contatti da N.A deve passare a N.C ma però dovrebbe dare solo un impulso,come se fosse il pulsante e scusa la domanda forse stupida che relè dovrei comprare? esistono tali relè?

Edited by frankie1963
Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Dunque quello che esprimi Tu si chiama modalità monostabile, in gergo...one-shot !

Certo che questo circuito assolve a questa modalità, infatti leggendo lo schema, ci si rende conto che terminate le 3 premute veloci, il relè si eccita ed il contatto da normale aperto, si chiude, ma....nel frattempo il condensatore elettrolitico da 22-:-47 microfarad, si scarica sulla 27Kohm, mandando così in reset il 4024 che logicamente porrà a zero logico tutte le uscite.

Risultato ?

Il transistor che pilota il relè andrà in interdizione, il relè a sua volta si diseccita, ed il contatto torna a riposo.

Hai così il tuo contatto che lavora in modalità colpisci e fuggi.

Va benissimo un qualunque relè monostabile da circuito stampato a bobina 12 Volt DC.

Io userei un relè ad un contatto in scambio da 5 Amper (se non è in scambio ma solo N.A. è lo stesso).

Da qualche parte ce l'ho sicuramente, ma essendo di quelli "vecchi" ha subìto 2 traslochi e cercarlo ora significherebbe devastare il garage, cosa che non ho (al momento) in agenda biggrin.gif .

E' comunque talmente semplice che lo si può tranquillamente approntare anche su 1000 fori.

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti+1/02/2011, 11:45--> (Mirko Ceronti @ 1/02/2011, 11:45)

Ok perfetto capito tutto appena mi metto all'opera ti faccio sapere comè finita

ancora grazie

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

Salve a tutti,

qui in questo forum ho trovato la soluzione di Mirko interessante per qs. apertura molto banale ma che mi torna utile per un'ambiente particolare.

Quindi sono a chiedere cosa dovrei aggiungerci per alimentare il tutto con tensione di 24VAC? Tensione che verrebbe "presa" da quella disponibile per le fotocellule della scheda cancello.

Io immagino serva un 7812 e cos'altro pero'?

Il relè nel mio caso darebbe l'impulso alla centralina Came e quindi dovrebbe bastare un modello da 5A normale da c.s..

Poi di seguito mie perplessità in seguito stesura dib componenti:

-le resistenze bastano quelle 1/4w?

-i condensatori elettrolitici sono da 35V?

Grazie mille in anticipo a coloro che intervengono in mio aiuto.

Link to comment
Share on other sites

Mirko Ceronti

Faccio prima ad aggiungere la modifica per via grafica che a spiegarmi a parole :smile:

http://upload.plcwww.com/files/20/1-2-3%2024Vac.jpg]http://1-2-3%2024Vac.jpg

I condensatori nello stadio alimentato a 12 Volt, possono essere anche da 16 Volt, le resistenze da 1/4 di watt bastano ed avanzano.

Il relè collegato come da disegno, dovrà essere da 24 Vdc, nulla vieta di usare un 12 Vdc e collegarlo sull'uscita "U" del 7812 anzichè sull'ingresso "E".

Saluti

Mirko

Link to comment
Share on other sites

Mirko grazie infinite per modifica schema e tutti i chiarimenti.

Aggiungo i componenti alla lista e realizzo il tutto.

Grazie ancora per il tuo tempo e a presto.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...