Jump to content
PLC Forum


smoothhands

Consiglio Nuovo Impianto Dopo Ristrutturazione...

Recommended Posts

smoothhands

Buonasera a tutti voi,

l'elettricista mi ha suggerito un insieme di componenti

in base al numero di stanze e al tipo di elettrodomestici

ma mi piacerebbe avere comunque un vostro parere.

L'appartamento, posizionato al primo piano, sarà dotato di

impianto domotico HomePLC e probabilmente in futuro

anche di sistema d'allarme.

Il contatore si trova a piano terra e, per arrivare al quadro

nell'appartamento, sono presenti cavi da 6mmq non

in doppio isolamento ma bensì in corrugato con quelli

di altri appartamenti.

Mi è stato proposto:

- n. 1 DIFF. M.T. selettivo Idn=0.3A - 32A a fianco al contatore e da qui il montante...

Nel quadro dell'appartamento:

- n. 1 sezionatore 2P da 63A come generale

- n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

Il primo dei due dovrà servire cucina, salotto, studio, corridoio, cameretta,

cam. matrimoniale + cab. armadio, e 2 bagni: totale 8 zone.

Per ogniuna delle 8 zone saranno presenti 2 M.T.: M.T. 10A e M.T. 16A;

tranne per il corridoio che non ha prese e quindi solo 1 M.T. 10A.

Il secondo servirà luci esterne, prese esterne, 2 climatizzatori dual e caldaia (esterna):

in cascata, per caldaia e luci esterne un M.T. 10A per gli altri M.T. 16A.

- n. 1 DIFF. puro Idn=0.03A - 40A per frigo, forno, lavastoviglie e lavatrice ogniuno

con un proprio M.T. da 16A

Fino a qui siamo già a 10 M.T. da 10A e 16 M.T. da 16A.

Per completare si è pensato a

- n. 5 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 10A per allarme, quadro tv, quadro rete dati, domotica e VMC.

- n. 2 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 16A per 2 termoarredi (uno per begno).

Ammetto che la lista è un pò lunga e un pò raggruppata ma spero di essere stato chiaro.

Per le prese abbiamo usato tutti cavi da 2.5mmq (così come per i carichi particolari)

mentre per le luci cavi da 1.5mmq.

E' presente un discreto quadro di rete e sulle linee elettriche saranno presenti svariati

gadgets elettronici (oltre a coputer, nas e stampante) quindi gradirei una discreta

protezione per questi.

Che cosa ne pensate di questa suddivisione?

Avreste organizzato il tutto in modo diverso?

Tutti i suggerimenti sono apprezzati.

Grazie

Link to comment
Share on other sites


smoothhands

Ops... piccolo errore.

I M.T. da 16A sono 14 e non 16.

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Vi aggiorno... mi è arrivato il preventivo :o

Marca Schneider 980 euriiiiii + iva.

Però compreso un limitatore di sovratensione... ah beh!?!?? <_<

Link to comment
Share on other sites

bypass

Marca Schneider 980 euriiiiii + iva.

Però compreso un limitatore di sovratensione... ah beh!?!?? <_<

sono prezzi da listino .

la tua lista dovrebbe costare molto meno .

ma questa configurazione chi l'ha fato , Verdone in un film ??? tipo :

n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

questi sono in orizontale a valle del MTD32A ..??

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

Riccy

Sul prezzo dei componenti il forum può solo darti indicazioni di massima...ma mi pare un copia/incolla dal listino.............

- n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

con tutta quella roba sotto forse li sceglierei da 40A e di tipo immunizzato (alta resistenza ai disturbi) già che fai la spesa...perchè hai parecchia elettronica/inverter li dentro.

Per completare si è pensato a

- n. 5 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 10A per allarme, quadro tv, quadro rete dati, domotica e VMC.

- n. 2 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 16A per 2 termoarredi (uno per begno).

Scusa....questi dove starebbero? Sotto il Diff MT sottocontatore oppure sotto i differenziali generali???

Visto che hai presenza di inverter, pc, elettronica in genere forse già che fai la spesa i due differenziali generali

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Ciao bypass e Riccy,

Sul prezzo dei componenti il forum può solo darti indicazioni di massima...

si, non c'è problema... non era per confrontare le cifre. Era solo per la battuta del limitatore :smile:

n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

questi sono in orizontale a valle del MTD32A ..??

Si sono, dopo il sezionatore, a valle del MTD32A.

- n. 5 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 10A per allarme, quadro tv, quadro rete dati, domotica e VMC.

- n. 2 DIFF. M.T. Idn=0.03 - 16A per 2 termoarredi (uno per begno).

Scusa....questi dove starebbero? Sotto il Diff MT sottocontatore oppure sotto i differenziali generali???

anche questi sono dopo il sezionatore, a valle del MTD32A

La cosa strana, che adesso andrò a controllare perchè non sono proprio ferrato, è che

nel caso di MTD32A mi hanno proposto A9N17576+A9N19499

mentre per MTD10/16A mi hanno proposto A9N17509+A9N19450

L'A9N19499 costa 4 volte l'A9N17576 mentre l'A9N19450 viene 8 volte l'A9N17509

Devo ancora andare a vedere cosa sono :P

Perchè la battuta di Verdone? :lol:

Edited by smoothhands
Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Ah... si possono comporre. Quello che va aggiunto da la ciccia al tutto :smile: ecco perchè costa di più.

Sono presenti anche ausiliari con contatti di segnalazione.

Se ho capito bene potrei utilizzarli per segnalare alla domotica una interruzione?

Se volessi semplificare il tutto, mantenendo una certa separazione e continuità di servizio,

dove mettereste le mani?

Edited by smoothhands
Link to comment
Share on other sites

Elettroplc

Mah...il numero di corcuiti serviti da differenziali è anche dettato dalla superficie utile..io adotterei almeno 4 differenziali tipo A Antiperturbazione o immuni ai disturbi - per 4 zone distinte + RMC con contattori ausiliari per i carichi non prioritari.

Gem Enel e protezione montante con MTC32A+Diff. 0,3A tipo S.

Il primo Differenziale, del tipo A con riarmo automatico associato, serivirà le utenze privilegiate come allarme, caldaia, domotica, videocitofonia, illuminazione, etc etc.

Il secondo tronco di impianto, sarà sovraordinato da un RMC (Relè Massimo Consumo) con 3 contattori a 2 poli esterni e TA di misura, per i 3 circuiti serviti dai restanti differenziali.

I 3 differenziali serviranno tre porzioni di diverse di impainto, esclusa la cucina.

Per la cucina, adotterei una derivazione a parte, soprattutto per i componenti-elettrodomestici ad incasso, con moduli MTD per ogni singola utenza.

Questo impianto è a prova di "bomba".

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Grazie Elettroplc... me la devo studiare ;-)

Se può servire si tratta di un appartamento di 85 mq

suddiviso in salotto e cucina (open space), studio,

corridoio, cameretta, bagno 1, matrimoniale + cabina arm.,

bagno 2 (in camera matr.).

Il quadro alimenta direttamente cucina, corridoio, luci ext.,

prese ext., allarme, domotica, i due clima dual, i due

termoarredi, vmc, lavatrice e ovviamente i carichi particolari

della cucina.

Ho alcune derivazioni in giro: sala, studio + cameretta,

matrimoniale + cabina, bagno 1, bagno 2.

In pratica porto 16A e 10A per ognuna delle 5 derivazioni.

Per la gestione dei carichi pensavo di utilizzare la domotica

che fornisce dei moduli di misurazione carico max 25A.

Pensavo di usarne uno per le linee a 10A e uno per quelle a 16A.

Edited by smoothhands
Link to comment
Share on other sites

Elettroplc

Per la gestione carichi, meglio associare i moduli di rilevamento alla FM, le luci devono essere sempre attive e non inibite.

Con la domotica, dovrai settare un bel quadro ..oppure due ..uno per i moduli ordinari dell'impianto, ed un quadro dedicato alla domotica, io preferisco la seconda soluzione.

Comunque, con la barra EQP da associare al quadro generale, e gli SPd, se usi un solo quadro ti trovi un groviglio di cablaggio..che alla fine pregiudica l'efficienza.

Meglio la soluzione abbinata.

Ma con la domotica cosa hai intenzione di usare, BTicino, Vimar, BPT...?

Perchè alla fine, uno può adottare anche un RMC a display associato a TA esterno e modulo contattore 2P, oppure, un modulo domotico con uscite a contattore per dissociare i carichi in modo fine, uno ad uno in sequenza fino alla garanzia della tenuta del Gem.

In un caso del genere, hai molta carne al fuoco, progetta con attenzione.

Io ..eviterei i megaquadri univoci, e frazionerei l'impianto così: Quadro dedicato alla domotica, videocitofonia, rete Adsl/Ethernet, un quadro generale e sottoquadro per le utenze elettrodomestici.

Tanto .gli elettrodomestici ad incasso vanno sezionati con un interruttore, tanto vale un quadretto dedicato.

Con tante cose, mah...io userei un cablaggio guida come il Tifast Abb o Isofix, la scelta di Schenider Acti 9 come moduli è ottima, sono aggiornati e performanti.

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Ma con la domotica cosa hai intenzione di usare, BTicino, Vimar, BPT...?

Ho scelto di installare HomePLC, che è a bus, distribuito sulle varie derivazioni nelle stanze.

In aggiunta ho acquistato un quadro flatwall bticino da 150.

L'idea infatti non è quella di accentrare tutto ma distribuire.

Ponevo nel flatwall comunque tutti i differenziali e magnetotermici del caso.

Link to comment
Share on other sites

fradifog

Trovate sia corretto avere un differenziale 25 Amp,a valle di un Mt da 32 Ampere?

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Trovate sia corretto avere un differenziale 25 Amp,a valle di un Mt da 32 Ampere?

Io purtroppo una risposta secca a questa domanda non so dartela... e non sono un professionista.

La lista della spesa mi è stata fatta da un elettricista che poi dovrà realizzare l'impianto... teoricamente

dovrei fidarmi ma siccome sono un pò diffidente e mi piace capire preferisco domandare e documentarmi.

Leggendo la guida di ABB alla norma CEI 64-8 ho visto che se il montante (>= 6mmq) è a doppio isolamento

risulta protetto contro i contatti indiretti e quindi non è necessario un interruttore differenziale alla sua base.

Ora, dopo avervi dimostrato che so fare il copia e incolla della guida, posso dirvi che il mio montante è cosi disposto...

La palazzina ha 3 appartamenti più soffitta e garage e in un quadro generale subito a lato del portone

di ingresso sono posizionati i contatori dei 3 appartamenti. Da questo quadro partono alcuni corrugati

che collegano, man mano che salgono per le scale, 3 scatolette di derivazione sui pianerottoli (1 per appartamento).

Osservando i vecchi collegamenti già presenti ho potuto notare che per ogni appartamento i relativi montanti non

sono in doppia protezione ma, sebbene in alcuni casi condividano lo stesso corrugato, non sono mai interrotti e

collegano il contatore del gestore al quadro principale del rispettivo appartamento.

Potrei tentare di sosituire il mio montante con un unico cavo in doppia protezione ma non so se ci posso riuscire

dato lo spazio contenuto (la palazzina è stata costruita 30 anni fa e quindi potete immaginate la dimensione dei corrugati).

Illustrata la mia situazione torno a fare copia e incolla dal testo della ABB dove a pag. 25

illustrano un caso in cui alla base del montante c'è un MT C40 (dedicato alla protezione da cortocircuito)

e come prima cosa, nel centralino, un interruttore MT Diff. Selettivo C16/C20/C25/C32 0,3 A - tipo S che

dovrebbe garantire la protezione da sovraccarico al montante (oltre alla protezione per i contatti indiretti).

Letto questo, da ignorante, quale sono, un Diff da 25A può stare benissimo a valle di un MT da 32A !!!!

Elettroplc comunque ha suggerito un MTC32A+Diff. 0,3A tipo S che mi sembra ragionevole visto il montante non

proprio perfetto e dato che la lunghezza del montante è dai 10 ai 12 metri e potrei aver bisogno di arrivare fino ai 6KW.

Vi ho annoiato... può essere ;)

Comunque sto leggendo diversi post e prima di far fare il lavoro mi piacerebbe capirne di più.

Edited by smoothhands
Link to comment
Share on other sites

bypass

un Diff da 25A può stare benissimo a valle di un MT da 32A !!!!

No , perché a valle di questo differenziale puro da 25 A tu superi 25 A di carico .

Questo differenziale puro non è protetto da sovracarico a monte (MT 32A ) e neanche a valle :

- n. 1 sezionatore 2P da 63A come generale

- n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

Il primo dei due dovrà servire cucina, salotto, studio, corridoio, cameretta,

cam. matrimoniale + cab. armadio, e 2 bagni: totale 8 zone.

Per ogniuna delle 8 zone saranno presenti 2 M.T.: M.T. 10A e M.T. 16A

cioè : 8 zone x (10+16) = 208 A a valle del differenziale puro,

monte 32A >25A

valle 208A ( limitato dal 32 A a monte) > 25 A

Il differenziale puro non è protetto .

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

bypass

Vi ho annoiato

no

Illustrata la mia situazione torno a fare copia e incolla dal testo della ABB dove a pag. 25

illustrano un caso in cui alla base del montante c'è un MT C40 (dedicato alla protezione da cortocircuito)

e come prima cosa, nel centralino, un interruttore MT Diff. Selettivo C16/C20/C25/C32 0,3 A - tipo S che

dovrebbe garantire la protezione da sovraccarico al montante (oltre alla protezione per i contatti indiretti).

Letto questo, da ignorante, quale sono, un Diff da 25A può stare benissimo a valle di un MT da 32A !!!!

ce differenza tra magnetotermico differenziale e differenziale puro .

Nel caso di ABB il magnetotermico differenziale e in corpo unico perciò la corrente nei contatti viene limitata dal magnetotermico .

Nel tuo caso hai parlato di :

- n. 1 DIFF. M.T. selettivo Idn=0.3A - 32A a fianco al contatore e da qui il montante...

Nel quadro dell'appartamento:

- n. 1 sezionatore 2P da 63A come generale

- n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

Il primo dei due dovrà servire cucina, salotto, studio, corridoio, cameretta,

cam. matrimoniale + cab. armadio, e 2 bagni: totale 8 zone.

Per ogniuna delle 8 zone saranno presenti 2 M.T.: M.T. 10A e M.T. 16A;

tranne per il corridoio che non ha prese e quindi solo 1 M.T. 10A.

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

bypass

- n. 1 sezionatore 2P da 63A come generale

- n. 2 DIFF. puri Idn=0.03A - 25A

Il primo dei due dovrà servire cucina, salotto, studio, corridoio, cameretta,

cam. matrimoniale + cab. armadio, e 2 bagni: totale 8 zone.

Per ogniuna delle 8 zone saranno presenti 2 M.T.: M.T. 10A e M.T. 16A;

tranne per il corridoio che non ha prese e quindi solo 1 M.T. 10A.

Il secondo servirà luci esterne, prese esterne, 2 climatizzatori dual e caldaia (esterna):

con questa configurazione ,basta una perdita di corrente della lavatrice , o lavastoviglie , o altro ,,

Rimani al buio totale.

Devi dire al tuo elettricista di preoccuparsi di più alla continuità di servizio e sicurezza elettrica della casa,,, e meno della parte comerciale,

perché con 900 euro + iva di dispositivi si può fare molto ma molto di meglio.

Il fatto che lui ti può rilasciare la DICO con questa configurazione e per sua ignoranza non vuol dire che hai un impianto fatto bene.

Ciao.

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Grazie bypass..

cioè : 8 zone x (10+16) = 208 A a valle del differenziale puro,

però non è stato considerato nel calcolo il fattore di contemporaneità.

Non ho indicato quante prese e punti luce ho inserito, e mi sa che

dovrò fare attentamente qualche calcolo, però ho intenzione di mettere

tutte lampade a led e ho posizionato molte prese per ogni stanza,

probabilmente molte di più di quante ne utilizzerò realmente.

In effetti la cucina penso sia meglio tenerla separata da tutto il resto visto

tutti i robot etc che ha la mia signora.

Poi forno, frigo, lavatrice e lavastoviglie me li ha proposti a parte sotto un Diff puro da 40A

ognuno con un MT da 16A.

Facendo lo stesso conto anche in questo caso 40A sarebbero pochi ma è

così probabile che mi vadano in corto almeno tre delle quattro apparecchiature li sotto?

Pensavo comunque di togliere il frigo dal gruppo per fare in modo di garantire la sua continuità di servizio

anche se viene staccato il generale.

Comunque non ho la minima intenzione di avvallare ciecamente l'impianto che mi ha proposto l'elettricista :P

E poi star dietro a questa roba ha il suo fascino :lol: mi gusta proprio.

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Devi dire al tuo elettricista di preoccuparsi di più alla continuità di servizio e sicurezza elettrica della casa,,, e meno della parte comerciale,

L'elettricista mi aveva proposto dei componenti Hager che a dir suo costavano meno ma avrebbero fatto il loro dovere.

Poi sono andato dal rivenditore (mio cugino) che mi ha detto che in realtà costano poco ma valgono anche poco e

quindi mi ha proposto la Schneider con relativo preventivo in base al pseudoprogetto dell'elettricista.

Immagino anch'io che abbia messo i prezzi di listino sennò lo elimino dalla lista dei parenti :superlol:

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Mille euro per una ventina di automatici e 6 o 7 differenziali ? ? ? ? ? ? :o

Poi sono andato dal rivenditore (mio cugino)

Forse sei andato dal cugino orafo!!!!! :superlol::superlol:

Edited by Maurizio Colombi
Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

Poi sono andato dal rivenditore (mio cugino) che mi ha detto che in realtà costano poco ma valgono anche poco

Chissà che prove a ha fatto. Comunque Hager, anche se poco nota in Italia, è una delle più diffuse marche europee.

Link to comment
Share on other sites

bypass

però non è stato considerato nel calcolo il fattore di contemporaneità

questo non c'entra .

differenziale puro da 25 A LO DEVI limitare la corrente a 25 A .

Edited by bypass
Link to comment
Share on other sites

smoothhands

differenziale puro da 25 A LO DEVI limitare la corrente a 25 A

Allora con un Diff 25A ci posso mettere solo due MT10A.

Con un Diff32A ci posso mettere 3 MT10A oppure 2 MT16 oppure... boh.

E' sempre così?

Edited by smoothhands
Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Ok mi rispondo... un differenziale puro non è protetto dalle sovracorrenti.

Ho trovato questo...

... nell'ipotesi di sistema TT:

per ragioni di selettività di intervento per guasto a terra (che è quello più frequente) è sconsigliabile l'uso di un differenziale puro a monte di tanti magnetotermici: un guasto a terra su una linea derivata provoca l'intervento del generale differenziale e tanti saluti alla continuità di servizio; se un differenziale è necessario (perchè per esempio la carpenteria del Q.E. non è in isolamento doppio e dunque costituisce una massa e pertanto va eseguita la protezione contro in contatti indiretti mediante interruzione automatica coordinata con l'impianto di terra), allora che il differenziale sia almeno del tipo S (selettivo) o ritardato (regolabile);

Io ho un flatwall bticino da 1 metro e mezzo tutto in lamiera...

come mi dovrei comportare?

Link to comment
Share on other sites

smoothhands

Chissà che prove a ha fatto. Comunque Hager, anche se poco nota in Italia, è una delle più diffuse marche europee

Mah... mi aveva detto che in magazzino avevano un intero quadro realizzato con componenti

Hager che oramai hanno sostituito quasi tutti per guasti :senzasperanza:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




×
×
  • Create New...