Vai al contenuto

Il Dottore 88

Motore + inverter...

Recommended Posts

Il Dottore 88

Salve ho acquistato un vecchio trapano a colonna che monta un motore trifase con questi dati:

Elettromeccanica lecchese

tipo 13/2

serv. cont.

HP 1 Kw (?)

2780 giri\min

Hz 50

Collegamento  a triangolo 220 e a stella 380

 

Vorrei comandarlo con un inverter visto che non ho la corrente trifase ma vorrei mantenere il motore che sembra in buono stato. Vorrei chiedere se un inverter vettoriale come questo: http://www.ebay.it/itm/INVERTER-VETTORIALE-TOSHIBA-0-75-kW-4-2A-1HP-230-Volt-MONOFASE-x-MOTORI-3-FASI/171445605720?hash=item27eaf45558:g:XxEAAOSwQItUIyr7

vada bene o se sia meglio prenderne uno piu grosso: http://www.ebay.it/itm/INVERTER-VETTORIALE-TOSHIBA-2-2-kW-230-Volt-MONOFASE-USCITA-MOTORE-TRIFASE-HP-3/311655999826?hash=item4890252952:m:maMd849Pw6kmG87cmq8J1bw

Sono comunque aperto a altri marchi e modelli e non disdegno nessuna proposta. Saluti.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
SandroCalligaro

Gli inverter dovrebbero andare bene (ho solo scorso i dati della pagina ebay).

Non credo che, vista anche l'applicazione, abbia senso sovra-dimensionare di 3 volte (2.2 kW rispetto a 0.75 kW).

 

Credo poi che utilizzare la modalità vettoriale possa non essere necessario, e forse non sarà nemmeno il massimo nel tuo caso, vista la configurazione a triangolo (il motivo per cui dico questa cosa, che non è del tutto certa, è complicato). In ogni caso, gli inverter "vettoriali" prevedono praticamente sempre anche la modalità di funzionamento "scalare" (o "V/f").

 

PS: Di che epoca è il trapano?

L'uso di un inverter su motori "vecchi" è problematico, perché molto spesso le forti variazioni della tensione PWM in uscita all'inverter molto "stressano" l'isolamento degli avvolgimenti, portando al guasto del motore.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Il trapano dovrebbe essere di circa 30 anni fa credo. Per l'inverter volevo prenderne uno da 1kw ma non sembra esserci. Avevo anche pensato di sostituite il motore in caso con uno monofase ma così perderei la possibilità di invertire il senso di marcia e la regolazione (niente di esagerato sia chiaro) della velocità. Il motore poi appena posso dovrei aprirlo e dargli una pulita, Nel caso se riesco potrei sostituire i tre cavetti che escono dalla cassa con 3 piu solidi visto che quei tre sono molto sottili...e non mi convincono molto.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, Il Dottore 88 scrisse:

Il trapano dovrebbe essere di circa 30 anni fa credo

 

C'è il rischio reale che il motore dopo poco tempo di funzionamento sotto invertr si "bruci". I motivi li ha esposti chiaramente Sandro Calligaro.

2 ore fa, Il Dottore 88 scrisse:

con uno monofase ma così perderei la possibilità di invertire il senso di marcia

 

No, basta prevedere un motore che abbai disponibili tutti i collegamnti ai 2 avvolgimenti del monofase.

 

Però su di un trapano a colonna l'inversione del senso di rotazione non ha molte applicazioni, a meno di voler usare punte sinistrorse.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Grazie delle informazioni ma come faccio a capire di che motore avrei bisogno? Oltre tutto mi servirebbe comunque un inverter per fare l'inversione e relativa variazione di velocità o no? E se anche prendessi un mote trifase usato (parlo di usato per cercare di contenere i costi) come potrei essere sicuro che non abbia poi problemi del genere... molti che conosco che hanno fatto modifiche a trapani del genere (parlo di inverter mono trifase) si non sempre trovati bene e non hanno alcun problema a quanto ne so... dico questo non per mettere in dubbio la vostra professionalità ma solo per cercare di capire meglio i rischi e cosa comporterebbe di spesa una modifica piu radicale.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Altrimenti potrei, se non ci sono pericoli per l'inverter, usare quel motore fino a che va e se dovesse bruciarsi ne prenderò poi uno di nuovo...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

E' una idea un po' brutale e non scientifica ma, dal punto di vista pratico, abbastanza corretta.

Provi, nella peggiore delle ipotesi ti ritrovi con un motore da sostituire. Un motore trifase da 0.75kW lo trovi nuovo, adatto ad essere comandato da inverter, per mno di 100€

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Intanto molte grazie della disponibilità a tutti. Alle volte non si pensa nemmeno alla soluzione piu semplice o piu a portata di mano. Per il prezzo ho visto i motori elmar, mi pare si chiamino, e sono sui 90 nuovi. Visto che ci sono vorrei chiedere una cosa riguardo alla luce del trapano da 24 volt. Sull'inverter ho visto che c'è un linea a 24v e pure un pin completamente programmabile che fornisce sempre a discrezione i 24v (anche se questo va proprio programmato). Sarebbe fattibile prendere i 24 volt dalla linea, interporci un selettore a 2 vie a mo di interruttore e usarlo per accendere\spegnere la luce a comando, rendendo questa completamente indipendente dal funzionamento del trapano? In giro ho letto che ci vorrebbe un relè a 24v ma essendo il selettore un interruttore e non un pulsante serve comunque tale relè?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Sconsiglio vivamente di usare il 24V dell'inverter per alimentare la lampada.

Per prima cosa si rischia un sovraccarico, secondariamente un guasto al circuito lampada rischia di danneggiare l'inverter.

Il 24 V dell'inverter va usato esclusivamente per i comandi dell'inverter.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Quindi dovrei prendere un trasformatore da 24V? O forse sarebbe meglio sostituire il portalampada e la lampada con una da 220v tipo quelle dell'abat jour con attacco e14?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Dovresti verificare l'impianto elettrico ed il portalampade se reggono l'isolamento per 230V; io metterei un trasformatorino nel medesimo quadretto dell'inverter.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
SandroCalligaro

Di che potenza stiamo parlando, per la lampada?

E' probabile che ci sia la possibilità di sostituire la lampada con un faretto a LED molto più efficiente (che, quindi, consumi molto di meno a parità di illuminazione), e di alimentarlo con un alimentatorino switching da pochi euro.

 

Se, come penso, l'uso del trapano non è professionale, ma hobbistico, allora la soluzione inverter+motore vecchio e lampada+alimentatore da quattro soldi potrebbe andare bene, nonostante sia relativamente poco affidabile.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

@Livio Orsini: Avevo pensato di fare così: 220v - interuttore - trasformatore a 24 volt - lamapada. Il 220 non credo che l'impianto luce ora come ora lo regga in quanto quello è un trapano da officina e quindi sempre fatto funzionare col 380. Lo stesso per il solo portalampada che essendo il suo originale per i 24v  è in metallo ma molto leggero (il metallo non ha la consistenza diciamo nemmeno di quello di un vecchio abat jour).   

@SandroCalligaro: Avevo anche pensato di installare una lampadina led con relativo trasformatore a 12 volt ma non so se il relativo portalampada riesca a stare al posto di quello che cè ora. Adesso la struttura che contiene la lampada è una 3/4 di sfera in plastica dura con un foro al centro dove con un vite cava è fissato il portalampada e fatti passare i fili. Se il portalampade per i faretti led è differente non saprei come fissarlo... a meno che non prenda solo una semplice lampadina a led con attacco e14 ma li dovrei vedere la lunghezza della stessa perchè non sporga oltre al vetro (dove c'è il rischi che possa romperla) e pure capire se queste vanno comunque a 12 v o a 220. Nel caso fossero a 220 potrei avere problemi di surriscaldamento essendo lo spazio molto stretto. 

Per me la migliore soluzione sarebbe una lampadina a led in bassa tensione così da evitare surriscaldamenti ma avere allo stesso tempo una luce migliore. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Salve torno in argomento in quanto ho un dubbio sul potenziometro da 10kom. Sono stato in una rivendita di materiale elettrico e ho preso tutto il necessario a parte il cavo trifase schermato che non avevano (e nemmeno una calza se è per questo) e il potenziometro. Per il cavo ho provato con un normale cavo trifase e funziona senza problemi a quanto potuto vedere quindi se non ci sono problemi direi di continuare con questo. Per il potenziometro invece loro non ne tengono proprio e mi hanno detto che si sarebbero informati. Io intanto ho cercato sul web è ho trovato questi: http://www.ebay.it/itm/Potentiometer-1K-5K-10K-Poti-Drehwiderstand-B1K-B5K-B10K-mit-Drehknopf/192336964454?hash=item2cc82d2b66:m:m824ctP62CBBzFyf_GSJOog

http://www.ebay.it/itm/Potenziometro-Lineare-di-Precisione-10K-Ohm-BOURNS-3590S-10-Giri/263213198219?hash=item3d48baab8b:g:FhYAAOSwFYxZvq00

Uno di questi potrebbe andare? In alternativa al web dove potrei trovarne? da un elettrauto, venditore di materiale per elettronica? Grazie.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
SandroCalligaro

Ti consiglio il secondo, non tanto perché è "di precisione", ma per l'affidabilità (la marca è nota, e ci sono molti potenziometri di quel tipo in giro, anche in applicazioni industriali).

Per il valore da scegliere dovresti leggere il manuale dell'inverter, credo che 10 kOhm sia un valore abbastanza tipico.

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Sul manuale c'è scritto solo "potenziometro da 10kom". 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
15 ore fa, Il Dottore 88 scrisse:

Per il cavo ho provato con un normale cavo trifase e funziona senza problemi

 

I problemi non sono di funzionamento dell'inverter o del motore, ma di altre apparecchiature elettriche poste nell'edificio.:)

Se, ad esempio, il trapano lo hai in cantina o in garage potresti avere problemi al televisore o ad un PC.

 

Per il potenziometro consiglio anch'io il potenziometro da 10 kohm della bourns con variazione lineare, meglio se multigiro.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Alla fine ho preso questo: https://m.ebay.it/itm/POTENZIOMETRO-MULTIGIRO-LINEARE-A-FILO-DI-PRECISIONE-2W-10K-/281071033471?txnId=1753304040018 con la relativa manopola. Per il discorso dei disturbi il trapano si trova in garage alla distanza di circa 10 metri da casa e posto a fine linea (il garage e stato aggiunto in un secondo tempo e la linea elettrica e in derivazione da quella principale della casa ma sta proprio a fine linea quindi forse non ci dovrebbero essere problemi) A casa avevo anche trovato un cavo trifase schermato ma aveva conduttori da 1.5 e quindi penso troppo scarno per l'uso che devo farne.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
10 ore fa, Il Dottore 88 scrisse:

A casa avevo anche trovato un cavo trifase schermato ma aveva conduttori da 1.5 e quindi penso troppo scarno per l'uso che devo farne.

 

Per 1Hp (<< 1 kW)? è più che sufficiente.

Che l'inverter sia in fondo, a metà o fine linea, per i disturbi condontti non cambia alcunchè. La distanza dalla casa influisce solo sui disturbi irradiati.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Mi hai tolto un dubbio. Quelli del negozio mi hanno comunque dato un cavo da 2.5 anche per la parte monofase. Pensavo quindi che per forza o meglio per andare sul sicuro servisse un 2.5 anche per il motore. Se quello da 1.5 basta meglio così. Grazie mille per l'aiuto e la pazienza. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

La corrente mono fase in ingresso è circa 1.8 volte la corrente trifase in uscita.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Avrei un altra domanda che riguarda un motore inglese monofase a 240v. Qui da noi che abbiamo il 230 funzionano o misogina usare qualche tipo di trasformatore/inverter o altro?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Torno in attimo al discorso del cavo schermato. A casa l'unico che ho disponibile e un monofase da 1.5. E su internet non riesco né a trovare il cavo ne la calza. Pensavo quindi ad una soluzione artigianale tipo arrotolare della carta stagnola attorno al cavo e rivestirlo poi con del nastro isolante. O in alternativa prendere un filtro trifase da inserire in uscita dall'inverter inverter ma non saprei che modello prendere. Qualche consiglio su quale soluzione adottare?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
thinking

Mi sembra strano che non trovi il cavo in internet:

 

 

cavo.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Il Dottore 88

Salve, quello l'ho visto pure io ma é monofase come quello che ho a casa mentre a me serve trifase. 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×