Vai al contenuto

Va_Lentina

Ferroli Domiproject F24: caldaia meteopatica!

Recommended Posts

Va_Lentina

Ebbene sì, la mia caldaia, non a caso il sostantivo è femminile, è meteopatica.

E' una Domiproject F24, tipo stagna, tiraggio forzato, a metano, installata all'esterno in luogo protetto. Anno di prima accensione 2007, 2 schede elettroniche bruciate all'attivo e "n" interventi di tecnici nell'ultimo anno.

La caldaia viene regolarmente pulita ed effettua tutti i controlli e le certificazioni richieste dalla Regione Piemonte.

 

Quando piove o, più in generale il clima è molto umido (cosa che accade non di rado in pianura padana in questo periodo) la caldaia non si accende e va in blocco.

Quando la resetto sento che vengono generate le scintille, si accende qualcosa che "gira" (pompa? ventilatore?) ma dopo pochi secondi si spegne e riprova, così per tre volte, dopodichè va in blocco (Luce rossa, non ci sono codici poichè non ha il display)

Dopo una decina di tentativi finalmente parte ed è costante nell'erogazione dell'acqua calda sanitaria e del riscaldamento.

 

La mia impressione è che non riesca ad attecchire la fiamma perchè qualcosa è umido o bagnato (infatti non accade mai quando c'è il sole o, comunque, c'è bel tempo, nemmeno quando è ventilato).

 

Avete idee in merito? Per questo problema sono già intervenuti tre tecnici, fornendomi le motivazioni più strampalate, ma senza risolvere alcunchè. Per loro la soluzione è cambiare la caldaia perchè la mia è "da battaglia" e 10 anni di funzionamento sono addirittura troppi.

Ora, non voglio passare per spilorcia, ma vorrei capire dove sta il problema, perchè durante tutto il resto dell'anno, quando non piove, funziona benissimo.

 

Grazie mille a chi saprà indirizzarmi verso la risoluzione del problema

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
THERM

Provato a coprirla con un copricaldaia coibentato?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
kaotik

fai una foto della caldaia?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
bl4st3r

e soprattutto una foto dello scarico fumi

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Va_Lentina

Buongiorno a tutti!

Non vorrei dirlo a voce alta, ma ho risolto.

Innanzitutto ho aperto  il bruciatore, l'ho smontato e ho pulito la camera di combusione e il ventilatore.

Non ci sono evidenti segni di umidità o condensa, per cui pensavo che una pulita molto approfondita sarebbe bastata.

 

Ho fatto la doccia ed era tutto funzionante.

 

Ieri sera è calata una fitta nebbia qua in pianura padana, sentivi addirittura le goccioline sul viso.

All'apertura dell'acqua calda non faceva nemmeno più la scintilla, ma finalmente mi segnalava un errore comprensibile (prima era una generica lucina rossa di blocco).

L'incriminato era il pressostato aria.

Considerato che la caldaia funziona da anni e non è mai stato smontato ho ritenuto di escludere problemi ai cablaggi, per cui l'ho smontato, ci ho soffiato/aspirato dentro più volte, pulito il tubicino (che era pulito!) e rimontato.

 

Provo la caldaia e funziona. Rimonto e... ANCORA ERRORE AL PRESSOSTATO ARIA!

 

Smonto tutto di nuovo e non lascio nulla al caso: ho trovato il cavo della terra semitranciato! Praticamente bastava un minimo movimento e non conduceva più, così come (probabilmente) mandava in tilt il pressostato nelle giornate particolarmente umide.

Ho cambiato il cavo, montato nuovi connettori faston ed ora funziona.

 

Se davvero non si presenterà più il problema, mi darò della scema a vita per aver chiamato innumerevoli volte il CAT per un cavetto!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
kaotik

Cavo della terra?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
THERM

Cavo della terra al pressostato aria è la nuova tecnologia!

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso


×