Vai al contenuto

giafra

Informazioni su quadro elettrico

Recommended Posts

giafra

Ciao a tutti . Ho acquistato una circolare usata da un privato,la macchina funziona a 380V o così mi è stato detto. Le mie intenzioni erano sostituire il motore con uno 220V per utilizzo obbistico. Ma non essendo elettricista chiedo informazioni sui componenti nel quadro elettrico . Cosa sarebbe questo regolatore di tensione? Potrebbe funzionare a 220V Il venditore non era utilizzatore in quanto vendeva attrezzature del padre non più in vita.grazie 

IMG_20180310_165404.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Marcello Mazzola

non è un regolatore, ma un inverter...se vuoi mettere un motore 220V lo puoi fare, ma devi ricablare mezzo quadro...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Tutto il quadro è fatto per alimentare l'Inverter trifase (marca Allen Bradley - Rockwell) che a sua volta fa funzionare il motore trifase.

 

Non è chiarissimo che macchina hai acquistata. Tu dici "una circolare", e si supporrebbe una SEGA CIRCOLARE.

 

Per una tale macchina sembra abbastanza strano che abbiano avuta la necessità di montare un Inverter, ma forse ci sarà stato qualche particolare motivo.

 

Praticamente di tutto quello che esiste nel quadro, volendo passare alla 230 monofase si può utilizzare ben poco (interruttore generale - il relè K011 - i portafusibili se possono servire), sostituendo il protettore magnetotermico e ricablando il tutto come richiesto.

 

Comunque bisogna anche tenere conto di quale sarà la potenza del nuovo motore monofase che si installerà per capire quale sarà la nuova possibile prestazione della macchina.

 

Unica soddisfazione è che ti resta disponibile un bell'Inverter con il relativo motore. Magari ora non sai che fartene, però hanno un certo valore.......

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Si confermo, è una sega circolare. Io non sono pratico e mi ha stupito questo apparecchio.  vorrei installare un motore 3hp monofase, come quello della macchina precedente. non ho idea di quanto possa valere l'inverter ed il motore 380 , metto anche la foto con caratteristiche del motore . Se qualcuno potrebbe darmi una linea di massima sui prezzi così magari ammortizzo la spesa per la trasformazione a 220

IMG_20180310_085407.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Scusa la ulteriore richiesta di precisazioni.

Non vorrei fare errori di comprensione sulla natura della macchina. La tua Sega é A DISCO o A NASTRO

 

Il motore che hai messo in foto (quello originale della macchina) è un normale motore trifase (FIMEC) da 2,2 kW (3 CV) -Trifase 50 Hz - 2 poli - 2800 n/min - 400V a Stella (230V a Triangolo).

 

Il motore che fornisce 2,2 kW  "netti" per fare funzionare la sega, però richiede alla Rete Elettrica una potenza nettamente superiore.

La Potenza assorbita dalla Rete  (Contatore ENEL) risulta (dai dati in targhetta motore) :

400V x 4,9A x 1,73 numero fisso = 3390 W ossia 3,39 kW.

Questo perché il rendimento complessivo del motore risulta dello 0,8 (da mio catalogo del costruttore FIMEC) peggiorato dal fattore Cosfi = 0,86 scritto anche nella targhetta in foto.

Il rendimento totale risulta : 0,8 x 0,86 = 0,688. 

Attraverso questo dato si può fare un secondo calcolo che verifica il precedente risultato.

Infatti : 2,2 kW / 0,688 = 3,197 kW (valore vicino ai 3,39 kW della prima forma di calcolo).

Tralasciamo la maggiore richiesta che si avrà in fase di avviamento per il primi 2-3 secondi di avviamento (almeno 5 volte di più...).

 

Per "sostenere" un motore di questa stessa potenza (2,2 kW) in MONOFASE 230V bisogna avere in casa un Contatore ENEL da almeno 4,5 kW di Contratto, anche ponendo a zero tutti i consumi di casa quando si fa funzionare la macchina, e sperando di riuscire a superare la fase critica dell'avviamento senza far scattare l'interruttore del Contatore.

 

Forse il precedente proprietario, pur disponendo della Trifase aveva un Contatore Enel piccolo (tirato all'osso per ragioni di costo delle spese fisse, forse da 4,5 kW) e aveva dovuto  ricorrere all'espediente dell'Inverter per avere assorbimenti di avvio motore bassi e tali da non far scattare l'interruttore del Contatore.

Magari potresti avere, in tal senso, qualche notizia dal figlio che ti ha venduto l'eredità........ 

 

Tu come sei messo dal punto di vista  del Contatore ENEL?

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Buongiorno. La macchina è una sega circolare a disco 250mm. Come fornitura elettrica ho i 3 kW di fornitura base ,ma non ho mai avuto problemi in quanto ho un contatore separato  per il mio piccolo laboratorio. Metto anche la targhetta del vecchio motore per capire, e ringrazio dell'aiuto 

IMG_20180312_105614.jpg

IMG_20180312_105525.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Grazie per le ultime informazioni che chiariscono in parte la tua situazione operativa (laboratorio con Contatore ENEL dedicato da 3 kW Monofase ?).

 

Non mi è chiaro però, quando tu parli del motore delle ultime 2 foto, se si tratta di motore appartenente ad una tua precedente sega a disco (di tipo hobbistico e forse dismessa/rottamata) dalla quale intendi prelevarlo per montarlo sulla nuova al posto di quello trifase che ti ritrovi e non puoi usare (non disponendo nel tuo laboratorio della trifase). Questa incertezza nel comprendere la tua situazione non influisce comunque sull'aspetto tecnico/funzionale che riguarda il motore.

 

Le caratteristiche del motore marca "WONDER" che hai fotografato sono ottime e il motore puoi tranquillamente montarlo sulla sega a disco che hai ora acquistata usata.

 

Le caratteristiche complete del motore "WONDER" da 2,2 kW - monofase - 2 Poli (quello delle foto) le puoi trovare all'indirizzo :

http://www.thegreenbook.com/AdvertiserFiles/cataloguedocuments/W/W999949377/wonder_electric_motor_s_pte_ltd_2014_08_15_10_52.pdf

 

Tu in precedenza avevi detto :

il 10/3/2018 at 18:15 , giafra scrisse:

Ciao a tutti . Ho acquistato una circolare usata da un privato,la macchina funziona a 380V o così mi è stato detto. Le mie intenzioni erano sostituire il motore con uno 220V per utilizzo obbistico. Ma non essendo elettricista chiedo informazioni sui componenti nel quadro elettrico . Cosa sarebbe questo regolatore di tensione? Potrebbe funzionare a 220V Il venditore non era utilizzatore in quanto vendeva attrezzature del padre non più in vita.grazie 

 

Il motore "WONDER", pur essendo CINESE e commercializzato attraverso Singapore,  è di tipo tutt'altro che "hobbistico" .

Si tratta di un motore con caratteristiche di coppia di spunto altissime oltreché con un ottimo rendimento totale di 0,82 x 0,95 Cosfì = 0,779 ; dove i motori nostrani hanno un rendimento totale intorno a  0,8 x 0,86 Cosfì = 0,688 come ti avevo già segnalato in precedenza......

 

Inoltre si tratta anche di un motore molto potente (essendo Monofase) poiché realizzato in Grandezza 90 L  che è del tutto inusuale.

Infatti i nostri motori Italiani/Europei nella Grandezza 90 L (monofase - 2 Poli)) arrivano solo sino a 1,5 kW.

Per avere i 2,2 kW  si passa alla Grandezza 100 (A) che ha misure meccaniche totalmente diverse (maggiori).

 

Dunque, se tu disponi del detto motore marca WONDER (recuperato) lo puoi tranquillamente montare sulla nuova sega a disco al posto dell'esistente trifase, purché l'ingombro della scatola con i condensatori non dia fastidio.

 

Se invece intendi comperarne uno nuovo, allora avrai probabilmente qualche difficoltà a reperirlo della stessa marca o comunque della stessa potenza ma sempre in Grandezza 90 L ( quelli commerciali sono normalmente  Grandezza 100 (A) e non sono intercambiabili meccanicamente).

 

Comunque accertati che l'eventuale nuovo motore sia sempre con coppia di spunto maggiorata. 

 

Il tuo attuale motore WONDER è provvisto di due distinti Condensatori, uno da 40 uF per il funzionamento normale dopo avviamento, e uno da 300 uF solo per l'avviamento (come puoi vedere dalla targhetta fotografata).

Dicono, nel Catalogo, che il condensatore maggiore viene disinserito (quando il motore ha raggiunto un adeguato numero di giri) da un interruttore meccanico centrifugo contenuto nel motore.

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Prima di tutto devo ringraziarti ,perché sei chiarissimo nelle spiegazioni.il motore che ho postato nelle ultime due foto ,era della precedente macchina che ho venduto . E purtroppo mi dici che non è facilmente reperibile. per avere gli stessi rendimenti avresti dei motori da consigliarmi . Magari con freno motore quando tolgo corrente. Ho anche contattato la Fimec ,per chiedere se avessero un motore come quello montato a 380v ma 220v per non avere problemi con le dimensioni ma mi dicono di no. Mi dicono che non hanno nemmeno una scheda con relative misure di ingombro e diametro albero il che mi sembra strano. Per me trovare un motore sostitutivo con stesse dimensioni mi semplificherebbe non poco 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Purtroppo, come ti avevo detto, il motore da 2,2 kW in Grandezza 90 non è nei nostri standard di mercato (a mia conoscenza).

Devi per forza fare qualche tentativo di ricerca sulla Rete e forse potresti riuscire ad averlo in qualche modo dall'Est Asiatico o forse anche dall'Inghilterra dove sono da sempre in commercio con quelle parti.......

 

Se comunque tu dovessi ripiegare su un motore nostrano (Grandezza 100) potrebbe non essere male dato che almeno ne avresti uno che sarebbe ricambiabile......

Naturalmente dovresti fare presente che hai bisogno di una forte coppia di spunto (doppio condensatore....).

 

Lascia pure stare quelli della "Fimec", (li ho contattati e visitati in sede un paio di volte parecchi anni fa) loro fanno il lavoro produttivo di "routine" con quattro gatti alle loro dipendenze e non hanno sicuramente tempo e nemmeno voglia di occuparsi di un motorino strano.

Comunque i Costruttori di motori, di norma, non vendono direttamente per ordini unitari una a tantum.

Bisogna per forza rivolgersi alla loro Rete Vendite sul territorio.

Le marche sono tantissime e sostanzialmente si equivalgono. Vedi un po' cosa trovi dalle tue parti.

 

Per il tuo motore, che giustamente sarebbe da adottare completo di Freno Leggero di Stazionamento (specifico per le seghe a disco da legno e consimili), non ci sarebbero problemi perché li costruiscono quasi tutti (basta richiederli).

 

In alternativa avresti sempre la possibilità di richiedere a ENEL la Linea Trifase con Contatore da 6 kW.

Se il tuo attuale Contatore (del tuo "laboratorio") risulta ad uso Domestico e non per Attività Commerciale la cosa non dovrebbe essere troppo costosa.

Avrai una spesa iniziale "una tantum" per l'allaccio e il nuovo Contatore (ti diranno quanto quelli di Enel).

Il costo fisso annuale di un 6 kW (trifase o monofase che sia non importa) sara di circa 202 €/anno.

Se ora hai un 3 kW oppure un 4,5 kW paghi già, rispettivamente, 130 o 166 €/anno di "fisso". Ogni gradino di potenza da 1,5 kW  costa 36 €/anno in più.

La quantità di energia che consumerai costerà sempre uguale sia in mono che in trifase.

Avendo la trifase (ti danno le 3 fasi + neutro) potrai fare tutto ciò che vuoi anche in monofase.

 

Se tu risulti "privato uso domestico" potrebbe essere una buona soluzione anche per recuperare a pieno tutto il valore della tua nuova sega a disco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Mi era venuta l'idea di richiede la 380 ,ma visto che ho anche altre macchine in monofase e visto che a seconda dell'utilizzo cambiano posto non mi conviene .Se ho capito bene ,un motore grandezza 100 deve avere il doppio condensatore per lo spunto . 3 HP 2,2kw non dovrei avere noie con contatore , e il freno motore basta chiederlo. Un ultimo consiglio su che marche orientarmi per un prodotto di qualità. Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Non è una questione di Grandezza Meccanica del motore ma riguarda solo la su Potenza.

 

Sono 2,2 kW e basta questo. Tu devi solo chiedere che il motore (da 2,2 kW- 2 poli -220V - Monofase) abbia  ALTA COPPIA DI SPUNTO (CA / CN = 2,0 o più ; dove CA = Coppia di Avviamento e CN = Coppia Normale di lavoro).

Fatti anche dire, tanto almeno per saperlo, se il CONDENSATORE DI AVVIAMENTO viene escluso (a motore avviato) da un interruttore centrifugo dentro al motore o da un interruttore elettronico dentro alla scatola dei morsetti del motore.

Ho la sensazione che il tipo elettronico vada per la maggiore. Comunque non saprei consigliare per quale dei due propendere.

Non tutti i costruttori li costruiscono anche con il Freno Leggero (di rallentamento progressivo).

 

Fai attenzione perché i motori più usuali con FRENO DI BLOCCAGGIO non fanno al caso tuo in quanto hanno un intervento troppo violento

 

Come ti ho già detto tutti i motori di qualsiasi marca sono generalmente affidabili. Tu avevi quello Cinese.....

Non è il caso di andare a spendere soldi inutilmente per motori da gioielleria.

Di norma i motori si bruciano per altre ragioni (non per la loro cattiva marca) e specialmente perché vengono scelti sottodimensionati da Progettisti di Macchine avari o superficiali/incompetenti.

Nel tuo caso, per una Sega a Disco da 250 mm, il motore da 2,2 kW - 2poli, sembra adeguato.

 

La ricerca la devi fare da te perché io, nello specifico, dispongo solo di cataloghi cartacei abbastanza datati e comunque non ho mai contattato nessun Costruttore per mie esigenze specifiche di questo tipo (facevo comunque il Progettista di Macchine).

Vedi con una ricerca su  " motore monofase alta coppia di spunto "

 

Alla fine dovrai sempre contattare qualcuno per spiegare cosa vuoi e farti dare tutti i dettagli che di solito mancano nelle loro pubblicità/pubblicazioni su Internet. Questo devi per forza farlo tu personalmente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Ciao. 

Ok !con le informazioni e spiegazioni che mi hai dato mi metto alla ricerca del nuovo motore . Sono più tranquillo ameno ho un idea meno confusa. Ti farò sapere come com'è andata . grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
max.bocca

Se il motore è 230/400 basta che cambi l inverter ne metti uno con ingresso 230v monofase e colleghi il motore 230v trifase, ti rimane la frenatura e la possibilità bdi variare il numero dei giri

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
eliomacc

Concordo con Max.bocca la cosa più semplice e sostituire l'inverter con uno a 220 V, e collegare il motore a 230 senza fare nessun intervento meccanico

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hfdax

Molti inverter trifase accettano anche di essere alimentati in monofase utilizzando solo due dei tra ingressi di alimentazione. Ci vorrebbe un trasformatore 230/400V. Se riesci a reperirne uno, anche di potenza inferiore all'inverter, solo per provare se va e vedi che funziona penso che aquistare un trafo di potenza adeguata costerà meno che cambiare inverter o motore.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
max.bocca

Mi risulta che alcuni effettuato il controllo presenza fasi e poi si declassano in quanto il condensatore DC bus non è dimensionato correttamente

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hfdax
1 ora fa, max.bocca scrisse:

Mi risulta che alcuni effettuato il controllo presenza fasi e poi si declassano in quanto il condensatore DC bus non è dimensionato correttamente

Vero, infatti non tutti gli inverter trifase accettano di essere alimentati in monofase però ve ne sono che lo permettono (alcuni addirittura rendono disponibile sulla morsettiera anche il + e il - del bus in continua). Se il nostro amico è fortunato...

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Se ho capito con un trasformatore 230/400v potrei mantenere il quadro così com'è  . Ricollegando il motore in mono visto che sulla targhetta e segnato (giusto). Ma come faccio a sapere se l'inverte può funzionare  a 230. Il motore perderà un po' in potenza 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hfdax

Esatto ma l'unico modo per saperlo è provare ad alimentare l'inverter in monofase e vedere se gira o se va in blocco con qualche messaggio di errore. Come diceva max alcuni hanno un controllo di presenza fasi, altri no. Il motore non perde in potenza, è l'inverter che va declassato ma non necessariamente e per l'utilizzo che ne devi fare tu il declassamento dovrebbe essere ininfluente. A meno che tu reperisca il manuale dell'inverter (magari è disponibile sul sito del produttore) e su questo fosse indicata la possibilità di alimentarlo in monofase, il che sarebbe la cosa migliore. Anche se a volte questa opzione non è menzionata sui manuali pur essendo possibile.

Nel caso non fosse possibile, vista la difficoltà di reperire un motore monofase a 230V con le caratteristiche di potenza e dimensioni necessarie, la soluzione a mio avviso migliore, è quella proposta da max dell'inverter 230V collegando a triangolo gli avvolgimenti del motore.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

Ho fatto alcune foto dell'inverter vediamo se si può capire. Io purtroppo non saprei come muovermi 

IMG_20180319_160158.jpg

IMG_20180319_160326.jpg

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
hfdax

Dalle foto non si può capire.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Gli esperimenti io te li sconsiglierei a meno che tu non sia un appassionato (e anche ferrato) smanettone......

 

Nel tuo caso concreto, se vuoi farti i tuoi lavori di Laboratorio in santa pace e potendoti fidare delle tue macchine, sarebbe meglio non avere cose troppo complesse se non strettamente necessarie.
 

Il consiglio " monta un Inverter con alimentazione Monofase (230 V) e uscita trifase (sempre 230 V)" è sicuramente tecnicamente valido, tenendo conto che il  motore della tua nuova sega a disco lo puoi sicuramente riconfigurare "a stella 230 V" spostando i ponticelli nella sua scatola  morsetti.

 

L'eventuale Inverter di questo tipo (alimentazione monofase, per 2,2 kW di motore trifase) sarà il più grosso dei disponibili in questa  particolare categoria. Se di buona marca, costerà qualcosa tipo 300 € (fatti tutti gli sconti possibili) e forse ci sarà bisogno anche di un filtro antidisturbi (40 €) qualora non già presente nell'Inverter stesso.

 

In più, devi considerare che qualsiasi Inverter è, per sua natura, una macchina molto complessa e quindi presenta sempre una certa dose di rischio guasti con conseguenti problematiche di riparazione e le lungaggini che ne seguono (oltre agli inevitabili costi e perdite di tempo.

Poi ci possono essere anche piccoli o grandi problemi di programmazione (magari non nel tuo caso che sarebbe tra i più semplici).

 

Io, con i miei criteri di scelta, sarei per il semplice motore classico (monofase a forte coppia di spunto) con un altrettanto classico e semplice comando di start/stop in cassettina standard precablata.

 

Comunque se vuoi fare un controllo sull'Inverter che ti ritrovi ora nel tuo quadro macchina (che è un Allen Bradley (Rockwell) Tipo 523 (di sottospecie non definita) potresti controllare sulla sua targhetta il Numero di Codice che permetterebbe di identificarlo con precisione.

 

Potresti trovare uno dei sotto indicati Numeri di Codice :

25A - B011N104

25A - D6P0N104 (*)

25A - D6P0N114

Il più probabile, nel tuo caso, lo ho segnalato con (*)

 

Se troverai il Numero di Codice poi vedremo la situazione, ma direi che sarebbe meglio non fare esperimenti di alimentazione in Monofase. Oltretutto, poi alla fine, dovresti avere magari anche solo un Autotrasformatore da almeno 3 kW che non credo ti costerebbe meno di 150 €. Per un Trasformatore normale (a due avvolgimenti separati) si andrebbe a 250 €.......... 

-------------------------------------

 

Magari potresti ripensare alla possibilità di chiedere a Enel la Trifase (6 kW) con la quale certamente risolveresti il tuo problema attuale e anche eventuali altri futuri.

La trifase non ti darà nessun problema con i tuoi attuali dispositivi a 230 V Monofase..........

Se su questo punto (la Monofase) hai qualche dubbio tecnico prova a dirlo e magari si potrà chiarire.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Semplice 1

Ciao giafra

 

Scusa  !!!

CORREZIONE : "lo puoi sicuramente riconfigurare "a stella 230 V" -------->  "lo puoi sicuramente riconfigurare "a triangolo 230 V"

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
giafra

In rete ho trovato il manuale forse qui e segnato, o quali dati devo guardare 

Screenshot_20180319-172502.png

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×