Vai al contenuto

adamo

Assoluto vs incrementale

Recommended Posts

adamo

Buongiorno ultimamente sto acculturandomi sul funzionamento degli encoder, anche per varie problematiche che ho in fabbrica dove lavoro, e la domanda sorge spontanea : ma se l'encoder assoluto ha tutto a suo favore, no zero, no perdita di posizione, no batteria tampone, perché non utilizzare sempre e solo quest'ultimo?.

Grazie

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Perchè l'encoder incrementale .

  1. è più costoso
  2. necessita di un'interfaccia molto più complessa e costosa: o un certo numero di ingressi digitali veloci (da un minimo di 8 un poi) o un'interfaccia su bus di campo (profibus, ethernet, etc.)
  3. perchè, al contrario dell'encoder incrementale, ha un numero finito di rotazioni.

Un'alternativa molto usata è il resolver che da un'indicazione assoluta nell'ambito di un giro, si interfaccia con soli 2 fili oltre all'alimtazione; però necessita di una conversione analogico digitale precisa e veloce.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
adamo

Grazie sig. Orsini preciso e puntuale come sempre.

Credo comunque che sia impensabile comunque, soprattutto per me, convertire un laser, una fresa o peggio un robot di punto in bianco sostituendo la tipologia di encoder.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
pigroplc

per sostituire l'encoder è necessario conoscere l'hardware ad esso collegato. Ci sono delle interfacce che non accettano il segnale di un encoder assoluto, o meglio, per accettare l'ingresso di un encoder assoluto bisogna cambiare scheda. Ci sono invece interfacce che hanno la piedinatura di collegamento sia per un encoder incrementale TTL che protocollo SSI assoluto. Ovviamente poi bisogna cambiare i parametri software della scheda stessa, quindi di nuovo bisogna conoscere l'hardware.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
lelos

 

ciao

per me non si può far un ragionamento generico.

Occorre sempre valutarlo d'innanzi ala situazione.

L'uso della batteria non è sempre ovviabile.Ci sono encoder assoluti multigiro senza batteria ,ma non possono essere applicati  ovunque.

Gli encoder (assoluti) standard per i motori brushless (non per CNC) sono attivati a 22 bit di risoluzione , e probabilmente aumenterà nel prossimi anni.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Nicola Carlotto
il 13/5/2018 at 10:10 , Livio Orsini scrisse:

è più costoso 

Concordo, ma molto vantaggioso.

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
6 ore fa, Nicola Carlotto scrisse:

Concordo, ma molto vantaggioso.

 

Anche questo è relativo, dipende dall'applicazione.

Concordo con Lelos, non si può fare un ragionamento generico, ma bisogna analizzare ogni singola applicazione.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
rr7788

Un saluto a tutti ,visto che siamo in argomento,ma tra un ttl e un Vpp ,a quali campi di applicazione meglio usare uno o l'altro?

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Roberto Gioachin
il ‎13‎/‎05‎/‎2018 at 10:10 , Livio Orsini scrisse:

Perchè l'encoder incrementale .

  1. è più costoso

Scusa Livio, suppongo intendessi "l'encoder assoluto"

 

Per spiegare meglio la differenza fra i due, si deve considerare una cosa importante, l'encoder incrementale dispone di un solo disco ottico (se questa è la tecnologia utilizzata) e non ha nessuna memoria interna, in pratica il conteggio degli impulsi che escono è delegato esclusivamente alla scheda di acquisizione di un plc o altro. Molto semplice da usare e utilizzabile anche con plc estremamente economici.

L'encoder assoluto invece dispone di uno o più dischi ottici dai quali viene prelevata l'informazione assoluta della posizione dell'albero, questa viene sempre identificata correttamente anche se l'albero dell'encode viene fatto girare in mancanza di alimentazione, una volta alimentato nuovamente. In questo caso quindi non si tratta di avere un contatore come nel caso precedente, ma di avere un BUS di comunicazione che permetta di leggere tutti i bit che l'encoder fornisce (vedi interfaccia Gray o SSI per esempio).

Nel caso si utilizzi un BUS come Profibus o Profinet la lettura della posizione dell'albero viene in genere vista direttamente come posizione in impulsi o addirittura già scalate in base a dei parametri di impostazione.

Attenzione però, mentre l'encoder incrementale può fornire quote negative (lo fa in contatore veloce del plc), per l'encoder assoluto in molti casi potrebbe essere più complesso, in questi casi una quota negativa deve essere gestita dal programma del plc.

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini
1 ora fa, Roberto Gioachin scrisse:

Scusa Livio, suppongo intendessi "l'encoder assoluto"

 

Hai perfettamente ragione, a volte mi capita di pensare una cosa e scriverne un'altra. Forse è l'età.:(

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×