Jump to content
PLC Forum


Giovanni Segreto

Richiesta chiarimenti formazione tecnico plc

Recommended Posts

Giovanni Segreto

Buongiorno a tutti, l azienda nella quale lavoro come elettricista, ha intezione di mandarmi in affiancamento con una programmatore più esperto nei cantieri. Secondo voi e un buon metodo di formazione senza che mi seguano in ufficio? Non ho problemi a spostarmi ma chiedevo a voi un parere piu approfondito  Grazie 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adr1

se guardi il programmatore senza fare nulla, impari davvero poco, e male.

L'importante è che ti facciano avere un ruolo attivo, altrimenti è tempo perso. Però in cantiere non so quanto tempo ci sia per farti provare a smanettare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
pigroplc

Nulla di meglio che imparare direttamente sul campo. Quello che vogliono fare è creare una figura trasversale che possa fare tutte le operazioni di configurazione sul campo che portano via tempo al tecnico software e che possono essere fatte da "elettrifwarista". Questa operazione comporta un risparmio in termini di costo di mano d'opera e motiva coloro che vogliono imparare e crescere tecnicamente. io lo faccio da anni con tutti i giovani di buona volontà ed ho ottenuto eccellenti risultati, quindi in bocca al lupo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lucky67
2 ore fa, pigroplc scrisse:

Nulla di meglio che imparare direttamente sul campo. Quello che vogliono fare è creare una figura trasversale che possa fare tutte le operazioni di configurazione sul campo che portano via tempo al tecnico software e che possono essere fatte da "elettrifwarista". Questa operazione comporta un risparmio in termini di costo di mano d'opera e motiva coloro che vogliono imparare e crescere tecnicamente. io lo faccio da anni con tutti i giovani di buona volontà ed ho ottenuto eccellenti risultati, quindi in bocca al lupo.

 

concordo. Tra parentesi credo che tu abbia una bella botta di c..o...sfrutta la situazione alla grande..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mariuz
3 ore fa, Giovanni Segreto scrisse:

Buongiorno a tutti, l azienda nella quale lavoro come elettricista, ha intezione di mandarmi in affiancamento con una programmatore più esperto nei cantieri. Secondo voi e un buon metodo di formazione senza che mi seguano in ufficio? Non ho problemi a spostarmi ma chiedevo a voi un parere piu approfondito  Grazie 

 

Secondo me no...o almeno non dall'inizio.

Per imparare in modo ottimale la programmazione devi dapprima affrontare un percorso teorico, il che significa o studi da autodidatta (come feci io anni fa) o fai qualche corso, almeno per avere un'infarinatura generale (ingressi, uscite, come lavora un plc, le modalità di programmazione etc).

Da questo punto di vista sei molto avvantaggiato in quanto in rete si trova ormai grande disponibilità di manuali di programmazione dei vari produttori.

Solo successivamente puoi affrontare la parte pratica, capendoci qualcosa se non addirittura mettendo mano tu al software.

Partendo così rischi o di non capire nulla, o peggio ancora di imparare poco e male.

Ovviamente è una mia opinione personale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Magari l'intenzione dell'azienda non è formare un programmatore ma un tecnico elettricista in grado di mettere mani alle varie configurazioni HW, saper fare una diagnostica avanzata e piccole modifiche da mandare in giro come doppio ruolo, a volte una persona cosi vale più di un programmatore puro.

Anche in ditta può essere utilissimo immaginate arrivare su un impianto nuovo e trovarsi già la configurazione HW scaricata, i nodi di rete configurati le reti Testate e funzionanti il test IO fatto e il PLC con tutti i led verdi, per noi 1/3 del lavoro è fatto.

Anch'io avevo provato ad insegnare al nostro elettricista qualcosa sui plc  ma quando vedeva un pc scappava.:toobad:

Edited by acquaman

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giovanni Segreto
5 ore fa, pigroplc scrisse:

Nulla di meglio che imparare direttamente sul campo. Quello che vogliono fare è creare una figura trasversale che possa fare tutte le operazioni di configurazione sul campo che portano via tempo al tecnico software e che possono essere fatte da "elettrifwarista". Questa operazione comporta un risparmio in termini di costo di mano d'opera e motiva coloro che vogliono imparare e crescere tecnicamente. io lo faccio da anni con tutti i giovani di buona volontà ed ho ottenuto eccellenti risultati, quindi in bocca al lupo.

Io vorrei almeno arrivare a scrivere il programma a piccoli passi, ma in cantiere con il clente finale i problemi sono molti e il tempo per insegnare sembra poco.. anche se in una settimana mi ha gia lasciato solo a fare training al personale della fabbrica sono molto perplesso..

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman

Sei all'inizio, e già ti hanno scaricato delle belle responsabilità, l'intenzione da parte dell'azienda di farti crescere c'è sicuramente, da parte tua, mettici tanto impegno e assorbi tutto come una spugna.

Non si diventa programmatori in una settimana, ma serve esperienza sia nel programmare che in campo, cosi si diventa un buon programmatore.

 

E auguri per il futuro.

 

 

 

Edited by acquaman

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
4 ore fa, Mariuz scrisse:

Secondo me no...o almeno non dall'inizio.

Per imparare in modo ottimale la programmazione devi dapprima affrontare un percorso teorico, il che significa o studi da autodidatta

 

Le due cose non sono incompatibili.

Certo che se Giovanni Segreto si limita ad assitere passivo il programamtore sul campo, l'apprendimento sarà lentissimo. Se, invece, ci mette anche del suo studiandosi la teoria, leggendo i manuali Hw e Sw dei PLC impiegati, fa domande e cerca di "registrare" i lavori che vede fare, quel lavoro sarà un'ottima scuola che lo porterà presto alla quasi indipendenza lavorativa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
acquaman
4 minuti fa, Livio Orsini scrisse:

Se, invece, ci mette anche del suo studiandosi la teoria,

Certo, lo davo per scontato, se vuoi crescere di devi fare il cosiddetto "cu*o", ma di solito le aziende serie che decidono di investire e far crescere dei giovani di solito individuano dei giovani volenterosi che hanno voglia e carattere di crescere.

Share this post


Link to post
Share on other sites
albertagort

l approccio migliore sarebbe appunto la teoria affiancata alla pratica, di pari passo. Una senza l altra portano ad apprendimenti molto più lenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giovanni Segreto
19 ore fa, acquaman scrisse:

Sei all'inizio, e già ti hanno scaricato delle belle responsabilità, l'intenzione da parte dell'azienda di farti crescere c'è sicuramente, da parte tua, mettici tanto impegno e assorbi tutto come una spugna.

Non si diventa programmatori in una settimana, ma serve esperienza sia nel programmare che in campo, cosi si diventa un buon programmatore.

 

E auguri per il futuro.

 

 

 

Grazie gentilissimo.

16 ore fa, Livio Orsini scrisse:

 

Le due cose non sono incompatibili.

Certo che se Giovanni Segreto si limita ad assitere passivo il programamtore sul campo, l'apprendimento sarà lentissimo. Se, invece, ci mette anche del suo studiandosi la teoria, leggendo i manuali Hw e Sw dei PLC impiegati, fa domande e cerca di "registrare" i lavori che vede fare, quel lavoro sarà un'ottima scuola che lo porterà presto alla quasi indipendenza lavorativa.

Grazie dei consigli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...