Jump to content
PLC Forum


B&R e teleassistenza


Gibbo
 Share

Recommended Posts

Qualcuno ha  esperienza di assistenza da remoto con un plc B&R ?

 

Io ho provato a fare assistenza da remoto su un pc con ArWin e AS4.1 utilizzando la piattaforma standard di teleassistenza che utilizziamo in azienda ma con B&R è quasi impossibile andare online.

Solo dopo 10 minuti che si è collegati le variabili iniziano ad essere accessibili per fare trace o watch.

 

Con altre piattaforme come ad esempio Siemens non abbiamo mai avuto di questi problemi.

 

Suggerimenti ?

 

Link to comment
Share on other sites


Tante volte è meglio dire al cliente di procurarsi un notebook e installare anydesk o teamviewer. E funziona benissimo. Così almeno facciamo noi con Beckhoff. 

Link to comment
Share on other sites

Unico neo il costo della licenza AS per la soluzione TeamViewer AnyDesk etc...
In AS vanno toccati tutti i timeout di connessione. Tuttavia il suo peggior difetto è quello della gestione online molto lenta e pastosa oltre ai tempi di compilazione eterni, da remoto peggiora tutto.

Link to comment
Share on other sites

Non so marco, a parte i costi di licenza io i problemi di cui parli non li ho mai riscontrati, almeno dove hanno una connessione decente. Certo non è come essere sul luogo. 

Link to comment
Share on other sites

 

Non so marco, a parte i costi di licenza io i problemi di cui parli non li ho mai riscontrati, almeno dove hanno una connessione decente. Certo non è come essere sul luogo. 

 

 

Tante volte è meglio dire al cliente di procurarsi un notebook e installare anydesk o teamviewer. E funziona benissimo. Così almeno facciamo noi con Beckhoff. 

 

Questo però vuol dire che consegni in mano al Cliente finale i sorgenti ......e non è la mia politica, inoltre deve trovare il Cliente che ti mette a disposizione un pc su cui installare i tuoi applicativi, cosa non sempre facile da ottenere..

 

Link to comment
Share on other sites

 

Non so marco, a parte i costi di licenza io i problemi di cui parli non li ho mai riscontrati, almeno dove hanno una connessione decente. Certo non è come essere sul luogo. 


Io per fare teleassistenza tramite VPN da Italia a Polonia ho dovuto alzare i timeout delle connessioni, altrimenti era critico. Con altri sistemi anche con connessioni non troppo decenti mi trovo molto meglio. Nelle VPN poi o si fa un NAT 1TO1 oppure è una noia paurosa mappare tutte le porte che usa AS (Una esagerazione per un ambiente di sviluppo) per non parlare del fatto di avere poi un firewall che sembra un colabrodo a forza di eccezioni.
Anche con i timeout alzati comunque il rischio che qualcosa vada storto con connessioni non ottimali è alto e purtroppo sovente sono costretto a ricompilare un sacco di roba per un singolo trasferimento N volte. Valutando poi che i tempi di compilazione sono i più lunghi di tutti i sistemi con cui ho lavorato rende il tutto molto tedioso! Almeno per me.
Poi ovvio che se mi collego da Milano a Torino con connessione in fibra da ambo i lati il discorso cambia, ma in Italia io ed il mio socio abbiamo ben poche installazioni anche perché se possiamo il mercato italiano preferiamo evitarlo.

Link to comment
Share on other sites

Il 29/12/2019 alle 18:34 , Marco Mondin ha scritto:

oppure è una noia paurosa mappare tutte le porte che usa AS

 

Ciao Marco, da manuale è vero che vengono elencate molte porte, ma praticamente sono solo due che vengono utilizzate.

 

L'alternativa è impacchettare tutto sulla 20000, avendo dall'altra parte un PC sul quale vi siano i driver PVI installati ed utilizzare l'opzione remote console (mi sembra). il PVI sul PC remoto non ha limite di utilizzo e tempo se utilizzato in questa maniera.

 

Per il resto, pur usandolo come primo PLC concordo su quasi tutti i fronti e spero che migliorino con la compilazione (effettivamente nelle ultime versioni c'è stato un discreto migliormento anche nell'efficienza di questa operazione).

 

Fornendo assistenza anche a diversi clienti con proprie piattaforme VPN, ne utilizzo diverse che lavorano su impianti a livello nazionale ed internazionale. Soluzioni blasonate con server dislocati ovunque, non sono anche loro esenti da ritardi a buchi di connessione, dato che dipende sempre "dall'ultimo miglio" e cioè dalla connessione che il cliente o l'impianto ha a disposizione.

 

Buona giornata e buona anno.

 

Ennio

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...