Jump to content
PLC Forum


Paolo-62

Alimentazione centralina lucernario

Recommended Posts

Paolo-62

Buongiorno e buon anno a tutti.

 

Vorrei sottoporvi il seguente quesito:

 

Sul tetto di casa (travi in legno lamellare a vista) ho un lucernario motorizzato ( apertura/chiusura lucernario e azionamento tenda scorrevole) .

 

L’alimentazione di questa unità (220 V) è stata realizzata tramite un cavo posato nell’intercapedine del tetto.

 

A seguito di un guasto che si è verificato all’alimentatore ( 220 / 20 Vdc ) posizionato sulla cornice del lucernario, pensavo di rimuoverlo definitivamente (ormai inutilizzabile in quanto guasto) e sostituirlo con un prodotto commerciale da installare nel quadro elettrico utilizzando il cavo (in uso sin ora) per alimentare la centralina che richiede una tensione di 20 V. 1,8 A

 

Penso sia una soluzione più sicura (eviterei di avere una linea 220V tra le travi del tetto) e più economica.

 

Cosa ne pensate ? Potrebbero esserci delle controindicazioni ?

 

Grazie in anticipo

 

Paolo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

luigi69

Ciao Paolo

 

20 Vdc non è un valore commerciale.... o 24 , o 12.... era un prodotto realizzato su misura ?  cioè questo alimentatore...

puoi postare la foto di una targhetta ?  riesci a capire se il motore del  lucernaio accetterebbe 24 Volt ?  

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Dal puntodi vista sicurezza il pericolo maggiore è un eventuale incendio causato daun corto circuito con surriscaldamento del cavo.

 

Se proteggi adeguatamente il cavo alla partenza, usando un interruttore magneto termico, adeguato alla sezione del cavo stesso, elimini sul nascere questa possibilità.

 

Poi tieni presente che se usi un alimentatore in loco per generare la tensione di 20V, la corrente che transita nella linea a 230 V sarà circa 1/10 di quella assorbita dall'apparecchiatura alimentata a 20 V, quindi necessità di cavo con sezione molto maggiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo-62

Grazie Luigi,

Allego la targhetta richiesta. ,

 

Livio ,

La linea è già protetta da un magnetotermico che vorrei riutilizzare per collegare localmente il nuovo alimentatore.

il cavo ha una sezione di 1,5 mm e da alcuni calcoli dovrebbe essere sufficiente, pensavo di adottare questa soluzione , non tanto per risparmiare , ma per avere un impianto più sicuro , ma se non è così provvederò alla sostituzione con lo tesso tipo di alimentatore .

Grazie

 

 

alimentatore.thumb.jpg.ebcce3839c47ebc36112d7a400485f32.jpg

Edited by Paolo-62

Share this post


Link to post
Share on other sites
luigi69

Fatto salvo il ragionamento di Livio

 

Per il discorso bassa tensione , ok , l'alimentatore forniva 20 Vdc , ma o ne trovi uno uguale, oppure devi costruirtelo....

Adesso mi vengono in mente  gli alimentatori , esempio , weidmuller da quadro elettrico di automazione, il piu piccolo 3 A , vado sempre a memoria , ma meno di 22 V non si regolano

 

Personalmente non capisco la scelta del costruttore dei 20 Vdc :  o hanno trovato dall'oriente dei motori "strani" ,  oppure facendoli su misura, hanno deciso di garantirsi i ricambi..fornendoli solo loro

 

Leggevo prima :

1 ora fa, Paolo-62 ha scritto:

A seguito di un guasto che si è verificato all’alimentatore

 

tu hai gia provato a sentire il costruttore della motorizzazione se può fornire il solo alimentatore come ricambio ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo-62

Luigi,

Credo che la tua ipotesi : "hanno deciso di garantirsi i ricambi"  non sia del tutto errata  ( il costo del solo alimentatore è circa 140 euro).🤔

 

Come dicevo prima ,pensavo che una linea a bassa tensione risultasse molto più sicura rispetto a quella attualmente installata a 220V.

 

Grazie a tutti.

ciao.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giulio Ohm
22 minuti fa, Paolo-62 ha scritto:

pensavo che una linea a bassa tensione risultasse molto più sicura rispetto a quella attualmente installata a 220V.

Potresti motivare ,il "più sicura" quali sarebbero i vantaggi ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Paolo-62
2 minuti fa, Giulio Ohm ha scritto:

Potresti motivare ,il "più sicura" quali sarebbero i vantaggi ?

Giulio

Pensavo ad una eventuale  usura / deterioramento dei cavi e a quanto possa susseguire ovvero surriscaldamento / scintille, ma come mi sembra di capire non è assolutamente motivata.

Grazie .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Giulio Ohm

Allora non ti resta che verificare che i cavi posati siano idonei e che la linea sia adeguatamente protetta. Pubblica qualche foto del cavo posato e del quadro a monte

Share this post


Link to post
Share on other sites
ROBY 73

Ciao Paolo-62,

7 ore fa, Paolo-62 ha scritto:

Luigi,

Credo che la tua ipotesi : "hanno deciso di garantirsi i ricambi"  non sia del tutto errata  ( il costo del solo alimentatore è circa 140 euro).🤔

Velux o Roto non è perché funzionano entrambi a 24VDC, (a meno che non siano versioni "strane") ma ce lo puoi anche dire di che marca è l'alimentatore ed il lucernario, non dev'essere un "segreto di stato", l'importante è non fare pubblicità di link commerciali, almeno ne sapremmo di più per aiutarti, grazie.

Edited by ROBY 73

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
5 ore fa, ROBY 73 ha scritto:

l'importante è non fare pubblicità di link commerciali,

 

Giusto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...