Jump to content
PLC Forum


ruggero78

Consiglio acquisto termocamera

Recommended Posts

ruggero78

Come da titolo dovrei acquistare una termocamera per rilevare corti su schede cell. Qualche suggerimento. Max 200€

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrea25

Scusa hai dimenticato uno zero nella cifra ?

Sono pochi per una termocamera ...

Dipende da che sensibilità e risoluzione che ti servono per vedere quello che devi .

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adelino Rossi

su facebook si trova la pubblicità di quelle della flyr abbinate al telefonino come display ma credo vanno dalle 500 euro in su. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
reka

in effetti per rilevare corti su schede elettroniche credo che 200 euro sian pochini..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Andrea25

Bisognerebbe capire quanto calore potrebbe sviluppare un corto circuito con una batteria di telefono ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
gabri-z
1 ora fa, Andrea25 ha scritto:

Bisognerebbe capire quanto calore potrebbe sviluppare un corto circuito con una batteria di telefono ...

Sarai sorpreso a vedere , anche se il termine '' calore '' credo che non sia quello giusto per l'applicazione , credo che l ''temperatura '' sia più adatto .

 

 

Non fare la prova del corto sulla batteria ...:P se non abiti vicino ai vigili del fuoco e/o pronto soccorso .

Il '' calore '' è si limitato alla quantità di energia nella batteria , il problema vero è che riesce a liberarla in un tempo molto corto e sta qui il pericolo

Edited by gabri-z

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Non credo che una termocamera, anche professionale, sia il metodo migliore per la ricerca guasti.

Ci sono componenti che scaldano anche durante un funzionamento regolare e altr che, anche in caso di guasto, non salgono significativamente di temperatura.

Le termocamere in genere si usano in fase di ingenierizzazione dei prodotti per verificare concentrazioni di calore che potrebbero portare poi a guasti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
dott.cicala

L'anno scorso ho comprato una HT02D.

E' una termocamera molto economica ovviamente cinese. Nell'era pre covid mi è costata 110€ sp incluse, ora si trova ad un prezzo compreso fra 140-150€.

Nonostante tutto, il suo lavoro lo svolge egregiamente.

Inizialmente l'ho acquistata per i casi descritti da Livio, cioè per i dispositivi che progetto e realizzo, ma ormai la uso anche per la ricerca guasti.

Si monta la camera su di un cavalletto da pochi spiccioli, si inquadra la scheda prima di dare tensione e poi, accendendola, un componente che scalda esageratamente lo si identifica subito, prima ancora che si squagli, prenda fuoco e danneggi ulteriormente il circuito perché si ha il tempo di spegnere.

E' di una comodità indescrivibile, un portento usata in combinazione con lo spray refrigerante.

 

Vista la spesa, vale la pena comprarla.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Rientrato dalle ferie , Stefano?

 

Scusa, ma io rimango scettico sull'uso della termocamera per la ricerca guasti.

Pensa di essere un riparatore di professione acui portano un apparatoche non funziona come, ad esempio, un PC, un TV o altra roba simile. Se c'era qualche cosa in corto quasi certamente quello che doveva bruciare si sarà già bruciato.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
dott.cicala
1 ora fa, Livio Orsini ha scritto:

Rientrato dalle ferie , Stefano?

No, sono in vacanza fino al 1° Settembre.

 

1 ora fa, Livio Orsini ha scritto:

io rimango scettico

Certamente non è la soluzione delle soluzioni, ma in molti casi aiuta parecchio.

Ad esempio, quando ho fulminato il mio generatore, grazie alla termocamera ho identificato l'operazionale che bolliva...Poi non contento ci ho messo sopra un dito e mi sono ustionato, così ho avuto due conferme:

1) La termocamera aveva ragione ad indicare quel componente come estremamente caldo.

2) Se avessi dato retta alla termocamera non mi sarebbe rimasta stampata sul dito per una settimana la forma dell'integrato

 

Altro guasto risiedeva nel circuito di alimentazione: Un diodo smd bruciato, quindi aperto. In quello stadio la termocamera non mi è stata d'aiuto non essendoci nessun surriscaldamento, ma avevo già individuato il problema col multimetro vista la mancanza di una tensione.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...