Jump to content
PLC Forum


hik2016

CONSIGLIO CENTRALINO BILOCALE

Recommended Posts

hik2016

salve.

vorrei delle delucidazioni riguardanti la progettazione dell'impianto e del centralino. di un bilocale. ho soggiorno-cucina

ho un contatore da 3KW.

distanza centralino-contatore 5metri. cavo 6mm.

ho necessita' di creare delle linee dedicate:

-prese

-luci

-cucina

-caldaia

-dvr-allarme-cirofono-

-bagno

 

ci sn varie discussioni sull'utilizzare come generale un MT 25A,altri dicono differnziale puro, altri MTD. altri dicono per la cucina di fare un quadro separato, c'è chi mette dei bipolari per (frigo,forno etc..)

potete aiutarmi spiegandomi analiticamente  cosa dovrei inserire per essere a norma e per riuscire in caso di problema capire subito dove sta' il problema?

grazie

Link to post
Share on other sites

hfdax
3 ore fa, hik2016 scrisse:

distanza centralino-contatore 5metri. cavo 6mm.

se vuoi rispettare le norme il magnetotermico generale dev'essere a non più di 3 metri di conduttore dal contatore.

 

3 ore fa, hik2016 scrisse:

ci sn varie discussioni sull'utilizzare come generale un MT 25A,altri dicono differnziale puro, altri MTD

La taglia si sceglie in funzione della potenza impegnabile e della sezione del montante. Nel tuo caso, con un contratto da 3 KW è sufficiente un MT da 20A ma grazie al montante da 6mm2 puoi salire fino a 32A così se un domani decidessi di aumentare la potenza contrattuale potresti arrivare fino a 6KW.

Quanto al differenziale è sconsigliabile metterne solo uno, meglio averne almeno 2. Che poi siano differenziali puri o MTD dipende da come configuri l'impianto.

 

3 ore fa, hik2016 scrisse:

altri dicono per la cucina di fare un quadro separato,

Dipende dalla dimensione della casa e della cucina. Quante linee ha la cucina ecc. Ma in un bilocale un quadretto a parte solo per la cucina mi sembra fuori luogo.

 

3 ore fa, hik2016 scrisse:

c'è chi mette dei bipolari per (frigo,forno etc..)

Si mettono per gli elettrodomestici ad incasso in modo da poterli sezionare dall'impianto anche se la spina non è accessibile. Se la spina è accessibile il bipolare non serve, basta toglierla e il carico è scollegato.

Link to post
Share on other sites
hik2016

quindi potrei configurare in questo modo il centralino:?

 

MT da 32A come generale con 6mm da contatore ad alimentarlo

----------------------------------------

pirma linea: differenziale puro 25A curv c

MT 16 prese

MT 16cucina (facendo partire una linea da 4mm che alimenti i bipolari)

-------------------------------------------

seconda linea: differenziale puro 25A curv a

MT 16A bagno

--------------------------------------------

terza linea: differenziale puro 25A curva c

MT 10A luci

-------------------------------------------

quarta linea :differenziale puro 25A curva c

MT 6A caldaia

-------------------------------------------

quinta linea:differenziale puro 25A curva c

MT10A -dvr-allarme-cirofono-

 

questa configurazione risulta essere corretta?

se ho dei problemi in base se si stacca il solo differenziale o il solo magnetotermico di una determinata linea riusciro' a capire se si tratta di dispersione o di corto?

 

Link to post
Share on other sites
hik2016
1 ora fa, hfdax scrisse:

meglio averne almeno 2. Che poi siano differenziali puri o MTD dipende da come configuri l'impianto

in che senso come configuro l'impianto? potresti farmi un'esempio?

ultima cosa: la sezione dei cavi per il collegamento interno del quadro e per arrivare alle varie cassette di quale mi consigliate?

Link to post
Share on other sites
hfdax
5 ore fa, hik2016 scrisse:

in che senso come configuro l'impianto? potresti farmi un'esempio?

Certo, guarda la configurazione che hai fatto:

alla prima voce hai un differenziale puro con sotto due MT e va bene.

le altre voci hanno un diff. puro con un MT, non è che non vada mene ma se metti un MTdiff. risparmi due moduli, ti costa anche meno, scalda meno e hai anche un cablaggio più semplice.

Attenzione che i differenziali vanno protetti in corrente, quindo alla prima voce il differenziale puro da 25A non ba bene, ne occorre uno da 32A perché è protetto dal MT 32A.

 

5 ore fa, hik2016 scrisse:

ultima cosa: la sezione dei cavi per il collegamento interno del quadro e per arrivare alle varie cassette di quale mi consigliate?

La sezione si sceglie in base alla portata che devono avere che, a sua volta, dipende dalla protezione (magnetotermico). Indicativamente puoi riferirti a questa tabella:

10A    1,5mm2

16A    2.5mm2

20-25A   4mm2

32A     6mm2

Edited by hfdax
Link to post
Share on other sites
hik2016

Ho messo il differenziale puro solo perché ij caso di problema con il mtd se si stacca come faccio a capire se si è staccato per dispersione o corto? Dovrei separarli giusto?

Altra domanda: che sezione invece devo utilizzare per alimentare i differenziali all interno del centralino stesso? Siccome ho letto che ad esempio un 16a và alimentato internamente con un 4mm, all uscita continuare con il 4mm fino alla cassetta e poi proseguire 2.5 è corretto?

 

 

Link to post
Share on other sites
Microchip1967

hik2016, senza offesa, ma hai mai messo mano ad un'impianto elettrico?

Perchè da quello che leggo sembra proprio che tu non abbia mai neanche visto un magnetotermico differenziale.

 

Giusto come promemoria, vorrei ricordarti che il fai-da-te sugli impianti elettrici è vietato.

Ricordiamoci sempre che la corrente è una gran bella cosa ma ha un grosso difetto: non si vede, ma quando si sente è troppo tardi

 

Chiama un elettricista serio e fatti fare un preventivo, prima di fare danni seri

Se vuoi risparmiare al limite ti offri di dargli una mano per la posa dei cavi sotto la sua supervisione

Link to post
Share on other sites
hfdax
15 ore fa, hik2016 scrisse:

come faccio a capire se si è staccato per dispersione o corto?

Tutti i mtd hanno la segnalazione del tipo di intervento.

 

15 ore fa, hik2016 scrisse:

che sezione invece devo utilizzare per alimentare i differenziali

Come ho detto sopra

17 ore fa, hfdax scrisse:

i differenziali vanno protetti in corrente

Quindi la sezione non si sceglie in funzione del differenziale ma in funzione del magnetotermico, perché è lui che limita la corrente in transito. Stessa cosa vale per il differenziale che va scelto con un in uguale o superiore alla corrente massima che può attraversarlo e anche in questo caso sarà un magnetotermico a limitarla.

 

Detto questo,  Microchip ha perfettamente ragione. Io risponderò alle tue domande ma non aspettarti di acquisire in questo modo la competenza sufficiente per installare l'impianto elettrico. Ci saranno decine di nozioni tecniche necessarie che continuerai a non avere semplicemente perché non ti verrà in mente di fare la domanda specifica.

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...