Jump to content
PLC Forum


Nuovo impianto di riscaldamento


CapVi
 Share

Recommended Posts

Ciao, devo ristrutturare completamente casa e vorrei mettere il riscaldamento con sistema ribassato a pavimento a secco. MI piacerebbe anche il raffrescamento a pavimento, ma mi hanno detto che col parquet non si può fare.

Abito a Napoli, quindi è molto calda di estate, ma non è molto fredda di inverno.

Dovendo comprare una caldaia a condensazione, su consiglio dell'impiantista, avevo ipotizzato di prendere direttamente una pompa di calore per fare sia il freddo che il caldo.

Mi piacerebbe avere un parquet flottante, per poter sostituire in caso di necessità i pezzi.

E' vero che il rendimento del raffrescamento con parquet è bassissimo?

Grazie

 

Link to comment
Share on other sites


Alessio Menditto

Diciamo che è una somma di assurdità messe insieme, innanzitutto il parquet di legno è isolante, quando il raffreddamento/riscaldamento a pavimento richiede la massima trasmissibilità di calore, ma cosa più grave in raffreddamento c’è da considerare la eventuale condensa, acqua e legno assieme, un matrimonio devastante.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
4 ore fa, CapVi ha scritto:

E' vero che il rendimento del RAFFRESCAMENTO con parquet è bassissimo?

Io rispondevo a questo, poi se tanti mettono il parquet col riscaldamento a pavimento non è detto sia giusto, infatti se leggi dicono di usare un legno “ad alta trasmissione termica”.

Tutto si può fare, allora ti ribalto la domanda: tra piastrelle e legno cosa trasmette meglio il calore?

Se metti il legno avrai un ostacolo in più al calore sottostante, per arrivare arriva ma consumi di più.

Link to comment
Share on other sites

Stefano Dalmo

Hai chiesto a qualcuno che ha  questo  sistema come si trova ? Intendo con parquet.

Sai quanti prodotti hanno messo sul mercato e poi sono risultati inefficienti?

Sei a conoscenza che questi sistemi di riscaldamento  vanno accesi  ad inizio inverno e spenti alla fine  ?

Perchè per portare l'ambiente a temperatura  ci occorrono svariate ore .

 Non voglio ostacolarti ,  ma attenzione ! Poi non si torna indietro facilmente

 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Stefano ma d’altronde il link commerciale che ha messo CapVi (a parte che non si potrebbe) è di un produttore che usa legno per la riscaldamento a pavimento, che è come chiedere all’oste se il vino è buono…

Link to comment
Share on other sites

vanno presi dovuti accorgimenti in fase di progetto

non è il massimo perché di per se il parquet in legno è un isolante

farlo flottante isola ancora di più perché tra legno e massetto resta un velo d'aria

ricorda poi,

per raffrescare a pavimento serve anche un impianto di deumidificazione (magari poco rumoroso)

l'impianti a pavimento sono, per loro natura (a causa dell'elevata massa) lenti ad entrare a regime

Link to comment
Share on other sites

13 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Io rispondevo a questo, poi se tanti mettono il parquet col riscaldamento a pavimento non è detto sia giusto, infatti se leggi dicono di usare un legno “ad alta trasmissione termica”.

Tutto si può fare, allora ti ribalto la domanda: tra piastrelle e legno cosa trasmette meglio il calore?

Se metti il legno avrai un ostacolo in più al calore sottostante, per arrivare arriva ma consumi di più.

Sicuramente irradia di più la mattonella, ma bisogna accontentare anche mia moglie.😀

Per quanto riguarda il tipo di legno, ho letto che la betulla e il rovere sono i più adatti.

13 ore fa, Stefano Dalmo ha scritto:

Hai chiesto a qualcuno che ha  questo  sistema come si trova ? Intendo con parquet.

Sai quanti prodotti hanno messo sul mercato e poi sono risultati inefficienti?

Sei a conoscenza che questi sistemi di riscaldamento  vanno accesi  ad inizio inverno e spenti alla fine  ?

Perchè per portare l'ambiente a temperatura  ci occorrono svariate ore .

 Non voglio ostacolarti ,  ma attenzione ! Poi non si torna indietro facilmente

 

Non conosco nessuno che utilizzi il riscaldamento a pavimento, infatti se non fosse stato per gli incentivi, avrei scelto i classici termosifoni. A Napoli è poco utilizzato, anche perché le ditte edili, tra cui anche quella a cui mi sono rivolto, non conoscono la possibilità di avere un pavimento radiante a secco con basso spessore. Quando ho messo a conoscenza il titolare, gli si è aperto un mondo....

Per problemi di altezza devo necessariamente mettere il riscaldamento a secco, che riscalda molto velocemente e non tiene per molto tempo il calore, quindi nel mio caso è ideale, poiché non dovrei tenerlo acceso sempre, ma solo quando mi serve.

13 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Stefano ma d’altronde il link commerciale che ha messo CapVi (a parte che non si potrebbe) è di un produttore che usa legno per la riscaldamento a pavimento, che è come chiedere all’oste se il vino è buono…

Infatti.....

Diverse ditte italiane, tra cui la Floortech, produttori di pavimenti radianti, mi hanno detto che si può fare solo la RossatoGroup ha espresso parere negativo.

12 ore fa, click0 ha scritto:

vanno presi dovuti accorgimenti in fase di progetto

non è il massimo perché di per se il parquet in legno è un isolante

farlo flottante isola ancora di più perché tra legno e massetto resta un velo d'aria

ricorda poi,

per raffrescare a pavimento serve anche un impianto di deumidificazione (magari poco rumoroso)

l'impianti a pavimento sono, per loro natura (a causa dell'elevata massa) lenti ad entrare a regime

Gradirei il parquet flottante, poiché in caso di perdite o di sostituzione del singolo pezzo, è possibile intervenire rapidamente.

Per il raffrescamento ci ho messo una pietra sopra, poiché è praticamente impossibile.

Penso che monterò i vecchi split, nella fattispecie un pentasplit, attualmente è la soluzione tecnologia migliore, anche se sono brutti a vedersi e buttano aria fredda direzionalmente.

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

CapVi già quelli che fanno i pavimenti radianti spesso sbagliano, figurati quelli che non sanno nemmeno cosa sono.

Edited by Alessio Menditto
Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, Alessio Menditto ha scritto:

CapVi già quelli che fanno i pavimenti radianti spesso sbagliano, figurati quelli che non sanno nemmeno cosa sono.

Infatti sono molto indeciso sul da farsi.😵

Link to comment
Share on other sites

Stefano Dalmo
11 minuti fa, CapVi ha scritto:

che riscalda molto velocemente e non tiene per molto tempo il calore, quindi nel mio caso è ideale, poiché non dovrei tenerlo acceso sempre, ma solo quando mi serve.

Ah  si ! Ne parli convinto , e te lo auguro che sia così , 

Tu hai chiesto consigli e te li abbiamo dati , mo ,se ti piace l'avventura , bhe queste sono cose tue  . 

Buon viaggio !

 

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Termosifoni e sei tranquillo.

Premesso che la ditta non ha ancora iniziato e se tutto va bene inizierà a settembre, ho trascorso l'ultimo mese a studiare i vari bonus fiscali per ottimizzare i costi.

Coi termosifoni bisogna aggiungere le valvole termostatiche per rientrare nel bonus del risparmio energetico.

Col pavimento radiante no, inoltre ho letto che utilizzando quest'ultimo si diminuisce notevolmente la polvere e purtroppo, sia io che i miei figli siamo soggetti allergici, quindi avevo sperato in un miglioramento.

Senza considerare i minori consumi.

Sto cercando di convincere mia moglie a prendere un gres porcellanato effetto parquet, ma devo dire che il vero parquet è tutta un'altra cosa.

5 ore fa, Stefano Dalmo ha scritto:

Ah  si ! Ne parli convinto , e te lo auguro che sia così , 

Tu hai chiesto consigli e te li abbiamo dati , mo ,se ti piace l'avventura , bhe queste sono cose tue  . 

Buon viaggio !

 

Io non sono convinto di niente e per questo ho chiesto consiglio.

Dovendo effettuare una spesa non indifferente e approfittando dei vari bonus, mi piacerebbe utilizzare tutte le innovazioni tecnologiche possibili per rendere la casa più confortevole, considerando il presupposto che non effettuerò più lavori ne cambi di casa in futuro.🤞

 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
18 minuti fa, CapVi ha scritto:

Io non sono convinto di niente e per questo ho chiesto consiglio.

Non è proprio così, ti abbiamo detto che ad usare il parquet ci sono più contro che pro, ma tu sei partito col dire che tua moglie ha già deciso per quello…se tu cerchi qui qualcuno che ti consiglia cose che non vanno bene, forse non è il forum adatto a te.

Noi ti diamo consigli buoni perché da anni e anni come puoi leggere nelle discussioni, aiutiamo a risolvere casini anche molto costosi fatti purtroppo da specialisti che si improvvisano esperti in impianti che non conoscono minimamente ma nonostante quello lì vogliono fare lo stesso, e i poveri clienti li trovi tutti qui, per cui quello che ti diciamo è, modestamente, il da farsi.

Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, DavideDaSerra ha scritto:

Trova la giusta via di mezzo: le mattonelle con finitura a parquet

Infatti cercherò di convincere mia moglie.

23 ore fa, Alessio Menditto ha scritto:

Non è proprio così, ti abbiamo detto che ad usare il parquet ci sono più contro che pro, ma tu sei partito col dire che tua moglie ha già deciso per quello…se tu cerchi qui qualcuno che ti consiglia cose che non vanno bene, forse non è il forum adatto a te.

Noi ti diamo consigli buoni perché da anni e anni come puoi leggere nelle discussioni, aiutiamo a risolvere casini anche molto costosi fatti purtroppo da specialisti che si improvvisano esperti in impianti che non conoscono minimamente ma nonostante quello lì vogliono fare lo stesso, e i poveri clienti li trovi tutti qui, per cui quello che ti diciamo è, modestamente, il da farsi.

Penso che il divorzio mi costerebbe di più della ristrutturazione.😀

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Ah sicuramente, ma avere impianti che funzionano male creano nel tempo dissapori familiari.

Link to comment
Share on other sites

È giusto dire che ci sono alcuni materiali che meglio si prestano per la finitura del pavimento radiante, ma

dato che l'impianto lo devi ancora realizzare puoi fare quello che vuoi 

Basta dirlo a chi progetta l'impianto che aumentando i circuiti o diminuendo il passo di sicuro accontenta tua moglie 

Idem per il raffreddamento a pavimento

Tutto si può fare devi solo valutare tutti i contro che ti hanno già detto.

 

 

Link to comment
Share on other sites

Certamente il marmo ha la conducibilità termica migliore ( 3,4 W/(mK) ) contro i  0,16 W/(mK), ma mi chiedo in una città calda come Napoli, dove i riscaldamenti si accendono per 10 giorni all'anno, quanto possa incidere sulla bolletta? O aumentare troppo la temperatura dell'acqua presente nei tubi potrebbe rovinare il parquet?

Per quanto riguarda il raffreddamento, essendo una città molto calda, preferisco mettere i classici split, poiché sono sicuro che il raffrescamento a pavimento anche col pavimento in marmo non funzionerebbe.

Grazie

Edited by CapVi
Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Queste discussioni diventano spesso paradossali, e meno male perché un po’ di allegria va sempre bene, ma…

9 minuti fa, CapVi ha scritto:

 

Certamente il marmo ha la conducibilità termica migliore ( 3,4 W/(mK) ) contro i  0,16 W/(mK),

 

questa mi sembra già una risposta che avrebbe dovuto chiudere inesorabilmente la discussione alla prima risposta, invece stiamo andando avanti a parlare del nulla.

Ma certo che se, per voi, avere un materiale che blocca la trasmissione del calore 3 volte più dell altro è un dettaglio, fatelo pure tranquillamente, anche io posso benissimo uscire con l’auto, tirare il freno a mano e partire per andare al mare, sicuramente ci arrivo lo stesso, ma sicuramente consumerò più benzina che non l’avessi tirato.

Tutto si può fare, come ho detto, se per voi a parità di comfort rischiate di pagare il doppio del gas che se aveste fatto meglio le cose, di cosa stiamo parlando?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

salve ragazzi,

anch io 2 anni fa mi sono imbattuto nella stessa discussione con l idraulico.

(stesse domande e stesse risposte di CapVi).

alla fine abbiamo scelto il parquet e calssici radiatori.

ci troviamo benone!

se invece dovessi farli ora i lavori, dato la possibilità delle detrazioni sull installazione dell ibrido metano/pompa di calore avrei valutato senza dubbio i termoconvettori o fancoil.

un unico impianto che si può accendere a richiesta.

voi che ne pensate?

 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto

Ema pensiamo che devi aprire una tua discussione dove avrai certamente consigli.

Link to comment
Share on other sites

ciao,

bè, diciamo che è un impianto che non farò mai oramai, volevo solo lasciare un eventuale idea a CapVi, visto il problema comune che abbiamo.

 

Link to comment
Share on other sites

Alessio Menditto
6 ore fa, ema87 ha scritto:

Voi che ne pensate?

Si sì l’idea che hai scritto va benissimo, è solo questa domanda finale che, se qualcuno ti risponde, darebbe il via ad una nuova discussione tra te e chi ti risponde.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...