Jump to content
PLC Forum


array con 4 bottoni ed un led da accendere o segnere


Elisa Vale
 Share

Recommended Posts

ciao, vorrei chiedere come si può risolvere:

ho 4 bottoni ed una spia..

ogni volta che si clicca il bottone la luce si spegne si stacca il bottone, ma uno qualsiasi e la luce si spegne.

con il FOR e array come potrei risolverlo?

grazie mille per la risposta!

Link to comment
Share on other sites


Dai almeno qualche informazione.

Con quale PLC stai lavorando?

20 ore fa, Elisa Vale ha scritto:

ogni volta che si clicca il bottone la luce si spegne si stacca il bottone, ma uno qualsiasi e la luce si spegne.

 

Spiega meglio. Anche presumendo che con "bottone" tu intenda "pulsante", cosa sigifica "si stacca"? Intendi si rilascia il pulsante?

Chi accende la spia?

 

Cerca di spiegare in italiano standard cosa vorresti realizzare.

Link to comment
Share on other sites

Il 30/10/2021 alle 07:27 , Livio Orsini ha scritto:

Cerca di spiegare in italiano standard cosa vorresti realizzare

 

'Italiano standard' è fenomenale ..ho riso mezz'ora 🤣

 

Quote

ho 4 bottoni ed una spia..

ogni volta che si clicca il bottone la luce si spegne si stacca il bottone, ma uno qualsiasi e la luce si spegne.

 

Provo a tradurre:

Ho 4 Pulsanti ed 1 spia collegati ad un plc xxx. 

Vorrei realizzare una automazione che, alla pressione di un pulsante qualsiasi accenda la spia ed al suo rilascio la spenga. 

oppure

Vorrei realizzare una automazione che, alla pressione di un qualsiasi pulsante dei 4 accenda la spia, ed alla pressione di un altro qualsiasi la spenga

oppure 

non ho capito granchè di quello che si intende fare 😁

Edited by step-80
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, step-80 ha scritto:

Italiano standard' è fenomenale ..ho riso mezz'ora 

 

C'è l'alto italiano, quello dell'accademia della crusca.

C'è uno pseudo italiano, del tipo padre che urla alla madre: "Scendi la bambina che la gioco io" che, tradotto significa: "Fai scendere la bambina così io la faccio giocare".

 

Poi c'è l'italiano standard che, senza arrivare al lessico tipo accademia della crusca, è comunque sintatticamente corretto ed usa un lessico comprensibile a tutti. Insomma è sufficiente scrivere usando soggetto, predicato verbale e complementi, magari con anche un poco di punteggiatura.

Link to comment
Share on other sites

20 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

è comunque sintatticamente corretto ed usa un lessico comprensibile a tutti.

 

Chiarissimo..in pratica è il grande assente sui moderni social insomma 🙄

Link to comment
Share on other sites

Si è proprio vero. Purtroppo è anche assente da molte scuole.

Ricordo che mia figlia minore, quando freqeuntava il liceo artistico ( e mi sto riferendo agli anni 90 del secolo scorso quando non esistevano i "social") aveva un insegnante di lettereche usava espressioni come: "Chi ha il libro lo esca", oppure "cacciate i quaderni". Con simili "maestri" come si puiò pretendere che gli allievi si esprimano in un italiano decente?

Spesso si usa un gergo in "itanglese", anche usando a sproposito termini inglesi. Questo è favorito sia dai "media", che alcuni pronunciano "midia", sia da alcuni politici dementi che intitolano leggi della Repubblica Italiana con nomi inglesi (errati) o addirittura ministeri con termini inglesi.

Ogni volta che sento uno pseudo giornalista televisivo che usa temini come "red carpet" (per tappeto rosso) o "location" (per luogo, località) mi viene, oltre all'orticaria, la tentazione di spegnere il televisore.

 

Ora mi auto sanzionerò per l'OT, ma la tua osservazione mi ha portato ad esprimere tutto il mio disappunto per questa situazione.

Link to comment
Share on other sites

Come non darti ragione Livio. 

 

Devo dire però che la mia osservazione verteva però più su un altro fatto e cioè la triste constatazione di quanto questi amati/odiati social stiano portando alla scomparsa di forum di discussione come questo. Non dico proprio questo..forse plcforum si salverà ancora per molto essendo puramente e squisitamente tecnico,rivolto ad un pubblico di nicchia e-in genere- a persone mature. Mi riferisco piuttosto a forum automobilistici per esempio (cito loro perchè sono ne iscritto da parecchio tempo e conosco molto bene chi li gestisce) i quali, con il pesante e prepotente avvento dei social, si sono visti letteralmente spazzare via la propria utilità. Con essa,uno dei punti chiave e cioè il concetto del dare-avere civile e gratuito ...adesso hai un problema qualsiasi? Lo scrivi su Faccialibro. Non ti risponde nessuno entro 200 millisecondi? Rifaccio la domanda da un'altra parte, e ancora e ancora finchè qualcuno non risponde, male ovviamente, innescando una serie di insulti gratuiti ambo le parti che non porta in nessuna direzione. La figura del Moderatore non esiste e si vede, di brutto anche. 

 

Le persone che gestiscono questi forum, coi quali nel frattempo è nata anche una sincera amicizia, sono affranti da questa situazione e li posso capire in pieno. 

Lasciamo stare poi il discorso italiano standard: li ci sarebbe da perdere delle giornate e scrivere libri sulle castronerie dette. 

Come sapete infatti, i social hanno dato voce (potenzialmente a livello mondiale) a chi prima le stupidaggini le poteva dire solo al bar , per fortuna. Ora no. Ora un buzzurro di Bergamo può tranquillamente azzuffarsi virtualmente con un buzzurro di Taranto, e oltre. 

 

Personalmente ho levato dal mio telefono tutto quello che poteva anche lontanamente somigliare ad un social, con l'eccezione di whatsapp ovviamente..perchè mi permette di restare legato ed in contatto con le persone che amo. 

Per tutto il resto ho capito che è una battaglia persa. Restando in tema automobilistico per esempio, è facile intuire come qualsiasi cosa posti diviene oggetto di calunnie/insulti/invidie varie, in poche parole, non farai mai bene nemmeno a volerlo. Posti la foto della tua Panda? Sei un poveraccio. Posti la foto della tua Ferrari? Sei un evasore, uno sfruttatore. Porti l'auto in officina autorizzata? Sei uno sperperatore di quattrini. Ti fai il tagliando a casa? Sei sempre il poveraccio di prima. 

 

Insomma..per quanto mi riguarda i social sono solo motivo di frustrazione. Ma io faccio parte della generazione che stava bene anche prima del loro avvento. Anzi..a dire il vero stava molto meglio. 

Edited by step-80
Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Si è proprio vero. Purtroppo è anche assente da molte scuole.

 

Per fortuna l'italiano era una delle mie materie preferite . Sarà stato perchè ero portato, sarà stato il professore a farmelo piacere non so..fatto sta che avevo bei voti e nei temi riuscivo sempre a portare a casa votazioni alte anche se non avevo studiato una cippa dell'argomento, solo  perchè sapevo esporre bene il mio 'non sapere' 😁.

 

Mi è sempre piaciuto l'italiano e soffro quando qualcuno lo storpia, sia per ignoranza che per abbreviazioni tipo sms. 

Per dire, a volte mi scrivo con mio fratello e vedere cose come 'tutto apposto' oppure  'pultroppo' o, peggio ancora, 'waw' al posto di 'wow' quando si vuole esprimere stupore...sono tutte cose che mi fanno rizzare i peli sulle braccia. 

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, RDA ha scritto:

Se e spaventata?

 

L'impressione è che fosse un esercizio scolastico. Forse lo ha risolto con l'aiuto di un compagno di corso, oppure è riuscita a fare quello che era stato richiesto.

Ogni tanto capita l'individuo che butta li una domanda, poi sparisce nella nebbia e di lui si perde ogni traccia.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...