Jump to content
PLC Forum


Sonda PT100


LucioCN
 Share

Recommended Posts

Buongiorno,

devo leggere delle sonde PT100 a 4 fili, poste ad una ventina di metri dal PLC. Le sonde sono a 4 fili, perchè mi serve ottima precisione (diciamo il decimo di grado).

Il PLC sarebbe uno Schneider M221 (in alternativa si può considerare anche un M340 se necessario). Sul PLC mi è stata montata una scheda TM3TI4 che però, da cosa vedo negli schemi, sarebbe adatta solo a 4 sonde PT100 a 3 fili. E' possibile cablare una PT100 a 4 fili su una scheda del genere? Oppure quale scheda bisogna prendere?

Inoltre sulle specifiche del prodotto, vedo che la precisione di lettura della PT100 sarebbe +-0,2% del fondo scala (che essendo 850°C, farebbe la bellezza di 1,6°C!, quindi la precisione della mia sonda non servirebbe a nulla, se collegata su una scheda del genere). E' possibile una architettura del genere? Oppure devo convertire la PT100 in analogica 4-20, e di lì poi entrare nel PLC (ma aumenta la precisione?)
Ecco lo schema di collegamento dlal scheda TM3TI4:

immagine.png.39c30353a42be8801e1c778dfbad26e8.png

Link to comment
Share on other sites


7 minuti fa, LucioCN ha scritto:

Inoltre sulle specifiche del prodotto, vedo che la precisione di lettura della PT100 sarebbe +-0,2% del fondo scala (che essendo 850°C, farebbe la bellezza di 1,6°C!, quindi la precisione della mia sonda non servirebbe a nulla, se collegata su una scheda del genere).

 

Certamente la precisione di 0.1°C te la scordi, non solo ma anche la precisione di 1.6°C è solo la precisione dello strumento, a cui dovrai aggiungere la tolleranza tipica della sonda che sta impiegando e la sua non linearità. Tutti dati che dovresti avere dal data sheet della sonda.

Avere una sonda a 4 fili e volerla usare come 3 fili è possibile; per ogni capo del resistore escono 2 fili, basta collegare un capo con i 2 fili e l'altro con i 2 fili in parallelo. Si perde un po' sulla compensazione, ma non molto. Non lasciare il quarto filo libero perchè è un'ottima antenna per tuti i disturbi.

 

In genere, si si vogliono precisioni e, soprattutto, ripetibilità più elevate è meglio usare una sonda PT1000; ha la stessa legge di variazione della PT100, ma amplificata di 10 volte. Anche l'influenza del cavo di connessione è molto ridotta in percentuale.

 

Per ottenere precisioni così elevate forse sarebbe meglio usare un convertitore direttamente sulla sonda e colloquiare con il PLC con bus di campo.

Ci sono dei buoni prodotti sul mercato; io, in caso di necessità, ho usato prodotti Datexel ed anche Seneca.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la gentile risposta. Dici di mettere una convertitore 4-20mA in prossimità della sonda, e poi di lì andare al PLC vero?  Sugli ingressi 4-20 non ci sono i medesimi problemi di errori? Tieni conto che devo misurare temperature in uno stretto intervallo (0-20°C)

Link to comment
Share on other sites

NO

cerchiamo, anche alla luce dell'altra discussione  https://www.plcforum.it/f/topic/262294-come-funziona-una-pt100 di chiarire gli aspetti

il confronto tra livello di precisione tra una sonda PT100 2 fili o 3/4 fili ha un rapporto di precisione altissima, questo vuole dire che non è vero che per applicazioni industriali si possano usare sonde a due fili, proprio per la strutturale mancanza di ogni compensazione, si possono usare su piccole applicazioni senza alcuna precisione

al contrario il confronto in termine di precisione tra una sonda 3 fili ed una 4 fili aggiunge poco, o per meglio dire la sonda 4 fili è in assoluto più precisa ma richiede un'accuratezza nei collegamenti molto maggiore

giova anche ricordare che se si collega una sonda a 3 fili su un trasduttore a 4 fili, o viceversa, la precisione di misura è inferiore a quella di un circuito interamente a 3 fili; questo perchè il circuito a 3 fili è concepito per compensare la resistenza del conduttore nell'ipotesi che le 3 resistenze di collegamento siano uguali

se si collega un PT100 4 fili ad un circuito di ingresso 3 fili si induce volontario errore perchè i tre collegamenti non sono uguali, un dei due a impedenza metà circa

analogamente se si collega una PT100 3  fili su un trasduttore a 4 fili siporta la retrazione di compensazione a zero ohm per cui si introduce un errore anche maggiore

 

ne deriva che salvo casi rarissimi dove a senso il collegamento a 4 fili il collegamento a 3 fili è il migliore in assoluto in ambito industriale

 

ultimo aspetto da rilevare è che "PT100" è uno standard, ne deriva che non cambia nulla sui collegamenti in relazione al vendor, è inutile precisare dove la PT100 verrà collegata, serve solo precisare che lo standard selezionato (2, 3 o 4) DEVE essere identico per la termoresistenza e per il trasduttore, i "cavallotti" COME SEMPRE, fanno solo danni

Link to comment
Share on other sites

Vediamo di fare chiarezza e togliere di mezzo le inesattezze.

 

Una sonda PT100 ha un campo di variazione, non lineare, di pochi decimi di ohm per 1°C di vairazione di temperatura.

Ad esempio passando da 0°C a 10°C si passa da 100ohm a 103.9 ohm, a 20°C la resitenza è pari a 107.7 ohm. Gia nei primi 20°C di variazione si passa da una media di 0.39ohm/1°C ad una variazione media di 0.38ohm°C. Con l'aumento della temperatura questa non linearità cresce sino a dventare significativa.

Basta scorrere una tabella di corrispondenza temperatura-resistenza per vedere bene il fenomeno.

Questi valori di resistenza sono quelli teorici, nella realtà ci sono scostamente da l valore teorico a quello reale.

L'entità dello scostamento di pende dalla classe della sonda.

A esempio una sonda classe "A" ha una tolleranza di +/-0.55°C (+/-0.24ohm) a -200°C, sino a +/-1.45°C(0.46ohm) a 650°C; la tolleranza di una classe B, invece è di +/-1.3°C a -200°C e 3.6°C a 650°C. Queste variazioni sono date da una serie di rette, quindi puoi andare a vedere quale è l'esatto campo di tolleranza nell'intervallo di temperatura che ti interessa.

 

Il cavo di collegamento ha una sua resistenza; ad esempio 3 metri di collegamento con sezione 0.5mm2 hanno una resistenza pari a 0.2ohm circa.

Questa resistenza viene inserita nel circuito di misura porta ad errori di misura.

Per minimizzare questi errori si usano collegamenti a 3 fili ed a 4 fili.

Nei collegamenti a 3 fili il circuito di misura praticamente annulla la resitenza di metà della linea di collegamento.

Nel collegamento a 4 fili si annulla quasi completamente l'influenzza della linea di collegamento.

Mentre se usi una sonda a 3 fili con un'interfaccia prevista per 4 fili, avrai un errore significativo, viceversa uasando una sonda a 4 fili con un'interfaccia a 3 fili, l'errore rimane solo quello dovuto alla porzione di linea non compensata. Parallelando i 2 fili si dimezza la resistenza della linea, riducendo quindi l'influenza a metà.

 

Veniamo al tuo caso.

E evidente che già la sonda stessa ha un'errore maggiore di quello richiesto.

A questo poi devi aggiungere fli errori di misura e conversione della scheda.

Di norma l'interfaccia consiste in un ponte di 3 resistori ad alta stabilità e precisione, in cui il 4° ramo è costituito dalla PT100 e dalla linea di collegamento. Il ponte è alimentato a corrente costante di valore >>1mA, per evitare fenomeni di auto riscaldamento. Si avrà quindi un valore di tensione costante come riferimento, ed un valore variabile perchè segue le variazioni dovute alla PT100. Si amplifica questo valore e poi lo si converte in un valore numerico.

In questa operazione si vanno ad introdurre errori dovuti alla catena di amplificazione, a cui si sommano gli errori di conversione dello A/DC.

 

Se non si dispone, come sembra il tuo caso, di una scheda di acquisizione particolarmente precisa, si può cercare di saltare la conversione su PLC.

Si converte direttamente la misura con un front end locale e si trasmette il valore via bus seriale al PLC. QUasi tutti i costruttori specialisti di queste interfaccie,come quelli che ti ho citato, per mettono la trasmissione via Mod Bus.

Quindi la tua preoccupazione

6 ore fa, LucioCN ha scritto:

Dici di mettere una convertitore 4-20mA in prossimità della sonda, e poi di lì andare al PLC vero?  Sugli ingressi 4-20 non ci sono i medesimi problemi di errori?

 

Cessa di esistere,p'erchè la trasmissione è in seriale e trametti un numero ben preciso.

Tanto per darti un'idea, con poco più di una decina di euro vendono interfacce, usate soprattutto per arduino, che impiegano un sistema di acquisizione e cionversione basato su integrati Maxim e trasmettono su SPI. Questo tipo di colloquio va bene per brevi distanze, circa 1 metro al massimo. Però hai un'interfaccia selezionabile a 2, 3 e 4 fili con precisione migliore di quella della tua scheda PLC. Ovviamente è un'applicazione amatoriale, non certamente industriale.

Link to comment
Share on other sites

dividendo il tuo intervento in due distinte parti

 

ha copiato correttamente la parte teorica

 

ha sbagliato sulla parte ingegneristica, l'interfaccia PT100 3 fili non compensa metà della resistenza di linea, COMPENSA TUTTA LA RESISTENZA DI LINEA ipotizzando che i tre conduttori abbiamo la stessa resistenza

potrebbe non essere sufficiente in un'applicazione di laboratorio dove ho esigenze di precisioni molto alte quantunque abbia conduttori relativamente corti

è valida e corretta in un'applicazione industriale dove potrei avere cavi relativamente lunghi, MA avevndo usato cavi Tripolari trefolati è evidente che posso dare per scontato che la resistenza dei tre conduttori sia uguale

 

è comunque sbagliato l'uso di PT100 2 fili

è leggerissimo il miglioramento di prestazioni tra 3 fili e 4 fili, salvo che colleghi la termoresistenza con conduttori unipolari

 

 

(comunque leggi i tuoi vari interventi ti stai contraddicendo)4

in particolare

Quote

 Parallelando i 2 fili si dimezza la resistenza della linea, riducendo quindi l'influenza a metà

no, si determina un'imprecisione di sistema grave, è sempre sbagliato mischiare 3 & 4 fili

Edited by Yiogo
Link to comment
Share on other sites

 

13 ore fa, Yiogo ha scritto:

ha copiato correttamente la parte teorica

 

Forse chi tratta marketing e comunicazione è abituato a copiare, mentre chi, come me ha alle spalle alcuni decenni di progettazione, quando scrive su di un forum attinge alle sue conoscenze; nel caso si facccia un copia-incolla di una parte di un documento lo si fa citando la fonte.

Questo per tua informazione.

Non devi attribuire ad altri le tue eventuali abitudini. Soprattutto non puoi denigrare senza alcuna prova.

 

Veniamo ora alla parte tecnica sulla compensazione.

Una compensazione a 3 fili compensa solo parzialmente la resistenza di linea, altrimenti non si sprecherebbero soldi e materiali complicandosi la vita facendo sonde ed interfaccie a 4 fili. Prima ancora che la fisica è la logica che contesta la tua affermazione.

Poi prova a spiegare come possa realizzarsi tutto questo.

13 ore fa, Yiogo ha scritto:

COMPENSA TUTTA LA RESISTENZA DI LINEA ipotizzando che i tre conduttori abbiamo la stessa resistenza

 

Non basta un'affermazione con tono apodittico per autogiustificare la teoria. Prova a spiegare come dovrebbe avvenire questa compensazione. Hai mai analizzato nel dettaglio un circuito di interfaccia di una termoresitenza di tipo PT100?

Non dico progettato perchè sarebbe troppo, ma almeno analizzato e capito la logica di funzionamento del circuito; se lo avessi fatto sapresti che è un'affermazione non corretta.

 

13 ore fa, Yiogo ha scritto:

no, si determina un'imprecisione di sistema grave, è sempre sbagliato mischiare 3 & 4 fili

 

Anche su questo ti contraddice la fisica.

Primo se considero i due conduttori come 2 resistori, parallelandoli ottengo un valore di resistenza secondo la formula Rt = (R1*R2)/(R1+R2).

Secondo se guardo il tutto dal punto di vista prettamente fisico parallelare 2 conduttori di eguale sezione significa avere un conduttore di sezione doppia, fatto che comporta automaticamente il dimezzamento della resistenza di linea

 

13 ore fa, Yiogo ha scritto:

MA avevndo usato cavi Tripolari trefolati è evidente che posso dare per scontato che la resistenza dei tre conduttori sia uguale

 

A parte il fatto che forse le operazioni di marketing e comunicazione si eseguono su ipotesi senza alcuna conferma, i progetti si eseguono solo su dati fisici reali e verificabili.

Le resistenze dei conduttori possone essere ugali anche se non fossero cavi trefolati ma ad un unico conduttore. La resistenza del cavo dipende da:

  • la sua lunghezza
  • la sua sezione
  • il materiale conduttore di cui è costituito
  • la temperatura del cavo

Che sia trefolo conduttore unico non ha importanza per determinare la resistenza della linea

 

13 ore fa, Yiogo ha scritto:

è comunque sbagliato l'uso di PT100 2 fili

 

Questa affermazione è priva di fondamento. Si deve valutare sempre e comunque il tipo di applicazione.

Anche qui è prima di tutto la logica a contraddirti, visto che tutti i produttori di termoresistenze hanno in catalogo PT100 con linea a 2 conduttori, significa che questi sensori sono usati e funzionano a dovere.

 

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

mentre chi, come me ha alle spalle alcuni decenni di progettazione, quando scrive su di un forum attinge alle sue conoscenze; nel caso si facccia un copia-incolla di una parte di un documento lo si fa citando la fonte.

lo ammetto, ricordo i circuiti ma non ricordo ... (come te)i valori fino al secondo decimale

10 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Una compensazione a 3 fili compensa solo parzialmente la resistenza di linea, altrimenti non si sprecherebbero soldi e materiali complicandosi la vita facendo sonde ed interfaccie a 4 fili.

Primo se considero i due conduttori come 2 resistori, parallelandoli ottengo un valore di resistenza secondo la formula Rt = (R1*R2)/(R1+R2).

Secondo se guardo il tutto dal punto di vista prettamente fisico parallelare 2 conduttori di eguale sezione significa avere un conduttore di sezione doppia, fatto che comporta automaticamente il dimezzamento della resistenza di linea

se una delle due affermazioni è giusta l'altra è sbagliata, fai tu

non è che i collegamenti 4 fili non servano, semplicemente sono relegati a rari usi

leggendo i tuoi interventi sembra sempre che tu sia lontano dal mondo reale di qualche anno

14 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

 

visto che tutti i produttori di termoresistenze hanno in catalogo PT100 con linea a 2 conduttori, significa che questi sensori sono usati e funzionano a dovere.

interessante anche questa affermazione, i produttori hanno in catalogo PT100 2 fili, ma per usi dove la precisione non serve, il corpo centrale della produzione di PT100 è basato su sistemi a 3 fili, potremmo "semplicemente" dire che con gli anni di evoluzione c'è stata selezione della razza

tutto si uniforma progressivamente all'architettura migliore in assoluto

Link to comment
Share on other sites

Come sempre sai solo mettere assieme un po' di parole. Il tipico elequio della persona di marketing.

 

Non hai dato un riferimento tecnico-scientifico che uno!

 

2 ore fa, Yiogo ha scritto:

lo ammetto, ricordo i circuiti ma non ricordo ... (come te)i valori fino al secondo decimale

 

Per favore, smettila con le frottole. I valori al secondo decimale non servono. Serve conoscere la filosofia del circuito. Spiega con parole tue come si effettua la compensazione. Solo che per farlo dovresti conoscere i circuiti, ma sospetto che tu non abbia alcuna idea di conme sian fatti.

 

 

2 ore fa, Yiogo ha scritto:

se una delle due affermazioni è giusta l'altra è sbagliata, fai tu

 

Proprio non riesci nememno a comprendere quello che leggi.

 

 

Se vuoi rispondere con dati tecnici e verificabili fai, altrimenti astienti. Non tollero più le tue diatribe basate sul nulla.

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

19 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Nei collegamenti a 3 fili il circuito di misura praticamente annulla la resitenza di metà della linea di collegamento.

Nel collegamento a 4 fili si annulla quasi completamente l'influenzza della linea di collegamento.

Mentre se usi una sonda a 3 fili con un'interfaccia prevista per 4 fili, avrai un errore significativo

Non sono d'accordo.
Con il collegamento a tre fili viene sempre compensata tutta la resistenza dei collegamenti, non solo metà. L'unica imprecisione deriva dal fatto che viene misurata solo la resistenza del collegamento da un lato della sonda, e si suppone che la resistenza del collegamento dall'altro lato sia uguale. E, c'è da dire, salvo piccolissime differenze, è quasi sempre vero, dato che i collegamenti alla sonda fanno lo stesso percorso, con la stessa lunghezza del filo, con lo stesso numero di eventuali passaggi in morsettiera.
Se si usa una sonda a tre fili con un'interfaccia per sonde a 4 fili, basta collegare alla sonda, dal lato dove è previsto un solo collegamento, anche il quarto filo.
L'errore si commette se si ponticella il quaro filo sulla scheda, ma se si porta il quarto filo fino alla sonda, la compensazione sarà senza errori.

 

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, batta ha scritto:

Con il collegamento a tre fili viene sempre compensata tutta la resistenza dei collegamenti, non solo metà.

 

Questo, come ho scritto a Yogo, non basta affermarlo, ma lo devi dimostrare descivendo come avviene questa compensazione.

Affinchè quanto sopra esposto sia vero è indispensabile che venga misurata la pura resistenza del cavo di collegamento.

 

Se leggi, ad esempio, l'application note AN709 di AD dedicata allo ADuC834 che assieme al MAX31865 rappresenta lo stato dell'arte per queste applicazioni, subito la figura 1 ti mostra come avviene la misura.

La misura si basa sul confronto tra una resistenza campione interna e la termoresitenza esterna. Nella figura 2 viene mostrato il circuito dal lato morsettiera d'ingresso. Se analizzi lo schema vedi che solo con il collegamento a 4 fili hai la completa compensazione della linea di collegamento.

 

Si può discutere sul fatto che, usando una RTD a 4 fili con interfaccia a 3 fili, il parellelo del 3° e 4° filo possa o meno introdurre un errore. Qui bisogna analizzare la specifica interfaccia usata.

Comunque lasciare il 4° filo flottante introduce sicuramente disturbi che causano errori molto più gravi dell'eventuale parallelo.

 

Tu hai scritto:

4 ore fa, batta ha scritto:

Se si usa una sonda a tre fili con un'interfaccia per sonde a 4 fili, basta collegare alla sonda, dal lato dove è previsto un solo collegamento, anche il quarto filo.

 

Ma n questa discussione l'ipotesi è esattamente contraria si ha una sonda a 4 fili con un'interfaccia a 3 fili. Cosa fai? lasci il quarto filo libero e flottante?

Inoltre anche quello che hai scritto non è sempre vero;  ad esempio se osserve sempre il circuito di figura 2 vedi potresti introdurre un errore non banale

Ci sarebbe  un metodo che ti permette la totale compensazione della linea di collegamento con solo 2 fili: conoscere esattamente la resitenza del filo di collegamento ed inserire questo valore in sottrazione alla misura della resistenza. Anni fa, per motivi che non sto a descrivere, ho usato questo metodo sia per compensare la resistenza di collegamento ma anche, e soprattutto, per compensare l'errore della termoresitenza. Alla verifica effettuata con calibratore a blocco la precisione di misura e la ripetibilità erano veramente elevatissime.

Ma questo esula da questa discussione.

 

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Livio Orsini ha scritto:

Ma n questa discussione l'ipotesi è esattamente contraria si ha una sonda a 4 fili con un'interfaccia a 3 fili. Cosa fai? lasci il quarto filo libero e flottante?

Il quarto filo non esiste proprio, e non viene collegato né lato sonda, né lato scheda. E la sonda funziona esattamente come una sonda a tre fili.
Un filo che non c'è, non può fare da antenna. E anche una sonda a due fili può essere collegata a tre o a 4 fili, unendoli a due a due su un unico morsetto della sonda.
In questo modo, l'unica resistenza che non viene compensata è la resistenza di collegamento del morsetto, che è del tutto insignificante.
 

 

1 ora fa, Livio Orsini ha scritto:

solo con il collegamento a 4 fili hai la completa compensazione della linea di collegamento

Il collegamento a 4 fili permette la corretta compensazione anche nel caso i collegamenti ai due lati della sonda abbiano resistenza diversa.
L'errore della compensazione nel caso di collegamento a tre fili consiste supporre che i collegamenti sui due lati abbiano la stessa resistenza, ma viene comunque compensata la resistenza totale dei collegamenti, e non solo la metà.
Della documentazione relativa al "ADuC834" ho letto solo sommariamente qualche passaggio, ma non ho trovato da nessuna parte riferimenti al fatto che, con collegamento a tre fili, solo metà resistenza venga compensata.
Der resto, che senso avrebbe? Se devo compensare solo metà resistenza, tanto vale usare una sonda a 2 fili, ed impostare una correzione fissa della lettura calcolata sulla reale resistenza dei collegamenti!

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Questo, come ho scritto a Yogo, non basta affermarlo, ma lo devi dimostrare descivendo come avviene questa compensazione.

Affinchè quanto sopra esposto sia vero è indispensabile che venga misurata la pura resistenza del cavo di collegamento.

guarda che è come diciamo io e Batta

peraltro sei rimasto un pochetto indietro, ai tempi i circuiti non disponevano di capacità matematiche atte ad elaborare un modallo complesso, ci si doveva affidare a circuiterie complesse, attualmente il processore dedicato fa la misura e non si limita ad un mera compensazione elettronica ma elabora i dati allo scopo di considerare oltre la misura della resistenza del ramo usato a misura ausiliari anche l'immagine dell resistenza del conduttore unico che suppone esser uguale

è per questa ragione che i circuiti a 4 fili stanno sparendo

 

non mi ripeto nemmeno sulla bizzarra tesi di collegare comunque il quarto fili per non lasciarlo "abbandonato" senza considerare che in questo modo l'ipotesi fondamentale del processore sopra descritta decade

peraltro ..... ai creduto di fare il sapiente con la formula dei resistori in parallelo, ma ti sei dimenticato che quella si usa quando i due resistori sono diversi, dovresti giustificare il perchè in un cavo trefolato a X conduttori uno di questi potrebbe avere una resistenza diversa

 

perchè non riconosci che stai sbagliando ?

 

 

Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, batta ha scritto:

Il quarto filo non esiste proprio, e non viene collegato né lato sonda, né lato scheda. E la sonda funziona esattamente come una sonda a tre fili.

 

Batta non hai letto la discussione dall'inizio: si tratta di una sonda a 4 fili che deve essere interfacciata ad una scheda con connessione a 3 fili.

 

11 ore fa, batta ha scritto:

Della documentazione relativa al "ADuC834" ho letto solo sommariamente qualche passaggio, ma non ho trovato da nessuna parte riferimenti al fatto che, con collegamento a tre fili, solo metà resistenza venga compensata.

 

Devi analizzare lo schema di figura 2.

 

Te lo ripeto ancora: come fai a conoscere il valore della resistenza del filo di connessione se non lo misuri?.

Se osservi bene lo schema dellaconnessione a 4 fili vedi che la resistenza di un filo si somma al valore della termoresistenza e l'altro si somma al valore della resistenzadi riferimento. (descritto in modo sommario o semplificato). Se hai solo 3 fili ti manca il paragone per il terzo.

 

Inoltre anche tu inisti ad affermare che la compensazione a 3 fili è completa, ma anche tu non spieghi come avvenga questa comensazione.

 

Io una spiegazione di come avvine la comnsazione l'ho data.

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Batta non hai letto la discussione dall'inizio: si tratta di una sonda a 4 fili che deve essere interfacciata ad una scheda con connessione a 3 fili.

prima predichi poi ti ritiri, va bene torniamo all'origine

se hai una sonda a 4 MORSETTI da collegare ad un trasduttore in tecnologia 3 FILI la colleghi con un cavo tripolare, mi sembra banale

13 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Te lo ripeto ancora: come fai a conoscere il valore della resistenza del filo di connessione se non lo misuri?.

Se osservi bene lo schema dellaconnessione a 4 fili vedi che la resistenza di un filo si somma al valore della termoresistenza e l'altro si somma al valore della resistenzadi riferimento. (descritto in modo sommario o semplificato). Se hai solo 3 fili ti manca il paragone per il terzo.

semplice, i dati misurati sono inviati a chip dedicato che avendo noto la resistività di un loop di due conduttori non può che pensare che la resistenza del terzo conduttore sia uguale alla metà del loop, non ci vuole un scienziato per scrivere il modello

anzi ti dirò, la cosa più complessa in questo modello non è questa che è una costante ma il fatto che la relazione temp./ohm non è lineare

to ho già detto che se stai fermo ancora ai circuiti elettronici hardware non capisci come funzionano ora

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Yiogo ha scritto:

ai creduto di fare il sapiente con la formula dei resistori in parallelo, ma ti sei dimenticato che quella si usa quando i due resistori sono diversi, dovresti giustificare il perchè in un cavo trefolato a X conduttori uno di questi potrebbe avere una resistenza diversa

 

Capisco che, ad una persona che si occupa di marketing e comunicazione non serva cono scere le leggi elementari di elettrotecnica, basta saper raccontare bene un po' di frottole, magari condite con qualche anglicismo di moda, ed è tutto fatto.

Però questa persona dovrebbe avere il buon senso di non avventurarsi a discustere di cose che non conosce!

La formula che ho inserito è la formula valida per calcolare il parallelo di 2 resistenze di qualunque valore, siano esse di egual valore o di valore differente. Questo anche un allievo del primo anno di una scuola professionale di elettrotecnica o di elettronica lo sa già dal primo quadrimestre di studio.

Viste le tue conoscenze tecniche, devo riconoscere che sino ad ora ho solo sprecato tempo cercando di spiegarti cose che non puoi capire.

 

Link to comment
Share on other sites

13 minuti fa, Yiogo ha scritto:

semplice, i dati misurati sono inviati a chip dedicato che avendo noto la resistività di un loop di due conduttori non può che pensare che la resistenza del terzo conduttore sia uguale alla metà del loop, non ci vuole un scienziato per scrivere il modello

 

Si questa è la spiegazione che da un markettaro.

Ma per favore lascia stare!

Non parlare di cose che non conosci e che non puoi conprendere.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Batta non hai letto la discussione dall'inizio: si tratta di una sonda a 4 fili che deve essere interfacciata ad una scheda con connessione a 3 fili.

Appunto. Sul morsetto dedicato al 4° filo non si collega nulla, e la sonda a 4 fili funziona esattamente come una sonda a tre fili.

 

3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Inoltre anche tu inisti ad affermare che la compensazione a 3 fili è completa, ma anche tu non spieghi come avvenga questa comensazione.

3 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Te lo ripeto ancora: come fai a conoscere il valore della resistenza del filo di connessione se non lo misuri?.

Il terzo filo serve proprio per misurare la resistenza del secondo filo, ed il primo filo si assume che abbia resistenza uguale a quella del secondo filo. A questo punto, compensare l'intera resistenza dei collegamenti è banale.
E, alla fine, a me non interessa nemmeno analizzare lo schema del "ADuC834" (che nemmeno so se sia usato). A me interessa solo sapere che la scheda analogica con collegamento a tre fili è in grado di compensare tutta la resistenza del collegamento, partendo dal presupposto (sempre vero salvo casi più unici che rari) che il primo ed il secondo filo abbiano la stessa resistenza.
E le schede per RTD fanno esattamente questo.
 

Link to comment
Share on other sites

Evito di entrare nella diatriba e allego dei link dai quali ciascuno di noi può trarre le necessarie considerazioni ed eventualmente consolidare/modificare le sue convinzioni:

Esempio connessione Pt100 2/3/4 fili

PT100 - Teoria

 

Cercando di tornare all'argomento sarebbe utile sapere :

- la classe della Pt100

- il campo di misura necessario (pare abbiamo un delta di 20 °C ... )

- l'installazione della Pt100 (inteso come : pozzetto sì/no, diametro esterno Pt100, eventuale punta rastremata per velocizzare il tempo di risposta, temperatura ambiente nel luogo di installazione, lunghezza di inserzione)

- accuratezza richiesta dal Committente

 

Link to comment
Share on other sites

36 minuti fa, batta ha scritto:

Appunto. Sul morsetto dedicato al 4° filo non si collega nulla, e la sonda a 4 fili funziona esattamente come una sonda a tre fili.

 

Batta avrai letto dall'inizio ma o sei distratto oppure ... fai finta di non aver capito. Ti riporto quantop scritto dall'autore.

 

Il 8/12/2021 alle 08:09 , LucioCN ha scritto:

devo leggere delle sonde PT100 a 4 fili, poste ad una ventina di metri dal PLC. Le sonde sono a 4 fili,

 

Il 8/12/2021 alle 08:09 , LucioCN ha scritto:

Sul PLC mi è stata montata una scheda TM3TI4 che però, da cosa vedo negli schemi, sarebbe adatta solo a 4 sonde PT100 a 3 fili.

 

Hai capito ora che è esattamente il contrario di quello che continui ad ipotizzare?

Hai capito perchè hai un filo che sarebbe flottante?

 

45 minuti fa, batta ha scritto:

A me interessa solo sapere che la scheda analogica con collegamento a tre fili è in grado di compensare tutta la resistenza del collegamento,

 

Il problema è che questo non avviene.

Visto che, a quanto si deduce, nemmeno tu sai come funziionano le 2 compensazioni differenti, appena ho un attimo di tempo pubblico uno schema ed una spiegazzione dei 2 tipi di compensazione.

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

... appena ho un attimo di tempo pubblico uno schema ed una spiegazione dei 2 tipi di compensazione ...

Se ritieni che i link che ho allegato siano corretti, forse, puoi risparmiare del tempo 🙂

Link to comment
Share on other sites

34 minuti fa, max.riservo ha scritto:

Evito di entrare nella diatriba e allego dei link dai quali ciascuno di noi può trarre le necessarie considerazioni ed eventualmente consolidare/modificare le sue convinzioni:

 

Max i tuoi 2 link danno solo indicazioni di come si collegano le PT100 con connessione a 2, 3 e 4 fili. Non danno alcuna indicazione di come avviene la compensazione.

Come ho scritto prima metterò gli schemi circuitali dei 2 tipi differenti di compensazione, anche se non so quanti, tra chi sta leggendo la discussione, riescano a capirne il funzionbamentio.

 

34 minuti fa, max.riservo ha scritto:

accuratezza richiesta dal Committente

 

Qui sta il vero problema. Se l'accuratezza è veramente 0.1°C anche con una sonda in classe "A" si è oltre la precisione richiesta per il solo errore dovuto al trasduttore. Poi bisogna aggiungere gli errori della catena di misura e l'incertezza della quantizzazione dello A/DC; non avendo le specifiche della scheda impiegata non so quanto peso, però l'autore della discussione dichiara che l'errore sarebbe di 1.6°C, però non chiarisce se è riferito al solo trasduttore o alla scheda di conversione.

Però l'autore dopo 2 messaggi è sparito.

 

Edited by Livio Orsini
Link to comment
Share on other sites

25 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Qui sta il vero problema. Se l'accuratezza è veramente 0.1°C anche con una sonda in classe "A" si è oltre la precisione richiesta per il solo errore dovuto al trasduttore. Poi bisogna aggiungere gli errori della catena di misura e l'incertezza della quantizzazione dello A/DC; non avendo le specifiche della scheda impiegata non so quanto peso, però l'autore della discussione dichiara che l'errore sarebbe di 1.6°C, però non chiarisce se è riferito al solo trasduttore o alla scheda di conversione.

In un limitato range di misura si può ottenere un'accuratezza migliore (del sensore) utilizzando Pt100 in classe 1/10 DIN, attendiamo magari ulteriori notizie da chi ha aperto la discussione ...

Link to comment
Share on other sites

29 minuti fa, Livio Orsini ha scritto:

Però l'autore dopo 2 messaggi è sparito.

In fondo come dargli torto ...

Ultimamente tutti gli animi sono esacerbati e da tutte le parti vediamo/sentiamo solo più gente litigare e cercare di imporsi (e mi sto riferendo a Virologi/Infettivologi/Tuttologi/Politici/Giornalisti/NoVax/NoQualcosa/ No a qualunque cosa/ etc ) ... magari in un forum potremmo anche risparmiarcelo 😒

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...