Jump to content
PLC Forum


problemi elevato sfasamento con impianto ad isola


athxp
 Share

Recommended Posts

buongiorno a tutti,

 

da sempre ho un problema fastidioso:

 

premetto che la casa è gas free ed ho un fotovoltaico ad isola enersun ESINV4K5. 4,5kw di fotovoltaico e 11kw di batterie PB-gel. 

 

tutto funziona correttamente ma quando la casa è alimentata solamente a batteria, ho una potenza reattiva intorno ai 500 kvar

 

 

ecco, questo è il grafico di oggi. la parte im blu è l'alimentazione da batteria. ho provato per diverse volte a staccare la notte le batterie e i consumi reali girano intorno ai 120-140w mediamente. quanto alimentato a batterie invece sto sempre sui 500-550. sembrerebbe un problema di sfasamento

 

 

 

 

 

 

 

 

cewolf;jsessionid=1h8x6hsaipxffu8dz6o03uljg.jpg

Edited by athxp
Link to comment
Share on other sites


Alle problematiche poste nelle discussioni risponde chi sa, può e vuole rispondere.

Se non ottieni risposte è perchè, tra la 93 persone che hanno letto la discussione, nessuno soddisfava le 3 condiioni che ho esposto.

Fare del sarcasmo non aiuta di certo ad ottenere risposte.

Link to comment
Share on other sites

 

Il 11/9/2022 alle 15:33 , athxp ha scritto:

ho una potenza reattiva intorno ai 500 kvar

Il misuratore dove è posto ?

E' integrato nell'inverter o fa parte di una App ?

Provo a formulare un'ipotesi:

Non è che i disturbi indotti dall'inverter falsano semplicemente la misura durante il funzionamento a batterie ?

La potenza reattiva la stabilisce il carico, mica il generatore...

 

Link to comment
Share on other sites

15 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Alle problematiche poste nelle discussioni risponde chi sa, può e vuole rispondere.

Se non ottieni risposte è perchè, tra la 93 persone che hanno letto la discussione, nessuno soddisfava le 3 condiioni che ho esposto.

Fare del sarcasmo non aiuta di certo ad ottenere risposte.

chiedo venia, era puramente sarcastico quel post

13 ore fa, patatino59 ha scritto:

 

Il misuratore dove è posto ?

E' integrato nell'inverter o fa parte di una App ?

Provo a formulare un'ipotesi:

Non è che i disturbi indotti dall'inverter falsano semplicemente la misura durante il funzionamento a batterie ?

La potenza reattiva la stabilisce il carico, mica il generatore...

 

il misuratore è compreso nell' inverter

la tua ipotesi potrebbe essere giusta. però mi pare una cosa anomala...

questo grafico, di oggi, rende bene il problema: poco dopo le 5 di notte le batterie erano scariche e l' inverter ha commutato su prelievo da rete enel.

la potenza in rosso è quella che realmente consuma la casa.

quando poi è uscito il sole, la potenza reattiva è nuovamente salita.

potrebbe essere che quando l' inverter ha ingressi in DC (quindi batterie e/o solare) qualcosa causa una potenza reattiva di questi valori?

come potrei tentare di risolvere?

 

 

la parte carichi sfasati la escludo, se vado solo a rete enel non ho problemi.

 

 

 

2.png

Edited by athxp
Link to comment
Share on other sites

non si vedono da remoto usando il pc, devo andare sull' inverter che ha schermate più complete.

ho fatto un altro screen di ora dove si vendono i consumi in corso, magari può essere utile.

in verde ho evidenziato le potenze in gioco:

 

mi dice che la casa ha un carico di 700w, che viene alimentato solamente a batterie al momento...che però erogano 400w.

ne mancano 300 all' appello e da rete i prelievi sono 0.

 

se serve domani posso inserire i valori della potenza reattiva e apparente

2.png

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, athxp ha scritto:

mi dice che la casa ha un carico di 700w, che viene alimentato solamente a batterie al momento...che però erogano 400w.

ne mancano 300 all' appello e da rete i prelievi sono 0.

 

Potrebbe anche trattarsi di un errore di misura.

Se la misura fosse corretta, con 400VA in ingresso, che essendo in cc sono anche 400W, 700VA in uscita, significherebbe avere un cosenphi di solo 0,571.

Per verificare questo consumo potresti fare qualche misura esterna.

Misuri la corrente e la tensione in uscita dall'inverter così ottieni la potena apparente in uscita.

Misuri corrente e tensione in ingresso così hai il valore della potenza entrante.

Queste misure ti permettono di verificare 2 cose:

  • Verifichi che le misure eseguite dall'inverter siano corrette.
  • Se la potenza in uscita ha un valore simile a quello misurato dall'inverter, significa che l'inverter misura anche il suo consumo.

300VA mi sembra un valore abbastanza in linea. Tieni presente che l'inverter consuma sempre, anche se non ci fosse alcun carico all'uscita.

 

Link to comment
Share on other sites

posso fare le prove in uscita dall' inverter. in ingresso potrei monitorare quando avviene prelievo da rete enel,  perchè se alimentato da batterie o solare in ingresso non ho nulla...ed è proprio li che avviene l' anomalia.

sono conscio che l' inverter ha un minimo di consumo ed ha comunque un certo rendimento. ma fosse davvero quello il sui consumo mi pare decisamente alto.

 

Link to comment
Share on other sites

ok, ho eseguito le misure sull' assorbimento in ingresso e uscita dall' inverter.

ho rilevato i seguenti valori: linea in = 0.58A . linea out = 3,5A.

 

quindi, le potenze dovrebbero essere in ingresso 120W ed in uscita 693W. (per i calcoli ho usato cosFi 0.9)

mi sa che qualcosa non torna...qui sotto metto lo screen dell' inverter dove si leggono le potenze che lui rileva. il periodo ovviamente coincide con le mie misurazioni.

 

 

1.jpg

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, athxp ha scritto:

ho rilevato i seguenti valori: linea in = 0.58A . linea out = 3,5A.

 

E impossibile.

La corrente di uscita dall'inverter non può essere inferiore alla corrente in ingresso, semmai è esattamente il contrario.

 

O hai sbagliato a misurare, o hai misurato con uno strumento inadatto.

 

Fai uno schemino su come è collegato l'inverter ed indica dove hai inserito l'amperometro

Link to comment
Share on other sites

il mio impianto fotovoltaico è ad isola. la linea in è quella del prelievo da rete enel. in quel  momento sicuramente la casa era alimentata tramite le batterie, per quello in out ho un valore molto più alto, ero in prelievo dal pacco batterie.

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

mah

nello screenshot  leggo

tensione 219,6 V

corrente 2,6 A

potenza attiva 515w

potenza apparente 558va

potenza reattiva 240var

 

i conti non mi tornano...se qualcuno matematicamente conferma... grazie

 

Link to comment
Share on other sites

dai dati la potenza apparente risulta essere 570,96VA.

Se la potenza attiva è realmente 515W il cosphi è 0,902 da cui phi =25,577°. Il seno è 0,435 circa .

La potenza reattiva sarà Pr = senphi * Pa = 0.435 * 570,96 = 248,3 VA circa.

 

L'ordine di grandezza è corretto. Non capisco la discrepanza sul valore di potenza apparente, visto che Pa = V*I = 219,6 * 2.6 = 570,96 VA

Link to comment
Share on other sites

perché alta?

non si parla certo di sole resistenze elettriche

 

14 ore fa, Livio Orsini ha scritto:

Non capisco la discrepanza sul valore di potenza apparente

mah

558 VA sta' scritto nei dati

Link to comment
Share on other sites

premetto che sono anni che non faccio più questi calcoli. però mi paiono molti, considerando che il solo carico induttivo è in questo caso, l' inverter. per di più solamente quando viene alimentato in dc.

Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, athxp ha scritto:

considerando che il solo carico induttivo è in questo caso, l' inverter. per di più solamente quando viene alimentato in dc.

 

Dipende dal tipo d'inverter.

Comunque se le misure sono corrette, significa che l'uscita dell'inverter è caricata con un carico che ha un cosenphi di 0.902 che potrebbe corrispondere, ad esempio, ad un trasformatore o ad alcuni trasformatori. Pensa a quali apparecchi/elettrodomestici hai in funnzione al momento in cui hai fatto quell rilevazioni.

Link to comment
Share on other sites

però il problema è particolarmente evidente la notte. quando, misure alla mano, i carichi reali sono intorno ai  120-140w continui, che ci stanno considerando le utenze di casa.

allego il grafico di oggi, giornata quasi senza sole. guardate la notte: come sempre la parte in blu (cioè quella dell' alimentazione a batteria) è intorno ai 500w. ma in realtà sarebbero 120. difatti poi, quando a batterie scariche e senza sole l' inverter ha prelevato da enel (in rosso) il grafico della potenza è veritiero.

3.png

Link to comment
Share on other sites

L'unica spiegazione è l'autoconsumo dell'inverter, anche la diferenza di circa 380w può essere corretta. Il manuale, e/o la targa, dell'inverter dovrebbero specificare questo dato.

Link to comment
Share on other sites

ho controllato il manuale, il rendimento dell' inverter è del 98%, quindi escluderei perdite\autoconsumo.

allego il grafico di ieri notte-oggi (va da mezza notte a mezza notte  del giorno dopo), dove si vede che funzionando da rete enel (le batterie e rano scariche) i consumi della casa sono corretti.

3.png

 

poi, come esce il sole e partono i prelievi da li ...si stabilizza sui 500w. non riesco a capirne il perchè...

Edited by athxp
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, athxp ha scritto:

il rendimento dell' inverter è del 98%,

 

Questo dato è riferito al funzionamento a piena potenza, perchè l'inverter consuma anche se non c'è alcun carico sull'uscita; quindi devi ricecare il dato relativo non al rendimento ma als suo consumo.

Comunque le alternative non sono molte: o è consumo dell'inverter, o è una misura errata o entrambe le cause.

Link to comment
Share on other sites

ok che qualcosa consumerà, ma perchè questa potenza reattiva. quello non capisco.

 

sarà possibile inserire un rifasamento?

 

ho guardato per il rendimento ma non trovo altri dati, allego la scheda tecnica, il mio modello è ES-4k5

1.jpg

Link to comment
Share on other sites

L'inverter di suo ha, come carico sulla rete, un cosphi di 0.99. Inoltre il rendimento di 98% è il massimo a pieno carico, quindi consuma di suo almeno 100VA.

Dai dati che hai riportato in precedenza risulta un cosphi medio di 0,9.

Lo sfasamento dipende dal carico che è presente sulla rete; ad esempio se si accende il frigorifero, il motocompressore ha un cosphi inferiore a 0.9

Link to comment
Share on other sites

  • Livio Orsini locked this topic
Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...