Jump to content
PLC Forum


Fotovoltaico in blocco per sovratensione: problema di dimensionamento cavi o all'infrastruttura di rete?


BobbyHope06
 Share

Recommended Posts

BobbyHope06

Buonasera a tutti, scrivo poiché da tempo ho problemi con il mio fotovoltaico domestico da 6 kW impianto solaredge che funziona correttamente fin quando deve caricare le 2 batterie e va in blocco quando deve cedere corrente alla rete nelle ore centrali del giorno.
Il mio cruccio è se aprire o meno una richiesta di verifica delle tensioni a e-distribuzione in quanto non mi convince la risposta dell'instatore. Secondo lui i 40 metri di 
cavo da 6 Mmq che collegano inverter e contatore di scambio sono sufficienti a sopperire alle sovratensioni. Qualcuno mi può chiarire il punto? Per essere ancora più precisi l'inverter si trova al piano ST della mia abitazione, ci sono 10 metri di cavo 6 Mmq fino al piano T dove è posizionato il quadro generale e dal quadro 30 metri di cavo sempre 6 Mmq fino al contatore di scambio. 

Grazie in anticipo a chi vorrà aiutarmi 

Link to comment
Share on other sites


hai verificato le tensioni al contatore in vari momenti della giornata?

corrispondono o sono molto vicine a quelle lette dall'inverter in uscita?

Link to comment
Share on other sites

BobbyHope06

Si, sto effettuando da qualche giorno le misurazioni. In casa sempre oltre i 242. Nelle ore centrali del giorno oltre 248. Devo effettuare qualche misura direttamente sul contatore di scambio domani 

Link to comment
Share on other sites

problema che non si può risolvere (salvo non siano previsti sistemazioni della rete)

hai una tensione di rete abbastanza alta già di suo (242 /248 V) quando l'inverter cerca di andare in immissione sfora la tensione ammessa sulla rete (254 V) per cui "si spegne"

"un cane che si morde la coda"

 

facendo fare la misura della tensione di rete con i strumenti Enel la tensione risulta corretta, in quanto è il tuo impianto fotovoltaicolo non deve immettere

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
2 ore fa, BobbyHope06 ha scritto:

Si, sto effettuando da qualche giorno le misurazioni. In casa sempre oltre i 242. Nelle ore centrali del giorno oltre 248. Devo effettuare qualche misura direttamente sul contatore di scambio domani 

 

Per contratto il gestore della rete assicura 230V+/-10% ==> 203V - 253V.

Il tuo inverter dovrebbe avere un limite di tensione tale da poter immettere corrente in rete anche quando il valore della rete è al limite superiore.

Probabilmente il tuo inverter non è tarato correttamente per il limite di tensione. Devi contattare l'installatore del tuo impianto.

Link to comment
Share on other sites

BobbyHope06

Grazie Livio. 

Per il mio installatore è tutto ok. L'unica taratura che ha fatto "in più" è stato impostare il limite di immissione in rete a 2000w

Il problema si è dimezzato da 30 riavvii a 15...

Dice di rivolgersi ad edistribuzione 

Link to comment
Share on other sites

piergius

Da quanto dici si può presumere che l' Utenza sia Monofase . 

-

L' Energia nell' Unità di Tempo, cioè la Potenza Istantanea prodotta, varia per motivi "naturali",

gran parte dei quali indipendenti dalla nostra volontà, durante le 24 ore . 

>

La Potenza Immessa in Rete ha un andamento variabile per molti motivi, tra cui : 

1) ricalca l' andamento dei Consumi da parte delle Utenze allacciate in Cabina 😉

¿ Quando nessuno sta consumando, cosa puoi immettere 🤔

 

2) Con che percentuale di quelli che stanno consumando sei collegato . In caso di :

- Inverter Monofase, il 33%, cioè quelli di una sola Fase . ☹️

- Inverter Trifase, 100%, quelli delle 3 Fasi . 😀

 

3) Caduta di Tensione causata a parità di Potenza immessa: 

Monofase, 100% su Fase + 100% su Neutro, ☹️

Trifase, 33% sulle Fasi 🙂;

dal 33% in giù sul Neutro fino a zero quando le 3 Correnti si compensano . 😃

 

4) per questi ed altri motivi, ormai il gran numero di F. V. di tipo Monofase provoca problemi 

di Sovratensione sulla propria Fase e conseguente funzionamento "a singhiozzo" 🤔

-

Buona notte ! 

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
12 ore fa, BobbyHope06 ha scritto:

Dice di rivolgersi ad edistribuzione 

 

Se la tensione è entro i limiti contrattuali non fanno niente, se non fatturarti le spese per il controllo.

In caso di contestazione sui valori di tensione, installano un data logger,che registra la tensione. Ora non ricordo esatta mente l'algoritmo, semplicissimo, di controllo ma se si verificano superamenti dei limiti di tolleranza in un certo numero di volte in un ora, allora intervengono, altrimenti no.

 

Purtroppo se capita, come avviene sempre più spesso, che ci siano parecchi impianti FV domestici, che riversano la loro produzione in rete, la tensione tende ad aumentare; se poi è già tendente di suo a valori oltre il nominale di 230V perchè, magari sei in vicinanza della cabina di trasformazione, rischi distacchi continui dell'inverter.

Link to comment
Share on other sites

multigamma

Nel mio gli ho caso gli ho dato filo da torcere. Hanno cambiato il vecchio cavo da un 6 mm multipolare a 16 mm unipolare. Hanno cambiato il contatore, hanno misurato la tensione. Alla fine PEC, ecc... ecc... devono costruire vicino casa una nuova cabina di distribuzione.

 

Premetto che la mia tensione arriva a 258 V

 

 

Edited by multigamma
Link to comment
Share on other sites

multigamma
11 ore fa, click0 ha scritto:

hai 258 V senza fotovoltaico in immissione?

 

Si, quanto produco energia, la mia tensione arriva a 258 V e l'inverter si stacca. Enel, ha fatto tutte le verifiche, costruzione di una cabina.

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, multigamma ha scritto:

Si, quanto produco energia, la mia tensione arriva a 258 V e l'inverter si stacca.

quindi, NO (non si)

la tensione con il tuo inverter che non produce deve essere più bassa e se, lato inverter non ci sono parametri anomali, non verrebbe vista come "anomalia"

 

sei stato "fortunato", più che abile e magari avevano già lavori in programma

anche perchè

costruire una cabina, richiede tempi di anni (trovare terreno, espropri, posare nuove linee ecc, ecc) oltre a essere una soluzione costosa

Link to comment
Share on other sites

multigamma

Non si tratta di essere fortunato.

 

Quanto è stata fatta la pratica per la connessione del mio impianto, ho pagato circa 300,00 euro, nessuno è venuto a fare un sopraluogo e verificare. Adesso cosa vogliono, devono adeguarsi altrimenti, partono altre PEC e diffide.

 

Hanno monitorato la mia tensione una settimana. KO tensione non a norma dal loro verbale.
Hanno cambiato cavo e contatore. KO intervento
Hanno provato ad abbassare la tensione in cambina. KO intervento.

 

E adesso fregatevi

Edited by multigamma
Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini
5 minuti fa, multigamma ha scritto:

E adesso fregatevi

 

Che significa?

Non mi sembra un commento molto educato da parte tua.

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, multigamma ha scritto:

Hanno monitorato la mia tensione una settimana. KO tensione non a norma dal loro verbale.

se hanno eseguito la misura con apposito strumento, della durata di una settimana e hanno verbalizzato, anche una sola misura fuori dai parametri di rete, hai, una media di tensione che eccede i 254 volt per più di 10 minuti (o al contrario una media sui 10 minuti inferiore ai 195 volt)

risolvono "forzatamente"

(fermo restando che se è il tuo impianto che "eccede", è il tuo impianto che si deve spegnere, ma non avresti passato la verifica)

 

la costruzione di una cabina, è non un "toccasana" che attuano sempre, ma proprio l'ultima spiaggia 

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...