Jump to content
PLC Forum


E' la soda giusta o no?


 Share

Recommended Posts

Salve!Da informazioni prese in rete ho acquistato la soda per relizzare i circuiti stampati. Mi è venuto un dubbio: "sicuro che la soda che mi serve è proprio questa?" Il dubbio mi è venuto perchè sulla bustina(la soda che ho acquistato è in polvere) ci sono raffigurate diverse immagini;pentole, abiti ed altro che ora non ricordo e sull'altro lato indica che bisogna diluire 50g in acqua e se necessario, per un miglior risultato, aumentare la dose. Dalle informazioni prese si dice che la soda è pericolosa, bisogna fare attenzione ed emana vapori in soluzione con l'acqua. Come mai sulla bustina non ci sono avvertenze scritte?Possibile che una cosa così pericolosa venga fatta usare tranquillamente in casa senza problemi? Per ora ho voluto inziare a dire la cosa, ma domani potrò essere più preciso e magari inserire la foto della confezione. Grazie per l'attenzione

Link to comment
Share on other sites


Elvezio Franco

Per sciogliere il rame si usa il pericloruro ferrico e viene venduto sia liquido che in grani (per una maggiore conservazione).

La soda non so cosa tu voglia intendere...forse soda caustica???

Con quella devi si fare molta attenzione.Viene usata molto per sgorgare le tubazioni e si usa con acqua bollente....

Link to comment
Share on other sites

Per l'acido che ho acquistato non ho dubbi, sulla bottiglia era scritto che è per Circuiti Stampati. Per la soda(si, intendo la cosiddetta soda caustica), acquistata in un negozio di detersivi, sono un pò in dubbio perchè non mi dice niente, neanche un avvertenza. Giusto per curiosità dai uno sguardo al link ConfezioneSoda

Link to comment
Share on other sites

in rete si trovano un sacco di belle cose

La soda puo usarla per il tuo scopo , diverso e' il fatto che sulla confezione

ci sia scritto che va bene anche per i PCB.

Tante volte si trovano articoli o post che per risparmiare dimostrano cose diverse dal normale .

La soda corrode e se diluita in maniera giusta puo anche farti il pcb, pero ' normalmente per i pcb si usa il percloruso ferrico , in granuli o gia diluito come ti dice elvezio.

Ci sono anche diversi modi per ottenere il pcb impressionato , chi usa la carta comune , chi il toner e fogli lucido , chi usa il ferro da stiro , chi il percloruro .

Secondo me la soluzione e' il bromografo e il percloruro .

Poi ognuno ....

alla fine si crea solo confusione e scappa la voglia di fare

ciao

walter

Link to comment
Share on other sites

Luca Bettinelli

Quella che hai acquistato è Soda (carbonato di sodio) Na2CO3 , non soda caustica (idossido di sodio) NaOH.

Il carbonato di sodio è un detergente sbiancante che si usa nell'ambito civile per lavare pentolame e come additivo per il bucato, l'idrossido di sodio è una sostanza altamente alcalina corrosiva è usata in elettronica per la produzione di circuiti stampati mediante la fotoincisione per rimuovere il photoresist impressionato dai raggi UV, in ambito civile invece si usa per sgorgare i lavandini.

Quindi quella che hai acquistato la puoi usare per fare le pulizie di casa ma non sicuramente per i PCB

Edited by Luca Bettinelli
Link to comment
Share on other sites

Grazie Luca. Credo che con la tua risposta ho capito che devo rimettermi in cerca della soda caustica. Di teoria sulla realizzazione di circuiti ne ho abbastanza, ora ho bisogno di un pò di pratica. Riguardo l'acido comprai una bottiglia già diluita in un negozio di elettronica ed era scritto su "cloruro ferrico per realizzazione di circuiti stampati. Per un effetto migliore riscaldare e agiare...bla bla bla". Sinceramente non so dove cercare(se possibile non in rete) e cosa cercare. Se qualcuno mi da un consigli su qualcosa di preciso, mi farebbe piacere. Grazie.

Link to comment
Share on other sites

Le tecniche per fare i circuiti stampati sono diverse, io uso un bromografo autocostruito, le piatre di rame uso quelle già trattate con fotoresist che una volta impresse sono pronte per essere immerse nel percloruro ferrico.

La costruzione di un bromografo è abbastanza semplice, ti procuri una valigetta, 3 tubi al neon UVA da 8 watt con starter e reattore.

A questo punto li monti sulla parte superiore della valigetta in modo che rimangano ad una distanza di circa 8/10 cm dal fondo.

Scannerizzi il circuito da fare e lo stampi su carta lucida, a questo punto lo collochi sopra alla piastra di rame e metti tutto nel bromografo per circa 4/5 minuti.

Finita l'esposizione nel bromografo immergi la piastra nella soda per effettuare lo sviluppo fino a vedere ben nitide le piste.

Tolta la piastra la collochi nel percloruro avendo cura di agitarlo ogni tanto fino a che il rame non protetto da fotoresist viene via tutto, poi risciaqui il tutto.

Il gioco è fatto, fai i buchi con una punta da 1 mm e saldi i componenti.

La mia descrizione è molto sommaria, bisogna fare un po di pratica con piccoli circuiti di prova.

In alternativa al bromografo puoi disegnare con l'apposito pennarello direttamente il circuito su piastre ramate non presensibilizzate, certo non hai la precisione del primo metodo ma se non hai piste fini e molto ravviccinate va bene lo stesso.

In rete comunque trovi sicuramente qualcosa dedicato all'argomento, ecco un esempio.

Link to comment
Share on other sites

Luca, scusa se mi permetto, ma sembra che si sta discudendo di altro rispetto alla discussione che ho aperto.Come detto precedentemente di teoria ne ho abbastanza. Anche io mi sono autocostruito un bromografo con un vecchio scanner e le tecniche per realizzare i circuiti stampati le ho studiate un pò ovunque. Quello che chiedevo era sapere se ciò che avevo acquistato era giusto o meno e avere qualche consiglio dato che è difficile reperire la soda. Comunque grazie lo stesso per la risposta. Inoltre può sempre servire per chi ne sa di meno.

Link to comment
Share on other sites

Luca ti ha risposto esaustivamente. La soda non serve, devi usare soda caustica. Fai molta attenzione, usa guanti e occhiali protettivi.

Link to comment
Share on other sites

Ciao, la Soda caustica, viene usata anche per sverniciare porte e finestre, da usare

con molta attenzione, corrode pure i vestiti...

non sapevo che sciogliesse pure il Rame...

Link to comment
Share on other sites

Paolo Cattani

La soda caustica non è mica per sciogliere il rame! Come ti hanno già risposto, si usa "per rimuovere il photoresist impressionato dai raggi UV".

Comunque, la soda caustica la trovi ovunque nei supermercati... proprio vicino all'idaulico liquido (che infatti è a base di soda caustica, come il fornet)

Link to comment
Share on other sites

Chiedo scusa a Luca, non intendevo rispondere lui, ma Ivan. Lo so che Luca mi ha risposto esaustivamente, infatti subito dopo ho iniziato la risposta ringraziandolo. Quindi posso acquistare qualsiasi prodotto a base di soda caustica?Trovo scritto esplicitamente che è a base di soda?Ora di quello che ho acquistato non so proprio che farmene,non so a che può servire

Link to comment
Share on other sites

Luca Bettinelli

Nei supermercati la trovi come "Soda caustica", non acquistare alti podotti perchè potrebbero esserci degli additivi che non servono!.

La puoi usare finchè non si è esaurita, quindi fino che fa reazione va bene, ovviemnte la sua "forza" andrà diminuendo con l'uso.

Anche le mani non solo i vestiti ! fate molta attenzione, PUO' PROVOCARE GRAVI USTIONI !!.

Cultura personale, la chimica mi ha sempre molto appassionato come l'elettrotecnica.

Link to comment
Share on other sites

La soda caustica non è un acido, è una base, una base forte, per giunta. Vi sono acidi per niente corrosivi per alcuni materiali che invece sono aggrediti da una base forte come appunto l'idrossido di sodio e viceversa.

Anche mio suocero associa qualunque sostanza corrosiva agli acidi, ma direi che non sia molto sano confondere le due cose, anche perché in caso di avvelenamento è fondamentale conoscere di che sostanza si tratta per prestare le giuste cure primarie.

Sono un po' OT, ma mi premeva segnalare la cosa per quei pochi che, come mio suocero, confondono una base (PH >7 alcalinità max a PH 14) con un acido (PH <7 acidità max a PH 1), correndo gravi rischi in caso d'incidente con queste sostanze.

Link to comment
Share on other sites

Luca Bettinelli

Quando si conosce un argomento a volte si tende a sottovalutare la non conoscenza da parte di altri, quindi permettemi la precisazione:

Sostanza acide ed alcaline sono completamente agli opposti, attenzione a non mischiare le due sostanza, altrimenti succede un disastro (avete mai messo del bicarbonato nel succo di limone, provate ed avrete una vaga idea di cosa potrebbe succedere, ovviamente in piccolo), ma prese singolarmente sono altrettanto pericolosissime.

L'effetto di un acido o di una base forte sono gli stessi, si possono provocare ustioni gravissime, ben più gravi di una ustione da fuoco, quindi mi raccomando di non giocare con queste sostanze, si dice ustioni ma in pratica è corrosione.

Quando le maneggiate usate sempre guanti resistenti agli agenti chimici, non i normali guanti di lattice, usate SEMPRE occhiali di protezione e tenete tutte le parti del corpo coperte uno schizzo di queste sostanze è molto pericolose, non respirate MAI i vapori che si generano ed utilizzatele sempre in locali ben ventilati.

Link to comment
Share on other sites

A parte che invece di conservarle le scioglie, le olive. Poi se per caso ne avanza una appena te la metti in bocca ti ustioni bocca ed esofago! Non sto esagerando. Si dice soda caustica perchè ha effetti simili alle ustioni.

Link to comment
Share on other sites

Luca Bettinelli

sembra che in questo caso venga utilizzata per fare una sorta di "cottura" delle olive, ovvimente viene diluita, difatti si parla di 30g in 2 litri di acqua.

Dopo di che è necessario lavarle bene.

Come dicono sul sito, tenetele in un luogo sicuro, pensate se passa uno decide di assaggiare le olive !!

P.S. Incuriosito ho cercato in Internet, sembra che la soda caustica venga utilizzata nelle olive per togliere l'amaro blink.gif

Edited by Luca Bettinelli
Link to comment
Share on other sites

Del_user_23717

Una cosa altrettanto formidabile è che combinando un acido ed una base forte, dalla reazione esotermica ottieni alla fine un sale ed acqua... (se le quantità stechiometriche sono rispettate...)

Sapevate che l'acqua pura (ph=7) in reazioni particolari può comportarsi sia da acido che da base...

Ritornando all' idrossido di sodio, da quanto ricordo viene commercializzato anche a pallini da sciogliere in acqua (non so se solo per i laboratori...), ma in quel caso è necessario rispettare una certa diluizione in funzione della quantità del peso delle "goccie-palline" di NaOH...

E se mettessimo anche la chimica su una piccola sezione di PLC Forum? magari tra le "varie".... biggrin.gif

Link to comment
Share on other sites

Ecco perchè ogni tanto, dopo aver mangiato quelle olive, vengono i bruciori di stomaco biggrin.gif La nota dice che invece della soda caustica si può usare il potassio. Direi che è molto più sicuro.

Link to comment
Share on other sites

Grazie ragazzi!Chi pere una cosa chi per un'altra state facendo aumentare il mio bagaglio culturale. Un ultima cosa, giusto per avere la certezza, vanno bene 7grammi di soda diluiti in un litro d'acqua?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...