Articolo

La diagnosi energetica: uno strumento per un percorso di sostenibilità. Verso la carbon neutrality

Si parte da una definizione, quella della diagnosi energetica: la diagnosi energetica è una procedura strutturata di analisi energetica e di identificazione di interventi di miglioramento. Universalmente conosciuta in seguito all'obbligo derivante dall'applicazione delle direttive 2012/27/UE e 2018/2002/UE ed i D.Lgs. 102/2014 e 37/2020 per le grandi imprese e le imprese energivore.



La diagnosi energetica è il primo indispensabile passo per qualsiasi percorso di carbon neutrality.

L'azienda nel suo intervento spiega perché fare le diagnosi energetiche. La diminuzione dell'incidenza della spesa energetica annuale, delle emissioni di gas, l'aumento della propria efficienza energetica, l'individuazione delle tecnologie di risparmio di energia, migliorare la sostenibilità ambientale, la riqualificazione del sistema energetico, rientrano tra le motivazioni.



Prosegue mostrando come fare le diagnosi energetiche: per valutare un risparmio l'azienda ci dice che occorre partire dall'analisi dei consumi energetici, dei macchinari, dei processi, fare ipotesi di efficientamento (sostituzione macchinari).

L'ambito di indagine delle diagnosi energetiche è l'illuminazione, la cogenerazione, la dispersione termica, le energie rinnovabili, la climatizzazione, l'inverter, motori elettrici...



Ci viene mostrato un case study. La produzione del prosciutto crudo parte dall'allevamento dell'animale, arriva allo stabilimento dove viene macellato. Le carni vengono lavorate, stagionate, confezionate e spedite.

Il case study prosegue facendo una diagnosi energetica e analizzando i fabbisogni. Viene quindi proposto un modello energetico. Gli interventi proposti riguardano l'ottimizzazione compressori aria e ricerca fughe, l'installazione interna e esterna di una illuminazione a led, la sostituzione della uta, del chiller e l'installazione dei pannelli fotovoltaici.



La stima della produzione oraria di un impianto fotovoltaico viene presentata come approfondimento.

Ma cosa si intende con percorso di Carbon Neutralità? Un percorso che include standard ISO in materia di Carbon footprint, EPD ed un inventario di GHG, il percorso è stato definito da una parte terza, con dei target fissati e certificabili, le aziende sono state accompagnate in progetti di riduzione delle emissioni, il cliente deve essere stato messo al riparo dal rischio di << greenwashing >> (ecologismo di facciata o ambientalismo di facciata).



Un percorso di Carbon Neutrality prevede l'ottimizzazione dei consumi e della spesa energetica, un miglioramento delle condizioni ambientali e dei luoghi di lavoro, un impatto positivo sull'ambiente, un miglioramento dell'immagine verso l'esterno.

Gli step per l'avvio del percorso alla Carbon Neutrality presume l'analisi delle esigenze del cliente, una diagnosi energetica dettagliata, l'individuazione degli interventi di efficienza energetica, azioni sull'upstream e downstream, Energy & Environmental Management e verifica dei target raggiunti, elaborazione di un Bilancio di sostenibilità.
Davide Mariani - AssoEge - Associazione Esperti gestione Energia - https://www.assoege.it/
Atti di convegni o presentazioni contenenti case history
mcTER Alimentare Web Edition aprile 2021 Strategie, innovazioni tecnologiche e opportunità: l’efficienza energetica nell’industria alimentare
Ultimi articoli e atti di convegno

Sensori di livello e pressione: tecnologie di misura ottimizzate per la produzione nell'industria alimentare

In una dimostrazione live, sono state mostrate la strumentazione di misura per la massima affidabilità ed efficienza del processo. Sono presentate...

Mantenere standard elevati di tracciabilità, igiene e sicurezza grazie all'utilizzo di soluzioni HW

Soluzioni che si integrano a 360° in contesti produttivi complessi, analisi delle soluzioni adottate da aziende dell'indusria alimentare all'interno...

Cobot e industria alimentare: applicazioni, processi, qualità

La robotica collaborativa si presta sia per le piccole imprese che per le grandi. L'interazione uomo-macchina avviene tramite collaborazione e...

Condition Monitoring e digitalizzazione degli asset nell'industria del beverage di sistemi di chiusure bottiglie

La digitalizzazione degli asset utilizza grandezze fisiche per riassumere lo stato di salute. L'informazione trasferita dai sensori alla centralina...

Aumentare l'efficienza degli asset nell'industria alimentare: verso la Manutenzione 4.0

Una manutenzione adeguata degli impianti e il miglioramento delle performance degli asset possono ridurre i downtime, aumentare la produttività, ma...

Soluzioni antincendio per l'industria alimentare - Fire protectives solutions for the food & animal feed industries

(in lingua inglese) Nell'industria alimentare ci sono molti rischi di incendio ed esplosione per la presenza di polveri esplosive. Nel corso della...

Manutenzione Industriale - Analisi predittiva dei guasti con strumenti portatili intelligenti

70 anni di esperienza nell'analisi vibrazioni sono il cuore di strumenti portatili nati per facilitare la diagnostica e rendere la manutenzione veloce...

Biometano: cosa sta succedendo e cosa ci aspettiamo accada

Ad oltre 2 anni e mezzo dalla data di pubblicazione del tanto atteso "decreto biometano bis", cerchiamo di fare il punto della situazione e di...

L'ottimizzazione del processo di upgrading della società S.E.S.A.

Pollution Analytical Equipment presenta la soluzione studiata per rispondere alla problematica concreta di ottimizzazione del processo di upgrading...

Sersys Ambiente investe sul biometano

Trasformare in energia rinnovabile 230.000 tonnellate l'anno di rifiuti provenienti principalmente dalle raccolte differenziate dell'umido e dalla...

Industria alimentare - Ottimizzazione lavorazione di HDPE / polimeri mediante compressione. Studio per la sostenibilità

L'uso di polimeri e altri materiali ad alte prestazioni può provocare il rilascio di sostanze indesiderate o scomode. In spazi ristretti, le...