Jump to content
PLC Forum


Misurare La Potenza Assorbita Dall'impianto


pasqualed
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, mi intrometto nella discussione perchè anche io sono alle prese con la realizzazione di un gestore di carichi da collegare al FV. Forse non tutti sanno che il contatore dell'Enel o GSE che sia ha disponibile un'uscita che dà in tempo reale la produzione o consumo in kwh. Il contatore Enel ha 2 led rossi, quello in alto lampeggia in base alla produzione istantanea.

C'è anche scritto sul contatore che il led lampeggia 1000 volte per ogni kwh prodotto, significa che se l'impianto sta producento 3600 watt il led lampeggerà ogni secondo, se sono invece 1800 watt il led lampeggerà ogni 2 secondi e cosi via.

In questa maniera è possibile campionando il tempo tra un lampeggio e l'altro sapere cosa stà producendo il FV.

Per la lettura basterà posizionare di fronte al led un fotodiodo o fototransistor ed entrare in un ingresso compionando il tempo di lampeggio.

Spero sia una informazione utile.

vi saluto Andrea.

Link to comment
Share on other sites


Forse non tutti sanno che il contatore dell'Enel o GSE che sia ha disponibile un'uscita che dà in tempo reale la produzione o consumo in kwh

Ma è acessibile da chiunque o serve agli operatori ENEL per verifiche/collaudi?

il led lampeggia 1000 volte per ogni kwh prodotto, significa che se l'impianto sta producento 3600 watt il led lampeggerà ogni secondo, se sono invece 1800 watt il led lampeggerà ogni 2 secondi e cosi via.

Sei sicuro di quanto affermi. Tempo fa ho cercato anche io queste informazioni ma ci avevo rinunciato.... forse cercavo male!!

Sai per caso cosa significa quando uno dei 2 led è rosso fisso?

Saluti

Edited by Mardock
Link to comment
Share on other sites

Ma è acessibile da chiunque o serve agli operatori ENEL per verifiche/collaudi?

ciao Mardoc,

è accessibilissimo, non è altro che il led in alto siglato RA, basta guardarlo quando hai un carico collegato e vedrai che lampeggia ciclicamente.

Sei sicuro di quanto affermi. Tempo fa ho cercato anche io queste informazioni ma ci avevo rinunciato.... forse cercavo male!!

sicurissimo, ho fatto piu controlli, al mattino il mio FV era appena partito e l'inverter segnava 70 Watt, ho cronometrato il tempo tra un lampeggio che era di 51 secondi, se tu fai 3600 che sarebbero i watt prodotti quando il led lampeggia ogni secondo diviso 51 secondi fa esattamente 70,58 watt. Ho provato nel pomeriggio, il tempo di lampeggio era di 1.33 sec, se fai 3600 diviso 1.33 ti fa esattamente 2706 watt ed era quello che l'inverter segnava. Prova del nove, in quel momento in casa avevo un carico acceso di 450 watt ed il contatore Enel segnava in effetti 2250 watt ed il led lampeggiava ogni 1.6 secondi, 3600/1.6= 2250 watt.

Sai per caso cosa significa quando uno dei 2 led è rosso fisso?

Il led siglato RA, lampeggiando segnala l'energia che scorre instantaneamente nel contatore,

il led RR lampeggia quanto piu il carico si allontana dal resistivo e diventa induttivo causando uno sfasamento tra tensione e corrente ( ma non ho ancora capito in che modo faccia questa misura.)

Quando da piu di 20 minuti non c'è passaggio di corrente entrambi i led si illuminano.

Spero di essere stato abbastanza chiaro, ovviamente per sfruttare questa misura bisogna costruirsi una piccola interfaccia a fotodiodo e posizionarla di fronte al led RA.

ciao e buon lavoro.

Andrea.

Link to comment
Share on other sites

Chiarissimo... a questo punto, anche se esula dall'obiettivo della discussione, resta da scoprire la "regola" di lampeggio del led RR.

Questo si rileverebbe utile nel caso avessimo utenze non puramente resistive (tipo motori, ecc..)... si potrebbe pensare di sincronizzare queste utenze in modo da evitare di sforare il cosphi limite imposto dalle contrattazioni!!.. però.. bella questa idea del modulino conta impulsi...

Resta solo da valutare la convenienza rispetto alle altre tecniche esposte!!

Saluti

Link to comment
Share on other sites

Certo che è conveniente, guarda lo schema, basta collegare un fotodiodo ad una resistenza e prelevare la tensione ai suoi capi, entrare in analogica e triggerare il segnale per ottenere un on off pulito ed il gioco è fatto. Costo? niente, fotodiodo cannibalizzato da un ricevitore infrared di qualsiasi TV o DVD player e resistenza pure.

led_fd7.jpg

Link to comment
Share on other sites

Mi son oespresso male.. quando ho detto "convenienza" intendevo oltre al costo, che sicuramente è conveniente, anche l'applicabilità.. ti toveresti comunque ad dover installare la tua interfaccia davanti al contatore, fissandola in qualche modo... poi potrebbero esserci problemi di spazio perchè ne ho visti di contatori installati in spazi veramente stretti... poi ma gari non è il tuo caso!!!!

Link to comment
Share on other sites

Mi son oespresso male.. quando ho detto "convenienza" intendevo oltre al costo, che sicuramente è conveniente, anche l'applicabilità.. ti toveresti comunque ad dover installare la tua interfaccia davanti al contatore, fissandola in qualche modo...

Beh, è vero, esteticamente non sarebbe il max, ma per l'autocostruttore, che non butta via niente è una buona soluzione.

ciao.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...