Jump to content
PLC Forum


Cavo Telefonico Troppo Vicino Alla 220V ?


del_user_104015
 Share

Recommended Posts

del_user_104015

Ciao tutti,

oggi controllando alcuni cavi provenienti dall'esterno verso l'interno del mio garage, ho notato che il cavo telefonico, posato in sostituzione del vecchio circa 10 anni fa, è stato fatto passare nello stesso tubo dei cavi 220v. (aimè essendo la casa degli anni 60 detto tubo è di soli 20mm :thumbdown: ..ed è già tanto per l'epoca!) quindi i due cavi sono a strettissimo contatto! :thumbdown:

La mia paura è che qualche interferenza possa recare danno alla linea telecom adsl e così avere dei problemi di connessione/lentezza di navigazione!?

Il cavo telefonico in oggetto è (per fortuna) di quelli ultima generazione,con guaina grigia molto rigida/pesante e con i due fili interni rosso e bianco di sezione maggiorata, circa 2mm.

Il tratto interessato è di soli due metri circa(dal pozzetto esterno casa all'interno del garage)credo abbiano sfruttato quel passaggio essendo il muro maestro in cemento armato e con molto ferro .

Secondo Voi conviene sfilare il tutto e tentare di fare un foro supplementare per suddividere le due linee? (tel / 220v)

..magari per così poco percorso a stretto contatto non provoca danno? :blink:

Ovviamente fare questo foro non sarà molto divertente, essendo tale parete interessata da ; ingresso tubazione acqua, ingresso cavi al contatore ENEL, (se con la punta becco il cavo che va a monte del contatore ENEL faccio un bel disastro! :( )

Che dite..? vale la pena ? (parlando sottovoce; per ora la navigazione NON presenta problemi.. :huh: )

Grazie a tutti!

Valerio

Edited by valerio64
Link to comment
Share on other sites


Ciao Valerio ...premetto di non essere un professionista, quindi aspetta consigli più autorevoli...però...

è stato fatto passare nello stesso tubo dei cavi 220v. (aimè essendo la casa degli anni 60 detto tubo è di soli 20mm

Pensa che a casa mia ho addirittura tubi da 12 :( comunuque...anche se i tubi fossero stati più grandi la legge vieta mettere nei tubi dove passa la 220V altri tipi di fili (come nel tuo caso il cavo telefonico) a meno che i fili che non portano la 220V abbiano ugualmente isolamento capace di sopportare la 220V (scusa il gioco di parole...) ma comunque io anche se l'isolamento fosse adeguato sono contrario a mettere nei tubi di corrente altre cose...

Edited by fa87
Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

Condivido ciò che ha scritto fa87 .Non ho capito se l'impianto telefonico in questo modo l'ha fatto una ditta per conto di Telecom o se l'hai fatto tu.

Se non puoi fare un buco nuovo nel cemento puoi far passare uno dei due cavi (telefono o elettrico )per un altro percorso alternativo ,anche se allunghi un po .

Ciao

Link to comment
Share on other sites

del_user_104015

Ciao tutti, grazie dell'attenzione :thumb_yello:

Aggiorno;

Armatomi di Santa Pazienza, ma soprattutto di trapano con punta diametro 22 mm e lunghezza cm 60! ho fatto un foro inclinato dal pavimento garage verso il pozzetto esterno .

Tutto cemento armato, ma per fortuna non ho "beccato"nessun tubo! :worthy:

Ora il cavo telefonico arriva direttamente dal palo all'ex portafusibili telecom, dico ex in quanto il tecnico telecom al momento dell'allaccio ha TOLTO I FUSIBILI ( un blocchetto nero con 4 catodi) dicendomi che NON servivano più! :blink:ed al loro posto ha messo due semplici barrette cromate..?

Vi chiedo un consiglio riguardo un mio scrupolo/idea :

Avrei a disposizione un interruttorino bipolare con fusibili da 6A , se lo installo a monte dell'impianto così da poter ad ogni TEMPORALE o altre esigenze poter sezionare il tutto, potrebbe andare? ... siccome ho sentito dire/letto che la linea per ADSL deve essere "pulita" da qualsiasi "aggeggio"... anche un interruttorino del genere può creare danni/problemi? :blink:

posto foto dell'interruttorino che utilizzerei.

Grazie a tutti! :worthy:

afc2a3180614870.jpg

Edited by valerio64
Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

Assolutamente no .

Non puoi manomettere l'impianto telefonico a monte della prima presa telefonica.

Dopo questa puoi fare quasi tutto.

L'inserzione di un interruttore sulla linea non pregiudica il funzionamento nè della linea telefonica ,nè quella adsl ,ma completamente inutile .L'unica cosa sensata è inserire uno scaricatore con una buona messa a terra ,se la zona è soggetta a caduta di fulmini.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

del_user_104015

Ringrazio dell'info. :thumb_yello:

Mi sapresti indicare quale tipo di scaricatore dovrei acquistare?

PS: l'interruttore lo metterei appena dopo lo scatolino con le due lamelle cromate, li potrei metterlo?

Grazie! :worthy:

Link to comment
Share on other sites

Ciao...sempre premettendo che non sono un professionista e quindi aspettare consigli di professionisti, per gli scaricatori guarda qua.... e ricorda, che a meno che lo scaricatore non sia auto-protetto, devi anche comprare la protezione per gli spd...

PS: l'interruttore lo metterei appena dopo lo scatolino con le due lamelle cromate, li potrei metterlo?

Quello scatolino che dici se ho capito bene è quello da cui parte il doppino telefonico della telecom che arriva a casa tua alla presa principale...quindi no...perchè è a monte della presa principale (e quindi solo i tecnici telecom possono metterci mano), mentre tu puoi lavorare solo dopo questa presa...

Edited by fa87
Link to comment
Share on other sites

del_user_104015
Quello scatolino che dici se ho capito bene è quello da cui parte il doppino telefonico della telecom che arriva a casa tua alla presa principale...quindi no...perchè è a monte della presa principale (e quindi solo i tecnici telecom possono metterci mano), mentre tu puoi lavorare solo dopo questa presa...

Si è quello, ma una cosa strana è che, quando chiesi la riattivazione della linea telefonica con relativa ADSL, dopo avermi fatto penare per tre mesi(magari perchè abito in un paesino)il tecnico venne e cambiò solamente detto scatolino(il quale prima aveva dei fusibili)non fece altro, nemmeno volle vedere la prima presa(che era già montata da 30 anni! per il vecchio proprietario della casa) attivarono il tutto dalla centrale che dista circa 1 km da casa mia (tre mesi per farlo!?) praticamente è una normalissima presa,senza quell'adesivo bianco con delle sigle che vedo ultimamente installare nelle abitazioni! :blink:

Grazie delle info :thumb_yello:

Valerio

Edited by Fulvio Persano
Link to comment
Share on other sites

dopo avermi fatto penare per tre mesi

Ricordati che con le buone maniere si ottiene sempre tutto...a me quando finalmente arrivò l'adsl al mio paese (cioè nell'estate 2009, quindi puoi immaginare con che ritardo rispetto alle grandi città e paesi pià grandi) telefonarono quelli del commerciale di telecom per avvertirmi del lieto evento e mi diedero appuntamento dopo circa un mese per far venire i tecnici a installare il tutto (essendo ahime alice casa dovettero staccare l'analogico e passare al voip e portare il modem)...il giorno prima del tanto atteso giorno mi arrivò un sms in cui mi avvertivano che i tecnici non sarebbero potuti venire nel giorno stabilito, e in cui mi avevano cambiato appuntamento e il nuovo giorno era una decina di giorni dopo...va beh...aspetto questi altri giorni, all'orario stabilito non si vede nessuno...aspetto ...aspetto...e non si vede nessuno ...quindi nel tardo pomeriggio chiamo il 187 e li "minaccio" che se il giorno dopo non fossero venuti a installarmi alice potevano anche non venire più perchè avrei chiamato un altro operatore...puntualmente il giorno dopo vennero e mi misero tutto : )

comunque anche io ho ancora la presa tripolare che già usavo prima dell'arrivo dell'adsl...!

Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

Lo scatolino portafusibili ,che non occorrono più ,si usa cone sezionatore di linea.

Lì ,essendo prima della presa ,non puoi modificare .Puoi ,invece ,dopo la prima presa.La presa è intesa di qualsiasi tipo ,con o senza etichetta numerica (non si usa più l'associazione numero seriale della presa -impianto di utente ) , sia la tripolare che quella nuova che l'ha sostituita a plug ( RJ11) .

Se in fase di attivazione non ti hanno controllato la presa ,vuol dire che alla prova centralizzata dava corretto il funzionamento .

Riguardo gli scaricatori ,ve ne sono di varie marche e tipi diversi ,funzionano bene se c'è una buona messa a terra .

Ciao

Edited by Domenico Maschio
Link to comment
Share on other sites

del_user_104015

Grazie a tutti delle preziose info!

Rimango un po' perplesso sul fatto che i fusibili a protezione NON servano più!? ..ma è perchè adesso è linea ADSL? ...prima a cosa servivano?

Grazie a tutti!

PS; un'ultima cosa...sono curioso di sapere quanti volt ci sono in linea ? è alternata o continua? in chiamata aumenta? Grazie a tutti ! :thumb_yello:

Edited by valerio64
Link to comment
Share on other sites

Rimango un po' perplesso sul fatto che i fusibili a protezione NON servano più!? ..ma è perchè adesso è linea ADSL? ...prima a cosa servivano?

I fusibili servivano per la protezione della linea, oggi ci sono altri metodi di protezione

Edited by fa87
Link to comment
Share on other sites

del_user_104015
Anche perchè...se uno vuole fare un lavoro a casa tipo come ho fatto io aggiungere delle prese...si trova costretto a toccare il doppino non hai come per la linea elettrica il contatore telecom che abbassi la levetta e sei apposto..

Ecco perchè io ho installato(magari son fuori legge :wacko: ) l'interruttorino che stacca tutto l'impianto da me modificato appena dopo la prima presa ;) ...

Edited by Fulvio Persano
Link to comment
Share on other sites

Ecco perchè io ho installato(magari son fuori legge :wacko: ) l'interruttorino che stacca tutto l'impianto da me modificato appena dopo la prima presa ;) ...

però...l'interruttore l'hai messo prendendo i fili dalla prima presa giusto? e quindi l'hai toccata...hai toccato i fili...e anche tu sei ancora vivo...comunque aspettiamo pareri più autorevoli a riguardo...

Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

I fusibili erano utili quando c'erano gli apparecchi di tipo analogici (elettromeccanici ).Quando arrivava sulla linea una extracorrente dovuta ad una induzione di fulmine o contatto con linea elettrica ecc. saltava il fusibile e si proteggeva l'apparecchio telefonico.Oggi con gli apparecchi elettronici ,anche usando fusibili super rapidi ,si possono fulminare lo stesso .

Quanti volt ci sono sulla linea telefonica ?

Sulla linea telefonica si è trovato il sistema di immettere molti tipi di segnali ,per vari usi.

é presente una tensione continua che va da 48 V a 60 V (a secondo che marca di centrale ci stà servendo ) Ericson ,Alcatel,Siemens,Face,ecc.

Questa tensione piuttosto alta serve per "sentire" più facilmente quando si sgancia un apparecchio.

Dopo che la centrale ha capito che è stato sganciato ,toglie la tensione alta e manda una tensione sempre continua di cirva 10 V che serva ad alimentare un apparecchio .Contemporaneamente viaggiano i segnali fonici in bassa frequenza e di bassa intensità (circa 1 Vpp )sia in un senso che nell'altro .

C'è presente invece una tensione alternata di circa 90 Vac quando arriva una bussata che parte dalla centrale fino all'apparecchio per far suonare la suoneria che si stacca nell'attimo in cui viene sganciato il telefono.

Se trovate interessanti queste informazioni chiedete pure .

A dopo Ciao

Link to comment
Share on other sites

del_user_104015

Grazie Domenico! Son sempre interessanti questo genere di discussioni :clap: !

una curiosità ...lavori nel settore delle telecomunicazioni?

Link to comment
Share on other sites

Se trovate interessanti queste informazioni chiedete pure .

: ) grazie allora approfitto : )

1. Vpp sono i volts picco picco giusto?

2. Ma con Volts intorno ai 50 Vcc come facciamo a non sentire nulla e toccare tranquillamente i fili?

Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

Si , lavoro nel ramo .mi occupo di ponti radio e fibre ottiche .

Vpp sono sono volt picco picco ,si usa quando si ha a che fare con segnali fonici.

Ci sono delle norme fatte apposta per definire il limite delle tensioni sia in continua che in alternata da adottare per non essere pericolosa . Ora a memoria non so essere preciso ,ma si tratta dei circuiti PELV e SELV.

La tensione continua ,per non essere pericolosa non deve superare un certo limite ,infatti se tocchi i morsetti della batteria dell'auto non senti nulla ,e cosi se tocchi i 60 volt della linea telefonica.

La tensione alternata ha un limite piu alto ,perchè passando per lo zero nella sua alternanza dal massimo positivo al massimo negativo ,ti da il tempo di staccarti e non rimanerci.

Ciao

Link to comment
Share on other sites

del_user_104015

Ancora un'info riguardo la posa dei cavi telefonici per ADSL.

Praticamente vorrei sapere a quale distanza dovrebbero essere fra loro ( 220v. - cavetto telefonico) le due rispettive canalina/tubazioni in parete o pavimento, dal garage all'appartamento? ..onde evitare disturbi nel segnale magari dovuti a campi magnetici? :blink:

Grazie dell'info!

Edited by valerio64
Link to comment
Share on other sites

Domenico Maschio

No,non c'è limite alla vicinanza dei conduttori tra rete elettrica e linea telefonica.L'importante è che non stiano a contatto .

Quindi che passino in due tubi o canaline differenti.La induzione da campo magnetico è molto rara ,specie in conduttori stesi nella loro lunghezza ,a meno che non ci siano problemi di assorbimento particolarmente elevato sulla rete o altro .

Ciao

Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

La separazione delle due tipologie d'impianto e' piu' una questione di normativa (leggi pararsi il didietro) che di efficacia stessa.

Basti pensare ai due circuiti all'interno di una singola canala : se non c'e' il separatore plastico che crea i due scomparti paralleli sei fuori norma.

Oppure le canale multiscomparto , quelle sono a norma a i fili elettrici da quelli telefonici o quelli d'antenna o antifurto , sono a 1 cm gli uni gli altri......

Mi sembra un po limitativo come discorso di reiezione alle mutue interferenze.

Ricorda che il segnale telefonico e sopratutto ADSL , lavora in modo differenziale sul doppino che e' appositamente binato, cioe' il segnale che arriva dalla centrale viene sommato algebricamente dentro al modem , quindi per non farla lunga e tecnica, se ciascuno dei due fili acchiappa "rumore" da altre fonti adiacenti , alla fine questo rumore che e' identico dei due fili viene sommato in positivo su un filo e i negativo sull'altro e in pratica viene azzerato, mentre il segnale utile parte gia' dalla centrale in fase opposta nei due fili , di conseguenza la somma algebrica ne raddoppia il livello.

differential-signal.png

Edited by digitel
Link to comment
Share on other sites

i 50V della linea sono troppo pochi per essere avvertiti da un corpo umano adulto

Il corpo (ad esempio tra mano destra e sinistra ) ha talmente tanta resistenza che permette il passaggio di una piccolissima corrente con soli 50V

Tra l'altro poi sono in corrente continua e la sollecitazione e' minore (non ci sono i passaggi per lo zero che danno quel senso di formicolio..)

Diversa cosa e' per i 70-80-90V alternati che arrivano sul doppino quando squilla il telefono :P

Prova a prendere in ciascuna mano i due fili spellati, non sentirai nulla, poi chiedi a qualcuno di chiamarti sulla linea ....vedrai che :worthy: saltino che fai

Non ti fulmini e non muori ma vedrai che imprecazione ti scappera'....

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...