Jump to content
PLC Forum


Consigli Su Impianto Elettrico Sezionato


MaxLynx
 Share

Recommended Posts

Io sono convinto che ci siano le norme, e ci siano i lavori fatti a regola d' arte, e non sempre queste due cose necessitano di coincidere alla perfezione, il lavoro a norma è un lavoro che segue per filo e per segno le direttive, utilizzando quei componenti, quelle soluzioni circuitali e così via, il lavoro a regola d' arte è un lavoro che, a norma o no, è sicuro, riparabile, modificabile, estendibile e comprensibile a distanza di anni (questi impianti puoi ritrovarli sia realizzati oggi, sia completati 30 anni fa, perchè molto spesso, a prescindere dal numerino indicato sul singolo componente, indicante le norme a cui fa capo, esso è perfettamente sicuro e funzionante), d' accordo che realizzare oggi un impianto con magnetotermici e differenziali siemens vecchi di 20 anni è una pazzia, ma siamo tolleranti se qualche installatore o fai da te che sia si prende la libertà di ignorare la norma di tanto in tanto se questo non mette a rischio la sicurezza delle persone!

Anziché fine anno, mi sembra che sia carnevale........... :roflmao:

speriamo che i botti restino fuori dalle case, e fuori dai centralini :lol:

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 63
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • MaxLynx

    20

  • fraandco

    15

  • ivano65

    7

  • Elettroplc

    7

Maurizio Colombi

speriamo che i botti restino fuori dalle case, e fuori dai centralini

......ma non restano fuori da questa discussione!!!!

Link to comment
Share on other sites

speriamo che i botti restino fuori dalle case, e fuori dai centralini

Non è che prima l'impianto fosse molto più sicuro comunque.......demolendo si sono viste cose assurde......e tutto sommato ho vissuto 4 anni qui prima di avere la possibilità di ristrutturare.

Ad ogni modo oggi ho cercato di capire qualcosa sul percorso dei fili dal contatore enel alla casa. In effetti dal contatore enel partono fili da 6 che arrivano fino a due metri dalla porta di casa. Poi non si sa perchè i fili continuano con sezione 2,5. Mistero!

Ovviamente sostituirò i fili dal contatore fino a casa con fili da 10. Devo solo decidere se fargli fare lo stesso percorso o farne fare uno nuovo.

Riguardo al consiglio di un quadro separato in cucina non credo che lo seguirò. Per una zona giorno di 60 mq (e una cucina di 8 mq) non posso avere il quadro elettrico della NASA considerando che la zona notte (non essendo stata ristrutturata) poggia tutta su una unica linea che arriva alla centralina. Poi bisogna considerare che a parte il piano ad induzione non ci sono poi tutti questi elettrodomestici. Il frigo e il forno a microonde sono su una linea separata (con l'allarme). Per il resto la cucina non ha un forno e quindi ha solo lavastoviglie, cappa e piano cottura. Cappa e lavastoviglie utilizzeranno la linea delle prese. Per il piano cottura (che credo sia lunica cosa pesante) seguirò i consigli che mi avete dato e farò utilizzare un magnetotermico-differenziale da 32A.

A quel punto visto che ci saranno i cavi da 10 fino al contatore enel non ci dovrebbero essere grossi problemi. Farò sostituire il salvavita e gli altri magnetotermici come mi avete consigliato eliminando eventualmente qualche sezione. Vorrei evitare di far mettere un quadro elettrico da 24 perchè non ho intenzione di avere più operai in casa.

Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Per una zona giorno di 60 mq (e una cucina di 8 mq) non posso avere il quadro elettrico della NASA

Benissimo :thumb_yello: , una delle poche frasi sensate!

Link to comment
Share on other sites

come dicevo col 12 di adesso vai bene (è come sono collegati che è ... bestiale)

gli interruttori che ci sono dentro andrebbero bene quasi tutti, tranne il generale differenziale e il vecchio c25: metti un sezionatore, il differenziale lo sposti ne aggiungi uno e con gli altri ce la fai

Link to comment
Share on other sites

Nella variante V3, ora CAP 37/ Cei 64-8 entrata in vigore nel sett 2011 - la norma impone entro il primo quadro o centralino una barra o morsettiera EQP over associare i conduttore CT e PE, ed inoltre predisposta per eventuale associazione dei conduttori dell'Spd quando oggetto del II e III livello ...

Premesso che questa ristrutturazione mi pare recente, e siamo ormai nel 2014 - e anche se non so se si tratta di manutenzione straordinaria o rifacimento integrale con adeguamento impianto, mi pare quantomeno inopportuno adottare un centralino di quelle proporzioni che dovrà servire pure una piastra ad inuduzione in cucina.

Ho espresso critiche costruttive in ordine alle scelte dell'installatore sorrelate dai pregiudizi tecnici, poi ognuno si assume le proprie responsabilità ed è cosciente delle scelte progettuali che ha condiviso e che paga.

Rifare un appartamento e dotarlo di un centralino di quelle dimensioni con la barra EQP segnata da un morsetto forbox per i conduttori <pe, mi pare fuori luogo..un centralino di maggiori dimensioni ha un costo limitato rispetto alla esecuzione di un impianto.

Poi, tutte le dispense dei maggiori costruttori, inerenti l'aggiornamento normativo, pongono in rilievo questo aspetto tecnico - la barra Equipotenziale-principale - entro il centralino, sia che si abbaino gli Spd sia che sia il livello I. Per qualcuno sarà pure carnevale ...forse per chi ha progettato l'impianto.

Un centralino di maggiori dimensioni, con una barretta EQP al suo interno sul fondo, aggrava la spesa di 30K al massimo, non mi pare una follia..

Edited by Elettroplc
Link to comment
Share on other sites

Maurizio Colombi

Carnevale sarà solo fra qualche mese, ma in questa discussione, di battute allegre, se ne sono fatte in esagerazione:

ogni installatore decide sulla sua pelle come, dove e quando installare, realizzare, cablare, ma soprattutto"certificare" il SUO impianto; e tutto questo lo fa in base alla situazione che si trova davanti, ma soprattutto lo fa a SUO rischio e pericolo.

Non sono con questo a dire che la realizzazione della foto possa far parte di una lezione di impianti elettrici, ma mi permetto solamente di fare presente a tutti coloro che hanno infierito pesantemente su questo operato, che qualsiasi realizzazione potrebbe essere oggetto di tali critiche, l'installatore CREDE di realizzare dei capolavori, ma lo crede finché vede ciofeche che fanno sembrare i suoi, dei capolavori......maditate colleghi, meditate........

Ma soprattutto ricordate bene che (penso già di averlo scritto) è facile sparare sul pianista .....da noi si dice in un modo diverso ed un po' più colorito e nessuno nasce "imparato".....si può dire di essere un bravo installatore, solo dopo aver chiuso baracca e burattini NON assolutamente prima!

P.S. Per Elettroplc: non credo che Carlo sia la persona a cui far presente che le Norme CEI riportano ( una norma riporta, NON impone....una norma non può assolutamente imporre un bel niente) o non riportano un certo passaggio, credimi, l'ho sperimentato sulla mia pelle! :smile:

Edited by Maurizio Colombi
Link to comment
Share on other sites

Una realizzazione decente avrebbe compromesso solo pochi K di euro in più, tutto qui...se un installatore non comprende questo io non posso aiutarlo, mentre il mio intervento era diretto al committente, era uno spunto su cui riflettere, poi, se il commitente è soddisfatto dell'eseguito ...buon per lui.

Il fatto che l'abitazione è di 60m2 non proibisce di mettere un quadro a due file da 24 moduili con una barretta...l'esborso di spesa è quello che ho espresso sopra..poi, se un giorno vi sarà la necessità di avvalorare quanche modiufica o utilizzatore in più, un quadro di maggiori dimensioni può essere utile..

Allego una guida:

http://pro.gewiss.com/irj/go/km/docs/docPortaleProfessionale/Italia/Default/Area%20Tecnica/Guide/Guida_bassatensione_completo.pdf

Edited by Elettroplc
Link to comment
Share on other sites

x Elettroplc:

probabilmente non hai letto tutti i post. Io non sono affatto soddisfatto del lavoro........tanto è vero che ho letteralmente buttato fuori la ditta prima che ultimasse i lavori. Ovviamente non sono i pochi euro da spendere per un quadro da 24 che mi sconvolgono ma certamente non ho intenzione di avere più operai in casa. Credo di poter fare spazio nel quadro eliminando qualche sezione (ad esempio quella dedicata alle 4 tapparelle). Riguardo ad un eventuale quadro dedicato solo alla cucina, anche se io non sono del mestiere, mi sembra esagerato visto che in cucina ci sono solo 3 elettrodomestici (piano cottura, lavastoviglie e cappa) e di questi 3 già uno ha una linea tutta sua. E' ovvio che il quadro lo farò sistemare sostituendo i magnetotermici e adeguando la sezione dei fili.....ho scritto su questo forum semplicemente per far si che quando verrà la persona a cui affiderò il lavoro sarò io a dirgli cosa dovrebbe fare e qualora mi proponesse cose diverse cerchèrò di documentarmi per sapere se accettare o meno. Certamente voglio evitare di dare carta bianca come ho fatto con la precedente ditta per poi ritrovarmi i pasticci che avete visto in foto.

Riguardo al quadro da 24 a posteriori è chiaro che lo avrei fatto mettere se non altro per "far respirare" meglio i fili; tuttavia credo che non sia necessari avere un quadro spaziale per 60 mq di abitazione che consta di un unico grande ambiente, di una cucina piccolissima e di una dispensa ancora più piccola.

Link to comment
Share on other sites

La casa è la tua, sta a te decidere fino a che punto arrivare, il minimo indispensabile è garantire sicurezza e continuità di servizio, quello che vuoi fare tu soddisfa tali requisiti ampiamente, quindi... :P

Link to comment
Share on other sites

Non sono con questo a dire che la realizzazione della foto possa far parte di una lezione di impianti elettrici, ma mi permetto solamente di fare presente a tutti coloro che hanno infierito pesantemente su questo operato, che qualsiasi realizzazione potrebbe essere oggetto di tali critiche, l'installatore CREDE di realizzare dei capolavori, ma lo crede finché vede ciofeche che fanno sembrare i suoi, dei capolavori......maditate colleghi, meditate........

io mi sono soffermato in particolare sul fatto che alcune linee sono prive di protezione differenziale e qui non è questione di fare capolavori ma di galera...

un piano induzione e frigo fuori differenziale significa esporre ognuno all'eventualità che un guasto porti a folgorazioni anche importanti per contatto indiretto (un piano a induzione sappiamo che correnti puo' veicolare...)

poi ci sarebbe la questione del montante non protetto a sezione variabile ma li "almeno" si andava fuori dall'abitazione...

tutto il resto sarebbe sopportabile

Link to comment
Share on other sites

Carlo Albinoni

Nella variante V3, ora CAP 37/ Cei 64-8 entrata in vigore nel sett 2011 - la norma impone entro il primo quadro o centralino una barra o morsettiera EQP over associare i conduttore CT e PE,

Il cap. 37 dice più o meno questo; ma vediamo cosa dice esattamente:

Il quadro di arrivo (principale) dell’unità abitativa deve essere raggiunto direttamente dal

conduttore di protezione proveniente dall’impianto di terra dell’edificio, al fine di permettere la

corretta messa a terra degli eventuali SPD tramite un opportuno mezzo di connessione.

Sono due i concetti principali:

1. il PE principale, cioè quello che proviene dall'impianto disperdente, deve arrivare nel centralino principale. Non si può, quindi, far arrivare un altro PE, per esempio derivato da una morsettiera EQP posta fuori dal centralino (come spesso si fa).

2. Non è obbligatorio che nel centralino vi sia una barra o una morsettiera (anche se è una soluzione tipica). La norma parla di un opportuno mezzo di connessione per mettere a terra l'SPD. Una soluzione alternativa è il collegamento dell'SPD direttamente al PE principale che viene "pizzicato" con un entra-esci, oppure un collegamento al PE senza interruzione tramite un morsetto a mantello.

Link to comment
Share on other sites

>> Hai fatto bene a liquidare l'impresa, ci sono molte lacune, a parte la metratura utile dell'unità immobiliare, i quadri ed il loro numero sono desunti dalla normativa, dal progetto e dalle esigenze del cliente.

>> Anche se hai 3 elettrodomestici in cucina, la norma consiglia di sezionare gli utilizzatori ad incasso con un sezionatore, tanto vale buttare un quadretto, che oggi costa a listino scontato ben 12K, e promuovere 3 protezioni che sezionaeranno gli elettrodomestici fissi.

>> Prima dell'entrata in vigore della normativa, molti associavano il forno e gli utilizzatori fissi alle protezioni unitarie per le prese FM, così un guasto su un utilizzatore fisso sospendeva l'attività sull'intera abitazione, così come per la questione dei differenziali, uno per tutta l'abitazione.

>> Un installatore serio, promuove queste soluzioni al cliente, che è libero di scegliere quello che ritiene opportuno, gli altr sono solo degli infilafili...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share


×
×
  • Create New...