Jump to content
PLC Forum

Recommended Posts

Alcares

La stragrande maggioranza dei differenziali installati non sono provati con questi criteri, lo sono invece i tanto consigliati differenziali immuni ai disturbi che ogni azienda ha a catalogo ma che ancora non appartengono a una determinata norma.

Questo vuol dire, mia libera e certamente errata interpretazione, che montare un SPD a monte di un nornalissimo differenziale mi potrebbe anche "emulare" un differenziale immune ai disturbi, dato che i disturbi verrebbero drenati dal SPD?

Link to post
Share on other sites

Alcares

Che faccio, approfitto?
Approfitto :D

Nell'ambito dello stesso fenomeno che ha portato molti inquilini a dire addio ai loro TV e decoder e in cui mio padre s'è salvato perdendo "solo" la centralina della caldaia, c'è un piccolo mistero.

Il tecnico intervenuto a sosituire la centralina della caldaia ha notato che c'erano dei fusibili, sopra la scheda, a proteggerla.

I fusibili erano intatti, eppure qualche componente fondamentale della centralina è partito.

Mio padre continua a dire che aveva "solo" 7 anni, ma io penso che ci potrebbe pure stare che, in 7 anni, alcuni componenti si siano usurati al punto che è bastata una minima sovratensione, non sufficiente a far saltare i fusibili ma suffiiciente a dare il colpo di grazia ai componenti usurati.

Ritenete questa mia teoria sensata?

In caso positivo, un SPD di tipo 3 (a valle ovviamente di un tipo 2) avrebbe salvato la centralina o no?

Secondo me no, perché i fusibili teoricamente dovevano essere già una "sorta di" SPD tipo 3.

Edited by Alcares
Link to post
Share on other sites
vinlo

I fusibili non proteggono affatto dalle sovratensioni. Loro hanno altri compiti.

Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni

Questo vuol dire, mia libera e certamente errata interpretazione, che montare un SPD a monte di un nornalissimo differenziale mi potrebbe anche "emulare" un differenziale immune ai disturbi, dato che i disturbi verrebbero drenati dal SPD?

No perchè non drena abbastanza per impedire lo scatto intempestivo di un interruttore differenziale ma solo a sufficenza per evitare danni agli apparecchi (se scelto e installato correttamente).

Link to post
Share on other sites
Alcares

Carlo, grazie :)

Quindi in caso di scatto intempestivo, il dfferenziale scatta perchè la corrente di picco entrante (netta o residua post-drenaggio in base alla presenza o meno di un SPD) è superiore a quella uscente?

Vinlo

Non mandatemi a quel paese ;) ma il fusibile non protegge dalle sovracorrenti, che sarebbero una conseguenza delle sovratensioni?

Link to post
Share on other sites
vinlo

Non ti preoccupare, nessono ha intenzione di mandarti a quel paese. Siamo qui tra amici ;)

Le sovracorrenti che fanno saltare un fusibile, sono dovute a corti o assorbimenti maggiori della portata del fusibile stesso e non per le sovracorrenti di origine atmosferica.

Link to post
Share on other sites
Alcares

Vinlo, accendo il cervello e penso che le sovracorrenti di origini atmosferica sono troppo istantanee per causare l'aumento di temperatura necessario a fondere il filamento di un fusibile.

Era meglio se lo tenevo spento? :D

Link to post
Share on other sites
ivano65

i fusibili hanno il compito di evitare incendi in caso di cortocircuito all'interno dell'apparecchiatura.

quando intervengono in caso di scariche atmosferiche la causa normalmente e' proprio il corto che consegue alla scarica.

l'unico modo per proteggere le apparecchiature soprattutto se sensibili sono gli SPD

Edited by ivano65
Link to post
Share on other sites
Alcares

quando intervengono in caso di scariche atmosferiche la causa normalmente e' proprio il corto che consegue alla scarica.

Ne deduco quindi che, siccome i fusibili questo in caso non sono saltati, la scheda della caldaia s'è bruciata senza creare alcun corto circuito?

Inoltre, io ho letto che il fusibile che va messo in testa alla fase entrante nel SPD (come da te stesso giustamente segnalato) serve a proteggerlo da correnti entranti troppo elevate che potrebbero danneggiarlo.

Ho letto male?

Perché se i fusibili servono a proteggere il circuito a valle dalle sovracorrenti derivanti da corto circuito, allora quel fusibile messo sulla fase entrante entrerebbe in gioco quando c'è un corto.

Questo corto quale sarebbe?

Il drenaggio a terra del SPD?

Link to post
Share on other sites
ivano65

i fusibili a monte degli SPD servono a interrompere un eventuale cortocircuito dell'SPD stesso.

quando interviene detto fusibile l'SPD va' sostituito.

Link to post
Share on other sites
Alcares

Ah, ok.

Cortocircuito che porterebbe suppongo a rischi di incendio.

Circa la domanda del come mai i fusibili della scheda caldaia non si siano bruciati, mi sai dare un parere?

È plausibile pensare che si siano bruciati alcuni componenti senza creare corti circuiti e quindi senza far intervenire i fusibili?

Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni

Circa la domanda del come mai i fusibili della scheda caldaia non si siano bruciati, mi sai dare un parere?

Non lo so.

Però spesso i fusibili a bordo di un circuito non servono a proteggere l'apparecchiatura (da che cosa?) ma servono ad evitare che un eventuale guasto del circuito provochi un incendio.

Link to post
Share on other sites
Alcares

Però spesso i fusibili a bordo di un circuito non servono a proteggere l'apparecchiatura (da che cosa?) ma servono ad evitare che un eventuale guasto del circuito provochi un incendio.

Vero.

E questo porta infatti al proseguimento della mia domanda che non hai quotato:

È plausibile pensare che si siano bruciati alcuni componenti senza creare corti circuiti e quindi senza far intervenire i fusibili?

Link to post
Share on other sites
bypass

corti circuiti e quindi senza far intervenire i fusibili

in una scheda elettronica la protezione da corto circuito è completamente diversa .

il fusibile a monte della scheda non protegge i componenti ma le piste principali.

Un componente va gradualmente fino a fondersi senza raggiungere le correnti della taglia del fusibile, perchè le correnti per fondere in generale un componente (dipende dal componente)spesso sono molto minori della taglia del fusibile , non è possibile (anche in termini di progettazione parlando) proteggere ogni singola pista o componente della scheda con fusibile .

quello è un mondo a parte.

Link to post
Share on other sites
Alcares

Bypass, illuminante, grazie ;)

Questo mi dà conferma che mio padre è stato baciato dalla sorte di una sovratensione residua di fulmine molto esigua.

Forse perchè all'ultimo piano.

A questo punto devo immaginare che gli SPD di tipo 3, quelli specifici per i dispositivi elettronici più delicati, abbiano una sensibilità ed un tempo di risposta altissimi.

Link to post
Share on other sites
ivano65

proprio cosi'

i classe 2 offrono una protezione adeguata ai normali apparecchi non elettronici e all'impianto , i classe 3 riescono a proteggere i delicati circuiti elettronici

Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni

i classe 2 offrono una protezione adeguata ai normali apparecchi non elettronici e all'impianto , i classe 3 riescono a proteggere i delicati circuiti elettronici

Ma non è proprio così. Quello che conta è il livello di protezione Up dell'SPD, ormai esistono classe 2 con Up di 1500 V idonei alla protezione delle apparecchiature più sensibile.

Quanto ha di Up un SPD di classe 3 ?

Link to post
Share on other sites
ivano65

generalmente ingeriore a 1500V

qui trovi la tabella completa relativo a un classe 3 della dehn

http://www.dehn.it/it/1062/31667/Familie-html/31667/DEHNrail%20modular.html


ti mostro un interessante prodotto introdotto da dehn con scaricatori in classe 2.

http://www.dehn.it/sites/default/files/uploads/dehn/DEHN-IT/ds310_it_protezione_totale_contro_le_sovratensioni_0514.pdf

Link to post
Share on other sites
vincenzo-i89

Interessantissimo... Specie la parte POP contro le sovratensioni a frequenza di rete...ottimo...

Link to post
Share on other sites
Cipone

era ora che il prodotto arrivasse anche in Italia, adesso il problema sarà farlo conoscere agli installatori

Link to post
Share on other sites
Carlo Albinoni

era ora che il prodotto arrivasse anche in Italia

Per la verità un POP è in Italia da un paio di anni. Più ce ne sono meglio è!

Link to post
Share on other sites
Alcares

Scusate, relatvamente al prodotto linkato da Ivano:

1) quali sono le funzioni del POP e del MT?

2) dove è possibile acquistare il prodotto in esame e quale è il suo prezzo orientativo?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...