Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
Livio Orsini

Dimensionamento Motore elettrico - Aiuto per il dimensionamento motori elettrici

Recommended Posts

Gabriele Corrieri

Ciao

il file è perfettamente scaricabile, controllato ora

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

C47ANTONIO

:rolleyes:

GRAZIE , PER ME CHE SONO PROPRIO AGLI INZI RISULTA ESSERE UN DOCUMENTO IDISPENSABILE!

ANTONIO

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lalalala

Grazie Livio, le mie conoscenze toccano lo zero alla 5 cifra decimale... Di sicuro a me fa comodo!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
jake

io non riesco ad aprire il link ?!? :(

comunque grazie per il tuo sbattimento.... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Il file si apre regolarmente. Ma tu hai installato Acrobat reader 5.0 o superiore?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1234

Nel ringraziarla del suo interessamento, Livio non potrebbe, redigere un documento sugli azionamenti,

nel caso specifico Inverter motori, trattato da un punto di vista applicativo, magari riferendosi ad una nota marca,

tipo Omron o Siemens.

Leggo con interesse le discussioni, a volte mi aiutano a risolvere problemi di ordine pratico, manutentivo,

e poichè oltre la manualistica non ci sono testi in merito, si potrebbe tentare di rendere più accessibile tale argomento.

Grazie Benedetto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Non è ne semplice ne facile. Ci sono troppe variabili da considerare. Purtroppo l'applicazione corretta degli azionamenti la si impara poco alla volta, applicazione per applicazione.

Tanto per fare un esempio: il medesimo azionamento può servire un posizionatore od un aspo. Due applicazioni con problematiche molto diverse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
MABE

Ho letto proprio oggi questo utilissimo manuale e devo farei complimenti a Livio.

Volevo chiedervi se avete della documentazione sul dimensionamento di un motore passo passo

Grazie a tutti e Buon Anno

Share this post


Link to post
Share on other sites
Flask

Sono nuovo del forum e lo trovo molto interessante, mi chiamo Jonathan ciao :)

LIVIO devo dimensionare un pallettizzatore a giostra composto da :

motoriduttore con motore autofrenate con inverter (per controllare approssimativemente le rampe) + pignone + ralla + piu carico rotante di 180° in 15 secondi con una grande inerzia in modo alternato ---> e poco budget a disposizione come al solito.

Volevo sapere se era vero che l'inerzia totale del carico da ruotare non deve superare quella del sistema motoriduttore ?

Mi sembra di avere capito che hai una grossa esperienza

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
Hellis

Se le inerzie rapportate con la riduzione del riduttore si equivalgono, o se quella del motore è in leggero vantaggio, l'azionamento (motore azionato da convertitore) sicuramente "comanda" meglio il cinematismo, evitando di essere trainato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

L'azionamento ideale ha inerzia totale pari a zero, ma è ideale. In pratica si cerca di avere l'inerzia del carico, riportata all'asse motore, al valore minimo possibile, in questo modo si massimizzano le prstazioni dinamiche del sistema.

Se non sono richieste grandi accelerazioni positive e/o negative, l'inerzia del carico, riportata all'asse motore, può fungere da stabilizzatore, cioè creare quell'effetto volano che tende a mantenere la velocità costante. In alcune applicazioni questa caratteristica può essere un vantaggio come, ad esempio, nel caso di grosse rettifiche.

Nel tuo caso hai un carico molto inerte, ma sbilamciato, non hai bisogno di grandi accelerazioni e grandi velocità; scrivi di 180 gradi in 15" che equivale ad una velocità angolare pari a 2 rpm. Se usi un motore con velocità max. pari a 1440 rpm [at] 50Hz (quattro poli) avrai una riduzione totale >700! Il tuo carico, visto dal motore, viene ridotto di 490.000!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Flask

Grazie Livio :)

Vuoi dire che nel mio caso, visto l'alta riduzione del sistema cinematico e le basse velocità, non è necessario preoccuparsi dell'equivalenza tra l'inerzia del sistema motore + catena di riduzione e l'inerzia del carico ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Sembrerebbe di no. Però devi verificare con i numeri del caso: Jtot, Cm etc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
jake
Il file si apre regolarmente. Ma tu hai installato Acrobat reader 5.0 o superiore?

Io la 5.0 ho riprovato ancora, ma niente

Jake

Edited by jake

Share this post


Link to post
Share on other sites
M_DalPra

Ho scritto anch'io qualche appunto, ma orientato solamente a chi si occupa della parte elettrica.

Sono in pratica dispense per chi si approccia all'esame di maturita' di perito industriale.

Non sono sicuramente documenti per uso "professionale" ma per uso studentesco.

Li trovate qui :

http://www.novatekno.it/downloads.htm#Appunti

un saluto a tutti e buon lavoro

Marco

:blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Aggiungo un esempio di calcolo per motori stepper azionanti traslatori vite-chiocciola. Il lavoro è stato fatto molto velcocemente, se trovate imprecisioni segnalatemele

tutorial_stepper

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
LeMilleBolleBlu

Davvero interessante

Davide

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...