Jump to content
PLC Forum


Sign in to follow this  
bios85

Easypic Fusion V7 Con Dspic33 Se Collego Un Carico Alla Rete Il Micro Si Blocca!

Recommended Posts

bios85

Salve, sto lavorando con la board da oggetto con il dspic33ep512mu810 al quale sono collegati diversi sensori... la board è alimentata da cavo usb dal pc con la quale la programmo, quello che succede è che se connetto un carico alla rete 220v come un alimentatore, il microontrollore si blocca e devo riavviarlo!

Che tipo di disturbi sono e che tecniche dovrei utilizzare per ovviare a questo problema?

Ringrazio tutti anticipatamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

Sono i tipici disturbi di alimentazione di una scheda inadatta per questo lavoro. :smile:

Tutte le schede di questo tipo non sono progettate per alta immunità EMC, anche Arduino, raspberry e compani risentono dei medesimi problemi.

Fatti un alimentatore molto ben filtrato, con filtri direte seri e riuscirai ad ovviare almeno ai disturbi condotti dall'alimentazione.

Comunque sul cambi di alimentazione il micro deve sempre essere resettato.

Share this post


Link to post
Share on other sites
bios85

In che senso dovrebbe essere sempre resettato? Potresti spiegarmi meglio?

Comunque il circuito, una volta ultimato a livello di sviluppo, sarà assemblato su un PCB fatto in azienda contenente tutte le capacità del caso a parte il filtro di rete, quello dovrò pensare di farlo a parte!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini

Tu stai alimentando direttamente il micro dalla porta USB, se gli inserisci anche un'alimentazione esterna al momento dell'inserimento della seconda alimentazione si creano condizioni di lavoro anomalo che disturbano il corretto svogersi del programma.

Il micro non può fare il ciclo di zero in automatico perchè non c'è stato azzeramento della tensione, ergo bisogna imporlo manualmente o usando un circuito che mette bassa la linea MC per alcuni ms dall'inserzione dell'alimentazione esterna.

La cosa migliore sarebbe fare come si fa in genere con arduino, ma anche con altre schede simili: si parte direttamente con alimentazione esterna, poi si connette il connettore USB. In questo modo la scheda si alimenta esclusivamente dall'esterno e la linea USB serve unicamente per loscambio dati.

contenente tutte le capacità del caso

Queste servono a poco, anzi in alcuni casi peggiorano la situazione.

I problemi di EMC si risolvono al 99% progettando in modo opportuno il layout della scheda. I filtri sulle alimentazioni servo solo a bloccare i disturbi condotti da e per le alimentazioni.

Se la scheda deve interagire con il campo, anche le linee di I/O sono vettori di disturbi condotti.

Tieni presente che per avere una buona garanzia di affidabilità per EMC condotte si usa fare la verifica con lo strumento apposito. Si tratta di far passare tutti i collegamenti della scheda entro una specioe di tubo che corrisponde alle armature di un condensatore aventi carattarestiche ben precise. Alle armature si applica una tensione di forma e frequenze prestabilite ed oramai ottimizzate per affinazioni successive.

Una scheda industriale, per avere una probavbilità decente di non avere grandi problemi di affidabilità EMC, deve poter lavorare senza errori per almeno 20' con applicate alle armature tensioni di valore di almeno 2000 Vpp. Per alcun i ambienti bisogna salire a 4000 Vpp per avere una ragionevole certezza di affidabilità

Poi ci sono le verifiche per i disturbi irradita. Le prove sono varie. La più cattiva consiste nel fare una spira sulla scheda e poi far passare nella spira tensioni aventi ampiezza, forma e spettro codificati. Secondo l'ambiente in cui dovrà lavorare la scheda i valori di tensione picco-picco sono più o meno elevati. ENEL e FFSS pretendevano valori che erano veramente micidiali anche per l'incolumità dei singoli componenti. Però era la verifica caorretta per l'ambiente in cui doveva poi lavorare la scheda.

Il problema dei disturbi irradiati non lo si risolve con bypass di capacità e filtri.

Edited by Livio Orsini

Share this post


Link to post
Share on other sites
bios85

Grazie mille, come al solito consigli preziosissimi..... Comunque il problema sul quale dovrò concentrarmi ora è eliminare (forse meglio cercare di eliminare) i disturbi provenienti dalle alimentazioni, vedrò di approfondire un pò cercando di trovare le tecniche che si usano per oviare a questi problemi. Poi più in la vedrò di approfondire le tecniche per i disturbi irradiati e condotti, ma per quel poco che ho capito queste cose si imparano con l'esperienza!

Grazie ancora

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
, ma per quel poco che ho capito queste cose si imparano con l'esperienza!

Però se studiano questi fonomeni sono ampiamente trattati dall'elettrotecnica, dalla radiotecnica e dall'elettronica. L'esperienza serve se è sostenuta da una buona conoscienza di base.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...