Jump to content
PLC Forum


Aiuto!!! bestione technics se-a3 morto


C.R.
 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti, vi racconto questa storia, ho questo amplificatore dal 1992 e fino a marzo dell'anno scorso ha funzionato perfettamente fino a quando un giorno mentre ascoltavo musica si mette a picchiettare il diffusore sinistro, spengo subito e lo raffreddo un poco perché era molto caldo, dopo averlo raffreddato lo riaccendo e va  in protezione. L'ho apro e trovo tutti i finali OD-503AP del lato sinistro in corto, tolgo la scheda dei finali lato sinistro lo riaccendo, si toglie la protezione e il canale destro funziona perfettamente. Dopo varie ricerche ho trovato che gli equivalenti di questi finali introvabili sono gli 2sc5359 e 2sa1987 invertendo il 1° e il 3° piedino del 2sa1987. Dopo avere fatto la modifica e cambiati i due piloti 2sc2592 in corto accendo e va in protezione. Ricontrollo tutti i finali, alcuni sono in corto e alcuni no, controllo la scheda pilota e trovo due resistenze da 120 ohm, due resistenze da 100 ohm interrotte e due 2sc2592 e due 2sa1112 in corto. Rimetto i finali 2sc5359 e 2sa1987 nuovi, nella scheda pilota sostituisco le resistenze e i transistor 2sc2592 e 2sa1112 con gli equivalenti rispettivamente con 2sc2660 e 2sa968, accendo, si toglie la protezione, collego il diffusore e sembra funzionare, aumento il volume, vedo bruciare le due resistenze di 120 ohm e spengo. Ricontrollo e i finali e i transistor piloti in corto e  qualche componente della scheda pilota interrotto. Datemi un aiuto di quello che succede. Grazie a tutti

Link to comment
Share on other sites


Riccardo Ottaviucci

hai lo schema?

Comunque per esperienza è sempre meglio montare transistor originale e non equivalenti,specie se di potenza.

Nel tuo caso può essere qualche driver in perdita e magari ,se sono accoppiati in continua,la strage è sempre in cascata

Link to comment
Share on other sites

Grazie per la risposta, i transistor finali non esistono più e sono in un case in accoppiata pnp e npn ed i rispettivi pin bce ed è ecb, e anche i driver non sono facilmente trovabili, io ho qualche dubbio sui driver che mi hanno consigliato come equivalenti che non mi sembrano del tutto complementari

Link to comment
Share on other sites

Ho trovato questo sito fra i primi risultati, dove viene anche specificato che equivalenti mettere :

http://www.adrian-kingston.com/SE-A3.htm

 

Il circuito è abbastanza semplice, sembra che comunque questo ampli soffra di per se e che si guasti comunemente per via del "match" non preciso dei finali di potenza...

Però se i finali di potenza guastandosi han cotto anche qualche altro componente il mio consiglio è di usare il canale buono come riferimento, i componenti non son molti, io fare passare a tappeto anche solo in ohm i vari componenti attivi e passivi. Occhio anche a eventuali condensatori.

Prima di dare tensione, metti una lampada incandescente da 60 W circa in serie all'alimentazione, non sempre ma spesso può salvarti i nuovi transistor in caso di guasto irrisolto.

Link to comment
Share on other sites

Salve a tutti, come finali di potenza vanno bene  i transistor 2sc5359 e il complementare 2sa1987, la seconda bruciatura dei finali di potenza le accuso hai transistor pilota, perchè il negoziante ,fidandomi ,mi ha illuso dandomi come equivalente del transistor pilota  2sc2592 il 2sc2660 e per  2sa1112 il 2sa698. Doveva darmi invece il 2sc2660a e il complementare 2sa1133a, che dite può essere stato questo lo sbaglio

Link to comment
Share on other sites

il 2SA698 non centra nulla...credo che se ti avesse dato il 2SA1133A non avresti avuto problemi. Però io una controllata ai componenti la darei, per evitare ulteriori fritture. 

Link to comment
Share on other sites

Ciao, nell'ultima catastrofe si sono bruciati tutti i power transistor, tutti i driver, due resistenze da 120ohm un diodo MA162A, un diodo 20A90 è una resistenza da 3,3ohm. Come equivalente dei due diodi cosa metto? Allego le foto della modifica effettuata.

image.jpg

image.jpg

image.jpg

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno a tutti, è ora di ritornare al lavoro perchè mi sono arrivati i transistor piloti 2sc2344 e 2sa1011 equivalenti a 2sc2592 e a 2sa1112, vorrei sapere, se invece di mettere 4coppie di transistor finali è possibile mettere solo 2 coppie.

Link to comment
Share on other sites

Per riparare certe bestie io uso un variac per alimentare gradualmente , in modo da rendermi conto mentre aumento la tensione se ci sono assorbimenti anomali. Inoltre importante mettere una lampada a filamento/incandescenza da 40/60W 230V in SERIE all'alimentazione dell'ampli, in modo da limitare sovracorrenti causate da transistor in corto ecc ecc, in pratica se c'è un sovraccarico la lampada si accende e resta accesa, se invece tutto è ok dovrebbe accendersi solo inizialmente quando i condensatori sono scarichi. Se cerchi "poorman ballast" trovi qualcosa a riguardo. 

P.s. non è che questo metodo salvi sempre il c**o , ma io lo uso da +di 10 anni e avrò riparato più di una 50ina di ampli così facendo..

 

... in linea di massima puoi montare anche solo 1 coppia di complementari per canale...basta non alzare il volume ;)

 

Comunque, quell'ampli è un progetto nato male, basta fare qualche ricerca in internet ... è il classico esempio di ampli "tirato" sul dimensionamento.

Link to comment
Share on other sites

Vorrei sapere se il collegamento della lampada va bene, in una prolunga ho tagliato uno dei due fili ed ho inserito la lampadina, perche  quando accendo l'amp la lampadina si accende e l'amp no

Link to comment
Share on other sites

In serie all'alimentazione di rete ho collegato ieri una lampadina da 60w, nel momento dell'accensione  era a piena luce per poi diminuire e stabilizzarsi di luminosità, mentre l'amp non aveva la forza di accendersi. Oggi ho provato con una lampadina di 200w, sempre nel momento dell'accensione è in piena luce per poi stabilizzarsi di bassa luminosità , l'amp si accende con un pò di fatica, e si attiva e disattiva la protezione. Nel l'uscita dei condensatori invece di avere -75 e 75 ho -52 e 52, dovrei mettere una lampadina di maggiore watt?

Link to comment
Share on other sites

Mi viene da pensare che vi sia un assorbimento eccessivo da parte dell'amplificatore... a meno che sia un classe A , ma davvero un classe A e francamente non credo in un classe A da 200+200W ... sarebbe una stufa

Link to comment
Share on other sites

Infatti quando era perfettamente funzionante, al massimo in due ore di funzionamento con l'ago dei vu-meter che oscillavano da 1w a 10w la mano sopra la griglia non la potevo tenere per molto tempo. Posso effettuare la prova con i diffusori con la lampadina inserita o dovrei toglierla.

Link to comment
Share on other sites

Puoi, se non esageri con la potenza, però non è un test reale perchè appunto hai una tensione più bassa di alimentazione...

Link to comment
Share on other sites

Allora, ho provato l'amp per circa due ore a basso volume con l'ago che sfiorava i 0,1w e funziona per ora bene, ho notato che i driver erano un po' tiepidi ed i finali non hanno riscaldato, è normale, visto che il dissipatore con i finali non sono montati per ora nel case ma sono poggiati sopra il tavolo

Link to comment
Share on other sites

Un'altra volta bruciano i finali. Mentre effettuavo il test, circa 1,5 ore di funzionamento è quasi 1w di uscita, la temperatura nei piloti si aggirava sui 30 gradi mentre sui finali di aggirava sui 17, ad un tratto una vampata sulla scheda driver dove bruciano le due resistenze di 120 ohm., metto subito in off. Da quello che ho controllato subito è che ci sono i due piloti 2sa1011 in corto e tutti 8 finali. Cosa consigliate

Link to comment
Share on other sites

Un esorcista ?

Secondo me qualcosa non torna, il finale è dato come classe "A" ma  in realtà è un classe "B" con un Bias servo, in soldoni se tutto dovesse essere a posto a vuoto non dovrebbe assorbire molto mentre nel tuo caso hai dovuto mettere una lampada da 200W e comunque avevi il 30% in meno di tensione ... 

Io quando riparo finali da 200 - 300 W la lampada da 60W è sempre bastata e a vuoto resta praticamente spenta.

Però se avesse un assorbimento anomalo dovrebbe anche scaldare notevolmente.. e non sembra il tuo caso...

 

O assorbe e scalda (e ci sta che ti serve una lampada da 200W )o non assorbe e rimane freddo (ma allora la lampada basterebbe da molto meno)e quì non torna la faccenda :wallbash:

 

Domanda, usi gli ingressi DC o Normal ? Perchè nel primo caso non vorrei fosse la sorgente il problema.

 

Visto che tanto avrai modificato le connessioni ai finali (dato che il modulo originale ha EBC di un finale scambiato), ti consiglierei di inserire in serie ai collettori dei finali (ognuno) un fusibile da 2A , almeno se succede qualcosa bruci i fusibili e non i finali ... e magari per i test io eviterei di usare diffusori costosi. Coi fusibili non alzare troppo il volume ma teoricamente puoi passare i 50W senza problemi.

 

Di che zona sei ? se fossi nei dintorni di Lecco potrei dargli un'occhiata personalmente.

 

P.S. al di là che non capisco a che serva un finale da 200W in casa, storie come questa mi fanno apprezzare molto le mie amate valvole :D

Link to comment
Share on other sites

Sono nella provincia di Agrigento e precisamente da Naro. Come ingresso uso normal, non capisco perché i finali restano freddi, mentre quando era originale, a riposo, a dieci minuti dall'accensione si sentiva la puzza del calore. Può essere qualche transistor che scalda o quando aumento in ingresso va in perdita, che io non ho cambiato, tipo il 2sc1815, 2sa1015, 2sc2224, 2sa964. Cosa ne pensi

Link to comment
Share on other sites

Quote

Sono nella provincia di Agrigento e precisamente da Naro

Ci son stato a ottobre 2016, fantastica Agrigento ! E un po' tutta la Sicilia :)

 

Lo chiedevo perché diagnosticare a distanza certi difetti non è facile. Converrebbe battere a tappeto tutti i componenti .. quantomeno tutti i transistor, oltre a verificare che durante tutte le sostituzioni non siano stati commessi errori...verificherei anche tutte le resistenze di basso valore (< 1K ohm)
Poi, cosa importante, ogni canale monta 4 PNP e  4 NPN di potenza, devono essere matchati,ovvero  stesse caratteristiche, su questo sito consigliano di acquistarli tutti  dello stesso lotto.

http://www.adrian-kingston.com/SE-A3.htm

Altra cosa non trascurabile, sul dissipatore dove son montati i finali dovrebbero esser montati, oltre ai finali, dei transitor che hanno la funzione di stabilizzare la corrente a riposo in funzione della temperatura, altrimenti succede che man mano che riscalda la corrente a riposo sale sempre di più finché succede l'inevitabile.

 

Per quanto riguarda il fatto di scaldare o meno, sullo schema è riportato 0.03V sulle resistenze di emettitore dei finali che son da 0.47 ohm , quindi a vuoto ogni transistor deve assorbire 0.063 A ovvero 63 mA. Quindi ogni finale a vuoto dissipa 4.78W, i finali sono 8 per canale e quindi abbiamo un bel 38 W circa a vuoto ! Quindi anche a vuoto dopo un 10-15 min dovrebbe esser abbastanza caldo.

 

Ti conviene legger bene il service manual e fare le varie tarature, in particolare la Dc- balance e I-co che sarebbe la corrente a vuoto. In ogni caso come corrente a vuoto dovresti aspettarti di misurare 0.03V su tutte le resistenze da 0.47 ohm dei finali e se i finali sono identici dovresti avere circa la stessa misura per tutti ... diciamo che dovresti leggere 30mV e potrei considerare un 10% di tolleranza tra i finali , ovvero tra 27 e 33 mV

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

E' possibile che nell'uscita dei condensatori che alimentano i transistor ho 162v, però senza scheda. Vorrei fare una prova, mettere una coppia di transistor toshiba 2sc5200 originali perché ho il dubbio che i 2sc5359 fossero fasulli. Sai dirmi come equivalenti dei diodi 20A90 e MA162A cosa mettere. Ho fatto una prova con la lampadina da 60 w  senza scheda power amp e non si accende, quindi ha sempre un assorbimento con o senza scheda. Con solo una coppia di finali che problemi si possono avere quando accendo

Link to comment
Share on other sites

I 5200 hanno 150W contro i 180 dei 5359, c'è da dire che i 5200 hanno una buona reputazione, i 5359 non li conoscevo prima della discussione...

 

Sui diodi non saprei , il primo al germanio trovo NTE109 , sul MA162A qualcuno consiglia i BAV20-BAV21 su altri forum...a me sembran lenti rispetto all'originale.

Non sono un grande patito delle sostituzioni, sopratutto se iniziano a diventare parecchie e senza trovare la vera causa, si rischia solo di peggiorare.

 

Quote

 con la lampadina da 60 w  senza scheda power amp e non si accende

Cosa non si accende ? La lampada o l'ampli ?

Link to comment
Share on other sites

Non si accende l'amp. Ho fatto un'altra prova, ho messo una coppia di finali 2sc5200 e 2sa1943     e a vuoto mi dava circa tutte le tensioni dello schema, e a 10 minuti il dissipatore era difficile toccarlo. Dopo,  scollego la coppia 2sc5200 e collego la coppia 2sc5359, accendo e mi ritrovo un'altra frittura. Sicuramente questi finali sono totalmente fasulli (cinesi).

Link to comment
Share on other sites

beh potresti lasciare i 5200 / 1943 che sono abbastanza diffusi e affidabili. Oppure comprare gli originali da rivenditori affidabili, sempre che li abbiano. Lasciando i 5200/1943 l'unico accorgimento sarebbe di non usarlo alla massima potenza, cosa che dubito avvenga. 
In ogni caso devi ritoccare la corrente a vuoto, questo indipendentemente da che transistor sceglierai.

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

×
×
  • Create New...