Jump to content
PLC Forum


Regolazione in cascata


Colonial54
 Share

Recommended Posts

Salve  a tutti

Normalmente vedo che sugli scambiatori di calore si usa una regolazione in cascata, di portata in ingresso e di temperatura sull'uscita;

Quello che chiedevo e' se e' possibile e consigliabile utilizzare 2 regolazioni separate;

Mi piacerebbe anche conoscere i vantaggi e gli svantaggi dell'utilizzo della regolazione in cascata;

Ho un problema che nasce dal fatto che il flusso in ingresso presenta una certa ondulazione dovuta alla tipologia della pompa che e' a velocita' variabile cosi' cambia anche la frequenza dell'ondulazione.

Da quello che scrivo potete capire che non sono certo un genio in materia.

Link to comment
Share on other sites


Ciao Colonial54, la regolazione in cascata è un conseguente evoluzione di due regolazioni separate, nel momento in cui nel processo vi è una naturale correlazione tra i due sistemi.

 

Ora pensare ad un "downgrade" come soluzione al problema, non è certo il miglior approccio alla soluzione del problema. Ma leggo che giustamente ti vuoi documentare e quindi non sei partito a spada tratta come molti clienti finali, quando ti chiamano pensando di aver già pronta la soluzione facile.

 

Come chiede Sandro, sarebbe meglio capire qualcosa di più del tuo sistema, anche perché per esempio se l'ondulazione fosse periodica, vi si potrebbero apporre dei filtri per poterla limitare o eliminare.

 

Certo è che se abbiamo un sistema programmabile, possiamo darti molti consigli, ma se hai due regolatori 48x96 di bassa/media fascia, quello che hanno a bordo è tutto quello che possono offrirti.

 

Attendiamo tue news.

 

Buona giornata, Ennio

 

 

Link to comment
Share on other sites

Dunque si tratta di un normale scambiatore a piastre, alimentato da una pompa monovite, il liquido refrigerante e' acqua;

La pompa, a velocita' variabile, presenta una pulsazione sulla portata il cui periodo e' funzione della velocita' della stessa;

Il regolatore e' quello sw presente sul TiaPortal per cpu serie 1500.

A prescindere dal problema dell'ondulazione, volevo chiedere se scindendo il regolatore nei singoli elementi, regolazione di portata e regolazione di temperatura potrei semplificarmi la vita, teniamo presente che oltre a scrivere il sw, che non e' assolutamente un problema, devo poi mettere in funzione il sistema, bene ed in poco tempo.

Immagino poi che l'uscita del primo regolatore vada elaborata per una opportuna costante allo scopo di adattarla come sp del secondo regolatore.

HE200.jpg

Link to comment
Share on other sites

Livio Orsini

Cosa devi regolare?

La temperatura di uscita?

Se fai le cose per bene le 2 regolazioni separate possono demplificare un poco la vita sia per la scrittura dei regolatori, sia per la successiva messa a punto sul campo.

Dovresti usare la regolazione di portata per mantenere il più costante possibile la temperatura delo scambiatore, poi regoli la valvola per mantenere costante la tempertura in uscita.

Magari con una certa azione di feed forward sulla portata in base all'apertura della valvola di uscita miglioreresti la risposta.

Avresti un misto tra regolatori separati e regolazione in cascata.

Però bisognerebbe vonoscere meglio dettagli e costanti fisiche del sistema.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per le risposte, in effetti penso che questa volta provero' la soluzione a regolatori separati; con quelli in cascata ho sempre avuto grandi difficolta' a trovare parametri corretti;

I liquidi sono entrambi acqua;

Pero' quale e' la differenza operativa tra una coppia di regolatori come illustrato da Livio ed una regolazione in cascata?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...