Vai al contenuto

Slegar

convertitore da 220 monofase a 380 trifase

Recommended Posts

Slegar

Salve, sono nuovo di  PLC, nella mia piccola officina, ricavata in garage, ho un tornio e un trapano-fresa ambedue con motore da 2 hp alimentati con allacciamento di 380 volt. Pensavo, anche in vista purtroppo di un malaugurato giorno in cui tutto verrà smantellato, (sono alla soglia di 80 anni), di poter alimentare  tutto tramite un convertitore di cui conosco le proprietà solo attraverso E-BAY.

La mia domanda è appunto questa: esiste un convertitore da 220 monofase a 380 trifase con costo accessibile ?.

Grazie e complimenti per questo forum così prezioso e utile.

Mario Corà

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Cialtrone

Purtroppo, per quanto ne so io, non esistono convertitori come li desideri tu, esistono degli apparecchi chiamati inverters. Essi sono in grado di trasformare una 230 monofase quasi in una 380 trifase, purtroppo quel "quasi" può creare un sacco di problemi.

Gli inverters nascono per alimentare motori di generazione abbastanza recente i quali ben si adattano a quel quasi 380. In un tornio o in una fresa però non c'è solo il motore, ci possono essere una sacco di altre cose che invece non tollerano il "quasi". Inoltre bisogna vedere se i motori sono abbastanza recenti da poter lavorare sotto inverter.

Un altro paio di considerazioni: se si parla di inverters bisogna scordarsi il termine "economico".

Secondo me per un caso del genere conviene l'acquisto di un generatore opportunamente dimensionato.

Se cerchi bene nel forum troverai altre discussioni relative al tentativo di usare un inverter per farsi la 380 alla buona, non mi sembra che ci siano casi documentati di tentativi del genere finiti bene.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
Livio Orsini

Ci sono inverters mono - trifase.

Solitamente accettano solo alimentazione 230V, quindi anche in uscita possono dare solo 230V.

Se i tuoi motori sono alimentabili "D"/"Y" 230V/400V basta configurarli per alimentazione "D".

 

Alcuni inverters accettano in ingresso anche 400V monofasi. In questo caso puoi usare un autotrasformatore elevatore per avere 400V monofasi.

 

2 ore fa, Slegar scrisse:

con costo accessibile ?.

 

Bisogna intendersi sul tuo concetto di costo accessibile; devi dare un ordine di grandezza.

 

Ultimo, ma non ultimo.

Non tutti i motori asincroni trifasi possono essere alimentati da inverter. Se sono motori di costruzione ante 2000 è probabile che non sopravvivano ad un'alimentazione tramite inverter.

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti
fmussolin

Un paio di altre osservazioni,oltre a quanto indicato da Livio:

 

- supponiamo che i motori del tuo tornio e trapano-fresa, possano essere alimentati in 230V trifase cambiando i collegamenti in morsettiera;

- supponiamo che si tratti di motori non troppo vecchi e quindi in grado di essere alimentati da inverter, altrimenti li potresti friggere

 

Devi ricordare che l'inverter non è una macchina magica: quando farai partire il motore, lo potrai fare solo e solamente con l'inverter.

DIMENTICA i vecchi comandi del tornio e del trapano fresa, i quali oggi chiudono un teleruttore direttamente sul motore. Se tu volessi usare ancora questi comandi, a inverter già arrivato in rampa - 230V 50Hz - otterresti solo un intervento delle protezioni dell'inverter per sovracorrente.

 

Non hai inoltre indicato la potenza di questi motori. Per potenze fino a 2.2 kW in genere si trovano abbastanza facilmente, per potenze superiori si possono usare - debitamente declassati - degli inverter con ingresso 220V trifase, accecando il controllo mancanza fase e con qualche altro piccolo accorgimento.

 

Se non hai abbastanza dimestichezza con questi prodotti, consiglio di rivolgersi a qualcuno nella tua area che prenda in carico seriamente quanto vuoi fare, dopo le opportune verifiche di fattibilità.

Se vuoi risparmiare e fare da solo, metti in conto che qalche rischio e qualche imprevisto li potrai incontrare.

Ultimo ma non ultimo: fai i conti con l'impianto di casa, 3 kW alla fine vanno bene per una abitazione, meno per una officina che deve funzionare assieme a una abitazione.

 

 

Condividi questa discussione


Link discussione
Condividi su altri siti

Registrati o accedi per inserire messaggi

Devi essere un utente registrato per lasciare un messaggio. La registrazione è GRATUITA.

Crea un account

Iscriviti alla nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Connettiti

Hai già un account? Connettiti qui

Connettiti adesso

×