Jump to content
PLC Forum


Eplan P8: Significato Luoghi


Elettrotone
 Share

Recommended Posts

Elettrotone

Salve a tutti!

Recentemente ho iniziato ad utilizzare Eplan electric P8, e volevo capire il significato delle sigle che identificano impianto e luoghi di installazione (ANL, DBT, ASW, ecc...) che vengono proposte nel tutorial.

In particolare, vorrei capire se sono degli acronimi o delle abbreviazioni e se tali sigle sono da considerarsi vincolanti a livello di normativa o possono essere modificati a seconda del nostro standard aziendale di struttura del progetto.

Ringrazio anticipatamente quanti vorranno partecipare alla discussione.

Link to comment
Share on other sites


Beh per iniziare ti consiglio di acquistare il "Nuovo manuale di disegno elettrotecnico" di Francesco dal Mas edito da CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), li trovi spiegazioni esaustive su questo argomento.

Quando si inizia a progettare impanti con un CAE, di solito si inizia con la pianificazione, aree funzionali, aree di emergenza, zone di posizionamento, items,ecc

Non so che tipo di impianti tu realizzi, ne se hai seguito il corso base di Eplan, ad ogni modo, i luoghi sono arbitrari, nessuna norma stabilisce come chiamarli.

Discorso diverso per i segno che precedono i luoghi (montaggio, installazione, ecc...), tanto per capirci i (=,++,+,-,&,ecc). La norma stabilisce questi segni come consigliati...di conseguenza è meglio usare questi, ma nessuno impone siano da usare solo questi....

Spero di aver risposto alla tua domanda.

Link to comment
Share on other sites

Elettrotone

Il corso base Eplan l'ho fatto a settembre 2011. Non l'ho trovato molto esaustivo; tanti argomenti trattati in poco tempo. Con Eplan inizio adesso ad usarlo, finora ho utilizzato Spac Automazione.

Progetto impianti di automazione industriale.

A riguardo dei segni per luoghi di montaggio, ecc quali =,++,+,-,&,... non conosco la norma che citi e purtroppo ora non ho la possibilità di acquistare il manuale da te consigliato, pertanto chiedo cortesemente puoi essere più chiaro a riguardo (al corso era stato spiegato solo che vedendoli al momento della traduzione, il programma capisce che non li deve tradurre).

Grazie mille per la collaborazione.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

In effetti il corso non deve insegnare come disegnare un impianto, ma come usare lo strumento.

Eplan ha talmente tante sfaccettature che diventa impossibile comprendere in un corso le diverse possibilità offerte. Da non dimenticare che il sw è tedesco e ha un'impostazione abbastanza "quadrata"...

Passare da un CAD ad un CAE non è semplicissimo, alcune cose che prima si facevano con pochi clik....nei CAE devi fare un giro pazzesco per ottenere lo stesso risultato, in compenso hai la facilitazione della progettazione.

Progettare impianti di automazione industriale vuol dire poco...che tipo di impianti fai (siderurgia, packaging, ecc)?

<A riguardo dei segni per luoghi di montaggio, ecc quali =,++,+,-,&,... non conosco la norma che citi e purtroppo ora non ho la possibilità di acquistare il manuale da te consigliato, pertanto chiedo cortesemente puoi essere più chiaro a riguardo (al corso era stato spiegato solo che vedendoli al momento della traduzione, il programma capisce che non li deve tradurre).>

Credo tu abbia fatto un pò di confusione...la traduzione non c'entra niente...

Te la faccio semplice...Eplan gestisce 6 tipologie di "suddivisioni" :

==(Assegnazione di funzione)

=Impianto

++Luogo di installazione

+Luogo di montaggio

Numero impianto (carattere da scegliere arbitrariamente)

& Tipo di documentazione

Poi esiste un altro livello che definisce l'utente.

Negli impianti di una certa dimensione, normalmente si divide l'impianto in aree funzionali (==), all'interno dell'area, potresti avere più impianti (aspirazione fumi, gestione ciclo acque,ecc =), per ogni impianto potersti avere più quadri (++), all'interno di ogni quadro potresti avere diversi livelli di alimentazione\canaline\zone del quadro (++ ),ecc... questi segni identificano questa suddivisione. Ad ogni livello devi attribuire un nome arbitrario che ha un significato per te. Le sigle che vengono utilizzate nei demo, non sono universali, tu puoi usare qualcosa che abbia senso per il tuo impianto.Ogni livello può essere descrittivo o identificativo. Questo vuol dire che se assegni ogni livello come identificativo , la SEF completa assume il valora di ogni singolo livello. Forse un esempio aiuterebbe, ma se mi dai un'idea di che tipo di impianti fai credo sia più semplice.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

scusate,ma in proprietà,nome pagina completo non mi fa più selezionare il luogo di montaggio,dove lo si può riattivare?grazie

Link to comment
Share on other sites

Del_User_123362

Ciao, se il progetto non è fatto a luoghi ma è complessivo il luogo di montaggio sulla pagina non è riattivabile.Devi creare un progetto nuovo IEC e copiarci la pagine.

Schiavi Giovanni

Link to comment
Share on other sites

ok grazie,sto tentando di capirci qualcosa dalla guida nel programma.

ancora non ho capito bene su che logica si basa la struttura dello schema,la sua divisione.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...