Jump to content
PLC Forum


Regole, dove istruirsi


 Share

Recommended Posts

Salve e ben trovati, spesso, molto spesso, in fabbrica dove lavoro ci ritroviamo a sostituire/modificare/aggiungere quadretti elettrici con prese tri fase e mono fase per allestire nuove postazioni di saldatura o di molatura, ebbene puntualmente andiamo in disaccordo con l'elettricista di turno su:

Potere di interruzione interruttori, prese interbloccate oppure no, tipo di interruttore, numero di interruttori nel caso di una presa da 32A e una da 16A a 380volt, ecc ecc.

Per non incorrere in errore ed essere apposto se non altro con la coscienza dove posso istruirmi su questi argomenti?.

Grazie

Link to comment
Share on other sites


Ciao Adamo

 

Dal punto di vista normativo , essendo una fabbrica , ci sarà un progettista che segue il dimensionamento di queste cose , e dovrebbe lui dare delle indicazioni di massima , relativamente potere di interruzione e le sezioni in gioco , come derivazione da linee principali o blindo . 

 

Poi la logica dice che un gruppo di prese da 16 ampere non potrà essere protetto da un 32

 

Il discorso Inter bloccate o meno . . Oltre al livello normativo , è spesso dettato da un uso non corretto       il sezionatore e spesso usato come un vero e proprio interruttore .. . 

Link to comment
Share on other sites

Luigi non so da dove scrivi ma ti assicuro che in piccolo realtà lavorative e in piena suddonia, solo e soltanto in rare occasioni si ricorre ad un progettista e quasi mai ad una ditta esterna per lavori di questo genere.

Motivo per il quale credo che una sorta di vademecum esista da qualche parte!, se non altro anche per valutare se come spesso accade, sono proprio alcune società esterne a commettere castronerie.

Ancora grazie

Adamo

Link to comment
Share on other sites

Come tipologia . . . Voi avete una distribuzione con blindo ?  E appunto spostate o realizzate nuovi gruppi di prese ? 

Link to comment
Share on other sites

Nuove postazioni con gruppi di prese da integrare e o spostare per cambio tipologia di lavorazione, il tutto di solito collegato ad un anello che gira tutto in torno al capannone.

Link to comment
Share on other sites

ilsolitario

Per partire un buon libro di impianti elettrici, la maggior parte contengono anche nozioni di base su le normative..

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, luigi69 scrisse:

Poi la logica dice che un gruppo di prese da 16 ampere non potrà essere protetto da un 32

 

C'è però l'escamotage: se la linea a monte risulta protetta da un 32A, e si vuole derivare una presa da 16, installando quelle dotate di fusibili risulta protetta senza tirare nuove linee o aggiungere automatici.

Link to comment
Share on other sites

bravissimo Darlington , ecco un caso..su cui discutere , ne senso, i possibili casi sono moltissimi , cercando sempre il coordinamento delle protezioni .

 

15 ore fa, adamo scrisse:

Luigi non so da dove scrivi

Provincia di Torino , anche io ho a che fare con piccole realtà industriali o artigianali

 

15 ore fa, adamo scrisse:

solo e soltanto in rare occasioni si ricorre ad un progettista

Male..molto male....

questo non vuole dire che ogni presa che spostate ci va il progetto , ma un progettista che analizzi i casi Vostri piu comuni

esempio  gruppo da 32 Ampere..gruppo CEE da 16...semplici prese bipasso/unel per piccola smerigliatrice o piccoli utensili da banco

e realizzi delle "calate" tipo dall'anello di alimentazione , in maniera di cercare di standardizzare  il piu possibile i gruppi prese e le relative protezioni

 

15 ore fa, adamo scrisse:

quasi mai ad una ditta esterna per lavori di questo genere.

quindi voi all'interno avete del personale abilitato tecnicamente a dichiarare conformi questi lavori ?

 

15 ore fa, adamo scrisse:

Motivo per il quale credo che una sorta di vademecum esista da qualche parte!,

Certo si chiamano CEI 64.8 per esempio

Ma trattano casi diciamo generici che vanno poi applicati al Vostro ambiente ed al Vostro impianto

 

15 ore fa, adamo scrisse:

sono proprio alcune società esterne a commettere castronerie.

motivo per cui un progettista gli dirà che il lavoro eseguito non è a regola, e lo farà correggere dove serve . Comunque chi realizza è responsabile di quanto installato , per cui....

 

Io Adamo volevo solo dirti che capisco perfettamente la situazione , e la paragono alla lite tra vicini per il parcheggio o per questione di confini....ognuno dice la sua e a suo modo ha ragione... ma un geometra , eseguendo le misure e gli accertamenti al catasto , potra solo lui dirimere le grane....

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...