Jump to content
PLC Forum


Bicio734

CAVI ETHERNET

Recommended Posts

Bicio734

Buongiorno,

penso finalmente di aver risolto un caso in cui ad un certo punto le uscite del Logo PLC (SIEMENS) non rispondevano più a i comandi in ingresso.

Alla fine della storia (che a posteri SIEMENS mi ha confermato) il problema era creato dal cavo Ethernet che collegava il PLC al pannellino LOGO TDE.

Questo cavo non era di tipo schermato a doppino ritorto come SIEMENS specifica nel manuale ma bensì un semplice cavo Ethernet per uso domestico di tipo UTP CAT6

La cassetta contente il PLC è installata su una bobina di Petersen che a sua volta posizionata in una centrale elettrica dove sono presenti forti campi elettromagnetici oltre tutto il cavo era attorcigliato su stesso e posizionato come si vede dalla foto vicino ad un inverter ed al rispettivo cavo.

Sostituito il cavetto con uno con caratteristiche raccomandate da SIEMENS il problema non si è più presentato.

 

Vorrei sapere se qualcuno ha avuto problemi simili e se il mio intervento di sostituzione cavo ethernet sia veramente la soluzione definitiva.

Grazie anticipatamente per le risposte.

IMG_20190403_152116483.jpg

Link to post
Share on other sites

ppfanta

Sono ignorantissimo in materia,
ma se il manuale prevede un cavo schermato perchè metterne uno senza schermatura?

 

Link to post
Share on other sites
patatino59
9 ore fa, Bicio734 scrisse:

cavo Ethernet che collegava il PLC al pannellino LOGO TDE

Sicuro che fosse un semplice cavo Ethernet ?

Spesso vengono usati connettori RJ45 per altri scopi, nei quali, per esempio,  la schermatura assume un ruolo importante, mentre su un cavo Lan non lo è.

 

Link to post
Share on other sites
Bicio734

PALATINO59 i connettori RJ45 utilizzati nel cavo che ho sostituito erano completamente in plastica, inoltre non aveva uno schermo vero e proprio ma dei fili twistati.

Nel cavo nuovo i connettori RJ45 sono in parte formati da materiale conduttivo (rame stagnato immagino) permettendo così la messa a terra dello schermo (vero e proprio) so attraverso una bandella metallica posta sul connettore RJ 45 del PLC stesso come vedi dalla immagine allegata.

conn.jpg

Link to post
Share on other sites
Bicio734
il 26/7/2019 at 21:36 , patatino59 scrisse:

Sicuro che fosse un semplice cavo Ethernet ?

Spesso vengono usati connettori RJ45 per altri scopi, nei quali, per esempio,  la schermatura assume un ruolo importante, mentre su un cavo Lan non lo è.

 

PALATINO59 i connettori RJ45 utilizzati nel cavo che ho sostituito erano completamente in plastica, inoltre non aveva uno schermo vero e proprio ma dei fili twistati.

Nel cavo nuovo i connettori RJ45 sono in parte formati da materiale conduttivo (rame stagnato immagino) permettendo così la messa a terra dello schermo (vero e proprio) so attraverso una bandella metallica posta sul connettore RJ 45 del PLC stesso

Link to post
Share on other sites
Riccardo_01
Il 26/7/2019 alle 21:36 , patatino59 ha scritto:

Sicuro che fosse un semplice cavo Ethernet ?

Spesso vengono usati connettori RJ45 per altri scopi, nei quali, per esempio,  la schermatura assume un ruolo importante, mentre su un cavo Lan non lo è.

 

Carissimo, mi permetto di dissentire.

In un cavo LAN la schermatura diventa FONDAMENTALE in tutti i casi in cui vi sono presenti disturbi elettrici di qualsiasi genere e non si vuole degradare la trasmissione.

 

Non bisogna confondere la categoria del cavo con la schermatura: cat 5e 5e+ cat 6 cat 7  indicano la frequenza massima che il segnale può raggiungere mantenendo le performance richieste dalla rete LAN.

Da ultimo, anche la lunghezza dei cavi ethernet ha un limite, superato il quale si degrada il segnale e si rende necessario un apparato di rilancio o selezionare un cablaggio differente.

 

l'immagine che segue è un esempio di 3 cavi tutti quanti di categoria 5e idonei fino ad una frequenza di 100 MHz.

 

cavi lan Cavel

l'immagine ha pure un errorino ( hanno messo due volte la tipologia SF/UTP)  in quanto la terza e definitiva schermatura è del tipo SF/STP ove oltre ad avere una doppia schermatura esterna (calza e foglio) ogni singolo doppino è a sua volta schermato.

 

Per categorie superiori come la 7 e 7a la schermatura dei doppini diventa necessaria in quanto gli stessi segnali iniziano a disturbarsi a vicenda, a cause delle elevate frequenze di trasmissione.

 la sigla UTP indica Unshielded, non schermato, rispondendo a ppfanta spesso usano L'UTP perchè è quello che costa meno.

Tuttavia nel caso di tratte lunghe, prossimità di conduttori elettrici, ambienti elettronicamente rumorosi ( ed una centrale elettrica è un tornado di disturbi elettromagnetici) è necessario utilizzare una schermatura appropriata per schermare i segnali trasportati.

 

Altro discorso sono pure i materiali utilizzati: pvc, autoestinguente, a bassa emissione di fumo, resistenti al fuoco, ignifughi, antiroditore ecc ecc ecc.

 

una tabella utile per distinguere le varie tipologie di cavi è la seguente:

https://www.cavel.it/it/supporto-tecnico/scegli-il-cavo-adatto/scelta-del-cavo-lan-rete-ethernet

 

 

bisogna assoultamente evitare di avvolgere i cavi di rete, meglio disporli a S se proprio necessario, in quanto avvolti in spire diventano delle bobine. la schermatura va inoltre messa a terra, per agevolare la dispersione. normalmente i dispositivi predisposti per collegamenti schermati hanno già nel connettore il contatto per la schermatura a massa.

 

Link to post
Share on other sites
patatino59

Sicuramente in ambiente industriale la schermatura aiuta, ma bisogna anche fare attenzione che sia a terra da un solo lato, specie nel caso di collegamenti tra capannoni differenti, o distanze notevoli, altrimenti i disturbi dovuti a loop di massa superano i vantaggi della schermatura.

All'aperto poi, la schermatura potrebbe veicolare cariche elettrostatiche più o meno importanti, e le linee bilanciate e twistate raramente sono schermate

In caso di forti disturbi elettromagnetici o distanze superiori ai 100m  è preferibile di gran lunga il collegamento in fibra ottica.

Link to post
Share on other sites
ivano65

diciamo che:in casa e' indicato il cavo UTP, in quanto non tutti gli apparecchi attaccati hanno la presa con schermo a terra   A COMINCIARE DAL ROUTER.

se in ambiente simile usiamo cavi schermati peggioriamo anche di molto il sistema  in quanto lo schermo funge da antenna disturbante, durante i temporali  poi diviene sedec di sovratensioni che possono danneggiare   le apparecchiature collegate.

in ambiente industriale le apparecchiature solitamente hanno le prese  RJ  con schermo collegato, per cui e' bene usare cavi schermati  anche a causa dei disturbi importanti che in ambiente resideniale non ci sono.

per applicazioni come la tua   occorre seguire in modo assoluto le indicazioni del costruttore , in quanto malfunzionamenti possono creare situazioni di pericolo per persone e cose.

giova ricordare che in italia detta bobina e' stata introdotta piuttosto tardi, proprio  perche' se non totalmente affidabile nel funzionamento   al posto di creare benefici , puo' creare danni anche elevati dal punto di vista economico.

pensa solo cosa potrebbe comportare alle linee MT  e cio' che alimentano in caso di malfunzionamento della bobina di petersen. PER TUA fortuna il problema si e' presentato subito.

POI come anticipato da patatino i cavi in questi collegamenti , spesso  non sono usati come un ethernet tradizionali, ma spesso trasportano protocolli diversi  da quello normalmente usato su un cavo ethernet  collegato ad una tradizionale rete dati

 

Edited by ivano65
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...