Jump to content
PLC Forum


Jjack

Variare i giri di un motore monofase con doppio condensatore

Recommended Posts

Jjack

Salve vorrei sapere se c'è la possibilità di variare con un inverter i giri di un motore monofase 220V a doppio condensatore.

Ho visto che si può fare in maniera semplice con i motori classici a  3 avvolgimenti usando un inverter con ingresso monofase e 3 uscite 220V togliendo il condensatore,

ma con questo motore con 2 avvolgimenti e 2 condensatori non ho capito se si può fare ed eventualmente cosa utilizzare e come collegarlo.

Sapreste aiutarmi?

1.jpg.1c17aff5c19864eec66ff761c4c24765.jpg

 

Grazie e Buon anno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Livio Orsini

Questo è un motore con condensatore sempre inserito e condenssatore aggiuntivo per potenziare la coppia di spunto.

 

Per prima cosa bisognerebbe sapere se l'isolamento dei fili degli avvolgimenti è adatto a sopportare gli elevati valori di dv/dt dei moderni inverter.

Poi bisognerebbe usare un inverter specifico per motori monofasi. Ne vengono prodotti anche in Italia e sono usati per pilotare motori per pompe.

 

Io ti sconsglio di usare un normale inverter mono-trifase per alimentare questo motore che è stato progettato per lavorare con alimentazione da rete monofase-

.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Jjack

Grazie per la risposta,

quindi a meno di sostituire il motore con uno a 3 avvolgimenti od usare un inverter con 1 uscita monofase ( che purtroppo ho visto essere molto più costoso del  3 uscite monofase) non c'è un modo per variare la velocità mantenendo più o meno la stessa la coppia?

 

Edited by Jjack

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
 

quindi a meno di sostituire il motore con uno a 3 avvolgimenti od usare un inverter con 1 uscita monofase ( che purtroppo ho visto essere molto più costoso del  3 uscite monofase) non c'è un modo per variare la velocità mantenendo più o meno la stessa la coppia?

 

Forse hai un po' di confusione in ordine ai tipi di motori.

Ci sono motori monofasi come il tuo o comunque simili al tuo.

Poi ci sono motori trifasi.

Questi li puoi alimentare anche dalla rete monofase tramite un inverter con alimentazione monofase e uscita trifase.

Questi inverter sono più facilmente reèeribili e sono meno costosi di quelli usati per pilotare motori monofasi.

 

Per mantenere il valore di coppia nominale da 0 sino alla velocità di targa, è necessario alimentare un motore tramite un inverter a controllo vettoriale.

Mentre per i motori trifasi oggi si trovano dei buoini inverters vettoriali a costo contenuto, non è lo stesso per i motori monofasi.

Infatti gli inverter previsti per il controllo di motori monofasi sono usati prevalentemente, anzi (quasi) esclusivamente, per controllare moto pompe, quindi non serve il controllo vettoriale dell'inverter.Tanto pompe e ventilatori hanno una coppia resistente che parte da zero a velocità zero e cresce proporzikonalemnte alla velocità con legge quadratica.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mc1988
 

ma con questo motore con 2 avvolgimenti e 2 condensatori non ho capito se si può fare ed eventualmente cosa utilizzare e come collegarlo.

Però, se proprio vuoi farlo, penso che dovresti aver cura di escludere l'avvolgimento di spunto (con il suo condensatore) dal pilotaggio dell'inverter e quindi farlo lavorare solo sull'avvolgimento di marcia...

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Livio Orsini
 

Però, se proprio vuoi farlo, penso che dovresti aver cura di escludere l'avvolgimento di spunto (con il suo condensatore) dal pilotaggio dell'inverter e quindi farlo lavorare solo sull'avvolgimento di marcia...

 

No, non è proprio il caso.

Se escludi l'avvolgimento ausiliario il motore non riesce a spuntare perchè perde coppia, non per niente si usa un secondo condensatore per aumentare la coppia di spunto.

 

Gli inverters studiati per pilotare questi motori pilotano direttamente i 2 avvolgimenti con tensioni differenti, a meno di avere un puro motore bifase.

Bisogna sempre tenere presente che questi sono in pratica dei motori bifasi progettati per avere un avvolgimento che, essendo pilotato tramite condensatore, sarà dimensionato per una tensione inferiore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...